Antimaco I Tetradramma

Antimaco I Tetradramma


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


OXUS - Progetto INDUS: una nuova tipologia di conio greco-battriano e indo-greco

Il Center for the Study of Ancient Documents (CSAD) in collaborazione con la Heberden Coin Room dell'Ashmolean Museum ha vinto una sovvenzione di £ 250.000 dall'AHRC per finanziare una collaborazione internazionale con l'American Numismatic Society (ANS) a New York sul nuovo Progetto OXUS-INDUS. Il premio arriva attraverso il programma New Directions in Digital Scholarship in Cultural Institutions creato dall'AHRC e dal National Endowment for the Humanities (NEH) negli Stati Uniti, destinato a finanziare progetti di cooperazione transatlantica. A Oxford, il Prof. Andrew Meadows e il Dr. Simon Glenn lavoreranno con i loro partner Dr. Peter van Alfen e Ethan Gruber presso l'ANS, insieme al Dr. Gunnar Dumke presso la Martin-Luther-Universität Halle-Wittenberg in Germania, per creare una nuova tipologia online e uno strumento di ricerca per le antiche monete greco-battriane e indo-greche.

Per molti dei sovrani dei regni greco-battriano e indo-greco, che esistevano tra c. 250 a.C. e l'inizio del I secolo d.C. e le aree coperte dell'Afghanistan moderno, del Turkmenistan, dell'Uzbekistan, del Tagikistan, del Pakistan e dell'India, le monete sono spesso l'unica prova superstite della loro esistenza. Formati sulla scia dell'incursione di Alessandro Magno nella regione, questi regni rimangono tra le entità politiche e sociali meno comprese e più sottovalutate del mondo antico. In effetti, solo otto di questi re sono noti da fonti letterarie, epigrafiche e archeologiche, mentre oltre 40 possono essere identificati solo sulle monete, una sorprendente disparità nel materiale di partenza che sottolinea l'importanza delle prove numismatiche per la nostra comprensione di questi primi governanti e le loro interazioni con coloro che governavano.

Oggi esistono decine di migliaia di queste monete, disperse in collezioni, sia pubbliche che private, in tutto il mondo, non solo in Europa, Regno Unito e Stati Uniti, ma, cosa piuttosto importante, anche in Afghanistan, Pakistan e India. Con le opere di riferimento standard fuori stampa ed esistenti solo in francese e inglese, è difficile per studiosi, curatori di istituzioni culturali che detengono queste monete e forze dell'ordine incaricate di combattere il commercio illegale di antichità, impegnarsi con il materiale a un certo numero di livelli differenti. Mancando, in molti casi, di informazioni tipologiche di base e accurate che descrivano dove, quando e chi ha prodotto le monete, il potenziale di queste collezioni come risorse storiche e punti di riferimento rimane attualmente bloccato. Il progetto OXUS-INDUS mira a risolvere gli attuali problemi di catalogazione, identificazione e accessibilità alla raccolta fornendo un portale web di Linked Open Data, liberamente accessibile e tecnologicamente sofisticato, che offrirà una nuova e aggiornata tipologia delle monete. Questo nuovo strumento con interfacce disponibili in più di 20 lingue, comprese le più moderne lingue europee oltre che arabo, urdu, hindi, dari e pashtu, consentirà anche l'accesso alle immagini e ai dati di migliaia di monete, incorporando inizialmente le principali collezioni di l'Ashmolean Museum, l'ANS, la Bibliothèque nationale de France, il Fitzwilliam Museum, Cambridge, la Leeds University Library, lo Staatliche Museen zu Berlin e la State Bank of Pakistan.


Contenuti

Nella ricostruzione di Bopearachchi, Ippostrato salì al potere come successore di Apollodoto II, nella parte occidentale del suo regno, mentre il debole Dionisio salì al trono nella parte orientale. Senior presuppone che i regni di Apollodoto II e Ippostrato si siano in qualche modo sovrapposti in quel caso Ippostrato per primo governò un regno situato a ovest dei domini di Apollodoto.

Proprio come Apollodoto II, Ippostrato si fa chiamare Soter, "Salvatore", su tutte le sue monete, e su alcune monete assume anche il titolo Basileos Megas, "Grande Re", che ereditò da Apollodoto II. Ciò potrebbe supportare lo scenario di Senior secondo cui Ippostrato estese il suo regno dopo la morte di Apollodoto. La relazione tra questi due re rimane incerta a causa della mancanza di fonti. Ippostrato, tuttavia, non usava il simbolo della posizione eretta Atena Alkidemo, che era comune a tutti gli altri re ritenuti imparentati con Apollodoto II. I due re condividono un solo monogramma.

La quantità e la qualità della monetazione di Ippostrato indicano un re abbastanza potente. Sembra che Ippostrato abbia combattuto con successo contro gli invasori indo-sciti, guidati dal re scita Azes I, ma alla fine fu sconfitto e divenne l'ultimo re indo-greco occidentale.

Ippostrato emise monete d'argento con un ritratto diademato sul dritto e tre rovesci. La prima è l'immagine di un re sul cavallo rampante, un tipo comune che fu usato più frequentemente dai precedenti re Antimaco II e Filosseno. Anche il secondo rovescio raffigura un re a cavallo, ma il cavallo cammina e il re fa un gesto di benedizione: questo tipo assomiglia a un raro tipo di Apollodoto II. La terza è una dea in piedi, forse Tyche.

Ippostrato colpì diversi bronzi dei tipi usati da diversi re: divinità dalle gambe di serpente (come usata da Telefo) / dea in piedi. Apollo/treppiede (Apollodoto II, diversi re precedenti) Zeus-Mitra seduto / cavallo, che ricorda le monete di Ermeo.

Hippostratos a capo scoperto con Tyche con la leggenda greca BΑΣΙΛΕΩΣ ΣΩΤΗΡΟΣ ΙΠΠΟΣΤΡΑΤΟΥ "Di Salvatore re Hippostratos".

Hippostratos con Apollo in piedi e treppiede con legenda greca BΑΣΙΛΕΩΣ ΣΩΤΗΡΟΣ ΙΠΠΟΣΤΡΑΤΟΥ "Del Re Salvatore Hippostratos".

Hippostratos con Zeus-Mitra e cavallo con legenda greca BΑΣΙΛΕΩΣ ΣΩΤΗΡΟΣ ΙΠΠΟΣΤΡΑΤΟΥ "Del Re Salvatore Hippostratos".


Mục lục

Cũng giống như vị vua tiền triều của ông hoặc cùng thời Apollodoto I, Antimachos II đã không cho khắc họa chân dung trên đồng tiền của mình. Ông cũng không đúc những đồng tetradrachm giống các vị vua trước đó. Antimachos II đã đúc một số lượng lớn những đồng drachms song ngữ trên cùng một tiêu chuẩn Ấn Độ giống như Apollodotos I, mặc dù vẫn có hình tròn. Trên Mặt chính là thần Nike, và ở mặt sau là hình vị vua đang cưỡi ngựa.

Ông cũng đã ban hành huy chương đồng song ngữ với vòng hoa nguyệt quế/aegis và cọ. Cả hai loại này cùng hình ảnh nữ thần Nike dường như ám chỉ đến danh hiệu "Chiến Thắng" của ông.


