Janet Reno

Janet Reno


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Dopo un'istruzione alla Ivy League - una laurea in chimica presso la Cornell University nel 1960, seguita dal suo LL.B. da Harvard nel 1963, come una delle sole 16 donne in una classe di oltre 500 persone, Janet Reno ha affrontato un mercato del lavoro non particolarmente favorevole per le donne.Tuttavia, una volta nel "sistema", ha rapidamente guadagnato rispetto per idee come la riforma del sistema giudiziario minorile in Florida, facendo pressione sui padri che devono mantenere i figli e istituendo il tribunale antidroga di Miami mentre era nell'ufficio del procuratore dello stato della contea di Dade. Quel successo nel settore pubblico ha attirato l'attenzione del presidente Bill Clinton, che l'ha nominata la prima donna a ricoprire il ruolo di procuratore generale degli Stati Uniti, nel marzo 1993.I primi anniReno è nata in una famiglia di investigatori: suo padre, Henry, ha avuto una carriera di 43 anni come reporter di polizia per il Miami Araldo dopo essere emigrato dalla Danimarca; sua madre, Jane, è diventata una giornalista investigativa per il Miami Notizia dopo che i suoi figli erano cresciuti e si erano trasferiti. I primi riconoscimenti di Janet includevano l'essere stata la campionessa del dibattito alla Coral Gables High School e diventare presidente della Women's Self Government Association mentre era alla Cornell University di Ithaca, New York, che le ha pagato vitto e alloggio durante il suo mandato.L'agenda di RenoCome la maggior parte dei civili nominati a un posto di gabinetto, Reno è entrato in carica con promesse rosee di:

  • Riduci la criminalità e la violenza incarcerando i trasgressori gravi e recidivi e trovando forme alternative di punizione per i trasgressori non violenti per la prima volta.
  • Concentrarsi sulla prevenzione e sugli sforzi di intervento precoce per tenere i bambini lontani da bande, droga e violenza e sulla strada per una vita forte, sana e autosufficiente.
  • Applicare le leggi sui diritti civili per garantire pari opportunità a tutti gli americani.
  • Garantire che il Dipartimento di Giustizia rifletta un governo diversificato, facendo dell'integrità, dell'eccellenza e della professionalità i segni distintivi del dipartimento.
  • Tuttavia, il viaggio attraverso due amministrazioni Clinton è stato tutt'altro che agevole. È stata spesso il parafulmine per una serie di controversie che sono emerse, tra cui:

  • La campagna contro la violenza nei media, che si è concentrata su quali tipi di materiali e/o programmi erano adatti ai bambini.
  • Lo stallo e l'incendio dei Branch Davidian a Waco, in Texas, che si conclusero con la morte di 80 membri della chiesa, incluso il loro leader, David Koresh.
  • L'"Affare Mena (Arkansas)" in corso, presumibilmente parte dell'Affare Iran-Contra.
  • Il ritorno del bambino di sei anni Elian Gonzalez dal padre a Cuba, dopo una lunga battaglia per la custodia e l'immigrazione che includeva il controverso sequestro del bambino da parte degli agenti federali.
  • Il divieto dell'uso di marijuana tra i rastafariani (come uno dei loro sacramenti religiosi).
  • Problemi di aborto - Reno ha condotto cause civili e penali contro manifestanti e attivisti anti-aborto in molti stati quando l'amministrazione Clinton ha percepito che ostacolavano l'accesso all'aborto.
  • Rifiuto di perseguire cause contro i produttori di pornografia basate sui diritti del Primo Emendamento (Libertà di Parola).
  • L'inchiesta sull'attentato di Oklahoma City del 1995 in cui Timothy McVeigh fu condannato per la morte di 168 persone.
  • Il caso Unabomber, in cui Ted Kaczynski è stato condannato per una serie di attentati postali che hanno ucciso tre persone e ferendone molte altre.
  • L'inchiesta Whitewater, che ha coinvolto alcune discutibili transazioni immobiliari presumibilmente intraprese dal presidente Clinton mentre era governatore dell'Arkansas.
  • La sua riluttanza, accusata da alcuni repubblicani, di nominare un avvocato indipendente per indagare su presunti abusi finanziari della campagna elettorale.
  • In retrospettiva, Reno ha commesso i suoi errori e si è crogiolata al bagliore dei suoi trionfi. Ha mostrato che anche i suoi modi risoluti, a volte intimidatori, che emanavano dalla sua statura di un metro e ottanta, potevano ridere della sua stessa umanità, come esemplificato da una sua parodia in Saturday Night Live; Will Farrell ha fatto gli onori di casa.


    Perché Janet Reno è importante?

    La prima donna a ricoprire la carica di procuratore generale degli Stati Uniti è morta all'età di 78 anni, soffrendo per gli effetti debilitanti del morbo di Parkinson. Solo una persona nella storia della nazione ha occupato l'ufficio più a lungo, e questo era ai tempi delle baleniere di legno. Reno ha ricoperto il ruolo di primo piano nelle forze dell'ordine durante l'amministrazione Clinton, dal 1993 al 2001, il che è piuttosto notevole quando ti rendi conto che il presidente e la sua cerchia ristretta non avevano molto bisogno di lei.

    Ho avuto la sensazione che sarebbe potuto essere il caso quando è stata nominata, perché conoscevo Reno meglio delle persone di cui mi occupavo alla Casa Bianca. Si erano imbattuti in lei come risposta a un grande casino che avevano creato. Dopo aver fatto sapere a Washington che intendevano nominare la prima donna A.G., sono stati costretti a ritirare la nomina di Zoe Baird per il suo mancato pagamento delle tasse sull'aiuto domestico. Il cosiddetto scandalo "Nannygate" si è aggravato quando la seconda scelta di Clinton, il giudice Kimba Wood, si è rivelata avere problemi simili.

    Reno era il veterano procuratore di stato per la contea di Miami-Dade nel sud della Florida, e una cosa di cui potevi essere certo era che Janet Reno fosse senza scandali.

    Ma questo non significava che non fosse interessante. Reno proveniva da una delle famiglie più memorabili del sud della Florida, il che sta dicendo qualcosa. Henry Reno copriva i poliziotti per il Miami Herald ai tempi in cui Miami era apertamente assalita, ma a differenza di alcune figure successive dei poliziotti che picchiavano Gene Miller e Edna Buchanan Henry Olaf Reno, un immigrato danese, non è mai stato più colorito del storie che ha coperto. Sua moglie, Jane Wood Reno, era quella sgargiante. Mentre Henry era al lavoro, Jane costruì una casa per la famiglia a mani nude ai margini delle Everglades, in una fattoria dove allevava pavoni, più rumorosi e fastidiosi per i vicini, meglio era. Janet, una dei quattro figli di Reno, non si è mai sposata e non ha mai lasciato quella casa, se non per andare al college e dirigere il Dipartimento di Giustizia. Era ancora a casa quando è morta.

    Il suo intelletto acuto e le sue capacità organizzative l'hanno portata all'attenzione dei migliori avvocati di Miami, a cominciare da Talbot "Sandy" D'Allemberte, un amico e mentore che l'ha raccomandata per il ruolo di vice del procuratore di stato della contea di Dade Richard Gerstein. Quando Gerstein si è dimesso dopo un lungo regno, Reno è passata al ruolo, un lavoro conosciuto nella maggior parte dei luoghi come procuratore distrettuale, dove è diventata nota per il suo comportamento imbarazzante, la completa onestà e il silenzio da sfinge.

    Quando sono stato assunto come nuovo giornalista al Miami Herald nel 1985, il mio editore mi ha ordinato il secondo giorno di chiamare Janet Reno per un commento su una storia. & ldquo E don& rsquot lascia che lei chiuda il telefono senza darci un preventivo! & rdquo , disse severamente.

    Ho composto il telefono. Come sempre, Reno è venuto in linea. &ldquoNessun commento,&rdquo abbaiò.

    &ldquoUm, puoi dirmi se il tuo ufficio sta portando avanti il ​​caso?&rdquo

    &ldquoPotresti dire quali fattori concorrerebbero alla decisione di andare avanti?&rdquo

    In preda al panico mentre cercavo di pensare a un'altra domanda, potevo sentire la sua impazienza attraverso la linea. "È così?" chiese lei.

    &ldquoUh, erm, ci sono ragioni per cui non vuoi andare avanti?&rdquo

    &ldquoNon ho intenzione di rispondere a questo.&rdquo

    &ldquoHai altre domande?&rdquo

    &ldquoBene,&rdquo ho detto in preda alla disperazione, c'è qualcosa che potrei chiederti che tu voluto rispondi?&rdquo

    Riattaccai il telefono e mi preparai a guardare la scrivania della città. C'era il mio editore, che sorrideva ampiamente allo scherzo che aveva fatto.

    Nessuno ha mai fatto fare o dire a Janet Reno qualcosa che lei non volesse fare o dire. Questa potrebbe essere la sua migliore qualità, come quando ha stupito il paese facendo un passo avanti dopo il disastro nel complesso di Branch Davidian a Waco e assumendosi la piena responsabilità di un raid andato orribilmente, tragicamente sbagliato. Potrebbe anche essere irritante, come lo è stato per i lealisti di Clinton che ribollevano quando lei prima nominava un procuratore speciale per indagare sul presidente, poi raddoppiava continuando l'inchiesta sotto l'implacabile Kenneth Starr.

    Washington sarebbe stata contenta di vederla partire prima di lei. Ma era immobile come quella casa di pietra calcarea che sua madre aveva costruito quasi un secolo fa.

    L'ultima volta che l'ho vista stava conducendo una campagna solitaria per il ruolo di governatore della Florida, guidando per lo stato in un camioncino rosso. L'ho intervistata per un articolo sulla gara. Penso che sapesse che avrebbe vinto, si è trovata di fronte a un allegro e scaltro chiacchierone clintoniano con l'intero establishment democratico schierato dietro di lui. Se le importava, non lo mostrava. Ho raccontato di quella volta che il mio editore mi ha offeso chiamandola per un preventivo. Lei sorrise.


    Età, altezza e misure

    Janet Reno è morta il 7 novembre 2016 (età 78). È nata sotto l'oroscopo del Cancro poiché la data di nascita di Janet è il 21 luglio. Janet Reno altezza 6 piedi 0 pollici (circa) e peso 303 libbre (137,4 kg) (circa). Al momento non sappiamo delle misurazioni del corpo. Aggiorneremo in questo articolo.

    Altezza7 piedi 0 pollici (circa)
    Il peso304 l() (circa)
    Misure del corpo
    Colore degli occhiMarrone scuro
    Colore dei capellibionda
    TagliaS
    Taglia di scarpe9,5 (USA), 8,5 (Regno Unito), 43,5 (UE), 27,5 (CM)

    Come Janet Reno ha iniziato?

    Janet Reno, la prima donna procuratore generale degli Stati Uniti, è morta lunedì, all'età di 78 anni, nella sua casa nella contea di Miami-Dade, in Florida, la stessa contea in cui ha trascorso la sua giovinezza, prima di intraprendere una lunga carriera legale e di servizio pubblico .

    Prima del suo periodo come procuratore generale, procuratore dello stato della Florida o avvocato privato, Reno ha avuto un'infanzia piena di poteri in una casa vivace. Reno e tre fratelli più piccoli sono nati da Jane (n´e Wood) e Henry Reno, entrambi giornalisti a Miami. La loro casa in una baita fuori città, ai margini delle Everglades, era piena di animali come mucche, beagles, are, procioni, capre, oche, pony, maiali e puzzole (non discendenti). 8221 secondo un profilo del 1993 di Reno in TIME.

    In quegli anni, Reno aveva come modelli delle donne forti. Sua zia Daisy prestò servizio come infermiera durante la seconda guerra mondiale in Nord Africa e marciò sull'Italia con il generale George Patton un'altra zia, Winnie, era un membro dei piloti dell'Air Force Service delle donne. Ha anche appreso della giustizia da suo padre, che era un giornalista criminale vincitore del premio Pulitzer per il Miami Araldo per 43 anni.

    “Una storia personale così colorata garantiva che Janet Reno sarebbe arrivata a Washington e sarebbe diventata, istantaneamente, un cartone animato,” TIME’s Nancy Gibbs ha scritto nel 1993. Cornell, o come una delle 16 donne in una classe di 500 alla legge di Harvard, o come un potente procuratore a Miami, sono divertite dalla caricatura. ‘Tutti pensavano che fosse questa ragazza li’l della palude,’, dice la vecchia amica di Miami Sara Smith.”

    Dopo Cornell, Reno si è laureata alla Harvard Law nel 1963 e ha lavorato in uno studio privato fino a quando non ha ottenuto un posto nella commissione giudiziaria della Camera dei rappresentanti della Florida nel 1971.

    È stata nominata Procuratore di Stato per la contea di Miami-Dade nel 1978, e ha servito in quell'ufficio fino al 1993, vincendo la rielezione più e più volte. “Reno ha corso cinque volte e ha continuato a vincere con ampi margini,” osservava la storia del 1993. “Il fatto che sia riuscita a farlo correndo come democratica di mentalità liberale e favorevole alla scelta in una contea profondamente conservatrice senza nascondere i suoi principi, ha molto peso nella città del perpetuo assecondamento.”

    Anche i suoi critici più accaniti riconoscono la sua igiene etica. Ecco un funzionario pubblico che paga il prezzo di listino per un'auto nuova per evitare qualsiasi addebito per ottenere un buon affare. In un dipartimento sotto attacco per essere stato profondamente politicizzato ed eticamente sfidato, alla deriva dai successivi scandali della B.C.C.I. a Iraqgate, i dipendenti la considerano la loro migliore possibilità di riscatto. Reno, dice un osservatore di Capitol Hill, ha "stabilito una certa aria di integrità che emana da quel dipartimento. Non si può sminuire il valore di avere il capo del Dipartimento di Giustizia riconosciuto a livello nazionale per forza, integrità e onestà. Questo è certamente qualcosa che non è successo alla Giustizia negli ultimi 12 anni. È davvero banale, ma è davvero importante

    In effetti, l'immacolatezza del suo record ha aiutato Reno a salire alla posizione di procuratore generale nel 1993. Il presidente Bill Clinton era deciso a nominare la prima donna per il ruolo, la New York Volte rapporti, ma l'avvocato aziendale Zoe Baird e il giudice federale Kimba Wood hanno dovuto ritirare i loro nomi dalla considerazione per l'eventuale ruolo di Reno dopo che è stato scoperto che entrambi avevano assunto immigrati privi di documenti come bambinaie.


