Powder Conspiracy (Inghilterra, 1605)

Powder Conspiracy (Inghilterra, 1605)

Il cospirazione in polvere è un complotto fomentato il 5 novembre 1605 da un gruppo di attivisti cattolici contro il re Giacomo I d'Inghilterra. I cospiratori avevano progettato di far esplodere barili di polvere alla Camera dei Lord come rappresaglia per le politiche anticattoliche perseguite dal re. Contrastato, questo piano d'attacco sembrerà una strana combinazione di finzione e mascheramento, degna di un romanzo di spionaggio. Il principale cospiratore, Guy Fawkes, nel frattempo acquisì i posteri grazie ad una maschera che lo rappresentava in modo stilizzato, e da allora ripreso dall '"Anonimo".

La cospirazione della polvere

Il 26 ottobre 1605, William Parker, 4 ° barone Monteagle, ricevette una lettera anonima che lo invitava a non partecipare alla cerimonia di apertura della sessione parlamentare, che si sarebbe tenuta al Palazzo di Westminster, a Londra, il 5 novembre. Non sapendo come interpretare questo avvertimento, affidò il documento a Robert Cecil, il segretario di stato incaricato delle questioni di sicurezza, quest'ultimo non avvertendo immediatamente il re Giacomo I d'Inghilterra, che era a caccia nelle province. Il 1 novembre, il monarca fu informato del contenuto della lettera e la sera del 4 si svolse una perquisizione formale del Parlamento, che portò all'arresto di Guy Fawkes, che da allora è stato pubblicizzato come il principale artefice di questo ardito complotto. Ma questa è tutta la verità?

In superficie, la colpa di Fawkes è accertata. Quindi, non ha prima rifiutato una falsa identità e affermato di essere un servitore al servizio di Thomas Percy, un illustre cattolico in linea di principio fedele alla Corona? Peggio ancora, non fu sorpreso, più tardi, vestito diversamente e portando fiammiferi e esca, mentre noi scoprimmo, nascosti sotto mucchi di fasci e carbone, nientemeno trentasei barili di polvere da sparo o più di una tonnellata e mezzo di materiale esplosivo? Abbastanza da polverizzare la Camera dei Lord, situata appena sopra la cantina, e uccidere tutti i parlamentari presenti.

All'alba, finalmente, il criminale viene portato davanti al re.

Quindi ecco la versione ufficiale dei fatti. Almeno per uno di loro, perché ci sono due account divergenti sul numero e sulla durata delle ricerche di edifici. Così, secondo un documento archiviato online nel 2008 sul sito ufficiale del Parlamento del Regno Unito, è scritto che Guy Fawkes non è stato arrestato nella cantina della Camera dei Lord ma al di fuori di questo ultima. Possiamo capire meglio perché, poche righe sopra, si afferma: "Non c'è dubbio che Fawkes, sebbene erroneamente ricordato come il principale cospiratore, in realtà era solo un dente minore negli ingranaggi". Sorprendente sintesi del ruolo svolto da colui che si suppone sia stato incaricato di accendere letteralmente la polvere, il giorno del 5 novembre 1605.

È un dettaglio sfortunato che queste affermazioni contraddittorie sul luogo preciso in cui Guy Fawkes sia stato arrestato, perché, all'improvviso, ciò che ci prova che la lanterna del plotter, ancora recentemente esposta a Oxford, all'Ashmolean Museum, è lui apparteneva davvero? Non sarebbe piuttosto un oggetto destinato ad essere mostrato al pubblico, al fine di rafforzare una delle versioni di una storia su cui divergono tante opinioni autorevoli?

Al servizio (segreto) di Sua Maestà

Ma parliamo di Robert Cecil, il cui nome ricorre più e più volte quando parliamo dei colpi contorti dell'invisibile stato inglese. In effetti, questo uomo discreto sembra al centro, sia dell'Intelligence, che è molto logico, sia dei complotti contro la Corona, che lo è molto meno, quando i congiurati fanno parte della sua stessa famiglia, anche se per matrimonio. . Così, nel 1603, dovette ordinare l'arresto del fratello di sua moglie, Henry Brooke, 11 ° barone Cobham, coinvolto in non uno ma due complotti: il Bye Plot, un progetto per rapire il nuovo re Giacomo I di Inghilterra e membri del Privy Council, e il Main Plot, un tentativo di colpo di stato in cui sarebbe stato coinvolto anche Walter Raleigh.

Tuttavia, quest'ultimo è stato un fulcro della rete di controspionaggio creata da Robert Devereux e che Anthony Bacon ha coordinato dalla casa di quest'ultimo. Inoltre, Raleigh, come Devereux, va ricordato, sarebbe stato l'amante di Elisabeth de Vere, la nipote di Robert Cecil, mentre Anthony Bacon è suo cugino di primo grado.

I leader della trama principale, Brooke e Walter Raleigh furono imprigionati nella Torre di Londra, il primo fino al 1618, un anno prima della sua morte, il secondo fu rilasciato nel 1616 in modo che potesse andare alla ricerca di miniere d'oro nel La Guyana, morta due anni dopo, è stata nuovamente citata in giudizio e, questa volta, giustiziata. Va notato che Raleigh, sebbene incarcerato, fu in grado di scrivere molti trattati e persino concepì suo figlio, Carew, all'inizio della sua prigionia. Infine, il processo ha mostrato che le prove contro i due uomini erano piuttosto incoerenti.