Tarn và nhà nghiên cứu tiền xu Robert Senior coi Antimachos như một thành viên của triều đại Euthydemos và có lẽ như là một người con trai của Euthydemos I và là em trai của Demetrios. Theo các sử gia khác như Narain, ông là một vị vua độc lập với triều đại Euthydemos, và có lẽ là một người con cháu thuộc triều i Diodotos. ng đã cai trị một vùng đất rộng lớn ở Bactria và có lẽ cũng có Arachosia ở miền nam Afghanistan. Antimachos I đã bị đánh bại trong cuộc chiến chống lại vị vua tiếm vị Eucratides I hoặc vùng lãnh thổ của ông đã bị sáp nhập sau khi ông qua đời.

Một chứng cứ rõ ràng khác cho lập luận chống lại mối quan hệ với triều đại Euthydemos đó là một giấy biên lai gio gio độc đáo mà trên ó có

"Dưới triều đại của Antimachos Theos và Eumenes và Antimachos. năm thứ tư, tháng Olous, ở Asangorna, người giám hộ của luật pháp là. Viên quan thu thu Menodotos cướ. d Demoni. , cựu. và của Simos là người. qua sự trung gian của Diodoros, quản lý các nguồn gio, nhận giấy biên lai từ. con trai của Dataes từ các tu sĩ. các lan vin phía gio gioế ở Bactria thời Hy Lạp hóa. [1]

Antimachos I đã ban hành một nhiều đồng tiền xu bằng bạc theo tiêu chuẩn Attico, với hình ảnh của chính ông đang đội một chiếc mũ kausia phẳớ vàth. Poseidon là vị thần của biển cả và những con sông lớn - một số học giả đã coi đây là một tham chiếu đến các tỉnh xung quanh lưu vực sông mth Indus Ingóth.

Trên tiền xu của ông, Antimachos tự gọi bản thân mình là Theos, "Vị thần", ông là người đầu tiên làm điều này trong thế giới Hy Lạp cổ đại. Cũng giống như vua Agathocles, ông đã ban hành những đồng tiền đúc kỷ niệm, đó là những đồng tetradrachm bạc dành để tôn vinh Euthydemos I, th guh I và th guh, cũng được gọi " ".

Antimachos I cũng đã ban hành huy chương tròn bằng đồng miêu tả một con voi trên mặt chính, và trên mặt sau là hình ảnh nữ thần chiến thắng Nike cầm ra một. Con voi có thể là một biểu tượng Phật giáo.

Một loại huy chương đồng khác, hình vuông và khá thô, cũng miêu tả một con voi đang bước đi, nhưng ở mặt phía sau là một tia sét. Điều này được Bopearachchi đề xuất là dùng để nói đến vùng đất Arachosia. Loại này được đúc theo phong cách Ấn Độ với dòng chữ lại bằng tiếng Hy Lạp.


Antimaco I Tetradramma - Storia

Dopo la campagna di due anni di Alessandro in India, la potenza greca, così stabilita, lasciò il posto in meno di 10 anni all'indiano sotto la guida di Chandragupta, e più tardi alla dinastia di Asoka. L'influenza greca ha trovato la sua roccaforte in Bactria, il moderno Balkh, ed è da lì che provengono la maggior parte delle monete dei primi re.

Circa 250 a.C. La Battria divenne indipendente dai re selucidi di Siria, sotto Diodoto e sotto una serie di re, o forse più correttamente re e loro viceré - Diodoto, Eutidemo, Demetrio, Eucratide, Pantaleone, Agatocle, Antimaco I e Platone, per finire con Eliocle - fu governata da coloni greci fino al 130 aC circa, quando i greci furono cacciati dagli Sciti dal nord. Durante questi 120 anni, anche se sembra che diversi re abbiano invaso l'India, Eukratides ed Heliokles sono gli unici re le cui monete si trovano frequentemente in India. Dopo la conquista scita della Battriana, Eliocle si stabilì in India, con la valle di Kabul come centro del suo potere. Dei re che seguono Eliocle si sa molto poco. Dalle prove di monete coniate a doppio, i suoi immediati successori o contemporanei includevano Stratone, Filosseno e Antimaco II.

Da fonti greche, o meno certamente, indiane, i re Apollodoto e Menandro fecero ampie conquiste Apollodoto governando probabilmente l'intera valle dell'Indo, mentre le conquiste di Menandro seguirono il corso del Gange. Dai ritrovamenti di monete i re Zoilo, Stratone, Ippostrato e Artemidoro erano probabilmente re locali solo di una parte del Punjab, mentre il fatto che Agathokleia, 3* moglie di Stratone, e Kalliope, moglie di Ermeo (tav. XII, n. 29), erano onorati dal fatto che le loro teste fossero poste sulle monete, (la moneta a doppia testa Agathokleia e Strato è apparsa, finora, solo come calco, ma il Museo contiene una moneta di rame che porta entrambi i nomi, e la la testa della regina, - vedi Cabinet A-4, No. 4) che indicherebbe la discendenza reale, suggerisce che c'erano, a volte, diversi regni reciprocamente indipendenti. Ciò è indicato anche, dal numero di re diversi, che devono essere collocati nel breve spazio di 150 anni, poiché nel 25 d.C. l'ultimo re Ermeo fu soppiantato da Kadphises, che dapprima batte monete come suo collega, e successivamente, come unico sovrano.

Molte deduzioni storiche sono state suggerite dalle monete stesse, ad esempio, la testa con “elefante’s bottino” (vedi tavola XII, n. 12), come indicante la conquista degli indiani nativi kausia, (vedi tavola XII, n. 16) come discendenza macedone, ecc., ma tali teorie incerte sembrano inadatte alla discussione in un manuale. Il trasferimento di potere dalla Bactria al quartiere della valle di Kabul, sebbene non registrato storicamente, è indicato, (a) dalle località in cui si trovano le monete, (b) dal fatto che Demetrio per primo conia alcune monete di rame con iscrizioni Kharoshthi, mentre con Heliokles, il Kharoshthi appare sia su monete di rame che d'argento mentre Antialkidas è l'ultimo re in data che conia monete dello standard greco di peso, Heliokles colpisce entrambi gli standard. Il generale Cunningham formò molte teorie, fondate sulle sue letture dei segni di zecca del monogramma che si suppone indicassero la città di zecca delle monete su cui si trovano. Queste teorie non sono state accettate dalle autorità continentali, ma, in quanto fondate sulle osservazioni del collezionista che ha avuto migliori opportunità di accertare le località in cui vengono scoperte le monete, esse

sembrano meritare più credito di quello che gli è stato dato. In effetti, a chiunque abbia scoperto monete e annotato i tipi che si verificano e le loro località, sembra difficile non accettare le sue conclusioni generali. Escludendo monete dello stesso tipo, ma di diverso valore e varietà nel segno di zecca, i re dei nomi greci sono responsabili di quasi 200 tipi, conosciuti e catalogati. Sono disponibili prove dell'esistenza di almeno una dozzina di altri tipi, sotto forma di calchi di monete messe in vendita dai commercianti. Di questo totale, il Museo di Lahore possiede 95 tipi e molti duplicati. Non è stato quindi difficile selezionare una serie di monete rappresentative per la fotografia. Le uniche carenze evidenti sono: (t) nessun buon esemplare di moneta di Alessandro è nel Museo, (it) l'interessantissimo 57 e storicamente, la più importante di tutte le serie, la medaglia di Eucratide, coniata in onore di i suoi genitori Heliokles e Laodkie, è rappresentato solo da un cast povero (Electrotypes, Class I, No. 22).

