Tutankhamon, il faraone e la scoperta della tomba

Tutankhamon, il faraone e la scoperta della tomba

Tutankhamon (1345-1327 a.C.) era un Faraone della XVIII dinastia, figlio di Akhenaton, a cui è riuscito. Salì al trono intorno all'età di otto anni e regnò fino alla sua morte all'età di diciotto anni. Durante il suo regno, la pace si stabilì Egitto mentre il culto di Amon, abbandonato da Akhenaton, fu ristabilito e Tebe, la città sacra di Amon, divenne nuovamente la capitale dell'Egitto. Poco si sa del suo regno ed è la scoperta della sua tomba nella Valle dei Re che lo renderà il più famoso dei faraoni. Fu ritrovato quasi intatto, così come i suoi magnifici tesori, nel 1922 da Howard carter.

Tutankhamon "figlio del sole"

Quando Tutankhamon salì al trono intorno al 1336 a.C. AC, l'Egitto era in preda ai disordini religiosi innescati dalla riforma avviata dal padre Amenhotep IV Akhenaton, che mirava a sostituire il culto di antiche divinità a beneficio di un unico dio: Aton, il disco solare. Calfeuché nella sua nuova capitale situata ad Amarna, il faraone “eretico” vive tagliato fuori dal suo popolo, e fatica a convincere gli egiziani a convertirsi a questa nuova religione monoteista solare. Alla fine del suo regno, Akhenaton si radicalizza e si moltiplicano le persecuzioni contro i sacerdoti e le rappresentazioni degli antichi dei. Non avendo avuto un figlio da Nefertiti, sposò sua sorella dalla quale probabilmente ebbe Tutankhamon.

La fine del regno di Akhenaton è segnata da una strana epidemia che affligge la famiglia reale. Si tratta successivamente di tre figlie di Akhenaton, sua madre Tiyi poi sua moglie Nefertiti che muoiono in pochi anni, poi lo stesso Faraone che scompare in circostanze ancora oscure. Una delle sorelle di Tutankhamon, Merytaton, la moglie di breve durata di Akhenaton, esercitò il potere per alcuni anni prima di essere brutalmente portata via a sua volta. Il marito di quest'ultimo, un possibile principe ittita e che avrebbe preso il nome di Smenkharê, viene eliminato, probabilmente dall'entourage reale, forse entusiasta all'idea di vedere uno straniero diventare faraone.

Ripristino del vecchio ordine

È quindi sotto terribili presagi e in una precaria situazione interna che colui che ancora si fa chiamare Tutankhaton sale finalmente al trono della terra delle due terre. Data la giovane età del faraone, sono i suoi due principali ministri (e successori) Aÿ e Horemheb, due personaggi già in carica sotto Akhenaton, che esercitano la realtà del potere. A questo punto, la corte e l'amministrazione avevano già abbandonato la nuova città di Akhenaton per riconquistare Tebe, l'ex capitale dei faraoni e sede sin dal Medio Regno del dio dinastico Amon. La religione di Aton, intimamente legata alla personalità del suo precursore, non gli sopravvisse.

Per stabilire la legittimità del giovane faraone, il suo entourage si affretta a sposarlo con una delle sue sorelle superstiti e proclama il ritorno alla religione politeista. Amon e il suo clero vengono restituiti alle loro prerogative, con grande sollievo della popolazione prevalentemente ostile alla riforma atoniana. Toutânkhaton diventa Tutânkhamon e il suo titolo moltiplica i riferimenti all'antico culto (Colui che indossa le corone, che esulta gli dei, Immagine vivente di Amon, Colui le cui leggi sono perfette, che pacifica le Due Terre e soddisfa tutti gli dei ). Il vecchio ordine è chiaramente restaurato e nell'interesse della pacificazione, il nuovo sovrano e il suo entourage fanno restaurare i monumenti maltrattati da Akhenaton.

L'erede di una ... dinastia geneticamente indebolita

Come evidenziato da un numero insolito di bastoni da passeggio e da un kit di pronto soccorso trovati nella sua tomba, la salute del giovane faraone doveva aver vacillato. Ora sappiamo grazie ad una recente scoperta scientifica, si tratta di una crisi di malaria unita a una malattia delle ossa, entrambe di origine genetica, che portò Tutankhamon all'età di diciotto anni, senza il sovrano 'ha probabilmente avuto il tempo di esercitare la realtà del potere.

Questo stesso studio, che ha permesso di formalizzare la sinora presunta parentela di Tutankhamon, ha confermato il grave indebolimento genetico della linea Thutmosides. Sotto la XVIII dinastia, i matrimoni consanguinei erano diventati un luogo comune e una forma di legittimazione divina per i faraoni. A forza di relazioni incestuose, il monarca aveva ereditato tutti i difetti genetici accumulati dai suoi antenati. Un fallimento che indubbiamente spiega anche che non ebbe alcuna posterità (testimoniato dai due feti scoperti nella sua tomba) e che forse spiega anche la curiosa strage che colpì la famiglia reale alla fine del regno di 'Akhenaton.

Il regno di Tutankhamon avrebbe potuto essere aneddotico se non fosse stato per la fine della rivoluzione religiosa iniziata da Akhenaton. Anche se, vista la giovane età, si possono avere dubbi sulla parte presa personalmente da Tutankhamon nel capitolo che chiudeva l'avventura monoteistica guidata dal padre. I suoi successori, infatti, hanno avuto grande cura di cancellare tutte le rappresentazioni e le menzioni di padre e figlio, per essere sicuri che non ci fosse traccia dell'odiato Faraone e del suo fragile erede. Un'azienda meticolosa che ha avuto successo da oltre tre millenni.