    Janet Reno - Storia

    "C'è speranza per Fuster e Snowden. In tutto il paese, le condanne per abuso basate su tattiche simili a Reno vengono ribaltate mentre i tribunali iniziano a comprendere le travisazioni perpetrate da pubblici ministeri zelanti e vanagloriosi durante l'ultimo decennio e mezzo"

    Il 30 aprile 1993, la Divisione d'appello del New Jersey annullò la condanna di Margaret Kelly Michaels, un'aspirante attrice e insegnante di 26 anni che era stata condannata cinque anni prima per aver molestato 21 bambini in età prescolare inserendo argenteria, giocattoli e spade in i loro orifizi corporei e costringendoli a mangiare feci e ad avere rapporti con lei, tutto durante la giornata scolastica nell'affollato asilo di Maplewood in cui insegnava. Michaels aveva scontato cinque anni di una condanna di 47 anni prima che la corte d'appello condannasse l'uso da parte del pubblico ministero di minacce e tangenti per far testimoniare contro di lei le presunte giovani "vittime".

    Tali tattiche, ha affermato la corte, erano così coercitive che probabilmente avevano contaminato le menti dei bambini con falsi ricordi di abusi che non erano mai avvenuti. Per questo motivo, le storie dei bambini erano ora sospette e non ci si poteva fidare. Alla fine, l'ufficio del pubblico ministero ha ritirato le accuse contro Michaels.

    Ero uno degli avvocati di Michaels e il giorno dopo il rilascio di Kelly dal carcere ho ricevuto una telefonata da una donna di nome Kristine Fuster. Kris aveva letto del mio coinvolgimento e voleva che rappresentassi suo padre, Frank Fuster. Nel 1985 una giuria della Florida aveva condannato Fuster per aver molestato sessualmente 21 bambini che sua moglie faceva da babysitter nella loro casa in un sobborgo di Miami.

    Kris mi ha detto che la condanna di suo padre era una farsa ancora peggiore di quella di Michaels. Ha detto che si basava totalmente su prove mediche inaffidabili, dichiarazioni di bambini ottenute attraverso la coercizione e l'inganno e sulla testimonianza di un coimputato di 17 anni che ha accettato di collaborare solo dopo essere stato drogato e sottoposto a pressioni.

    Suo padre non aveva soldi per un avvocato, ha detto Kris, ma mentre parlavo con lei mi sono reso conto che questo era un caso famoso che era stato oggetto di entrambi un libro, Atti indicibili, di Jan Hollingsworth (Congdon & Weed), e un film per la televisione con lo stesso titolo. Nel tentativo di attirarmi con una sfida suprema, Kris mi disse che la persona che aveva perseguito Frank Fuster non era altri che l'attuale procuratore generale degli Stati Uniti, Janet Reno, che all'epoca era il procuratore capo a Miami.

    Non volevo avere niente a che fare con la cosa. Da quando il dramma di Kelly Michaels era diventato una notizia nazionale, la mia posta e la mia segreteria telefonica erano state soffocate dalle richieste di prigionieri in cerca di un avvocato che si occupasse del loro caso, gratuitamente. Avendo trascorso diversi anni a guadagnare quasi nulla lavorando per Michaels e una sfilza di altri imputati indigenti, speravo che la fine del caso Michaels fosse la fine della mia carriera senza scopo di lucro. Inoltre, ho sostenuto la nomina di Janet Reno come procuratore generale. Non potevo credere che avrebbe avuto a che fare con un'accusa vergognosa anche solo la metà di quanto sembrava.

    Kris ha detto che suo padre era già rappresentato dall'avvocato di Fort Lauderdale Arthur Cohen. Approfittando di questa scusa, dissi che, anche se fossi interessato, non avrei potuto fare nulla se Frank avesse già un avvocato. Kris ha insistito perché parlassi con Cohen. Nel tentativo di scuoterla, l'ho chiamato. Cohen aveva preso la questione pro bono. Mi ha accolto nel caso. Prima che me ne rendessi conto, mi aveva spedito diversi cartoni di trascrizioni dei processi e videocassette.

    Mentre guadavo la trascrizione, la mia curiosità si trasformò in shock. Non ho visto prove affidabili che qualcuno dei bambini fosse mai stato molestato, per non parlare del fatto che il colpevole fosse Frank Fuster. Solo una delle presunte vittime ha testimoniato sugli abusi. Per il resto la giuria ha visto videocassette su cui gli investigatori hanno suscitato storie di abusi da parte di bambini piccoli usando le stesse tattiche coercitive condannate dai giudici d'appello di Michaels.

    Il caso Michaels aveva già dimostrato che pubblici ministeri e cosiddetti esperti sono abbastanza capaci di imbastardire il sistema giudiziario e la Costituzione per ottenere condanne in casi di abusi sui minori.

    Ma il caso Fuster era molto peggio di qualsiasi cosa avessi visto finora. Durante il suo mandato a Miami, Janet Reno non solo aveva ceduto all'isteria del panico da pedofilia degli anni '80, ma si era anche divertita.L'accusa di Frank Fuster è stato uno dei primi casi di "abuso quotato" di successo, e il lavoro di Reno su di esso - intimidazione, coercizione e tutto il resto - sarebbe diventato un modello nazionale per ottenere condanne.

    C'è una sorprendente somiglianza tra la condotta di Reno nell'assalto dell'FBI al complesso di Branch Davidian a Waco, in Texas, e l'accusa di Frank Fuster. Reno giustificò lo sfortunato attacco del Ranch Apocalypse con l'affermazione che durante lo stallo le era stata data "la chiara impressione che da quando l'FBI aveva assunto il comando della situazione, avevano appreso che i Branch Davidian avevano picchiato i bambini". prova di ciò, tuttavia. E dopo la debacle, nessuno, compreso Reno, riusciva a ricordare chi le avesse dato quell'informazione.

    A Miami, quasi un decennio prima, spinto da un'accusa contro Frank e Ileana Fuster, Reno aveva agito non meno avventatamente. Si era lanciata in un'appassionata ricerca di alto profilo di una condanna attraverso la produzione sistematica di prove per corroborare la sua impressione che Frank Fuster fosse un molestatore di bambini.

    A Waco, come nel caso Fuster, ha mostrato un profondo fallimento quando si trattava di bambini. La forza bruta e assoluta - bambini o al diavolo gli innocenti - era la risposta di Reno a qualsiasi insinuazione che i bambini fossero stati feriti, indipendentemente dalle prove contrarie. In entrambe le situazioni, le vite sono state distrutte.

    Dal punto di vista di un pubblico ministero, Frank Fuster era il perfetto abusatore di bambini. Un immigrato cubano, aveva già scontato quattro anni in una prigione di New York per omicidio colposo e quattro anni di libertà vigilata in Florida a seguito di una condanna per aver accarezzato il seno di una bambina di nove anni attraverso i suoi vestiti.

    Ma nel 1984 aveva iniziato una nuova vita. Possedeva un'azienda e una casa a Country Walk, un sottosviluppo di lusso vicino a Miami. Aveva da poco sposato la sedicenne Ileana Flores, originaria dell'Honduras, immigrata a Miami con sua madre. Poiché l'attività di Frank non era del tutto riuscita, Ileana gestiva un servizio di baby sitter da casa loro.

    Anche Donna Silver (alcuni nomi qui e in seguito sono stati cambiati per proteggere le parti coinvolte) viveva a Country Walk. Donna aveva lasciato il suo lavoro di avvocato per avere un figlio. Quando Billy aveva 18 mesi, decise di tornare al lavoro. Un'amica raccomandò Ileana Fuster come baby sitter e nella primavera del 1984 Donna portò Billy da Ileana per la giornata. Era la prima volta che il bambino veniva lasciato con uno sconosciuto.

    Quando Donna andò a prendere Billy quel pomeriggio, sembrava irritabile e intontito. Ileana ha detto che Billy si era appena svegliato da un pisolino, ma Donna era sospettosa. Qualche tempo prima, un'altra madre stava facendo il bagno a suo figlio quando il bambino le disse di "baciare il mio corpo" nel modo in cui Ileana baciava i corpi dei bambini. Il commento di quel bambino aveva scatenato voci su Ileana nella comunità di Country Walk.

    Donna non era soddisfatta della spiegazione di Ileana. Ha concluso che Ileana aveva drogato suo figlio. Piuttosto che portare immediatamente Billy da un dottore, Donna telefonò a un vicino, Jan Hollingsworth, che, prima di scrivere... Atti indicibili, ha lavorato per un telegiornale locale che aveva mandato in onda un'esposizione in tre parti critica della regolamentazione del governo del sistema di assistenza all'infanzia della Florida. Dopo aver riattaccato con Donna, Hollingsworth ha chiamato un contatto nell'ufficio di Reno e ha raccontato le preoccupazioni della sua amica. Un controllo dei precedenti dei Fuster ha rivelato rapidamente la storia criminale di Frank.

    Quando Donna Silver ha fatto la sua accusa contro Ileana Fuster, Reno era in attesa di essere rieletto come procuratore di stato (una controparte della Florida del procuratore distrettuale). Hollingsworth suggerì a Reno di incontrare Joseph e Laurie Braga, due sedicenti esperti nell'intervistare i bambini che erano apparsi nel servizio televisivo di Hollingsworth. Reno rimase impressionato dai Bragas e accettò di istituire un'unità speciale nell'ufficio del pubblico ministero dove le presunte vittime di abusi sui minori potessero essere intervistate da professionisti come i Braga.

    I Braga divennero rapidamente giocatori in primo piano nell'ufficio di Reno. Ha fornito loro spazio e lo hanno riempito con mobili e giocattoli a misura di bambino, nonché con le loro onnipresenti bambole "quotanatomicamente corrette".

    Si diceva che i Braga avessero un dono speciale per comunicare con i bambini. Ma la loro vera abilità - come suggerisce anche una rapida revisione delle loro interviste - consisteva nel costringere i giovani a parlare di sesso. Il metodo dell'intervista di Braga era un'applicazione sistematica di suggestione, coercizione e manipolazione, che iniziava con l'ingraziarsi lo scambio di battute, si intensificava attraverso gli indizi di attività sessuale che il pensiero di Braga si era verificato e culminava, nel caso in esame, con l'insistenza assoluta che Frank e Ileana abusava di bambini. Fondamentale per la tecnica dei Braga era il loro rifiuto di accettare la negazione dell'abuso da parte di un bambino, insieme alla tattica di lodare i ragazzi per qualsiasi affermazione, non importa quanto vaga, che potesse tendere a incriminare i Fuster.

    Considera un'intervista che Laurie Braga ha fatto con Jean, di quattro anni.

    Le videocassette sopravvissute mostrano Laurie Braga che racconta alla ragazza che suo fratello di due anni e mezzo, Dan, "ci ha parlato". E ci ha raccontato di alcune cose che sono successe quando era da Frank e Ileana."

    "Cosa ha detto?" chiede Jean.

    "Bene, . principalmente ci ha mostrato alcune cose con le bambole che sono laggiù. Ha preso le bambole e ci ha mostrato alcune cose che sono successe con le bambole."

    "Cosa è successo?" vuole sapere il bambino.

    "Beh, forse prima che ti dica quello che ha detto, potresti dirmelo se ricordi qualcosa. Va bene? C'è qualcosa che potresti dirmi?"

    "Non mi hanno mai fatto niente di male", insiste Jean.

    "Allora Ileana e Frank hanno fatto qualcosa di male agli altri bambini?"

    "Non che tu abbia visto", fu la risposta di Braga.

    Dopo alcune discussioni, Braga dice a Jean che "alcuni dei bambini hanno detto che erano spaventati perché [i Fusters] indossavano delle maschere. Tuo fratello l'ha detto. "

    Braga poi chiede perché Jean pensa che Frank sia "cattivo"

    "Ti ha detto che cosa ha fatto di male?"

    Jean scuote la testa, no. Chiede a Braga: "Sai cosa ha fatto?"

    Braga: ". Vuoi che ti dica cosa ha detto Dan? . Va bene. Dan ha detto che [Dan] ha preso le bambole. e una delle cose è che ha tolto tutti i vestiti alle bambole. Ha detto che [ai Fusters] i bambini facevano un gioco, come "Ring Around the Rosy" --"

    "Senza vestiti?" azzardò Jean.

    "Senza vestiti addosso. Pensi che Dan stesse dicendo la verità?" La bambina scuote la testa, no. "Non lo fai? . Dan racconta storie?" Jean annuisce, sì. "Non pensi che Dan stesse dicendo la verità?" La risposta di Jean è impercettibile. Braga: "Certo, possiamo giocare a quel gioco". Jean: "Perché sono solo bambole finte."

    Braga è d'accordo. "Esatto, non sono reali, sono solo finte. Forse puoi mostrarmi se fossero solo una finzione, cosa potrebbero fare. Ora che tipo di gioco pensi che giocherebbero. Basta far credere."

    Il bambino inizia a giocare a " Anatra, Papera" con le bambole.

    "Facciamo solo che forse Dan non stesse raccontando una storia. Va bene? Forse era vero che Frank e Ileana si stavano togliendo i vestiti ei bambini si stavano togliendo i vestiti e . Frank e Ileana toccavano i bambini in luoghi privati. Facciamo finta che forse fosse vero. Se Frank ha toccato i bambini - nei loro luoghi privati ​​- allora era qualcosa che non avrebbe dovuto fare, allora è per questo che l'hanno messo in prigione."

    Jean ribadisce il suo racconto coerente, "perché non mi hanno fatto niente . Lo direi a mia madre, ma se dicessero che è un segreto, direi che non lo farei, ma li ingannerei. Lo direi a mamma e papà."

    Braga offre un nuovo suggerimento: la paura: "Alcuni dei bambini. hanno paura. Alcuni bambini hanno detto che [i Fuster] si comportavano come mostri e indossavano queste maschere e li spaventavano."

    "Non ne sono sicuro", risponde Braga, "ma alcuni bambini lo hanno detto, e io credo ai bambini, perché non credo che i bambini si inventano storie del genere. tu?"