La serie, come illustrato nella tavola XII, si apre con,

(1) medaglia di Alessandro, coniata da Agatocle, la testa del re è un buon ritratto e la moneta, sebbene indossata, è molto chiara, questa medaglia fa parte di una serie di cinque coniate da Agatocle e Antimaco I, in onore di importanti governanti greci e rappresenta probabilmente una ripresa temporanea delle idee nazionali dei coloni greci. In data più antica, e contemporanea alle monete di Alessandro, è la n. 2, un didramma di Sofite, un re indiano contemporaneo di Alessandro, governatore del territorio sul Jhelum e sulla catena del sale, la moneta è di tipo greco puro, il il rovescio mostra un bellissimo gamecock indiano. L'attuale serie di monete battriane si apre con un didramma di Diodoto, n. 3, che è ricordato nella storia come governatore della Battriana, l'odierna provincia di Balkh, 250 a.c, e come si ergeva come sovrano indipendente, dando così inizio all'Impero d'Oriente greco, la moneta dei cui re è qui descritta. Il n. 4 è un obolo di Demetrio, ed è mostrato qui come un tipo del frequente Ercole con la clava e la pelle di leone, che può essere contrastato con il n. 5, lo Zeus drappeggiato e scettro con fulmine, dal rovescio di un tetradramma di Eliocle. I nn. 7 e 8 sono, rispettivamente, dritto e rovescio del solito tipo di Eukratides, e mostrano il busto ritratto con elmo del re, e sul rovescio i Dioscuri a cavallo (Castore e Polluce) che caricano a cavallo con lance e palme.

Il n. 9 è una moneta di Antialkidas, qui indicata per i berretti ei rami di palma che indicano ancora il culto dei Dioscuri. Le tre monete seguenti sono scelte, per mostrare la rappresentazione di comuni animali indiani, e sono, n. 10, un leopardo, su una moneta di rame di Pantaleone, che probabilmente si riferisce anche al culto del dio del vino Dioniso mentre n. 11, e la moneta sopra, n. 6, sono emidrachmi quadrati di Apollodoto, e mostrano il toro indiano gobbo e l'elefante.

La fila successiva di cinque monete è scelta per mostrare, gli stili cf copricapo preferiti dai re. Inizia con il n. 12 a Lisia, nelle spoglie di ” elefante’.” n. 13 un Menandro con elmo, molto simile all'Eucratide con elmo, n. 7. N. 14 lo stesso re, a capo scoperto ma vestito di un'armatura a scaglie, e trafiggeva con la lancia. n. 15

un Apollodoto dalla testa filettata, che presso i Greci era il consueto emblema della regalità. No. 16 e 3 Antialkidas che indossano il berretto reale della Macedonia, la kausia. Altri due tipi si verificano ma non ci sono buoni esemplari nel Museo: (a) un copricapo a tiara o un berretto frigio peculiare di Aminta ed Ermeo (Gabinetto n. A, 6-29),

e (b) una testa avvolta da una corona di alloro o di edera, meglio rappresentata in una grande moneta di rame di Menandro (Gabinetto n. G, 4-33).

La riga successiva è similmente selezionata per mostrare le divinità più comuni. Il n. 17 è una vittoria con ghirlanda, dal rovescio di una moneta di Aze, il n. 18 è Minerva armata di fulmine, da una moneta di Menandro questo è il rovescio più comune, e si verifica su monete di quasi tutti i re dopo Heliokles . No, 19 è una vittoria con un ramo di palma, che ricorre sulle monete di Antimaco Niceforo (il portatore della vittoria). Il n. 20 è Ercole con una clava e una pelle di leone (confronta con il n. 4), tratto da a

moneta rara di Zoilo. Il n. 21 rappresenta Zeus seduto su una sedia, tratto da una moneta di Antialkidas. Questi, con il n. 24 che mostra Apollo, includono tutti i tipi più comuni, l’ Artemide mostrata sulle rare monete di Artemidoro (il dono di Artemide) ed Ermeo e le falci sulla moneta di Telefo (né nel Museo) essendo l'unico importanti omissioni. La riga successiva include il n. 22, il tipo a cavallo da un didramma di Filosseno (il solo cavallo, supposto tipico della Battria liberata, non è rappresentato nella collezione del Museo). Il n. 23 è un didramma di Ippostrato, che mostra Demetra o una divinità cittadina che porta il corno dell'abbondanza. – , il n. 24 è Apollo, da un gessetto di Apollodoto (dato da Apollo) che con il n. 26, un gessetto quadrato di Menandro $ viene scelto come tipico delle monete, che, come sappiamo dalle fonti greche, rimasero corrente in India fino a 200 a. D. almeno, il n. 25 è una moneta tipica di Aze, contemporaneo di Ermeo e re del Punjab, è selezionato, tra molti tipi di questo re, poiché il più artistico sul rovescio è un Poseidone (dio del mare) che ricorre solo su un'altra moneta della serie greco-battriana (Gabinetto n. G, 8-36).

Seguendo con, n. 27, otteniamo una rara moneta di Epander, che mostra un altro trattamento del toro indiano questi con le tre monete, n. 6, 10 e 11, e una serie che si verifica nei cins di rame di Menandro, di ( a) il cammello, (b) il leone indiano (Gabinetto n. G, 4-36), esauriscono gli animali tipicamente indiani rappresentati, né di questi, né le interessantissime monete, recanti una ruota (tipo di dominio universale secondo idee) si trovano in buone condizioni nella collezione del Museo. Su una rara moneta in rame da 39 di Agathokles, Electrotypes, Class I, No. 18, and Cabinet No. A, 1-14, si vede la figura di una ragazza nautch. La successiva moneta n. 28 di Hyrkodes è mostrata come un esempio del deterioramento dell'arte, anche se confrontata con la n. 25 o più con la n. 7. La n. 29 è la moneta a doppia testa di Ermeo e della sua sposa reale Kalliope, menzionato in precedenza, e il n. 30 è un ritratto del re Gondophares, un sovrano dell'Afghanistan orientale, mostrato, come da antica tradizione, un re con questo nome, si dice abbia martirizzato San Tommaso, l'apostolo dell'India. Tutto ciò che si può dire, quanto alla verità o alla falsità di questa storia, è che la data del re è circa 50 dC, e che nella leggenda, il nipote di Gondofares è chiamato Labdanes, che può facilmente essere una corruzione di Abdagases , un re contemporaneo e imparentato. La riga successiva è piuttosto sconnessa, ma la prima, la n. 31, i6 una moneta d'oro di Kanerkes, ed è principalmente interessante in quanto mostra gli stivaloni, il berretto di pelliccia e il ” postin” ancora indossati nella valle di Kabul.

Il n. 32 è il rovescio di un'altra moneta di questo re che mostra Lakshmi e il toro, e il n. 33 è una moneta buddista del 300 d.C. circa. I numeri 34 e 35 sono monete punzonate, di carattere molto più chiaro e leggibile, rispetto ai soliti esemplari che l'elefante sul n. 35 dovrebbe riferirsi all'antica città di Taxila (ora Shah-ki-deri vicino a Hasan Abdal). Questa particolare moneta punzonata quadrata è probabilmente datata intorno al 50 d.C. poiché l'elefante mostra chiaramente tracce dell'arte greca. È tuttavia interessante notare che l'India, di tutti i paesi soggetti all'influenza greca, sembra aver mantenuto le sue caratteristiche nazionali nella monetazione migliore, la forma quadrata, che ricorre così spesso, è esclusivamente indiana, ed è, senza dubbio, dovuta all'imitazione delle monete punzonate quadrate e oblunghe che i greci trovarono in circolazione al loro arrivo, così anche le iscrizioni in greco e kharoshthi su queste monete sono abbastanza insolite, in nessun altro caso i re greci si degnarono di impiegare il loro suddito 8217 lingua sulle loro monete. È un peccato che il Museo non possieda alcun esemplare della moneta di nichel unica e metallurgicamente molto interessante di Agathokles e Pantaleon.

