Nostradamus (Michel de Nostredame, 1503-1566)

Nostradamus (Michel de Nostredame, 1503-1566)

Michel de Nostredame, altrimenti denominato Nostradamus, è meglio conosciuto per la sua astrologia e profezie. Eppure… umanista rinascimentale, aperto alle idee della Riforma, si è confrontato con grandi personaggi come il suo amico Rabelais, Caterina de Medici, Carlo IX, di cui era un "medico comune" e tanti altri. seppe interessarsi alla medicina e alla farmacia combattendo con successo la peggiore malattia del suo tempo: la peste.

Nostradamus, medico e farmacista

Michel de Nostredame è nato a metà dicembre 1503 a Saint Rémy de Provence. Proviene da una famiglia di ebrei espulsi dal regno da Philippe Le Bel all'inizio del XVI secolo che vengono poi accolti da Papa Clemente V nei dintorni di Avignone, nelle cave e nelle strade chiuse. Unico vincolo: dovevano indossare un berretto giallo quando uscivano.

Perseguendo brillanti studi dove scrive correntemente in latino e greco, si iscrive all'università di Montpellier e nel 1525 ha conseguito una “laurea in medicina”. Essendo ebreo, si è convertito al cattolicesimo per accedere all'università e sceglie Nostradamus come nome di battesimo, trasformatosi in Michel de NostreDame. Nella sua casa di Salon, la stessa che occupò fino alla morte, ai piedi del castello dell'Empéri, sopra la sua scrivania, è appeso un manoscritto ingiallito dal tempo, datato ottobre 1529 "me, Michel de Nostredame, della casa di Provenza, della città di Saint Rémy, della diocesi di Avignone, è venuto a studiare all'Università di Montpellier, di cui giuro di osservare statuti, diritti e privilegi presenti e futuri. Ho pagato le quote di iscrizione e scelgo Antoine Romier come mio tutor ".

A quel tempo, la peste infuriava in tutto il sud della Francia. Percorre tutte le strade della Provenza e del sud-ovest per combattere questa malattia, avendo imparato le basi della farmacia e dopo che uno dei suoi antenati ha trasmesso le sue conoscenze di botanica, le virtù delle piante e dei preparati.

Nel suo "Treatise on Fardements et Confitures", inizia con una descrizione molto dettagliata di questa malattia bubbonica o polmonare. Per combattere questa piaga, prepara una miscela di uova e piante. Inventa un aceto aromatico dalle qualità antisettiche e sviluppa una "polvere sovrana" contro i contagi. Consigliando semplici regole di igiene e sostenendo il principio di "prevenire piuttosto che curare", suggerisce poi di pulire le case con aceto, spargendo essenze vegetali, lasciando una torcia accesa nelle stanze e soprattutto coprendo il corpo. naso e bocca.

Alcuni anni dopo, la peste colpì di nuovo nelle città di Salon e Aix. Ed eccolo di nuovo sulle strade ... a Lione. Prepara una “polvere eccellente che allontana gli odori pestilenziali”. La sua ricetta è composta da segatura di cipresso, iris di Firenze, chiodi di garofano, muschio, ambra grigia, aloe e rose cremisi. È di gran moda durante questo periodo di malattia contagiosa dove più di uno si getta dalla finestra, dove più di uno è morto di fronte a questo flagello.

Prodotti per la salute e la bellezza ...

La sua dedizione durante la peste lo ha reso famoso. A poco a poco, le signore lo chiamarono: sviluppò "unguento di un odore sovrano", "olio per levigare il viso", "unguenti per far venire i capelli come un filo d'oro. »… Insomma, ricette che portano soldi e successo.

Si sposò nel Natale del 1547, nella sua città, Anne Ponsard… che gli diede 7 o 8 figli. Poi, fino al 1549, andò in esilio in Italia per approfondire la sua conoscenza dell'alchimia vegetale. A Milano scopre un farmacista specializzato in questo campo, che lo introduce alle marmellate curative. Tornato a Salon, Michel de NostreDame sperimentò queste marmellate medicate e nel 1552 pubblicò i risultati delle sue ricerche sotto il titolo "Trattato di Fardements et Confitures".

Nelle sue marmellate aggiunge spezie, inventa processi per migliorare e aromatizzare il vino, prepara aceti e mostarde alle erbe, che vende.