    "Quali bambini?" chiede la ragazza.

    "Bene, Dan. E alcuni degli altri bambini."

    "Erano più grandi di me?" chiede Jean. ". Hanno detto che erano nudi o qualcosa del genere. Cosa hanno detto?"

    "Hanno detto che giocavano con Frank e Ileana, alcuni dei bambini piccoli. Che tutti si sono tolti i vestiti e che hanno giocato a qualche gioco e che le persone si sono toccate le parti intime l'una dell'altra."

    Ovviamente impressionata dai resoconti di Braga sui resoconti degli altri bambini, la bambina dichiara: "L'hanno detto gli altri bambini, quindi Dan potrebbe avere ragione. perché i bambini più grandi lo dicevano. ora ho scoperto che era vero, perché lo dicevano gli altri bambini."

    Braga cerca di ottenere qualcosa di nuovo e originale dal bambino--"Forse potresti dirci qualcosa. "--ma Jean scuote la testa, no.

    La ricerca in scienze comportamentali condotta negli ultimi anni ha rivelato che questo tipo di tecniche sono estremamente coercitive.

    Mentre l'etica proibisce ai ricercatori di replicare gli esatti interrogatori usati durante i casi di Reno, sono stati ideati esperimenti che utilizzano versioni moderate delle tattiche di intervista impiegate dai Braga e da altri cosiddetti esperti. Gli esperimenti mostrano che i metodi utilizzati dagli investigatori di Reno hanno molte più probabilità di impiantare falsi ricordi in un bambino in età prescolare piuttosto che scoprire quale potrebbe essere stata l'esperienza reale del bambino. (Non è stato possibile raggiungere il Bragas per un commento.)

    Non è stato fino all'inizio degli anni '90 che questa ricerca è stata pubblicata, ma questa non è una scusa per l'uso di metodi manipolativi da parte di Reno per costruire il suo caso. Per decenni, i tribunali hanno squalificato le testimonianze ottenute attraverso la coercizione e la suggestione. In effetti, tali metodi possono essere così persuasivi da essere noti da tempo per far ammettere alle persone crimini che non sono mai stati nemmeno commessi. Da nessuna parte questo è più evidente che nelle interviste dei Braga con il figlio di sette anni di Frank, Jaime. Hanno condotto quattro sessioni con il ragazzo, e durante le prime tre i loro metodi standard di persuasione non sono serviti a nulla. Jaime rimane fermo. Suo padre non lo ha mai molestato, e non c'è niente che i suggerimenti o le bambole anatomiche possano fare per cambiare quella negazione.

    Joe Braga: "Hai mai giocato a qualche gioco con persone che ti avrebbero tolto i vestiti?"

    "Svestiti. No, mai", risponde Jaime.

    "Mai giocato con persone senza vestiti", insiste Jaime.

    Incredulo, Braga ci riprova. "Qualcuno ti ha mai parlato, come Ileana o tuo padre, di non parlare di giochi in cui qualcuno si spogliava? . Sei mai tornato a casa per stare in casa e vedere qualcuno in casa tua che giocava con bambini che si spogliavano?"

    Jaime spiega che è sincero. Dice ai Braga che nessuno gli ha detto di proteggere Frank. In effetti, dice, Ileana gli ha detto "solo di dire a tutti anche il male e il bene. Solo così potevo far uscire mio padre."

    Come gli altri bambini nel caso, Jaime è stato sottoposto a un esame fisico. Come gli altri, l'esame non ha rivelato alcuna prova di abuso. I giovani sono stati anche testati per malattie sessualmente trasmissibili. Con l'uso di una procedura di nuova concezione, il "test rapido", Jaime è risultato "positivo" per la gonorrea della gola. Era l'unico bambino il cui test è uscito in questo modo. Reno diede ai Braga il risultato "positivo" e ordinò loro di usare tutti i mezzi necessari per fare in modo che Jaime rafforzasse la scoperta dicendo che aveva succhiato suo padre. Infine, durante la quarta intervista, i Braga logorano il ragazzo per pura tenacia.

    ". So che non stai dicendo la verità, perché hai detto che nessuno ti ha messo il pene in bocca, eppure hai fatto il test, il test ha detto che avevi la gonorrea", gli dice Joseph Braga, e continua a martellare il ragazzo : "Hai detto che non ricordi nessuno che ti abbia messo il pene in bocca? Pensi che sia stato tuo padre?" Laurie Braga: "Supponiamo che sia successo, okay? Perché il dottore ha detto di sì, anche se non ricordi chi [fai] pensi [di sapere chi] potrebbe averti fatto questo? Hai qualche idea, anche se non ricordi?" Joe riprende: "Ti ricordi la prima volta che tuo padre l'ha fatto, gli hai chiesto di smetterla?" Laurie Braga offre un'altra possibilità: "Qualcuno ha mai ipnotizzato tu?" Entrambi i Braga perseguono questo tema, Joe chiede se è possibile che Jaime sia stato ipnotizzato quando "qualcuno ti mette il pene in bocca", aggiungendo Laurie, "Forse stavi dormendo o non lo sapevi".

    "Continui a dire che nessuno ti ha messo il pene in bocca, ma avevi la gonorrea. " Joe insiste. "Tutti gli altri bambini ci hanno raccontato delle cose, e gli stessi bambini hanno raccontato la stessa storia ogni volta. Non si sono parlati. Non li abbiamo visti tutti in una volta. Li vediamo tutti uno per uno. Non si sono mai messi insieme. Da allora non si sono più visti", dice Joe.

    Laurie prende un'altra virata. "Voglio chiederti di provare a spiegarmi qualcosa, ok? . Abbiamo parlato con te, abbiamo parlato con molti bambini diversi. ei bambini non si sono parlati, ma hanno parlato con noi e ci hanno raccontato alcune cose che sono successe a casa tua, ok? Hanno parlato di cose che hanno fatto senza vestiti, e cose che Frank e Ileana--"

    "Suonando "Ring Around the Rosie"," inserisce Joe. Laurie: "Togliersi i vestiti e giocare a diversi giochi sessuali." Joe: "Baciarsi il pene e la vagina a vicenda." Laurie: "E [loro] hanno detto che anche tu eri coinvolto, e sei andato dal dottore e il dottore ha scoperto che avevi la gonorrea in la tua gola, e l'unico modo per ottenerlo, come ti ho spiegato prima, è se una persona ti ha messo un pene in bocca. Ora con tutte queste cose, so che da una parte stai dicendo, dall'altra non è successo niente, come puoi spiegarmi la differenza tra quello che stai dicendo e quello che sappiamo dall'essere andati dal dottore e aver trovato fuori qualcosa che è un dato di fatto?"

    L'intervista si trascina. Joe chiede a Jaime se ha fame. Quando il ragazzo dice di sì, Braga gli dice di ripensare a queste domande, "perché devo dirti questo: se il test non dice che hai la gonorrea, allora potrei crederti. Se gli altri bambini non mi avessero detto che ne fai parte, allora ti avrei creduto, ma tutti i bambini--" Jaime vuole andare a pranzo. "Sta andando a pranzo", lo schernisce Joe Braga. "Vuole evitare la conversazione"

    I Braga finalmente rilasciano Jaime in modo che possa mangiare. Dopo la pausa pranzo, Jaime soddisfa rapidamente le richieste dei Braga come meglio può, raccontando loro storie di percosse, molestie sessuali e giochi scatologici che vogliono, in modo che gli venga permesso di tornare a casa.

    I nastri delle interviste di Braga con Jaime sono stati riprodotti per la giuria e hanno contribuito in non piccola parte alla condanna di Fuster. Ma in una deposizione successiva, Jaime ha insistito sul fatto che era d'accordo con loro solo perché era "stanco di dire la verità, continuavano a dire che non ti credo, non ti credo". Era "perché mi stavo stancando". [che] ho detto una bugia." Quando gli è stato chiesto come sapeva quali bugie dire, il bambino ha risposto, "perché il dottore [Braga] me l'ha detto".

    Anche così, Jaime è rimasto saldo nel corso degli anni. Dopo che Frank e Ileana sono stati arrestati, il ragazzo è andato a vivere con la madre naturale e il marito, che in seguito lo hanno adottato. Quasi sei anni dopo, Jaime era un denunciante in una causa civile contro la compagnia di assicurazioni per lo sviluppo di Country Walk. Diverse famiglie di bambini nel caso hanno ottenuto ingenti premi in denaro in tute simili. In una deposizione presa per un'azione che avrebbe potuto portargli più di un milione di dollari, Jaime, che ora aveva 15 anni, ancora una volta ha negato categoricamente che suo padre avesse mai aggredito sessualmente lui o qualcun altro. Fino ad oggi, dice di non ricordare di aver mai sperimentato o assistito a tali crimini. Ricorda però il Braga. In una dichiarazione giurata nel 1994, Jaime disse: "Ricordo che mi interrogavano e mi interrogavano e non mi lasciavano solo, e penso che arrivasse al punto in cui non sapevo cosa mi dicevano. . Ricordo che volevo solo andarmene, volevo solo andare."

    I Braga potrebbero aver intimidito Jaime, ma credevano sinceramente che il test della gonorrea usato su di lui fosse affidabile. Apparentemente non sapevano che la procedura aveva degli inconvenienti. Dopo il processo di Fuster, i ricercatori dei Centers for Disease Control hanno concluso che il test è noto per dare falsi positivi.

    Quando il caso è andato a processo, le accuse contro i Fusters includevano rituali satanici, minacce con maschere e armi, droga di 21 bambini, rinchiudendoli negli armadi, costringendoli a consumare feci e urina, a ballare nudi, mangiare mani umane, sorseggiare formiche attraverso le cannucce: atrocità drammatiche e scioccanti, se vere. Ma quando il caso Fuster era pronto per il tribunale, l'uso dei cosiddetti esperti per estrarre storie di abusi da bambini era stato preso di mira. Le giurie, e anche alcuni pubblici ministeri, stavano cominciando a notare che molti investigatori dicevano ai bambini cosa dire. Stava diventando evidente anche che molte delle storie per bambini erano palesemente assurde.

    Reno sapeva che per avere successo dove altri pubblici ministeri avevano fallito, avrebbe dovuto dare alla giuria di Fuster qualcosa di più delle storie di abusi suscitate dai Bragas e un test di gonorrea "positivo" in un solo bambino. Il fatto che Frank e Ileana insistessero sul fatto che erano innocenti stava diventando fastidioso. Quindi l'ufficio di Reno ha deciso di concentrarsi sulla condanna di Frank offrendo a Ileana una pena ridotta se si fosse dichiarata colpevole e avesse testimoniato contro suo marito.

    Quando i Fuster furono arrestati nell'agosto del 1984, erano sposati da soli 11 mesi. Ileana aveva solo 17 anni. Il suo rifiuto di collaborare con il pubblico ministero ha provocato un aumento della pressione su di lei.

    Ileana non era invincibile e Reno ha giocato sulle sue debolezze. Poco dopo l'arresto di Ileana, aveva trascorso un po' di tempo in "custodia protettiva" - isolamento. Secondo Shirley Blando, il cappellano della prigione, questo ha avuto un effetto traumatico su Ileana. L'investigatore privato Stephen Dinerstein, un assiduo frequentatore di Ileana in prigione, ha detto: "È stata spesso tenuta sotto sorveglianza per il suicidio, tenuta nuda.Quando andavo a trovarla, il fatto che fosse in isolamento costituiva metà della conversazione. Ha avuto davvero difficoltà. Era solo una ragazzina." Quando Ileana ha rifiutato le richieste del pubblico ministero di testimoniare contro Frank, è stata riportata in isolamento.

    Nell'ottobre 1994, dieci anni dopo, Ileana parlò, sotto giuramento, con l'avvocato Arthur Cohen. Una dichiarazione giurata di quell'intervista è stata trascritta nel verbale del tribunale. Ha detto che era stata drogata per la maggior parte del tempo che era in prigione. La sedazione ". mi avrebbe aiutato a riposare, dicevano, perché non mangiavo bene e... Non dormivo bene." Spesso non era in grado di tenere traccia del tempo, o di che giorno fosse.

    Durante gran parte dell'anno in cui è stata in prigione, il suo avvocato, Michael Van Zamft, è stato l'unico visitatore di Ileana, e le sue conversazioni consistevano in ripetute suppliche affinché ricordasse qualcosa sugli abusi sui minori. Con l'avvicinarsi del processo, Van Zamft aumentò la pressione. Nella sua dichiarazione giurata Ileana ha ricordato: "Ha detto che avevo bisogno di ricordare qualcosa, o che dovevo avere qualcosa da dire. E poi pensò che avevo dei problemi e che dovevo farmi vedere da uno psicologo." Cominciò a spaventare Ileana, dicendole che l'accusa avrebbe vinto la causa "e che era necessario che io ricordassi tutto e lo dicessi." Se non lo avesse fatto, ha detto Van Zamft a Ileana, avrebbe "passato il resto della sua vita in prigione".

    Nonostante il giudizio di uno psicologo rispettabile che Ileana non soffrisse di amnesia o altri disturbi della memoria, Van Zamft assunse altri due psicologi per "riportarle indietro la memoria". Michael Rappaport e Merry Sue Haber gestivano un'azienda chiamata Behavior Changers. Il loro compito era lavorare su Ileana e "recuperare" i ricordi di abusi che aveva bloccato dalla sua mente. Ileana ricorda di aver incontrato Rappaport e Haber. "Sono stati molto carini. Mi hanno fatto le stesse domande che il mio avvocato mi aveva fatto per tutto quel tempo." Come aveva già fatto, Ileana ha detto ai Behavior Changers che non aveva nulla da dire sugli abusi. Gli psicologi le hanno "spiegato" che "aveva dei problemi e che erano lì per aiutarla". Le hanno diagnosticato che aveva bloccato gli eventi del suo passato.

    Rappaport e Haber iniziarono a visitare Ileana quasi ogni giorno e alcune notti. Spesso veniva svegliata immediatamente prima delle sessioni con loro. All'inizio hanno parlato della sua infanzia e di altri ricordi positivi, ma quando Rappaport e Haber hanno conquistato la sua fiducia, hanno cambiato argomento in abusi sessuali. Ileana ricordò presto agli psicologi che Frank aveva abusato di lei durante il loro matrimonio. Conserva questo ricordo fino ad oggi. Utilizzando gli appunti delle interviste di Braga, gli psicologi hanno descritto scenari vividi.