Gli storici indiani hanno motivo di essere grati per questo fatto. Le iscrizioni monetarie bilingue greca e Kharoshthi sono state la ” Stele di Rosetta ” dell'archeologia indiana, e non è troppo da dire che senza queste, come punto di partenza, la storia indiana dal 30 a.C. al 400 d.C. sarebbe un vuoto.

In conclusione, si consiglia al visitatore di guardare i telai girevoli, Classi, I, II e III, degli elettrotipi, 4o (forniti dal British Museum), che mostrano riproduzioni esatte di tutte le monete tipiche, e possono essere consultati, per riempire nelle lacune della collezione del Museo. Potrebbe essere opportuno affermare che monete di queste serie possono essere trovate, su richiesta, in quasi tutte le città antiche del Punjab. Tali monete sono generalmente di tipo comune e possono essere considerate autentiche. Chiunque desideri collezionare in gran parte monete battriane e acquistare i tipi rari dai mercanti di curiosità, dovrebbe rendersi conto che è estremamente probabile che venga ingannato il falso mediante fusione e, meno comunemente, da veri stampi, è ampiamente praticato al di fuori dell'India britannica , e gli stessi commercianti sono spesso ingannati, a tal punto che si può tranquillamente affermare che appena una moneta su dieci in loro possesso è autentica. Una serie di matrici e francobolli di falsari può essere vista nel caso O. In un manuale di questo tipo, qualsiasi descrizione dei metodi di distinzione tra monete false e autentiche sarebbe fuori luogo. Solo il maneggiamento e l'esame costanti daranno qualche abilità, e non c'è dubbio che, allo stato attuale dell'arte del falsario, il miglior esperto può essere occasionalmente ingannato. È estremamente improbabile che un nuovo tipo di moneta sia mai stato forgiato con successo. Tutte le monete false sembrano rappresentare imitazioni di monete autentiche, che sono note o che prima o poi verranno alla luce.

Fonte: una guida descrittiva al dipartimento di archeologia e antichità di Percy Brown


Antimaco I Tetradramma - Storia

Dritto: busto diademato di Rajuvula rivolto a destra con legenda greca intorno. Rovescio: Atena Alkidemos in piedi a sinistra, tiene scudo orizzontale sul braccio sinistro teso, brandisce/scaglia fulmine con la mano destra, monogrammi a sinistra e a destra. La leggenda di Kharoshthi in giro: " chatrapasa apratihatachakrasa rajuvulasa " (del Satrapo Rajuvula del Chakra Invincibile). Sovrano: Rajuvula. Regno: c. 10 dC a c. 25 d.C.

  • Suren (Partia). ultima metà del I sec. a.C.
  • Surena o Suren (morto nel 53 a.C.) era uno spahbed dei Parti ("Generale" o "Comandante") durante il I secolo a.C. Era un membro della Casa di Suren ed era meglio conosciuto per aver sconfitto i romani nella battaglia di Carre. Sotto il suo comando i Parti sconfissero decisamente una forza d'invasione romana numericamente superiore sotto il comando di Marco Licinio Crasso. È comunemente vista come una delle prime e più importanti battaglie tra l'impero romano e quello partico e una delle sconfitte più schiaccianti della storia romana.
  • L'Impero Kushanid. C. 30 aC - c. 230 dC
  • I KUSHANSHAHS - Uno stato persiano istituito come zona cuscinetto. Hanno governato da c. 230-410, ma divenne una dipendenza persiana dal c. 350. I Kushansha sono conosciuti principalmente attraverso le loro monete. Le loro monete furono coniate a Kabul, Balkh, Herat e Merv, attestando l'estensione del loro regno.
  • Ardashir. C. 230 - c. 245
  • Peroz I. c. 245 - c. 270
  • Hormazd I. c. 270 - c. 295
  • Hormazd II. C. 295 - c. 300
  • Peroz II. C. 300 - c. 325
  • Varhran I. c. 325 - c. 350
  • Persia. C. 350 - 410
    • Varran II. C. 350 - c. 400 con.
    • Peroz III. C. 350 - c. 400
    • Varran III. C. 400 - c. 410
    • pannolino. fl. C. 550
    • Kanik
    • Rutbal. fl. C. 670
    • Bahr Tigin. C. 698
    • Katorman. C. 750
    • Governanti sconosciuti
    • Zunbil (Phiruz). C. 850 - c. 870
    • Lagutarman. fl. C. 880
    • Hemar Beg (Badakhshan). fl. 652
    • Ilyas ibn Asad ( Governatore del Khorasan a Herat ). fl. 819
    • Nezak Malka. primi del '600
    • Sri Shaho (nel nord dell'India). C. 650 - 700
    • Shahi Tigin. fl. 690
    • Nezak Shah
    • Vakhu (Vakka) Deva. fl. C. 720
    • I Nezak furono sconfitti e dispersi dal Califfato nel c. 730.
    • Lalliya (Kellar). C. 890 - 895
    • Toramana Kamaluka (1a volta). 895 d.921
    • Samanta Deva. 895 - c. 900
    • Kashmir. C. 900 - sec. 902
    • Toramana Kamaluka (2a volta). 902 - 921
    • Khudarayaka (governatore saffaride). C. 903 - 915
    • La moneta con la parola araba "Adil" (che significa "giustizia") a destra del cavaliere è stata coniata a Kabul. Le monete emesse con queste leggende esistono perché per un breve periodo i musulmani catturarono Kabul per un breve periodo.
    • Bhima Deva. 921 - 960
    • Jayapala S/o Hutpala. 960 - 1002
    • Il suo regno si estendeva da Laghman al Kashmir e da Sirhind a Multan, con Peshawar al centro. prima che iniziasse la sua lotta Jayapala aveva formato un grande esercito di Punjabis. Quando Jayapala si recò nella regione del Punjab, il suo esercito fu portato a 100.000 cavalieri e un'innumerevole schiera di fanti. Tuttavia, l'esercito era senza speranza nella battaglia contro le forze occidentali, in particolare contro il giovane Mahmud di Ghazni. Il sultano Mahmud salì al potere e fu occupato dai Qarakhanidi a nord dell'Hindu Kush, Jayapala attaccò Ghazni nella battaglia di Peshawar, che fu combattuta il 27 novembre 1001, tra l'esercito di Ghaznavid sotto il sultano Mahmud bin Sebuktigin (Mahmud di Ghazni) e il Esercito indù Shahi di Jayapala, vicino a Peshawar. Jayapala fu sconfitto e catturato e, di conseguenza, Jayapala fu legato e fatto sfilare, e fu pagato un grosso riscatto per il rilascio dei membri della sua famiglia. A causa dell'umiliazione della sconfitta, in seguito si immolò in una pira funeraria e si suicidò perché i suoi sudditi pensavano che avesse portato disastro e disonore alla dinastia Shahi. Ciò ha lasciato la regione vulnerabile e l'India settentrionale è stata quindi aperta a ulteriori invasioni.
    • Anandapala S/o Jayapal. 1002 - 1011
    • L'ultima resistenza di Anandapala contro il sultano Mahmud di Ghazni. Mahmud in seguito conquistò la regione superiore dell'Indo, e poi nel 1009, sconfisse il figlio di Jayapala, Anandapala in una battaglia a Chach (Chach si trova al confine del Khyber-Pakhtunkhwa - confine del Punjab all'interno del Pakistan. Dista 20,4 km dalla città di Attock e 22,9 km da Topi , Khyber-Pakhtunkhwa). Mahmud catturò poi Lahore e Multan, dandogli il controllo della regione del Punjab. Anandapala alla fine firmò un trattato con l'Impero Ghaznavid nel 1010 e poco un anno dopo morì di morte naturale. R.C. Majumdar (D.V. Potdar Commemoration Volume, Poona 1950, p. 351) lo paragonò ironicamente al suo famoso antenato dinastico "Re Porus, che coraggiosamente si oppose ad Alessandro ma in seguito si sottomise e aiutò a sottomettere altri governanti indiani". Tahq q M li'l-Hind (p. 351) alla fine lo riverì nella sua eredità come "nobile e coraggioso".
    • Trilochanpala S/o Anandapala. 1011 - 1021
    • Fu assassinato dalle sue stesse truppe nell'anno 1021.
    • Bhimapala S/o Trilochanpala. 1021 - 1026
    • È stato indicato da Utb come "Bhīm, the Fearless" per il suo coraggio e il suo valore. Considerando che il suo regno era al suo punto più basso, forse solo sotto il controllo di Nandana, si guadagnò ammirevolmente il titolo di "impavido" dallo scrittore di cronache del suo nemico. È noto per aver comandato personalmente nella battaglia di Nandana e ferito gravemente il comandante dell'esercito ghaznavide Muhammad bin Ibrahim at-Tāī ('Utbi, vil.ii, p. 151). Regnò solo cinque anni prima di incontrare la sua morte nel 1026. Questa dinastia indù terminò con la conquista dell'Impero Ghaznavid nel 1026.
    • I figli di Bhimapala Rudrapal, Diddapal, Kshempala e Anangpala servirono come generali in Kashmir. Hanno guadagnato importanza nella corte reale del Kashmir dove hanno occupato posizioni influenti e si sono sposati con la famiglia reale. Hindu Kashmir aveva aiutato gli indù Shahis contro Mahmud di Ghazni. Di conseguenza, dopo aver sconfitto a malapena gli indù Shahi, Mahmud fece marciare i suoi uomini nell'Hindu Kashmir per vendicarsi del sostegno del Kashmir agli indù Shahi. Al-Biruni era con Mahmud in queste campagne. Sono menzionati frequentemente nel Rajatarangini di Kalhana scritto durante il 1147-1149 d.C. Rudrapal è stato menzionato dallo scrittore Kalhana come un valoroso generale nelle campagne che ha condotto per sedare la resistenza ai re del Kashmir che hanno servito durante l'esilio. I suoi successivi discendenti caddero in disgrazia alla corte reale e furono esiliati sulle colline di Siwalik, mantenendo il controllo del forte di Mandu. Dopo un breve periodo, si rialzarono per prendere il controllo di Mathura sotto Raja Dhrupet Dev nel XII secolo prima delle campagne dell'Impero Ghorid. I Janjua Rajput della regione del Punjab affermano di essere i discendenti dei Jayapala.