Poi, rendendosi conto che le signore hanno un nuovo desiderio: diventare bionde, si arricchisce con la sua pozione che permette di "avere entro 3 o 4 giorni i capelli biondi e rossi come l'oro del ducato". Va oltre, pensa agli uomini che vogliono accontentare i giovani e alle donne preoccupate per la virilità del proprio partner. Si crea un rimedio "ripopolamento petrolifero" famoso fino all'Italia.

... Fino alle marmellate

La sua celebre opera si intitola: "Eccellente e utilissimo Opuscule à touts necessaire, che desidera avere la conoscenza di alcune squisite ricette, divise in due parti". I primi tratti di vari modi di Fardemens et Senteurs per illustrare e abbellire il viso. Il secondo mostro ci mostra il modo e il modo di fare marmellate di vario genere, tanto nel miele, quanto nel succre, e nel vino cotto, il tutto messo per capitoli, come è ampiamente menzionato nella tabella. Recentemente composta dal maestro Michel de Nostredame, dottore in Medicina della città di Salon de Craux en Prouence, e di nuovo evidenziata ”.

Le marmellate, lo sciroppo e lo zucchero sono alla base di importanti medicinali nella medicina europea medievale. Nel capitolo II, spiega come "caramellare la carne di zucche chiamate cougourde o carabasse che è una marmellata refrigerante che rinfresca ed è di buon gusto". Conclude questo capitolo con un'indicazione chiaramente medica come questa marmellata che "è buona da mangiare, infatti riguarda la medicina refrigerante e dalla facilità di mangiarla per mitigare il calore esuberante del cuore e del fegato", senza dimenticare che a base di corteccia di buglosse che ti permette di ringiovanire.

Questo libro composto da 31 capitoli ci offre varie ricette abbastanza fattibili per i dilettanti di oggi. Mele cotogne, marasche, rabarbaro, arancia, pera, zucca e altri frutti e verdure vengono mescolati con zucchero e miele e conditi con spezie come zenzero, cannella o chiodi di garofano.

Tra le ricette, Michel de NostreDame pensa anche "a quelli la cui freddezza della matrice rende inadatti a concepire e soddisfare i legittimi appetiti" dove mescola 1kg di miele di montagna e 300g di zenzero fresco, sbuccia lo zenzero e lo taglia. in bastoncini fini, lavatela più volte, mettetela in una casseruola piena d'acqua e fatela bollire per 10 minuti, scolatela e ripetete l'operazione 2 volte per 10 minuti poi 1 ultima volta per 20 minuti. Lo lascia scolare durante la notte. Il giorno dopo, in una casseruola dal fondo spesso, fa bollire lo zenzero con il miele per 15 minuti, il giorno dopo ripete la stessa operazione e poi il giorno dopo, infine mette questo preparato in barattoli e consiglia di mangiarne un cucchiaio quando manca l'entusiasmo .

L'altra ricetta "per rinnovare e rafforzare l'ardore dell'amore" è a base di lattuga, gambi di carciofi e angelica. Accanto a questo trattato, pubblicò il suo primo Almanacco nel 1550 a Lione, con consigli sulla salute e ... previsioni del tempo ...

Le profezie di Nostradamus

Dopo aver attirato la gelosia dei suoi colleghi per il successo delle sue cure, Nostradamus si ritirò a Salon. Tra il 1555 e il 1558, ha pubblicato le sue famose profezie in due volumi di secoli che hanno avuto un enorme successo. Usando un linguaggio "contorto", queste quartine raggruppate in centinaia dovrebbero descrivere eventi che si verificheranno tra il 1550 e la fine del mondo, prevista per il 3797 d.C. Molte persone cercheranno di interpretare queste profezie e di stabilire un collegamento con eventi che hanno già avuto luogo.

La fama di Nostradamus è tale che Caterina de Medici lo chiama a corte per diventare il medico generale di Carlo IX. La regina madre ne approfitta per chiederle di stabilire l'oroscopo dei suoi tre figli. I doni di Michel de NostreDame sarebbero stati confermati durante la morte accidentale di Enrico II, di cui avrebbe previsto le circostanze. Una quartina, pubblicata nel 1568, avrebbe predetto la sua morte il 2 luglio 1566. I suoi resti furono sepolti nella chiesa di Saint-Laurent a Salon-de-Provence.

Per ulteriori

- Le profezie di Nostradamus. Archipoche, 2013.

- Trattato sulle marmellate di Nostradamus. Imago, 2015.

- Catherine, Nostradamus e il triangolo nero - Claude Mossé. Alphée, 2010.


Video: Nostradamus - Wiki Videos