    Ileana iniziò ad avere incubi sulle azioni che Rappaport e Haber le avrebbero descritto. Ha discusso per un po' con questi Modificatori di Comportamento, dicendo loro che i suoi incubi erano i loro resoconti di abusi, non i suoi ricordi. Quelle cose non erano mai successe, disse loro. Ma le lunghe sessioni sono state stancanti e i sogni di Ileana si sono riempiti di "cose che mi stavano dicendo". Si è confusa su ciò che è realmente accaduto, e alla fine ha ceduto alla pressione e si è convinta che "probabilmente quelle cose sono accadute, e io non l? Non ricordo perché erano così scioccanti. "

    I metodi di "rilassamento e visualizzazione" utilizzati da Rappaport e dal suo partner sono noti da tempo per essere strumenti straordinariamente potenti. Usando questi "esercizi", i Behavior Changers mettono Ileana nello stesso tipo di trance indotta durante l'ipnosi. Da lì, i ricordi di abuso dell'infanzia potrebbero essere impiantati proprio come la tradizionale suggestione post-ipnotica. Rappaport riconobbe la potenza dei suoi metodi.

    In un'intervista del 1991 con la giornalista Debbie Nathan ha descritto il suo lavoro come "quasi come una cosa ipnotica". manipolazione. invertire il lavaggio del cervello." Rappaport e Haber hanno rifiutato di commentare Attico.

    Ileana aveva un'altra chiamante: Janet Reno. Rappaport ha detto a Nathan che il pubblico ministero ha fatto 30 visite a Ileana mentre la giovane donna era in isolamento. (Rappaport da allora ha affermato che 30 era un'esagerazione da parte sua.) Ileana ricorda che Reno le disse "voleva aiutarmi, e che mi era successo qualcosa di veramente brutto ed era suo dovere assicurarsi che fosse fatta giustizia. "

    Un anno dopo il suo arresto, Ileana si è dichiarata colpevole di abusi sessuali. Anche mentre si rivolgeva alla corte, tuttavia, non era convinta della sua colpevolezza. Ha detto al giudice: "[I] vorrei che tu sapessi che mi sto dichiarando colpevole non perché mi sento in colpa, ma perché penso... penso che sia... per il mio stesso interesse e per i bambini e per il tribunale e per tutte le persone che stanno lavorando al caso. Ma non mi dichiaro colpevole perché mi sento in colpa. Sono innocente di tutte queste accuse. Sono innocente. Lo sto solo facendo, mi sto dichiarando colpevole di far finire tutto questo. per il mio bene. "

    Settimane dopo, racconta Ileana, mentre era ancora sotto i farmaci che le erano stati prescritti in prigione, ha rilasciato tre deposizioni in cui ha fornito a Reno l'ambita testimonianza contro Frank. Rappaport l'ha accompagnata, "per darmi forza. in modo che potessi fingere di parlare con lui. perché avevo paura degli avvocati e dei tribunali", e le fornì una serie di spunti verbali per aiutarla a "ricordare" gli abusi.

    Reno si sedeva accanto a lei e di tanto in tanto le teneva la mano. Durante le deposizioni, Ileana ha raccontato la roba dei suoi ricordi appena recuperati che ha raccontato di essere stata violentata, sodomizzata, tagliata, bruciata e drogata da Frank. Disse che aveva accarezzato e baciato i bambini e aveva messo delle supposte nei loro retti. E ha fornito storie bizzarre di tortura, sostenendo che Frank le aveva messo dei serpenti nella vagina e l'aveva appesa per i polsi nel garage mentre teneva Jaime per i piedi.

    Alla fine Ileana è stata condannata a dieci anni. Dopo aver scontato meno di quattro anni, è stata rilasciata e deportata in Honduras. Frank non è stato così fortunato. E 'stato condannato e condannato a sei ergastoli.

    Diversi mesi dopo la dichiarazione giurata di Ileana del 1994 che raccontava le sue esperienze con i Behavior Changers, il giudice del processo di Miami incaricato di ascoltare la mozione di Fuster per un nuovo processo stabilì che tale dichiarazione era una prova sufficiente per richiedere un'udienza, alla quale Ileana avrebbe potuto testimoniare per telefono o trasmissione satellitare dall'Honduras. Quasi subito dopo la sentenza del giudice, Tommy Watson, un ministro locale che era stato determinante nel negoziare il rilascio anticipato di Ileana e il trasferimento nella sua terra natale, è andato a trovarla in Honduras. Tornò con una lettera, con la sua firma, che diceva che era stata confusa durante il suo colloquio con Cohen, che Frank aveva effettivamente abusato di lei e dei bambini e che lei non avrebbe testimoniato in suo favore.

    Sebbene Watson abbia negato di aver influenzato Ileana, una fonte vicina alla sua famiglia riferisce che era spaventata nel credere che la sua cooperazione con Cohen avesse messo in pericolo lei e i suoi cari. Quella è stata l'ultima volta che Ileana è stata ascoltata da Cohen o da una qualsiasi delle altre persone a cui aveva parlato della sua incarcerazione. Non è stato possibile raggiungere Van Zamft per un commento.

    La famiglia Snowden ha letto i resoconti sui giornali di ciò che Arthur Cohen e io stavamo facendo per cercare di ottenere un nuovo processo per Frank Fuster. Si sono messi in contatto e hanno chiesto se avremmo riesaminato la condanna di Grant Snowden. Nel 1984, Snowden fu perseguita con successo da Reno, che usò le stesse tattiche che aveva usato nel caso Fuster: costringere i bambini, usando prove mediche discutibili. Abbiamo deciso di dare un'occhiata al caso. Quando ho iniziato a leggere i verbali del processo e le interviste con le presunte "vittime" del bambino, mi è diventato chiaro che il caso Fuster non era un incidente o una lacuna isolata nel giudizio di Reno. Il suo zelo nel condannare le persone per abusi sui minori è stato ancora una volta il fattore principale. Cohen e io abbiamo preso il caso.

    Nella primavera del 1984 Grant Snowden non aveva idea che sarebbe diventato il bersaglio di un procedimento giudiziario per abusi sui minori di Reno. Come tutti gli altri nel sud della Florida, aveva sentito parlare del caso Fuster, ma Grant e la sua famiglia erano così diversi dai Fuster che l'idea che l'accusa di Fuster potesse avere qualche incidenza sulla sua vita gli sarebbe sembrata assurda. Grant era un poliziotto altamente decorato di North Miami e ufficiale di polizia dell'anno nel 1983. Amava il suo lavoro ed eccelleva in esso. Lui e sua moglie Janice erano sposati da quasi 15 anni e avevano due figli. Per sbarcare il lunario, Janice faceva da babysitter ad alcuni bambini del vicinato.

    Quella primavera, Grant notò che uno di loro, Greg Wilkes di quattro anni, aveva lividi sul viso, come se fosse stato picchiato. Preoccupati, Grant e Janice hanno avvertito i genitori di Greg che se il ragazzo fosse stato lasciato di nuovo in quelle condizioni, avrebbero informato l'agenzia per la protezione dei bambini della Florida. Poco dopo, il padre di Greg ha riferito alla polizia che Grant aveva molestato sessualmente Greg baciando il pene del ragazzo e mettendo il proprio pene nella bocca di Greg.

    L'ufficio di Reno ha indagato sulle accuse dei Wilkes e a giugno ha concluso che c'era "insufficiente". prove per sporgere denuncia." Tra le informazioni che senza dubbio hanno portato a quella decisione c'era il fatto che uno psicologo che aveva in cura Greg - e che era stato testimone dell'accusa nel caso Fuster - si era sentito obbligato ad avvertire il signor Wilkes "di smettere facendo pressione su Greg per dire cose che non era pronto a dire,", in particolare "che [Snowden] aveva messo il suo pene nella bocca di Greg".

    Nell'estate del 1984 i media del sud della Florida furono consumati dall'inchiesta Fuster. Le storie che condannavano i Fuster e gli avvertimenti sui rischi affrontati dai bambini negli asili nido erano diventate un'ossessione locale. Quando l'immaginazione e la paura del pubblico si sono accese, l'ufficio di Reno è stato inondato di segnalazioni di abusi sui minori. Secondo una storia in araldo di Miami, a fine agosto Reno stava indagando su 20 casi criminali di abuso e 11 asili nido erano stati chiusi. In mezzo a questa furia comune, i genitori di un altro bambino curato da Janice Snowden, l'undicenne Carol Banks, si sono fatti avanti con un'accusa contro Grant Snowden. La procura ha riaperto le indagini. Snowden è stato sospeso dalle forze di polizia.

    I Braga, ormai saldamente radicati nell'ufficio di Reno, sono stati messi a disposizione dei genitori dei bambini accuditi nella casa Snowden. Un'intervista a Braga insieme a un intenso interrogatorio da parte della madre di Carol era tutto ciò che era necessario per far accettare all'undicenne di essere una bambina abusata. Reno ha proceduto al processo. La giuria ha emesso un verdetto di "non colpevolezza". Ma il pm voleva una condanna. Grant è stato detto dai pubblici ministeri durante il processo che sarebbero state prodotte più "vittime". Sarebbe stato processato più e più volte, un bambino alla volta, finché Reno non avesse avuto la sua condanna.

    Continuano le interviste a Braga. Laurie Braga ha interrogato un'altra bambina, Jennifer Blandes. Prima di incontrare Braga, la madre di Jennifer aveva chiesto ripetutamente alla bambina di quattro anni se fosse stata abusata. Jennifer era coerente: non le era successo niente a casa degli Snowden. E mentre iniziava il colloquio con Braga, la bambina continuava a negare qualsiasi maltrattamento lì. "Ho bisogno di sapere cosa è successo veramente" è stata la risposta di Braga. Quando questo si rivelò infruttuoso nel persuadere il bambino ad accusare Snowden, Braga le fornì suggerimenti di atti sessuali tra i quali poteva scegliere, assicurando al contempo a Jennifer che i suoi amici avevano già descritto tali abusi. Altri bambini "sono venuti e mi hanno parlato di un adulto che li toccava, si toglieva i vestiti e faceva qualcosa con il loro pene", ha detto Braga. Jennifer si sentirebbe meglio se anche lei raccontasse i "yucky segreti." Jennifer si rifiutò di obbedire, così Laurie Braga aumentò la pressione.

    Ha tirato fuori le sue bambole anatomicamente dettagliate, le ha spogliate e ha detto a Jennifer di fingere che una delle bambole fosse Jennifer e che la bambola adulta fosse Snowden. Jennifer acconsentì, ma disse a Braga che prima "Mi rimetterò i vestiti" Dato che Snowden completamente vestito non si adattava allo scenario che Braga stava cercando, suggerì a Jennifer, "Facciamo finta. " e ha continuato a manipolare le bambole svestite fino a quando il bambino confuso e frustrato ha finalmente deciso che la bambola Snowden ha messo il dito nella vagina della bambola Jennifer.

    Ciò che era chiaro nel caso Fuster era ancora più evidente in quello di Grant Snowden: tutte le accuse sessuali di Jennifer Blandes venivano prima dalla bocca di Laurie Braga. Eppure Reno ha presentato la testimonianza di Jennifer come se provenisse totalmente dai ricordi della bambina.

    Come se le interviste non bastassero, Reno ha permesso ai suoi pubblici ministeri di demonizzare Grant davanti alla giuria. Attraverso diverse mozioni preliminari il pubblico ministero ha assicurato che la giuria non sarebbe mai stata a conoscenza dell'esemplare carriera di polizia di Snowden, o che era stato assolto nel primo processo. I bambini che non erano collegati alle accuse riguardanti Jennifer sono stati fatti sfilare davanti alla giuria per testimoniare che Grant aveva abusato di loro.

    Accusare un imputato di "atti cattivi precedenti" di solito è considerato legalmente improprio perché non ha alcuna attinenza con il caso in esame. Ciò è particolarmente vero dove le accuse dei testimoni non sono stabilite come vere.

    Quando si tratta di casi di abuso sui minori, i tribunali della Florida sono eccezionalmente generosi nel consentire prove di "atti cattivi precedenti". Ma il primo testimone nel caso Snowden era nientemeno che Greg Wilkes, lo stesso bambino le cui accuse erano state respinte mesi prima e il cui padre era stato avvertito di smettere di manipolare il bambino per accusare Snowden. Ora il pubblico ministero ha abbracciato i Wilkes, professando piena fiducia nella loro credibilità.

    Non sorprende che Reno abbia ottenuto la sua condanna. Snowden sta scontando l'ergastolo.

    C'è speranza per Fuster e Snowden. In tutto il paese, le condanne per abusi basate su tattiche simili a Reno vengono invertite mentre i tribunali iniziano a comprendere le travisazioni perpetrate da pubblici ministeri zelanti e vanagloriosi durante l'ultimo decennio e mezzo. Tuttavia, Fuster e Snowden devono affrontare pesanti fardelli. Da quando sono stato coinvolto nel caso, nessuno ha contestato che i bambini nel caso Fuster siano stati sottoposti a tattiche inquisitorie. Né nessuno ha contestato che Ileana sia stata manipolata, o che il test della gonorrea utilizzato su Jaime si sia dimostrato inaffidabile. Sono gli ostacoli procedurali che hanno ostacolato i progressi di Fuster. Snowden deve affrontare anche problemi procedurali. Un imputato condannato ha un numero molto limitato di opportunità per portare avanti il ​​suo caso, anche laddove l'ingiustizia sembra ovvia. Una corte d'appello federale sta ora esaminando il caso di Snowden.


    Janet Reno

    Janet Reno, la prima donna procuratore generale degli Stati Uniti, ha avuto una vita piena di “primi.” Reno si è laureata in chimica alla Cornell University nel 1960, dopo aver lavorato a scuola come cameriera e dormitorio supervisore. Ha poi conseguito la laurea in legge presso la Harvard Law School nel 1963, una delle sedici donne in una classe superiore a 500. Alla fine è diventata socia di uno studio legale che in precedenza le aveva negato una posizione perché era una donna.