    Nota: Samanta Deva era un titolo piuttosto che un nome di un sovrano secondo i collezionisti di monete. I primi governanti furono chiamati "Samanta Deva" (="Capo Feudatario") e i governanti successivi furono chiamati "Spalapati Deva" (="Comandante militare"). Questi Jital con vari caratteri come "Gu" (Tye#4), "Gu" (Tye#5), "Ka" (Tye#6),"Da" (Tye#7), ecc. sono stati documentati con numeri di riferimento forniti da Robert e Monica Tye. Deyell dà le monete Spalapati agli Shahi turchi con sede a Kabul e le monete Samanta ai successivi Shahi indù che governarono da Ohind in Pakistan.


    Antimaco I Theos

    Anthimachus I Theos (greco: Ἀντίμαχος Α΄ ὁ Θεός fonti indiane noto come Antimakha) was uno dei re greco-battriani, generalmente datato dal 185 a.C. al 170 a.C. circa.

    Tarn e il numismatico Robert Senior collocano Antimaco come membro della dinastia Eutidemide e probabilmente come figlio di Eutidemo e fratello di Demetrio. Altri storici, come Narain, lo considerano indipendente dall'autorità di Eutidemide e probabilmente un rampollo di qualche relazione con la dinastia diodotide. Era re di un'area che comprendeva parti della Battriana e probabilmente anche dell'Arachosia nel sud dell'Afghanistan (vedi sotto le monete). Antimaco I fu sconfitto durante la sua resistenza all'usurpatore Eucratide, oppure il suo territorio principale fu assorbito da quest'ultimo alla sua morte.

    Apparentemente in aggiunta all'argomento contro le connessioni familiari dirette di Eutidemide, c'è una ricevuta fiscale unica che afferma:

    " Nel regno di Antimachos Theos e Eumenes e Antimachos. il quarto anno, mese di Olous, ad Asangorna, essendo il guardiano della legge. Il pubblicano Menodoto, in presenza di. mandato anche da Demonax, il primo. ,e di Simus che era. dall'agenzia di Diodoro, controllore delle entrate, accusa ricevuta da. il figlio di Dataes dai sacerdoti. le quote relative all'acquisto." Una ricevuta fiscale dalla Battriana ellenistica.

    Il fatto che Antimaco avrebbe elencato i suoi re associati è fortemente contrario all'idea che sia stato nominato sovrano associato del Nord di Eutidemo e Demetrio, un'idea che comunque è più o meno senza precedenti tra i re ellenistici. Eumene e Antimaco potrebbero essere i suoi eredi, era norma dei re tolemaici e seleucidi includere i loro figli come reggenti congiunti, con potere formale o effettivo variabile. Sebbene Eumene non abbia mai emesso alcuna moneta, in seguito apparve in India un re di nome Antimaco II Niceforo. Sembra plausibile che l'Antimaco indiano fosse identico al figlio di Antimaco I, ma non è chiaro se il suo regno in India si sia sovrapposto al regno di suo padre in Battriana.

    Monete di Antimaco I

    Antimaco I emise una numerosa moneta d'argento sullo stendardo attico, con la propria immagine in un cappello piatto kausia macedone, e sul rovescio Poseidone con il suo tridente. Poseidone era il dio dell'oceano e dei grandi fiumi - alcuni studiosi hanno visto qui un riferimento alle province intorno al fiume Indo, dove Antimaco I potrebbe essere stato governatore - ma anche protettore dei cavalli, funzione forse più importante in l'entroterra della Battriana.

    Sulla sua moneta, Antimaco si chiamava Theos, "Il Dio", per la prima volta nel mondo ellenistico.Proprio come il suo collega Agatocle, emise monete commemorative, nel suo caso tetradrammi d'argento in onore di Eutidemo I, chiamato anche "Il Dio", e Diodoto I, chiamato "Il Salvatore". Ciò indica che Antimaco I potrebbe essere stato determinante nella creazione di un culto di stato reale,

    Antimaco I ha anche emesso bronzi rotondi raffiguranti un elefante sul dritto, con un rovescio che mostra la dea greca della vittoria Nike che porge una corona. L'elefante potrebbe essere un simbolo buddista. Queste monete ricordano quelle di Demetrio I, così come Apollodoto I.