La scoperta della tomba di Tutankhamon

Dopo dieci anni di ricerche, l'archeologo britannico Howard Carter scoprì la tomba del faraone Tutankhamon il 4 novembre 1922, vicino a Luxor, nella Valle dei Re. Miracolosamente, la tomba era sfuggita ai saccheggiatori, anche se fu visitata brevemente poco dopo la sepoltura del giovane Faraone. È una scoperta eccezionale e il grande pubblico non si sbaglia, affezionandosi molto al giovane Faraone e al racconto del dissotterramento della sua preziosa tomba, piena di favolosi capolavori.

Dalle quattro camere vengono estratti oltre duemila oggetti, di inestimabile valore storico, e Carter e il suo team impiegheranno molti mesi per svuotare la tomba. Tra gli arredi funerari erano confusi troni, letti, stoffe, gioielli, vestiti, armi, sculture, orci di cibo e vino, giocattoli ... Tutto ciò che aveva accompagnato la breve vita Faraone e ciò di cui aveva bisogno per completare il suo ultimo viaggio verso l'eternità. Va notato che recenti ricerche suggeriscono che la maggior parte del tesoro proviene dal riciclaggio di quello di sua sorella Mérytaton, che avrebbe regnato alcuni anni prima di Toutânkhamon.

Il sarcofago del Faraone fino ad ora inviolato vale da solo il suo peso in oro, è il caso di dirlo! Le prime due bare annidate che proteggono il Faraone sono in legno dorato, riccamente decorate con pietre preziose. La terza e ultima bara è in oro massiccio, che una volta aperta rivela finalmente la mummia di Tutankhamon la cui testa è adornata dalla famosa maschera mortuaria di Tutankhamon, il pezzo più prestigioso del museo del Cairo. Sul corpo, che ha già sofferto molto per i segni del tempo, è stato adagiato un bouquet di fiori sorprendentemente ben conservato, commovente e forse l'ultima testimonianza dell'affetto della sua vedova.

Il mistero della morte di Tutankhamon

A proposito della mummia, quella del giovane farone è stata oggetto di moltispeculazioni e ... autopsie. La morte prematura di Tutankhamon è rimasta a lungo un mistero irrisolto. Le numerose fratture trovate sul suo scheletro hanno alimentato a lungo la possibilità di una morte innaturale, con gli egittologi che guardano ancora una volta con sospetto nella direzione di un potenziale istigatore, il famigerato Aÿ, il successore di Tutankhamon. L'ipotesi dell'omicidio è stata esclusa nel 2005 da studi sugli scanner. Infatti la mummia fu vittima ... di Carter e del suo team, che al momento del ritrovamento dovettero riscaldarla a più di 500 ° utilizzando lampade a cherosene per liberarla dalla sua bara, danneggiandola così seriamente lo scheletro.

Storia di una dimora dell'eternità usurpata

Questa tomba probabilmente non è quella che il giovane re intendeva per sé. Di dimensioni e pianta insolite per un sovrano della XVIII dinastia, somiglia più a quella di un personaggio importante, in questo caso probabilmente quello che era stato costruito Aÿ, successore di Tutankhamon e del poi il suo ministro principale. Un personaggio rappresentato altrove sui murales della camera funeraria, che presiede la cerimonia dell'apertura della bocca. del faraone defunto È del tutto possibile che Aÿ, che divenne faraone in età avanzata e avendo poco tempo per costruire la propria volta, abbia fatto riciclare frettolosamente la sua tomba originale di una persona degna di nota per farvi seppellire Tutankhamon, rubando nel processo la sua tomba, costruita non lontano da quella di Amenhotep III, il nonno del giovane re spogliato.

Questo personaggio senza scrupoli non era soddisfatto di ascambio di dimore dell'eternità. È fortemente sospettato di aver spostato il contenuto delle tombe della precedente famiglia reale, per riempire quello di Tutankhamon. Pertanto, i pezzi dei mobili accatastati frettolosamente nella tomba scoperti da Carter non erano originariamente destinati al giovane re. Così il famoso e magnifico trono, vestigia del periodo di Amarna, era più probabile quello di Akhenaton. Allo stesso modo, uno dei sarcofagi che contenevano la mummia di Tutankhamon sembra essere stato fatto ... per una regina. Si stima che oltre l'80% del contenuto della tomba del giovane re non fosse destinato a lui.

Dalla scoperta della sua tomba nel 1922, parte del mistero di Tutankhamon è stata svelata. Ma il giovane con la maschera d'oro e il sorriso acuto ha continuato a sorprenderci. E ha l'eternità davanti a sé per raccontarci la sua storia. Una storia che ancora più che mai affascina il grande pubblico, affollato alle mostre e al cairo msée per ammirare il tesoro di Tutankhamon.

Bibliografia

- Toutankhamon di Christiane Desroches Noblecourt. 2004.

- La favolosa scoperta della tomba di Tutankhamon, di Howard Carter. Libretto, 2019

- Nella privacy di Tutankhamon - Cosa rivelano gli oggetti del suo tesoro, di Florence Quentin. Prime edizioni, 2019.


Video: Così parlava Nesyamun: riprodotta la voce di una mummia di 3mila anni fa