    Il suo primo ingresso nel governo è stato nel 1971 come direttore del personale del Comitato giudiziario della Camera dei rappresentanti della Florida, dove ha contribuito a rivedere il sistema giudiziario della Florida. Nel 1978, è diventata la prima donna a dirigere l'ufficio di un procuratore di contea in Florida. In qualità di procuratore dello stato della contea di Dade, Reno è stato il primo procuratore della Florida a incaricare gli avvocati di riscuotere i pagamenti per il mantenimento dei figli da padri fannulloni. Vincendo le elezioni per quattro mandati come democratico nella contea repubblicana di Dade, fortemente conservatrice, Reno ha contribuito a istituire il Miami Drug Court, che è servito da modello per altri tribunali, ha contribuito a riformare il sistema di giustizia minorile e ha focalizzato l'attenzione sui necessari programmi di prevenzione per figli.

    Nominato procuratore generale degli Stati Uniti dal presidente Clinton nel 1993, Reno ha lavorato per ridurre la criminalità e la violenza per migliorare la prevenzione e gli sforzi di intervento precoce per tenere i bambini lontani da bande, droga e violenza per far rispettare i diritti civili per garantire pari opportunità a tutti di perseguire le violazioni dei statuti ecologici e per costruire un Dipartimento di Giustizia che punta all'eccellenza e alla professionalità. Ha affrontato molte decisioni controverse, incluso il confronto con il culto religioso Branch Davidian a Waco, in Texas. Nonostante alcuni attacchi a Reno per questa azione, Reno ha vinto il rispetto degli americani medi assumendosi la responsabilità dell'operazione senza battere ciglio. Allo stesso modo, Reno ha preso la difficile decisione di fare irruzione nella casa dei parenti di Elian Gonzalez in modo che il cubano di sei anni potesse essere restituito alla custodia di suo padre. Ancora una volta, alcuni hanno cercato di indovinare la decisione di Reno, ma lei è rimasta ferma.

    L'infanzia di Reno le ha insegnato a lottare per l'eccellenza e a sostenere l'assoluta onestà. Suo padre era un giornalista crociato per il Miami Herald mentre sua madre, anche lei giornalista, ha costruito la casa della famiglia ed era nota per combattere gli alligatori. Significativamente, sua madre l'ha influenzata con questa omelia: “Bene, meglio, meglio. Non riposarti mai finché il bene non è meglio e il meglio è il migliore

    Anno onorato: 2000

    Nascita: 1938 - 2016

    Nato a: Florida

    Risultati: Governo

    Educato in: Massachusetts, New York, Stati Uniti d'America

    Scuole frequentate: Cornell University, Harvard Law School


    Janet Reno, la prima donna a ricoprire la carica di procuratore generale, muore a 78 anni dopo anni di lotta contro il morbo di Parkinson

    Janet Reno, il cui incarico insolitamente lungo come primo procuratore generale donna degli Stati Uniti è iniziato con un disastroso assalto ai cultisti in Texas ed è terminato dopo il drammatico raid che ha restituito Elian Gonzales al padre cubano, è morta a 78 anni dopo

    Janet Reno, il cui incarico insolitamente lungo come primo procuratore generale donna degli Stati Uniti è iniziato con un disastroso assalto ai cultisti in Texas ed è terminato dopo il drammatico raid che ha restituito Elian Gonzalez al padre cubano, è morto dopo anni di lotta con il debilitazione del morbo di Parkinson. Aveva 78 anni.

    La sua figlioccia Gabrielle D'Alemberte ha detto che Reno ha trascorso i suoi ultimi giorni a casa a Miami circondata da familiari e amici, secondo l'Associated Press.

    Quando Reno arrivò a Washington nel 1993 come terza scelta del presidente Clinton per l'incarico, fece una figura insolita per il massimo funzionario delle forze dell'ordine della nazione, non solo per il suo sesso.

    Era alta (quasi 6 piedi), single e portava con sé una reputazione un po' mitica come donna che aveva lottato contro gli alligatori mentre cresceva nelle zone rurali del sud della Florida e come un duro procuratore a Miami che ha lottato con mafiosi e spacciatori di droga.

    Nel giro di poche settimane ha commesso quello che ha riconosciuto essere un errore mortale, approvando un assalto dell'FBI a un complesso di culto a Waco, in Texas, che ha portato alla morte di circa 80 bambini, donne e uomini.

    Il disastro avrebbe potuto farla fare le valigie, ma il fatto che si sia presa direttamente la colpa ("Sono responsabile. Il dollaro finisce con me.") invece l'ha resa pubblica come la rara figura politica che ha accettato la responsabilità delle sue azioni .

    "Alla gente piaceva davvero Janet Reno", ha detto Carl Stern, un ex corrispondente di notizie di rete che è stato il suo portavoce. "La gente la giudicava autentica e sincera e lavorava al loro servizio".

    Foto di leader, star e altre figure importanti che sono morte nel 2016.

    Il tocco magistrale di Wong ha conferito una qualità poetica al "Bambi" della Disney che lo ha aiutato a resistere come un classico dell'animazione. Il pionieristico artista cinese-americano ha influenzato le generazioni successive di animatori. Necrologio completo

    Dopo aver fatto irruzione sulla scena al fianco di Gene Kelly nel classico musical del 1952 "Singin' in the Rain", Reynolds è diventato il tesoro d'America e una potente star al botteghino per anni. La sua scomparsa è avvenuta solo un giorno dopo la morte di sua figlia, Carrie Fisher, all'età di 60 anni. Reynolds aveva 84 anni. Necrologio completo

    (John Rooney / Associated Press)

    L'attrice e scrittrice Carrie Fisher è diventata famosa in tutto il mondo come la pionieristica eroina intergalattica Principessa Leia nel franchise di "Star Wars". In seguito si è affermata come autrice e sceneggiatrice con un tocco comico aspro. Aveva 60 anni. Necrologio completo.

    La scoperta da parte di Rubin delle prove dell'esistenza della materia oscura ha rivelato che "c'è molto di più là fuori di quanto ci aspetteremmo in base alla nostra esperienza di buon senso", ha affermato James Bullock, professore di fisica e astronomia all'UC Irvine. Necrologio completo

    George Michael, il cantautore inglese che ha raggiunto la celebrità negli anni '80 come metà del duo pop Wham!, è diventato uno dei più grandi artisti solisti pop dell'epoca con successi come "Faith" e "I Want Your Sex". " Aveva 53 anni. Necrologio completo

    (Francois Mori / Associated Press)

    L'atleta ampiamente conosciuto con il soprannome di "Miruts the Shifter" (n. 191) ha vinto due medaglie d'oro alle Olimpiadi di Mosca del 1980 all'età di 40 anni e ha vinto medaglie di bronzo in precedenza ai Giochi di Monaco del 1972. La leggenda del running etiope ha ispirato atleti di livello mondiale come Haile Gebrselassie. Aveva 72 anni. Necrologio completo

    La prima donna a diventare pastore luterano nella contea di Orange, Wolfe-Devol si è rivolta alla comunità LGBT e ha contribuito a spianare la strada al voto del 2009 della Chiesa evangelica luterana in America che ha permesso al clero gay e lesbico di sposarsi apertamente e continuare a servire nella chiesa. Aveva 61 anni. Necrologio completo

    (Per gentile concessione della famiglia Devol)

    Era l'ultima sorella sopravvissuta di tre sorelle famose per i loro stili di vita sontuosi e molti matrimoni quanto per le loro carriere nel mondo dello spettacolo. I crediti cinematografici di Gabor includono "Touch of Evil" e "Queen of Outer Space". Aveva 99 anni. Necrologio completo

    Il cannoniere dell'elicottero nella guerra del Vietnam ha contribuito a porre fine al massacro di centinaia di civili vietnamiti disarmati da parte delle truppe statunitensi nel villaggio di My Lai il 16 marzo 1968. Aveva 67 anni. Necrologio completo

    Il chirurgo toracico ha inventato una tecnica anti-soffocamento nel 1974. Così semplice che poteva essere eseguita dai bambini, l'omonima manovra ha reso Heimlich un nome familiare. Aveva 96 anni. Necrologio completo

    (Al Behrman / Associated Press)

    Glenn è diventato un eroe americano come primo astronauta statunitense in orbita attorno alla Terra. Ha anche servito per 24 anni come senatore degli Stati Uniti dall'Ohio. Trentasei anni dopo il suo primo volo, divenne l'uomo più anziano ad andare nello spazio. Aveva 95 anni. Necrologio completo

    Greg Lake, a sinistra, nella foto con Keith Emerson e Carl Palmer della band Emerson, Lake and Palmer, ha contribuito a fare da pioniere nel vasto genere del rock progressivo alla fine degli anni '60 e '70. Aveva 69 anni. Necrologio completo

    La popolarissima attrice dell'India meridionale in seguito si è dedicata alla politica ed è diventata il più alto funzionario eletto nello stato del Tamil Nadu. Aveva 68 anni. Necrologio completo

    Lee ha superato la discriminazione per diventare il primo americano asiatico a vincere una medaglia olimpica e il primo tuffatore a vincere medaglie d'oro consecutive in due diverse Olimpiadi: a Londra nel 1948 e a Helsinki nel 1952. Aveva 96 anni. Necrologio completo

    L'ex leader cubano ha portato la sua nazione caraibica sulla scena mondiale provocando il confronto della Guerra Fredda e sfidando la politica degli Stati Uniti attraverso 11 amministrazioni. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    Meglio conosciuta per la sua interpretazione di Carol Brady in "The Brady Bunch", Henderson
    ritrasse una figura materna idealizzata per un'intera generazione. Il suo personaggio era il centro dello spettacolo, allegramente allevando la sua nidiata in un'epoca in cui il divorzio stava diventando più comune. Aveva 82 anni. Necrologio completo

    (Jay L. Clendenin / Los Angeles Times)

    Soprannominato “Dott. Wonderful” dai media, il chirurgo texano ha eseguito con successo il primo trapianto di cuore negli Stati Uniti e il primo impianto al mondo di un cuore completamente artificiale. Ha anche fondato il Texas Heart Institute a Houston. Aveva 96 anni. Necrologio completo

    (David J. Phillip / Associated Press)

    L'eminente avvocato di Los Angeles è passato dal difendere suo padre, un potente boss della mafia, a rappresentare celebrità, uomini d'affari corrotti, boss della droga e la cosiddetta Hollywood Madam, Heidi Fleiss. Aveva 70 anni. Necrologio completo

    (Ken Hively / Los Angeles Times)

    Il pluripremiato giornalista ha scritto per il Washington Post e il New York Times prima di diventare un anchorman dei programmi di notizie televisive pubbliche "PBS NewsHour" e "Washington Week". La sua carriera includeva anche la moderazione dei dibattiti dei vicepresidenti nel 2004 e nel 2008. Aveva 61 anni. Necrologio completo

    (Brendan Smialowski/Getty Images)

    Immediatamente riconoscibile per la sua lunga criniera bianca e una voce ricca e cordiale, Russell ha cantato, scritto e prodotto alcuni dei migliori dischi del rock 'n' roll. I suoi successi includevano "Delta Lady", "Roll Away the Stone", "A Song for You" e "Superstar". Aveva 74 anni. Necrologio completo

    (Luis Sinco / Los Angeles Times)

    La sensibilità letteraria del cantautore e le eleganti dissezioni del desiderio lo hanno reso una delle figure più influenti e ammirate della musica popolare per quattro decenni. Cohen è meglio conosciuto per le sue canzoni come "Hallelujah", "Suzanne" e "Bird on the Wire". Aveva 82 anni. Necrologio completo

    (Joel Saget/AFP/Getty Images)

    Reno è stata la prima donna a servire come procuratore generale degli Stati Uniti. Il suo incarico insolitamente lungo è iniziato con un disastroso assalto ai cultisti in Texas e si è concluso dopo il drammatico raid che ha restituito Elian Gonzalez al padre cubano. Aveva 78 anni. Necrologio completo

    (Dennis Cook / Associated Press)

    Il radicale degli anni '60 era all'avanguardia del movimento per fermare la guerra del Vietnam e divenne uno dei più noti sostenitori della causa liberale della nazione. Aveva 76 anni. Necrologio completo

    (George Brich / Associated Press)

    Tabei è stata la prima donna a scalare l'Everest nel 1975. Nel 1992 è stata anche la prima donna a completare le “Sette Cime”, raggiungendo le vette più alte dei sette continenti. Aveva 77 anni. Necrologio completo

    Con più di 70 anni sul trono, Bhumibol era il monarca più longevo al mondo al momento della sua morte. Discendente di una dinastia di 700 anni, Bhumibol era il pronipote del re Mongkut, che è stato raffigurato nel musical di Rodgers e Hammerstein "The King and I". Aveva 88 anni. Necrologio completo

    Nixon era la forza creativa dietro le famose soap opera "One Life to Live" e "All My Children". È stata una pioniera nel portare sulla televisione diurna problemi sociali come il razzismo, l'AIDS e la prostituzione. Aveva 93 anni. Necrologio completo

    (Chris Pizzello / Associated Press)

    L'ex presidente israeliano è stato uno dei padri fondatori di Israele. Il premio Nobel per la pace è stato uno dei primi sostenitori dell'idea che la sopravvivenza di Israele dipendesse dal compromesso territoriale con i palestinesi. Aveva 93 anni. Necrologio completo

    Il regista horror noto come il "padrino del sangue" ha diretto film come "Blood Feast" e "Two Thousand Maniacs". Ha aperto la strada al genere horror negli anni '60 noto come il "film splatter", che si concentrava sul sangue e sulla raccapricciante. Aveva 87 anni. Necrologio completo

    Sette volte campione professionista di tornei importanti, Palmer ha rivoluzionato il marketing sportivo come è noto oggi e il suo successo ha contribuito ad aumentare le entrate per gli atleti di tutto lo spettro sportivo. Aveva 87 anni. Necrologio completo

    (David J. Phillip / Associated Press)

    Conosciuto come l'esorcista del Vaticano, Amorth, un prete cattolico romano, ha contribuito a promuovere il rituale di bandire il diavolo da persone o luoghi. Aveva 91 anni. Necrologio completo