    Altri bronzi, squadrati e piuttosto grezzi, raffigurano anche un elefante che cammina, ma con un rovescio di fulmine. Questi sono stati attribuiti da Bopearachchi (così come da studiosi più anziani) ad Arachosia. Sono indiani nel loro design, ma la leggenda è solo in greco.


    6. I Tolomei e l'ideologia della regalità

    A.E. Samuel

    È passato quasi esattamente un secolo da quando Grenfell e Hunt ci hanno presentato il Leggi fiscali Papyrus, un testo che ha spinto l'enfasi moderna sulla natura della monarchia tolemaica come intricata burocrazia e organizzata centralmente. Negli anni quella monarchia e la sua struttura amministrativa sono state variamente concepite, con valutazioni che vanno dall'approvazione quasi assoluta di un governo visto come innovativo e progressista, [1] alla più recente condanna da parte del compianto Eric Turner di un governo oppressivo che ha spremuto L'Egitto così gravemente da mandarlo in bancarotta per il futuro. [2] Non sarò così banale da suggerire che la verità sta nel mezzo. Non lo è, non almeno per come la vedo io, ma si trova piuttosto al di fuori dell'intera struttura che i papiri hanno creato per noi come edificio dell'amministrazione e dell'ideologia monarchica.

    Quasi tutte le prove che abbiamo per l'amministrazione e la concettualizzazione della monarchia in Egitto dopo Alessandro Magno iniziano con il regno del secondo Tolomeo, [3] ed è a questo re che attribuiamo gran parte della concettualizzazione dell'organizzazione amministrativa di Egitto per lo sfruttamento greco e macedone. Tolomeo II Filadelfo ha il merito di un grande governo progressista nelle valutazioni di alcuni storici, mentre da altri è accusato di aver esaurito l'economia egiziana. Nella prima parte del suo regno continuò l'attiva politica egea di suo padre, ma due importanti sconfitte navali, insieme a una situazione internazionale molto diversa, limitarono il suo potenziale nel seguire i modelli di successo militare raggiunti da suo padre e da Alessandro Magno. Vediamo la grande impresa di Filadelfo essere stata la creazione di un'ampia burocrazia di lingua greca in Egitto, una vasta serie di regolamenti per controllare la vita economica del paese e una sistemazione della pratica religiosa e legale egiziana che ha permesso ai nativi per condurre la loro vita per la maggior parte nel modo a cui erano abituati, mentre allo stesso tempo i macedoni e i greci in Egitto potevano stabilire un rapporto intimo come gli egiziani con la terra e i suoi dei.

    A chi ha familiarità con i testi papiracei d'Egitto, vengono subito in mente alcuni documenti esemplificativi dei regolamenti reali. Il Leggi fiscali Papyrus del 259 a.C. (vedi figura 33), sebbene frammentaria, ha molte colonne esistenti che trattano di agricoltura fiscale, frutteti e vigneti, così come regole elaborate che ci dimostrano il controllo dettagliato sulla coltivazione, la spremitura e la vendita dell'olio. Altri testi ci danno manuali simili ma forse più specializzati. P. Hib. 198 (c. 240 aC), ad esempio, con regolamenti emanati in varie epoche durante il regno di Filadelfo e l'inizio di quello del suo successore, tratta una serie di argomenti, principalmente cleruchici, il problema della sicurezza lungo le vie d'acqua, e questioni giudiziarie. [4] All'interno di testi come questi vengono citazioni di regolamenti reali, ordini o prostagmatica, inserti o inclusioni in compendi amministrativi le cui finalità non sono sempre chiare. Come illustrano i documenti nella raccolta delle ordinanze reali compilata da Marie-Thérèse Lenger, [5] i papiri esistenti raccolgono relativi prostagmatica emessi in tempi diversi per un periodo che può essere piuttosto lungo e possono essere mescolati con altro materiale normativo o esplicativo.


    Fig. 33.Leggi sulle entrate di Tolomeo Filadelfo (259 a.C. ), col. 56, righe 7-13. Biblioteca Bodleiana, Londra. Da E.G. Turner, Manoscritti greci del mondo antico, 2d ed., a cura di P. J. Parsons, University of London Institute of Classical Studies Bulletin Supplement 46 (Londra, 1987), p. 128, pl. 76.

    La struttura formale dei singoli decreti aiuta anche a dimostrare il modo in cui il re (oi suoi funzionari) ha formulato i suoi comandi. Gli ordini generalmente iniziano al tempo di Filadelfo con il minimo "comandante del re", sebbene sia noto anche il "comandante del re Tolomeo" leggermente più lungo. Trattano questioni specifiche, a volte in risposta diretta a una domanda o richiesta fatta dal re. Di tanto in tanto c'è una circolare, come nel caso di un documento incluso nel Leggi fiscali Papyrus, indirizzata al “ stratego e gli ipparchi e gli egemoni e i nomarchi e i toparchi e i oikonomoi e il antigrafo e gli scribi reali, i libiarchi e i capi della polizia». Questi sono tutti funzionari, ma di competenze piuttosto diverse, e l'indirizzo generale del testo dà un'idea del tentativo dell'autorità reale di raggiungere contemporaneamente molti rami dell'amministrazione. Ma anche così, il testo cui si fa riferimento non è generale, ma piuttosto un regolamento specifico, di cui si stavano diffondendo copie.

    Per la maggior parte, i testi in cui abbiamo conservato questi ordini reali sembrano trarre origine dal desiderio dei singoli di avere compendi di documenti, piuttosto che da un desiderio da parte dell'amministrazione di regolarizzare informazioni o procedure. Ad esempio, la colonna 38 del Leggi fiscali Papyrus afferma che è stato "corretto" nell'ufficio di Apollonio il diocete—il ministro delle finanze, come viene generalmente considerato. Che sia stato il testo copiato ad essere così corretto, o che questo papiro stesso fosse il testo corretto, abbiamo la sensazione che qualche persona, o un privato che vuole conoscere le regole, o, forse più probabilmente, un burocrate di grado inferiore , stava assemblando regolamenti e facendo riferimento a un'autorità superiore per ottenerli nel modo giusto.

    In generale, la complessità e le divisioni della burocrazia sono state spiegate come motivate, almeno in parte, dalla volontà di ridurre la possibilità di imbrogli prevedendo controlli reciproci da parte dei vari funzionari. L'esistenza e l'interazione di questi numerosi funzionari, a livello dell'amministrazione di Alessandria, a livello di nome, toparchia e villaggio, si può osservare non solo nei testi che trattano di doveri e regolamenti ufficiali, ma anche in singoli documenti derivanti dagli affari e dalle attività ufficiali che abbiamo la fortuna di possedere per l'ultima parte del terzo secolo. Una serie di piccoli archivi come quelli della collezione Petrie e quelli relativi ai reperti di Hibeh sulla sponda orientale del Nilo ci danno un'idea dell'attività personale e ufficiale di una vasta gamma di elleni attivi in ​​Egitto in questo momento, tra cui alcune delle opere pubbliche eseguite da Cleon, architetto e ingegnere la cui esecuzione giunse all'attenzione (avversa) del re. Il grande archivio di papiri relativi alle attività di Zenone, l'agente di Filadelfo' diocete Apollonio, fornisce una ricchezza di dati sulle attività dei greci in Egitto alla fine del regno di Filadelfo e nel successivo.