È necessario chiarire che questi fatti sono incoerenti? Come potrebbe un uomo la cui sorella è sposata con il Segretario di Stato per gli affari di sicurezza della Corona, che è anche il capo dei servizi segreti, rischiare di partecipare a una cospirazione contro il potere? E per quale miracolo gli altri congiurati riuscirono a seguirlo in un'avventura del genere senza sollevare la minima obiezione, senza essere attraversati dal minimo dubbio sulla sua lealtà alla causa comune? Una delle due cose, o è uno sciocco o è un agente provocatore. In entrambi i casi, è molto pericoloso associarlo a un progetto del genere. Chi si sarebbe imbarcato in questo?
E per quanto riguarda Walter Raleigh, non è migliore.

Era davvero imprigionato? La domanda ovviamente vale anche per Brooke. La Torre di Londra era inizialmente una fortezza, la cui costruzione iniziò sotto Guglielmo il Conquistatore, dopo la sua vittoria a Hastings nel 1066, che fu successivamente ampliata. Residenza reale, comprende uno spazio destinato alla detenzione dei nemici della Corona, ed è solo sotto i Tudor, tra il 1485 e il 1603, che questo complesso di 4,9 ettari, contando solo la superficie del castello stricto sensu, perde il suo ruolo residenziale a favore di un maggiore utilizzo della prigione. Ma senza cessare di servire come armeria, tesoreria e serraglio. Fino a poco tempo, la fortezza ospitava la Royal Mint, responsabile del conio della sterlina, e qui sono ancora conservati i gioielli della corona.

Inoltre, per la cronaca, i detenuti di alto rango che erano rinchiusi lì potevano, come in qualsiasi castello, migliorare la loro vita, ad esempio, comprando cibo migliore dal luogotenente della torre. Non è quindi una prigione, ma un palazzo.

La grande fabbrica del complotto

A pensarci bene, sembra piuttosto che questa incarcerazione sia una bufala, forse intesa a coprire che i Bye Plots e gli altri Main Plots sono in realtà trame fasulle, assemblate da zero dai servizi segreti magistralmente guidati da Robert Cecil, un vero direttore d'orchestra in campo.

Questo è utile in più di un modo. Istituire, a intervalli regolari, cospirazioni infiltrate fin dall'inizio, permette, tra l'altro, di magnetizzare, attrarre a sé manifestanti, ribelli pronti ad agire, servitori ingiustamente della Corona. considerati fedeli, perché sul punto di vendersi al nemico per denaro o per qualche promessa di gloria. Questo è un modo di fare le cose vecchie come il mondo. Ancora oggi, la polizia crea regolarmente siti web pieni di immagini e video di pornografia infantile per attirare i pervertiti, elencarli, monitorarli e, di tanto in tanto, arrestarne una manciata. per giustificare gli stipendi dei suoi membri e far sembrare che il governo abbia a cuore questo problema.

Per quanto riguarda i servizi segreti inglesi, c'è almeno un precedente: il Babington Plot, chiamato in francese The Babington conspiracy, per il quale molti storici dei servizi segreti riconoscono che Marie Stuart fu intrappolata da un talentuoso falsario, Thomas Phelippes, che ha portato, nel 1587, all'esecuzione del cugino rivale della regina Elisabetta I.

È molto interessante notare che Phelippes operava sotto gli ordini diretti di Francis Walsingham, mastro spia la cui figlia, Frances, sposò un secondo matrimonio, nel 1595, con un certo Robert Devereux, 2 ° conte di Essex, coinvolto in 1601, in un altro complotto contro la Corona.

Un'altra figura di alto rango riconosciuto complice della rivolta del Conte di Essex, il cosiddetto William Parker, 4 ° Barone Monteagle, grazie al quale, secondo la versione ufficiale, fu scoperta la Cospirazione delle Polveri del 1605, forse la più famosa delle trame. covato dai nemici del potere.

Tuttavia, il barone Monteagle non è altro che il cugino di primo grado di William Stanley, 6 ° conte di Derby, e uno Stanley, poiché non meno di due dei suoi nonni appartengono a questa famiglia, a sua volta legata ai Cecil. Alla fine, tutte queste evocazioni sembrano false quanto la successiva.

È necessario dettagliare tutte le incongruenze? Se il tempo lo permette, lo farei. Ma il più utile sarebbe guardare a quelli del Gunpowder Plot, o Cospirazione delle polveri, perché consentono scoperte sorprendenti adatte a fungere da traccia di briciole di pane lungo la nostra ricerca della verità. Ne parlo ancora nel mio libro, da cui è tratto questo articolo.

L'albero che nasconde la foresta

Lì, imparerai che i festeggiamenti di quella che ora viene chiamata Guy Fawkes Night non riguardavano originariamente il famoso "cospiratore". Vedrai quindi come l'industria dell'intrattenimento - che non è mai stata all'altezza del suo nome - intrattiene, distrae e fuorvia il pubblico in generale sul pieno coinvolgimento dei servizi segreti della Corona inglese in questa presunta cospirazione, e per quale motivo è così.

Infine, capirete perché la maschera di Fawkes è stata adottata dal collettivo di hacktivisti Anonymous nel 2008, dal "whistleblower" Julian Assange, tre anni dopo, e dagli attivisti della Primavera araba egiziana nel 2013.

Per ulteriori

Storia del servizio segreto: Il teatro delle ombre del reale, di Marc Legrand.


Video: The Tale Of The Gunpowder Plot