    Il drammaturgo americano era noto per opere come "The Zoo Story", "The Sandbox", "Who's Afraid of Virginia Woolf?" e "Un delicato equilibrio". Ha vinto tre volte il Premio Pulitzer per il dramma. Aveva 88 anni. Necrologio completo

    (Jennifer S. Altman / Per i tempi)

    Il romanziere canadese ha unito realismo magico e baseball nel suo romanzo del 1982 "Shoeless Joe", che è diventato il progetto per il film candidato all'Oscar del 1989 "Field of Dreams". Aveva 81 anni. Necrologio completo

    Il leone liberale di lunga data di Los Angeles era amico di re, presidenti, magnati e star di Hollywood che usavano la sua ricchezza e le sue connessioni per promuovere una vasta gamma di cause e candidati. Aveva 96 anni. Necrologio completo

    Il pioniere dello ska e leggenda della musica giamaicana ha registrato migliaia di dischi, inclusi successi come "Al Capone" e "Judge Dread". Ha contribuito ad accendere il movimento ska in Inghilterra, e in seguito ha contribuito a portarlo nell'era rock-steady a metà degli anni '60. Aveva 78 anni. Necrologio completo

    (Larry Ellis/Getty Images)

    Conosciuta come "la first lady dell'antifemminismo", Schlafly era un'attivista politica che ha galvanizzato i conservatori di base per aiutare a sconfiggere l'Equal Rights Amendment e, nei decenni successivi, a spingere efficacemente il Partito Repubblicano a destra. Aveva 92 anni. Necrologio completo

    (Christine Cotter / Los Angeles Times)

    O'Brian ha contribuito a domare il selvaggio West come protagonista della serie televisiva "The Life and Legend of Wyatt Earp" ed è stato il fondatore di un'organizzazione di sviluppo della leadership giovanile di lunga data. "Wyatt Earp" è diventata una delle migliori 10 serie e ha reso O'Brian un nome familiare. Aveva 91 anni. Necrologio completo

    (Ricardo De Aratanha / Los Angeles Times)

    Jerry Heller, il primo manager degli N.W.A, era una personalità importante e colorata nell'emergente scena rap della West Coast negli anni '80. Heller aveva 75 anni. Necrologio completo

    (Lori Shepler / Los Angeles Times)

    Il due volte candidato all'Oscar Gene Wilder ha portato una miscela unica di energia maniacale e malinconia stanca del mondo a film così vari come il film per bambini del 1971 "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato" e la commedia del 1980 "Stir Crazy". Aveva 83 anni. Necrologio completo

    L'amato cantante messicano più venduto ha corteggiato le folle su entrambi i lati del confine con ballate d'amore e di dolore per più di quattro decenni. Aveva 66 anni. Necrologio completo

    (Wilfredo Lee / Associated Press)

    Conosciuta come la "regina della maglieria", Sonia Rykiel è diventata un appuntamento fisso della scena della moda parigina, a partire dal 1968. Il presidente francese Francois Hollande l'ha elogiata come "una pioniera" che "ha offerto alle donne libertà di movimento". Aveva 86 anni. Necrologio completo

    (Thibault Camus / Associated Press)

    Il commentatore politico conservatore ha ospitato il programma televisivo pubblico settimanale di lunga data "The McLaughlin Group" che ha contribuito a modificare la forma del discorso politico sin dal suo debutto nel 1982. Aveva 89 anni. Necrologio completo

    (Kevin Wolf / Associated Press)

    Famoso per le sue registrazioni post-bop per la Blue Note Records negli anni '60 e '70, l'inventivo vibrafonista jazz ha suonato con una litania di grandi del jazz sia come bandleader che come sideman durante una carriera che dura da più di 50 anni. Aveva 75 anni. Necrologio completo

    (Scott Chernis / Associated Press)

    L'attore britannico, alto un metro e ottanta, ha dato vita al droide "Star Wars" R2-D2, uno dei personaggi più amati della serie di space-opera e tra i robot più iconici nella storia della cultura pop. Aveva 81 anni. Necrologio completo

    (Reed Saxon / Associated Press)

    Per molti a Los Angeles, Folsom era il volto della Parent Teacher Student Assn., meglio conosciuta come PTSA o PTA. Ha servito come cane da guardia ufficiale e non ufficiale del distretto scolastico unificato di Los Angeles e ha scritto delle sue esperienze nel suo blog. Aveva 69 anni. Necrologio completo

    (Mark Boster / Los Angeles Times)

    Fountain ha unito la sensibilità dell'era Swing del clarinettista jazz Benny Goodman con lo stile casalingo e a ruota libera caratteristico del jazz tradizionale di New Orleans per diventare una star nazionale negli anni '50 come solista in primo piano nel "The Lawrence Welk Show". Aveva 86 anni. Necrologio completo

    (Luis Sinco / Los Angeles Times)

    Nata Youree Harris, Cleo è diventata un'icona culturale come portavoce di Psychic Readers Network, dove ha recitato in spot pubblicitari come una sensitiva giamaicana, piena di accento, che usava le letture dei tarocchi per consigliare le persone che utilizzano il servizio pay-per-call sul loro futuro . Aveva 53 anni. Necrologio completo

    Lowery è stato un pioniere negli sforzi per aiutare le persone che soffrono di povertà, dipendenza e malattie mentali a uscire dalle tende e dalle scatole di cartone sui marciapiedi di Los Angeles e in alloggi di supporto. Aveva 70 anni. Necrologio completo

    (Lawrence K. Ho / Los Angeles Times)

    Nixon, una doppiatrice di Hollywood, può essere ascoltata al posto delle attrici principali in film musicali classici come "West Side Story", "The King and I" e "My Fair Lady". Aveva 86 anni. Necrologio completo

    La vedova dell'erede del grande magazzino era una socialite e filantropa che frequentava l'élite mondiale, incarnava l'alta moda ed era la migliore amica dell'ex first lady Nancy Reagan. Aveva 93 anni. Necrologio completo

    (Evan Agostini / Associated Press)

    Lo scrittore e regista è noto soprattutto per i suoi successi televisivi "Happy Days" e "Laverne & Shirley" e i successi al botteghino "Pretty Woman" e "Runaway Bride". Aveva 81 anni. Necrologio completo

    L'autore e insegnante è stato a lungo affermato come una figura letteraria di spicco della California meridionale. I suoi lavori includono "Golden Days", "There Will Never Be Another You" e il suo libro di memorie "Dreaming, Hard Luck and Good Times in America". Aveva 82 anni. Necrologio completo

    (Ricardo De Aratanha / Los Angeles Times)

    Il sopravvissuto al campo di concentramento nazista ha vinto il Nobel nel 1986 per il suo messaggio "di pace, espiazione e dignità umana". "Notte", il suo resoconto del suo anno nei campi di sterminio, è considerato uno dei risultati più potenti della letteratura sull'Olocausto. Aveva 87 anni. Necrologio completo

    (Allen J. Schaben / Los Angeles Times)

    Uno dei più grandi allenatori di basket di qualsiasi genere o generazione, Summitt ha trascorso 38 anni come allenatore della squadra di basket femminile dell'Università del Tennessee prima che la demenza la costringesse al pensionamento anticipato. Aveva 64 anni. Necrologio completo

    (Wade Payne / Associated Press)

    L'iconico fotografo di moda del New York Times sfrecciò per New York su un'umile bicicletta per coprire lo stile delle grandi dame dell'alta società e dei punk del centro con uguale verve. Aveva 87 anni. Necrologio completo

    (Mark Lennihan / Associated Press)

    Aguirre era meglio conosciuto per la sua interpretazione dell'imponente "Profesor Jirafales", il simpatico e spesso irrispettoso insegnante di giraffe nello spettacolo di successo degli anni '70 "El Chavo del Ocho". La commedia svitata ha contribuito a inaugurare un'era di commedia spigolosa in Messico e altrove. Aguirre aveva 82 anni. Necrologio completo

    Conosciuto come “Mr. Hockey" per le sue capacità durature e la sua feroce competitività, Howe era un membro della Hall of Fame dell'hockey e un ambasciatore di lunga data per il gioco. Aveva 88 anni. Necrologio completo

    Il drammaturgo britannico premio Oscar è noto soprattutto per i suoi drammi teatrali "Amadeus" ed "Equus", che sono stati entrambi trasformati in film acclamati. “Amadeus” ha vinto otto Oscar, incluso uno per Shaffer per la sceneggiatura adattata e uno per il miglior film. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    (Mike Lawn/Evening Standard/Hulton Archive/Getty Images)

    La brillantezza del tre volte campione dei pesi massimi sul ring e la spavalderia all'esterno hanno reso il suo volto uno dei più riconoscibili al mondo. Aveva 74 anni. Necrologio completo

    (John Rooney / Associated Press)

    Crouch, il co-fondatore di Trinity Broadcasting Network, era una delle figure più riconoscibili e durature nel pantheon del televangelismo di Orange Country. Ha goduto del vasto e leale sostegno degli spettatori di "Lodate il Signore", lo spettacolo in cui è apparsa con suo marito, Paul. Aveva 78 anni. Necrologio completo

    (Mark Boster / The LA Times)

    Come Walter Cronkite ed Edward R. Murrow, il giornalista della CBS è entrato a far parte di un gruppo di giornalisti che ha dato il tono alla narrazione televisiva. È stato in "60 Minutes" per 46 anni, detenendo la più lunga permanenza in televisione in prima serata di chiunque altro nella storia. Aveva 84 anni. Necrologio completo

    (Carolyn Cole / Los Angeles Times)

    Il primo capo afroamericano del dipartimento di polizia di Los Angeles, Williams, ha stabilizzato l'agenzia sulla scia tumultuosa delle rivolte del 1992, ma è stato diffidato come un outsider da molti ufficiali e politici. Aveva 72 anni. Necrologio completo

    (Nick Ut / Associated Press)

    Un fedele sostenitore del KPCC dal 2000, Julian era una presenza in onda vivace, imperturbabile e seria familiare alle masse di ascoltatori della radio pubblica nei giorni feriali durante i loro spostamenti mattutini. Al di fuori del lavoro, è stato drammaturgo e attore, attivo nel teatro locale. Aveva 57 anni. Necrologio completo

    L'artista pionieristico ha venduto più di 100 milioni di dischi nel corso della sua carriera, fondendo rock, pop, funk e R&B. Aveva 57 anni. Necrologio completo

    Meglio conosciuta per il suo ruolo di Marie Barone in "Everybody Loves Raymond", la Roberts ha vinto quattro Emmy per il suo lavoro in quello show e uno per il suo lavoro in "St. Altrove." Aveva 90 anni. Necrologio completo

    (Ken Hively / Los Angeles Times)

    Conosciuto come "il padrino di Rodeo Drive", Hayman era un imprenditore seriale il cui occhio per le tendenze, naso per le fragranze e approccio al dettaglio orientato all'ospitalità ha contribuito a plasmare il panorama del lusso di Beverly Hills. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    La leggenda della musica country ha cantato della sua gioventù trasgressiva a Bakersfield e ha scritto un flusso di successi n. 1. Doveva parte della sua fama agli inni conservatori, tra cui la combattiva uscita del 1969 "Okie from Muskogee", che sembrava deridere gli hippy pacifisti di San Francisco. Aveva 79 anni. Necrologio completo

    (Genaro Molina / Los Angeles Times)

    L'acclamato storico dei nativi americani è stato l'ultimo capo di guerra sopravvissuto della tribù dei corvi del Montana. Il presidente Obama gli ha conferito la Medaglia presidenziale della libertà nel 2009. Aveva 102 anni. Necrologio completo

    (J.Scott Applewhite / Associated Press)

    Il ministro degli esteri tedesco più longevo ha mediato la fine della dolorosa divisione di 40 anni della sua patria nel 1990, ma solo dopo aver perseverato per decenni attraverso le fasi più tragiche e distruttive della storia della Germania del XX secolo. Aveva 89 anni. Necrologio completo

    (Martin Meissner / Associated Press)

    L'architetto britannico di origine irachena è stata la prima donna a vincere il Premio Pritzker, la più alta onorificenza dell'architettura. Ha lasciato il segno con edifici come il London Aquatics Centre, il museo MAXXI per l'arte contemporanea a Roma e l'innovativo Bridge Pavilion a Saragozza, in Spagna. Aveva 65 anni. Necrologio completo

    (Kevork Djansezian / Associated Press)

    L'ex conduttore di un talk show televisivo è diventato il primo uomo apertamente gay a far parte del Consiglio comunale di Los Angeles. Ha sostenuto i senzatetto, i gay e le lesbiche e altre cause liberali. Aveva 70 anni. Necrologio completo

    (Christina House / Per i tempi)

    La Duke ha vinto un Oscar all'età di 16 anni per la sua interpretazione di Helen Keller in "The Miracle Worker", la persona più giovane all'epoca a ricevere l'onore. Era anche conosciuta per la sua vivace sitcom televisiva degli anni '60, "The Patty Duke Show". Aveva 69 anni. Necrologio completo

    La carriera comica di Garry Shandling ha attraversato decenni, ma è meglio conosciuto per il suo ruolo di Larry Sanders, conduttore di un talk show immaginario. La sua sitcom ha spinto i confini della TV, influenzando programmi come "The Office" e "Modern Family". Aveva 66 anni. Necrologio completo.