    Lo stesso Zenon è un esemplare quasi perfetto di ciò che credo sia caratteristico dell'attività amministrativa del periodo: una sorta di miscela di supervisione ufficiale degli interessi reali e attività imprenditoriale privata che si verificava ogni volta che era possibile. Lo stesso Zenone, ovviamente, non era affatto un funzionario, ma la sua posizione di gestore del patrimonio di 10.000 arouras che Apollonio deteneva nel Fayum significava che era un ingranaggio vitale nel dominio privato di una persona importante ad Alessandria. In quanto tale, aveva accesso al potere e tale accesso significava che, nelle realtà di potere, poteva intervenire nelle attività degli incaricati ufficiali nell'amministrazione. Ci sono molti testi che mostrano appelli a Zenon per chiedere aiuto. [6] Allo stesso modo, Zenon potrebbe trovarsi a svolgere compiti che, strettamente definiti, sarebbero ufficiali, ma in realtà è stato coinvolto perché il suo capo, Apollonio, aveva bisogno di qualcosa, e farlo fare a Zenon era la procedura più semplice. Un testo del 254 a.C. , P.Londo. zen. 1973, illustra bene il punto:

    Saluto da Apollonio a Zenone. Dopo aver letto questa lettera, invia a Tolemaïs [la città] i carri e gli altri animali da carrozza (?) in Grecia] che il re ha mandato a vedere le mire dell'Arsinoite Nome. (trad. Skeat) [7]

    Più e più volte i nostri testi ci mostrano che la linea tra attività ufficiale e privata era confusa, che l'autorità ufficiale poteva essere utilizzata per raggiungere fini privati, che risorse private sarebbero state arruolate per l'adempimento dei compiti ufficiali. Questa miscela di ufficiale e privato è particolarmente notevole nel caso speciale dell'agricoltura fiscale tolemaica. Sembra chiaro da questo e da molti altri aspetti dell'amministrazione in Egitto nel III secolo a.C. che non c'era un'idea chiara di una distinzione tra pubblico e privato, [8] una distinzione che è così importante nei nostri atteggiamenti nei confronti dell'attività di governo. Azioni che, se intraprese oggi dai funzionari, produrrebbero grida di "Corruzione!" tra le navate parlamentari, erano normali nella burocrazia dell'Egitto tolemaico inoltre, l'idea su cui si basano tali denunce - quella di un conflitto di interessi da parte dei funzionari - era sconosciuta o del tutto irrilevante per quell'amministrazione. La distinzione è forse del tutto moderna, imposta, almeno in una certa misura, da una "mentalità traduttiva", sulla falsariga di quella osservabile nella differenziazione delle categorie fondiarie - per cui traduciamo un tipo di possesso fondiario che troviamo designato nei papiri, ge idioktetos, come terra "privata", e distinguere quella terra da altre categorie con nomi diversi come reale, tempio e cleruchico, che vediamo come terra "pubblica". La distinzione evapora se consideriamo ge idioktetos per significare qualcosa come "terra posseduta personalmente", per cui quella terra diventa parallela ad altri tipi di proprietà, piuttosto che in contrasto con loro. [9]

    Fin dall'inizio dell'analisi dei testi amministrativi rinvenuti nei papiri, l'interpretazione è stata influenzata dalla nozione di questa divisione tra attività statale e privata. Per lungo tempo, la ricerca di Rostovtzeff di una forma di capitalismo ha condizionato il dibattito concettuale in cui figure come Max Weber e Karl Polanyi differivano dal grande storico classico sulla natura fondamentale dell'economia. Per la maggior parte, Rostovtzeff ha prevalso e i resoconti dell'economia e dell'amministrazione tolemaica hanno presentato le questioni come controllate a livello centrale, orientate alla crescita, inventive, imprenditoriali e progressiste. Ho messo in discussione altrove l'idea che la crescita fosse un oggetto, [10] e i presunti benefici dell'attività di Filadelfo sono negati nel contributo di Eric Turner alla seconda edizione del Storia antica di Cambridge, volume 7, parte 1, dove troviamo non solo una reinterpretazione dell'autorità centralizzata finora ammirata come molto più ad hoc, ma anche un argomento per concepire la burocrazia come schematizzata secondo linee agricole per servire un insieme di bisogni, con altri funzionari organizzati su una base finanziaria per servire l'economia monetaria concorrente. Turner alla fine vide la situazione nell'Egitto della metà del III secolo come quella in cui la corona, avendo bisogno di finanziamenti per le sue guerre, prosciugava l'economia così gravemente da spingere il paese in problemi interni manifestati già dal regno di Euergetes.

    La visione di Turner, come quella di tutti i suoi predecessori, si basa sul presupposto che ciò che troviamo nei nostri testi riflette un sistema diretto e pianificato in misura significativa, che possiamo valutare sia in termini di intento che di realizzazione. Ma se accettiamo la possibilità che nessuno in Egitto in quel periodo avesse una chiara idea di "stato" contro interesse "privato" - e che anche così ammirato un organizzatore come Filadelfo stesse ancora armeggiando verso la gestione di un vasto territorio con i greci che non aveva idea più di quanto ne avesse sul modo in cui un re dovrebbe e potrebbe relazionarsi con una burocrazia, quindi possiamo vedere differenze ancora più drammatiche tra le opinioni precedenti e una nuova emergente. [11]

    Per i greci che vedevano il rapporto tra l'individuo e lo stato come organico, con l'individuo parte funzionante del tutto (piuttosto che un segmento distinto con interessi potenzialmente opposti al tutto), l'idea tradizionale che la prosperità dell'individuo oscillasse con quella del tutto aveva perfettamente senso, e una chiara demarcazione tra "pubblico" e "privato" era inappropriata. Di conseguenza, l'amministrazione pubblica era esigua nella maggior parte delle città-stato greche e il sistema di soddisfare i bisogni della città mediante liturgie si adattava all'ideologia prevalente del governo. È questo modello che è stato portato in Egitto negli anni di Tolomeo I, ed è stato con questo, suggerisco, che anche Tolomeo II ha lavorato. Per noi è chiaramente inappropriato per il funzionamento di un'economia come quella egiziana. Questo fu gradualmente percepito nel corso del III secolo a.C. , poiché prima Tolomeo I e poi il suo successore si trovarono costretti a escogitare metodi praticabili per raggiungere il loro scopo principale, che era in sostanza, mentre ellenizzava la burocrazia esistente, quello di continuare a riscuotere la rendita e le entrate fiscali su un tratto di terra molto esteso, da un gran numero di persone di cui non capivano la lingua [12] e che operavano in un sistema sociale ed economico diverso da quello a cui erano abituati i greci. [13]

    Senza dubbio, ciò che poteva essere preso dal passato è stato semplicemente continuato, un'assunzione così ragionevole da essere stata accettata da molti senza discussioni, ma che ha davvero bisogno di essere arricchita da specifiche per fornire una vera guida al modo in cui che Sotere e Filadelfo si misero al lavoro per sfruttare la terra. [14] La domanda fa parte dell'intero problema della presunta continuazione, che è trasversale e che influenza la nostra comprensione della maggior parte delle strutture sociali nell'Egitto tolemaico: religiose, artistiche, tecnologiche e legali, oltre che amministrative. Il problema è inevitabilmente reso più complesso, e le interpretazioni delle prove più sottili, dal fatto che la continuazione e l'innovazione in una data area non erano in pratica affatto uniformi sia per la società greca che per quella egiziana. Che gli egiziani abbiano fatto la loro strada in molte aree, mentre i greci seguirono modelli ellenici, è ben noto che i culti egiziani e greci separati di Iside sono un esempio del fenomeno. Nell'area della monarchia, ciò che può essere visto come una continuazione dell'ideologia per gli egiziani può essere del tutto irrilevante per la situazione ellenica nell'amministrazione, il fatto che i termini demotici non possano sempre essere esattamente o attendibilmente correlati al greco crea seri problemi nell'individuare la continuazione della pratica .