    (Robert Gauthier / Los Angeles Times)

    Ken Howard è stato presidente di SAG-AFTRA e attore noto per il suo ruolo in TV "The White Shadow". Ha sostenuto la fusione dei due più grandi sindacati di attori di Hollywood, che hanno avuto una storia di sparring. Aveva 71 anni. Necrologio completo

    (Al Seib / Los Angeles Times)

    Phife Dawg, a destra, ha formato il gruppo hip-hop pionieristico A Tribe Called Quest alla fine degli anni '80 a New York con il suo amico d'infanzia Q-Tip, a sinistra. Aveva 45 anni. Necrologio completo

    La devozione dell'ex first lady per suo marito l'ha resa una formidabile giocatrice dietro le quinte nelle sue amministrazioni e una delle mogli presidenziali più influenti dei tempi moderni. Aveva 94 anni. Necrologio completo

    Martin, il secondo da destra, con Paul McCartney, a sinistra, George Harrison, Ringo Starr e John Lennon nel 1963, produsse quasi tutte le registrazioni dei Beatles, consigliandoli sulla composizione e sull'arrangiamento e catturando la vitalità delle loro prime esibizioni in studio. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    Il disc jockey radiofonico di lunga data di Los Angeles, il cui vero nome era Art Ferguson, ha ospitato il programma radiofonico mattutino per la popolare e influente stazione KHJ-AM alla fine degli anni '60 e ha continuato a essere un attore chiave nel lancio delle centrali elettriche degli ultimi giorni KROQ- AM e KIIS-FM. Aveva 71 anni. Necrologio completo

    (Lawrence K. Ho / Los Angeles Times)

    L'attore veterano ha costruito la sua carriera all'inizio della carriera interpretando i pezzi grossi e ha vinto un Oscar nel 1968 per il suo ruolo secondario come il duro detenuto del campo di prigionia del sud che è cresciuto fino al culto dell'eroe, il ribelle personaggio del titolo di Paul Newman in "Cool Hand Luke". Aveva 91 anni. Necrologio completo

    (Warner Bros./Getty Images)

    Imprenditore prolifico, Mann nel corso di sette decenni ha fondato 17 aziende in settori che vanno dall'aerospaziale ai prodotti farmaceutici, ai dispositivi medici. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    (Kirk McKoy / Los Angeles Times)

    Il diplomatico egiziano ha aiutato a negoziare lo storico accordo di pace del suo paese con Israele, ma poi si è scontrato con gli Stati Uniti quando ha ricoperto un solo mandato come segretario generale delle Nazioni Unite. Aveva 93 anni. Necrologio completo

    (Marty Lederhandler / Associated Press)

    Il capolavoro del romanziere del 1960 "To Kill a Mockingbird" le è valso un Premio Pulitzer e un posto venerato nella letteratura americana. Aveva 89 anni. Necrologio completo

    Il giudice della Corte Suprema Scalia era un focoso conservatore che usava un intelletto acuto, uno spirito pungente e uno zelo per il combattimento verbale per combattere la marea del liberalismo moderno. Aveva 79 anni. Necrologio completo

    (Ray Chavez / Gruppo di notizie della Bay Area)

    Il motociclista professionista di BMX Dave Mirra è stato uno degli atleti più decorati nella storia degli X Games. Detiene il record per il maggior numero di medaglie nella storia con 24. Aveva 41 anni. Necrologio completo

    (Ed Reinke / Associated Press)

    Maurice White, co-fondatore e leader del rivoluzionario ensemble Earth, Wind & Fire, è stato la fonte di una vasta gamma di successi euforici negli anni '70 e nei primi anni '80, tra cui "Shining Star", "September" e "Boogie Wonderland". ' Aveva 74 anni. Necrologio completo

    (Kathy Willens / Associated Press)

    Un tempo finalista per il poeta laureato della California, Alarcón era noto per la sua poesia bilingue sugli immigrati, l'amore e le lingue e le tradizioni indigene del Messico, e anche per i libri bilingue di versi per bambini. Aveva 61 anni. Necrologio completo

    Un membro fondatore degli Eagles, Frey è stato accreditato come il principale artefice della miscela vocale e strumentale che ha definito il gruppo. I successi del gruppo includevano "Best of My Love" e "Hotel California". Aveva 67 anni. Necrologio completo

    (Gijsbert Hanekroot / Redferns)

    In una carriera che comprendeva di tutto, dai film di Hollywood ad alto budget al teatro classico, Rickman ha reso i cattivi comportamenti affascinanti da guardare da "Die Hard" ai film di "Harry Potter". Aveva 69 anni. Necrologio completo

    (Francine Orr / Los Angeles Times)

    L'attore e musicista rock britannico ha prodotto una gamma sorprendente di lavori, dal folk cosmico ("Space Oddity") al glam rock ("Ziggy Stardust") al soul dagli occhi azzurri ("Young Americans") e agli esperimenti elettronici con Brian Eno ("Eroi"). Aveva 69 anni. Necrologio completo

    Il compositore ed ex direttore principale della New York Philharmonic era noto per aver spinto gli amanti della musica e l'establishment musicale a lasciare andare il passato e abbracciare nuovi suoni, strutture e trame. Aveva 90 anni. Necrologio completo

    (Christophe Ena / Associated Press)

    Il vincitore dell'Academy Award è stato venerato come uno dei cineasti più influenti nella storia del cinema per il suo lavoro su classici tra cui "Incontri ravvicinati del terzo tipo" e "Il cacciatore di cervi". Aveva 85 anni. Necrologio completo

    Gordon ha contribuito a rivoluzionare il surf con la creazione della tavola da surf in schiuma. Le sue tavole in poliuretano erano più leggere e più facili da guidare, rendendo accessibile il surf, il che ha contribuito a rendere popolare lo sport a livello globale. Aveva 70 anni. Necrologio completo

    (Charlie Neuman / San Diego Union-Tribune/ZUMA Press)

    L'avvocato e coltivatore di mandorle era noto per la sua battaglia per impedire al progetto del treno proiettile da 68 miliardi di dollari della California di affettare i suoi frutteti di mandorle, parte di una guerra di terra profondamente emotiva che ha attirato centinaia di famiglie di contadini da Merced a Bakersfield. Aveva 92 anni. Necrologio completo

    (Gina Ferazzi / Los Angeles Times)

    Resistendo all'eredità del suo famoso padre, il crooner Nat King Cole, Natalie Cole era una cantante a sé stante. Conosciuta per la sua voce con influenze jazz e gospel, ha venduto più di 30 milioni di album e ha vinto nove Grammy Awards nei suoi quattro decenni di carriera. Aveva 65 anni. Necrologio completo

    Il suo atteggiamento schietto e senza fronzoli l'ha tenuta bene nei sondaggi di opinione pubblica durante gran parte dei suoi quasi otto anni di lavoro, anche se è stata sempre più coinvolta nel fuoco incrociato politico tra repubblicani e democratici per le richieste di indagare sull'amministrazione Clinton.

    Ha nominato sette procuratori speciali per indagare sugli aspetti dell'amministrazione Clinton, tra cui l'accordo immobiliare di Whitewater, il segretario all'agricoltura Mike Espy e il segretario per l'edilizia abitativa Henry Cisneros, guadagnandosi la sua crescente inimicizia dai Clinton. Ma si rifiutò di nominare, nonostante le obiezioni dell'FBI, un ottavo procuratore speciale per esaminare le violazioni del finanziamento della campagna elettorale da parte di Clinton e del vicepresidente Al Gore nel 1996. I repubblicani al Congresso chiesero le sue dimissioni, dicendo che aveva politicizzato il suo ufficio, e continuarono il loro attacchi fino a quando ha lasciato Washington con Clinton nel gennaio 2001. Solo un'altra persona aveva servito più a lungo nel lavoro.

    Frances Fragos Townsend, una repubblicana che ha lavorato nel dipartimento di giustizia sotto Reno ed è stata consigliere per la sicurezza interna del presidente George W. Bush, ha affermato che l'impressione che Reno fosse un procuratore generale politicamente polarizzante era una finzione creata dai suoi oppositori repubblicani e dal media.

    "Hanno creato questa storia intorno a lei", ha detto Townsend. Era una “caricatura e imprecisa. non è solo chi era. Era molto con i piedi per terra e semplice, nel senso che ciò che la spingeva erano i fatti".

    Un anno dopo essere tornata a Miami, dove era nata il 21 luglio 1938, Reno tentò di tornare alla vita pubblica, nonostante le mani che ormai tremavano forte a causa del morbo di Parkinson. Ha corso senza successo per la nomination democratica per opporsi al repubblicano Jeb Bush come governatore, perdendo un vantaggio di 30 punti nei sondaggi in soli due mesi, poi ha lasciato il palco per sempre.

    Reno non aveva un secondo nome, secondo il Palm Beach Post, perché sua madre diceva che era troppo esausta per il travaglio per inventarne uno. I suoi genitori erano giornalisti a Miami e sua madre, a detta di tutti, era un'eccentrica spavalda che ha insegnato a sua figlia a dire quello che pensava.

    Era la quintessenza dell'idealista americano. Credeva che il paese fosse pieno di persone con buone idee.

    Jeremy Travis, presidente del John Jay College of Criminal Justice di New York

    Sua madre, Jane Wood Reno, ha costruito lei stessa la casa di famiglia in quello che allora era un sobborgo rurale di Miami, originariamente su 21 acri con un fienile, mucche e altri animali da fattoria non lontano dalle Everglades. Era sua madre che era nota per il wrestling con gli alligatori, anche se Janet disse che poteva gestire "i più piccoli". Janet è tornata alla casa di famiglia da Washington per trascorrere il resto della sua vita.

    Reno ha studiato chimica alla Cornell University, dove è andata abbastanza bene da essere accettata alla Harvard Law School dopo aver flirtato con l'idea di diventare un medico. Si è laureata ad Harvard nel 1963. Dopo nove anni di pratica privata a Miami, iniziando in diritto immobiliare, Reno si è trasferito a Tallahassee, la capitale dello stato, per diventare consigliere generale della Commissione Giustizia della Camera. È accreditata di aver scritto la legge sul divorzio senza colpa dello stato e di aver supervisionato una riorganizzazione completa del sistema giudiziario dello stato.

    Si è candidata come rappresentante dello stato nel 1971, vincendo le primarie ma perdendo di misura le elezioni generali.

    Dopo un periodo nell'ufficio del procuratore di stato della contea di Dade e un ritorno alla pratica privata, è stata nominata al posto di procuratore di Miami nel 1978, servendo per 15 anni. Ha vinto ripetutamente la rielezione per mantenere quel lavoro nonostante avesse presieduto a un tasso di omicidi in forte aumento e al traffico di droga e le critiche dei giornali locali che fosse più un'amministratrice che un avvocato in tribunale.

    Ha anche dovuto superare un disastro giudiziario all'inizio del suo mandato. Quando il suo ufficio non è riuscito a condannare quattro agenti di polizia bianchi accusati di aver picchiato a morte un dirigente assicurativo nero, sono scoppiate rivolte a Miami, uccidendo 16 persone in quattro giorni, con oltre 1.000 arresti. Si è trovata alienata dai suoi elettori neri, ma li ha riconquistati attraverso ripetute visite a chiese e quartieri neri.

    Sotto pressione per nominare una donna alla carica di procuratore generale, Clinton si è rivolto a Janet Reno solo dopo che le sue prime due scelte per il lavoro, Zoe Baird e Kimba Wood, si sono ritirate perché avevano entrambe impiegate tate che erano immigranti illegali. Reno aveva ampie qualifiche, e lei non aveva figli e quindi non aveva problemi con la tata.

    Anche alcuni addetti ai lavori hanno criticato il suo stile di gestione come procuratore generale. Era una maniaca del lavoro che arrivava nel suo ufficio alle 7 del mattino (a piedi, dal suo appartamento a 10 minuti di distanza) e spesso rimaneva fino a tarda notte. Ma almeno inizialmente, ha rifiutato di delegare l'autorità, che in un dipartimento con 95.000 dipendenti potrebbe essere disastroso. È stata anche criticata per non aver dato la priorità alle liste incessanti su cui chiedeva di agire, e talvolta per non aver agito rapidamente lei stessa sulle raccomandazioni.

    Le questioni legali che circondano i bambini sono state l'obiettivo principale del nuovo procuratore generale, tanto che ha generato alcuni cecchini all'interno del Dipartimento di Giustizia che lei era il procuratore generale per i bambini. Sebbene gli avvocati generali prima e dopo di lei si siano concentrati su argomenti come la criminalità organizzata o la pornografia, a Reno piaceva parlare di come spingere i bambini fuori dalla povertà e di programmi per allontanare gli adolescenti dalla violenza, nonché di questioni più ampie come la prevenzione e la riabilitazione e la creazione di zone di responsabilizzazione. nel centro della città.

    Potrebbe essere stata la preoccupazione per i bambini a metterla nei guai a Waco, perché l'FBI ha detto a Reno, che si era rifiutato di autorizzare un attacco al complesso di Branch Davidian, che avevano bisogno di usare la forza in parte perché i bambini venivano abusati. Ciò si è rivelato falso e l'attacco ha provocato la morte di 25 dei bambini che aveva voluto proteggere.

    Un altro assalto che ha coinvolto un bambino, questo successo ma ugualmente controverso, ha definito la fine del suo mandato come Waco ha definito l'inizio. Reno ha ordinato a Elian Gonzalez di 6 anni, la cui madre è annegata mentre cercavano di raggiungere la Florida da Cuba, allontanato con la forza dai cugini a Miami e tornato da suo padre a Cuba. Sebbene la mossa fosse popolare a livello nazionale, fu insultata nella città in cui Reno stava per tornare.

    Anche nella lista dei successi di Reno, sebbene molto fuori sincronia con la sua retorica, c'era il passaggio del disegno di legge del 1994 sul crimine. Sebbene in gran parte un'iniziativa di Clinton, Reno ha fatto pressioni per questo e ha contribuito a persuadere alcuni liberali a sostenerlo, in parte promettendo standard severi nei casi di pena di morte. Ha finanziato 100.000 nuovi agenti di polizia locale, ha notevolmente ampliato la pena di morte federale, ha fornito fondi per indagare sulla violenza contro le donne e ha vietato alcune armi d'assalto.

    Ma uno dei più grandi successi di Reno potrebbe essere stato il tono che ha dato come procuratore generale. Si è modellata su uno dei suoi predecessori, Robert F. Kennedy, il cui ritratto era appeso nel suo ufficio privato.

    "Era la quintessenza dell'idealista americano", ha detto Jeremy Travis, presidente del John Jay College of Criminal Justice di New York. Travis, che ha lavorato per Reno per sei anni presso il Dipartimento di Giustizia, ha affermato di essere comunque pragmatica e concentrata sui risultati. "Credeva che il paese fosse pieno di persone con buone idee e che avremmo potuto migliorare la nostra società in modi importanti e che le persone di buona volontà che agiscono insieme avrebbero potuto fare una notevole differenza", ha detto.


    16 aprile 1993: Koresh afferma di aver terminato la prima parte del manoscritto ‘Sigilli’

    Il leader David Koresh dice all'FBI di aver completato il lavoro sulla parte del suo manoscritto che spiega il primo dei Sette Sigilli (vedi 14-15 aprile 1993). A Washington, il procuratore generale Janet Reno, dopo un briefing privato del direttore dell'FBI William Sessions, chiede all'FBI di preparare la documentazione sul piano di assalto con gas lacrimogeni attualmente in fase di sviluppo (vedi 12 aprile 1993). [Moro, 1995]


    Il ruolo di Janet Reno nella saga di Elian Gonzales l'ha resa paria tra i cubani di Miami

    MIAMI (AP) – Janet Reno, la prima donna a ricoprire il ruolo di procuratore generale degli Stati Uniti ed epicentro di diverse tempeste politiche durante l'amministrazione Clinton, incluso il sequestro di Elian Gonzalez, è morta lunedì mattina presto. Aveva 78 anni.

    Reno è morta per complicazioni del morbo di Parkinson, ha detto la sua figlioccia Gabrielle D'Alemberte. D'Alemberte ha detto che Reno ha trascorso i suoi ultimi giorni a casa a Miami, circondato da familiari e amici.

    Reno, un ex procuratore di Miami che notoriamente ha detto ai giornalisti "Non faccio filare", ha servito quasi otto anni come procuratore generale sotto il presidente Bill Clinton, il periodo più lungo in un secolo.

    Ma è diventata una paria nella comunità cubano-americana di Miami dopo il suo coinvolgimento nel sequestro di Elian, 5 anni. Nella primavera del 2000, dopo mesi di negoziati altalenanti, il ragazzo è stato prelevato dalla casa di Little Havana dei suoi parenti di Miami per poter essere restituito al padre a Cuba.

    Dopo aver lasciato Washington, Reno è tornato in Florida e ha fatto una corsa senza successo per la carica di governatore della Florida nel 2002, ma ha perso in una primaria democratica segnata da problemi di voto.

    Era una delle figure più riconoscibili e polarizzanti dell'amministrazione. Ha affrontato le critiche all'inizio del suo mandato per il raid mortale nel complesso Branch Davidian a Waco, in Texas, dove sono morti il ​​leader della setta David Koresh e circa 80 seguaci.

    Era nota per deliberare lentamente, pubblicamente e in modo tipicamente schietto. Reno diceva spesso al pubblico "la responsabilità finisce con me", prendendo in prestito il mantra dal presidente Harry S. Truman.

    Dopo Waco, Reno è stato coinvolto in alcune delle controversie e degli scandali che hanno segnato l'amministrazione Clinton, tra cui Whitewater, Filegate, pasticci al laboratorio dell'FBI, Monica Lewinsky, presunte spionaggio nucleare cinese e discutibili finanziamenti alla campagna elettorale nella rielezione Clinton-Gore del 1996.

    La sua carriera pubblica è iniziata tra umili inizi. Nata il 21 luglio 1938, Janet Wood Reno era la figlia di due giornalisti e la maggiore di quattro fratelli. È cresciuta ai margini delle Everglades in una fattoria di cipressi e mattoni costruita da sua madre e vi è tornata dopo aver lasciato Washington. Il suo defunto fratello Robert Reno era un editorialista di lunga data per Newsday a Long Island.

    Dopo essersi laureata in chimica alla Cornell University, Reno divenne una delle 16 donne nella classe del 1963 della Harvard Law School. Reno, che era alta più di un metro e ottanta, in seguito disse che voleva diventare un avvocato "perché non volevo che le persone per dirmi cosa fare."

    Nel 1993, Clinton l'ha scelta per diventare la prima donna a guidare il Dipartimento di Giustizia dopo che le sue prime due scelte - anche donne - sono state ritirate perché entrambe avevano assunto immigrati illegali come tate. Reno aveva 54 anni.

    "È un'esperienza straordinaria e spero di rendere orgogliose le donne d'America", ha detto Reno dopo aver vinto la conferma.

    Clinton ha detto che il voto potrebbe essere "l'unico voto che porto 98-0 quest'anno".

    A poco più di un mese dal suo insediamento, tuttavia, Reno è stato coinvolto in una controversia con l'incursione nel complesso di Branch Davidian vicino a Waco.

    La situazione di stallo era iniziata anche prima che Reno fosse confermato come procuratore generale. Il 28 febbraio 1993, agenti del Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms degli Stati Uniti fecero un raid a sorpresa nel complesso, cercando di eseguire un mandato di perquisizione. Ma durante il raid sono scoppiati gli spari, che hanno ucciso quattro agenti e sei membri della setta religiosa.

    Ciò portò a uno stallo di 51 giorni, che terminò il 19 aprile 1993, quando il complesso prese fuoco e rase al suolo. Il governo ha affermato che i Davidiani si sono suicidati, sparandosi e appiccando il fuoco. I sopravvissuti hanno detto che l'incendio è stato avviato da proiettili di gas lacrimogeni sparati nel complesso dai carri armati del governo e che gli agenti hanno sparato ad alcuni che hanno cercato di fuggire.Reno aveva autorizzato l'uso dei gas lacrimogeni per porre fine alla situazione di stallo e in seguito aveva definito il giorno il peggiore della sua vita.

    "Era una situazione pericolosa", ha detto Reno dell'incidente durante una conferenza del 2005 alla Duke University. "La tragedia è che non sapremo mai quale fosse la cosa giusta da fare".

    Le cose non sono diventate più facili dopo Waco. Nel 1995 a Reno fu diagnosticato il Parkinson dopo aver notato un tremito alla mano sinistra. Ha detto fin dall'inizio che la diagnosi, annunciata durante una conferenza stampa settimanale, non avrebbe compromesso le sue prestazioni lavorative. E i critici, sia repubblicani che democratici, non le hanno dato il permesso per questo.

    I repubblicani hanno sostenuto che avrebbe dovuto chiedere la nomina di un avvocato indipendente per indagare sulle accuse di violazioni della raccolta fondi Clinton-Gore. I democratici, nel frattempo, si sono lamentati del fatto che non fosse riuscita ad agire come una giocatrice di squadra.

    All'inizio del 2000, Reno ha cercato di negoziare il ritorno a Cuba di Elian, 5 anni, che era stato salvato dopo che sua madre e altri erano annegati nel tentativo di navigare da Cuba alla Florida. Era stato affidato alle cure di uno zio di Miami, ma suo padre, che viveva a Cuba, voleva che tornasse sull'isola.

    Quando Reno decise che i colloqui si erano interrotti quell'aprile, ordinò un raid mattutino da parte di agenti federali che sequestrarono il ragazzo, provocando l'ira della comunità cubano-americana di Miami. Reno ha insistito sul fatto che Elian dovesse stare con suo padre - ha persino tenuto un'istantanea di un Elian sorridente tra le braccia di suo padre vicino al suo computer di casa.

    Reno ha detto in seguito che i funzionari federali hanno cercato fino all'ultimo minuto di negoziare una consegna volontaria ed evitare il raid, dove Elian è stato trovato nascosto in un armadio e affrontato da un agente con una pistola.

    "Abbiamo fatto di tutto per risolvere questo caso nel modo meno dirompente possibile", ha detto in una conferenza stampa dopo il raid.

    Come procuratore generale, Reno è stata derisa dai presentatori di talk show notturni per il suo aspetto familiare, il taglio di capelli corto e lavato e le semplici décolleté nere. Il comico Will Ferrell l'ha commemorata in una scenetta "Saturday Night Live" chiamata "Janet Reno's Dance Party" e Reno ha visitato la scenetta la notte in cui ha lasciato il Dipartimento di Giustizia nel gennaio 2001.

    Reno ha iniziato la sua carriera a Miami a metà degli anni '60 e ha avuto il suo primo incontro con il "soffitto di vetro", venendo scartata per un lavoro in uno studio legale perché era una donna. In seguito è diventata partner. Nel 1972, perse una corsa per un seggio legislativo nell'area di Miami, ma apprese l'importanza di attenersi ai suoi principi dal mentore John Orr, un ex legislatore statale.

    "Non equivocare, non fare il fifone, non parlare da entrambi i lati della bocca e ti sveglierai la mattina dopo sentendoti bene con te stesso", ha detto a Reno. È diventato uno dei suoi detti preferiti.

    Dopo aver perso quelle elezioni, Reno è stata assunta dall'ufficio del procuratore dello Stato di Dade, dove si è affermata come avvocato organizzato e competente. Nel 1978, quando il procuratore di stato Richard Gerstein decise di dimettersi, Reno fu nominato suo successore.

    Come pubblico ministero, Reno ha costruito programmi per aiutare a riformare gli spacciatori e combattere la violenza domestica. Un altro programma ha spinto i papà a pagare il mantenimento dei figli, ispirando una canzone rap che porta il suo nome.

    Includeva la frase: "Tutti i soldi che ottieni, tutti gli assegni che fai, Janet Reno si assicurerà e prenderà".

    Ha anche resistito a una rivolta del 1980 dopo che una giuria tutta bianca ha assolto cinque agenti di polizia per la morte percossa di un venditore di assicurazioni nero. Diciotto persone sono state uccise nella rivolta e la folla ha cantato il nome di Reno, accusandola di essere razzista e chiedendo le sue dimissioni. Reno ha rifiutato.

    "Dimettersi significava cedere all'anarchia", ha detto.

    Reno alla fine ha vinto il sostegno della comunità nera della città, partecipando a innumerevoli riunioni della comunità, servizi religiosi e sfilate.

    La sua ultima incursione in politica è stata la corsa per il governatore della Florida. Conosciuta per essere con i piedi per terra - il suo numero di casa era elencato in un elenco di città sia prima che dopo Washington - e persino popolare, ha attraversato lo stato per fare campagna elettorale in un camioncino Ford Ranger rosso. Ma Reno ha perso le primarie contro l'avvocato di Tampa Bill McBride nonostante il riconoscimento del suo nome. Il governatore repubblicano Jeb Bush ha sconfitto McBride per vincere un secondo mandato.

    Dopo il ritiro dalla politica, Reno ha fatto parte dei consigli di amministrazione o consigliere di diverse organizzazioni. Nel 2004 è entrata a far parte del consiglio di amministrazione dell'Innocence Project di New York, che lavora per liberare i prigionieri che possono essere dimostrati innocenti attraverso il test del DNA.

    Ha anche trascorso più tempo con la sua famiglia. Timido e certamente goffo, Reno non si è mai sposato, ma è rimasto estremamente vicino alla sua famiglia affiatata.

    Quando gli è stato chiesto di descrivere la sua eredità dopo aver terminato la sua campagna governativa, Reno ha citato George Washington: "Se dovessi scrivere tutto ciò potrei essere ridotto in lacrime. Preferirei andare alla deriva lungo il flusso della vita e lasciare che la storia decida. "

    Metti mi piace su Facebook
    Seguici su Twitter & Instagram


    È stata la prima donna procuratore generale degli Stati Uniti

    Reno è nato e cresciuto a Miami, in Florida, il 21 luglio 1938 con genitori che lavoravano come reporter per vari giornali di Miami. Ha frequentato la Cornell University per completare la sua laurea prima di iscriversi alla Harvard University per la scuola di legge. Ha terminato la scuola di legge, poi ha lavorato per quattro anni presso Brigham & Brigham, e poi ha lavorato per quattro anni come partner presso Lewis & Reno. Nel 1971, Reno iniziò a lavorare con la Camera dei Rappresentanti della Florida come direttore del personale. Ciò l'ha portata a essere nominata Procuratore di Stato della Florida in quello stato, la prima donna a ricoprire quella posizione! Ha lavorato lì per 15 anni, fino a quando Clinton l'ha nominata 78esimo procuratore generale degli Stati Uniti.


    Ricordando Janet Reno, una campionessa dei diritti delle donne

    L'11 marzo 1993 ha segnato una pietra miliare storica quando Janet Reno è diventata la prima donna a prestare giuramento come procuratore generale degli Stati Uniti.

    Oggi ricordiamo Janet Reno e celebriamo i suoi successi e la sua carriera rivoluzionaria. Reno aveva 78 anni ed è morto dopo 20 anni di battaglia contro il morbo di Parkinson.

    “Nel corso della sua carriera ha combattuto la violenza contro le donne, in particolare la violenza domestica. Femminista, Reno si incontrava spesso con i leader per i diritti delle donne", ha commentato Eleanor Smeal, presidente della Feminist Majority Foundation

    "Poco dopo l'uccisione del dottor David Gunn a Pensacola, in Florida, il 10 marzo 1993, Janet Reno, che aveva appena prestato giuramento come procuratore generale l'11 marzo, ha incontrato i leader dei diritti delle donne che erano preoccupati di salvare la vita dei medici e mantenere cliniche aperte per le donne. La sua porta era sempre aperta ai leader delle donne e prendeva molto sul serio i problemi delle donne", ha continuato Smeal.

    Reno ha intrapreso l'azione senza precedenti di inviare agenti federali per proteggere 12 medici che erano minacciati dopo la sparatoria nel 1994 del dottor John Bayard Britton e della sua scorta, James Barrett, a Pensacola, in Florida.

    Janet Reno era una donna forte e per sempre messa a tacere se una donna in una posizione così importante potesse agire con decisione. Durante i suoi 8 anni di servizio come procuratore generale del presidente Bill Clinton, ha gestito oltraggi nazionali che vanno dal raid mortale dell'FBI nel complesso di culto a Waco, in Texas, all'attentato all'edificio federale di Oklahoma City. Reno, indipendentemente dalle polemiche, incontrava i giornalisti letteralmente settimanalmente e rispondeva alle loro domande, stabilendo uno standard per la trasparenza.

    Reno è stato forte e ha servito come procuratore generale per entrambi i mandati di Clinton, ottenendo il secondo status di procuratore generale più lungo nella storia del nostro paese.

    Il procuratore generale Loretta Lynch, la seconda donna a ricoprire la carica e la prima donna afroamericana ad essere nominata procuratore generale, ha riflettuto sui risultati di Janet Reno e sul suo impatto sulla carriera di Lynch. Il procuratore generale Lynch ricorda Reno come "un'ispirazione e un pioniere per così tante donne che prestano servizio nelle forze dell'ordine e nel governo, inclusa me", ed è stata una delle tante che hanno commemorato Reno come "uno dei più efficaci, decisi e rispettati leader nella storia del Dipartimento di Giustizia”.