    Per quanto Tolomeo I abbia adottato o adattato la struttura della burocrazia che ha trovato quando è arrivato in Egitto, non c'è dubbio che al tempo del regno di suo figlio il re fosse gravato di un sistema amministrativo di grandi dimensioni e complessità. Suggerisco che questa amministrazione, che ci sembra così “razionale” proprio per la sua complessità, in realtà è diventata così complessa come diretta conseguenza della sua irrazionalità: il nuovo è stato costruito a pezzi, e il vecchio è cambiato solo secondo le circostanze, incoerente modifiche che spesso si verificavano quando vari metodi si dimostravano imperfetti o fallivano. La nostra tendenza a vedere la crescita della burocrazia come una risposta a un piano generale può portarci a fraintendere, seriamente, gli scopi anche di alcune delle azioni più importanti che sappiamo che i primi Tolomei presero, dovremmo davvero considerare di basare alcune delle nostre ipotesi sulla loro teste. Ad esempio: il sistema cleruco potrebbe essere stato ideato non per fornire un mezzo per risarcire i soldati, ma piuttosto allo scopo di mettere sul terreno il maggior numero possibile di persone di lingua greca, al fine di facilitare la riscossione di affitti e tasse. Questo aiuterebbe a spiegare perché in Egitto troviamo i coloni dispersi piuttosto che stabilirsi nelle città che la corona potrebbe aver avuto bisogno di loro. [15]

    Se questa visione della genesi della struttura amministrativa ha validità, è anche vero che il sistema non ha funzionato. L'evidenza dei disordini in Egitto durante il regno di Tolomeo III Euergetes, le rivolte indigene nei regni del quarto e quinto Tolomeo, e un lungo periodo di disgregazione interna e divisione che durò per la maggior parte del secondo secolo, mostrano tutti che l'apparente stabilità di l'Egitto della metà del III secolo non durò. La ragione dei problemi è però meno chiara. Può darsi che, come sosteneva Turner, la tensione imposta all'economia dall'estorsione del regime di Tolomeo II abbia portato alla resistenza da parte dei contadini, e che il deterioramento economico delle campagne causato da Filadelfo sia stato un fattore altrettanto importante nella la crescente instabilità del governo così come lo furono eventi politici come i costi della guerra siriana che durò dall'adesione di Euergetes a 240 e la successione al trono di tre minori di fila: Tolomeo IV Filopatore, Tolomeo V Epifane e Tolomeo VI Filometore.

    I problemi politici furono, almeno cumulativamente, un grave fardello, ei decenni di difficoltà, durati quasi per tutto il II secolo, ebbero evidentemente un effetto sulla struttura amministrativa.Sebbene l'attacco di Euergetes alla Siria nei primi anni 240 fu trattato come un grande successo dal sinodo di sacerdoti che emanò il Decreto Canopo, congratulandosi con il re per la sua vittoria e ringraziando per i suoi benefici (come la riconquista delle statue dell'Egitto dèi), Euergetes dovette infatti porre fine alla guerra per far fronte ai guai interni. La vittoria nel 217 di Filopatore contro le forze seleucide a Raphia potrebbe aver reso sicura la regione orientale del paese, ma c'era un prezzo da pagare nella crescente fiducia in se stessi delle truppe armate egiziane, che furono usate per la prima volta, con successo, in quell'occasione. In ogni caso, per due decenni dopo il 206 a.C. , dinasti nativi regnavano nell'area intorno a Tebe, e nonostante i brevi successi all'inizio del secolo, l'autorità di Alessandria non fu riaffermata fermamente fino al 186 a.C. Neppure questo mise Alessandria in un solido controllo dell'Egitto, poiché c'erano altri usurpatori indigeni nell'Egitto centrale e superiore nel 164 e poi di nuovo trent'anni dopo. Allo stesso tempo, i litigi all'interno della famiglia regnante hanno prodotto la guerra civile e periodi in cui c'erano centri di governo separati e antagonisti. Il conflitto tra Tolomeo VIII e Cleopatra II raggiunse un'asprezza tale da indurre il re ad uccidere e smembrare un figlio che i due avevano prodotto. Anche dopo che il regno di Tolomeo VIII si concluse con la morte del re nel giugno 116 (la sua rivale riconciliata Cleopatra II morì pochi mesi dopo), un nuovo regno e una nuova serie di liti dinastiche, iniziarono con l'insediamento sul trono di Cleopatra III , la seconda moglie di Tolomeo VIII, insieme al figlio di Euergetes, Tolomeo IX Sotere II.

    Un periodo così lungo di faide nella famiglia reale ha inevitabilmente portato disagi, alcuni dei quali ben documentati. Tolomeo VIII Euergetes II a un certo punto espulse un gran numero dei suoi oppositori di lingua greca da Alessandria, un'operazione che diminuì significativamente la popolazione intellettuale e fu responsabile sia del deterioramento della vita culturale di quella città che della diffusione della cultura più in generale ad altri punti nel Mediterraneo. Abbiamo anche una copia del testamento cautelare che Euergete II fece nel 154 prima di andare a Roma: lasciò ai Romani il suo regno se morì senza eredi, un avviso che aveva lo scopo di avvertire il fratello che non ci sarebbe stato guadagno se lui, Euergetes, dovevano essere uccisi. Il testamento è stato pubblicato in modo ben visibile, la nostra copia è un'iscrizione eretta a Cirene. [16]

    Abbiamo anche documenti a un livello inferiore di attività, papiri dall'Egitto che non solo tracciano il riconoscimento di vari governanti in diverse parti del paese, ma includono anche denunce, lettere e petizioni che segnalano disordini e disordini. Dalla fine del regno di Euergetes II arriva la pubblicazione del decreto di amnistia registrato in P. Tebti. 5, emesso nel 118 a nome di Euergetes II e delle sue due regine, le precedenti dissidenti Cleopatra II e Cleopatra III. Le disposizioni per un riordino degli affari economici e amministrativi non solo illustrano le difficoltà che affliggono i contadini e la popolazione delle campagne, ma concordano anche con l'evoluzione dell'amministrazione che i documenti precedenti mostrano. Dopo la metà del III secolo, il momento in cui abbiamo le prove più evidenti del funzionamento della burocrazia, avvennero inevitabilmente dei cambiamenti. Il gran numero di petizioni esistenti tra la fine del regno di Euergetes I e l'inizio di Filopatore, con la loro dimostrazione di procedura giudiziaria svolta nell'ufficio del strateghi, illustrano graficamente un modo in cui il mandato di quel funzionario nominalmente militare si è espanso nell'area dell'amministrazione civile. Lo stesso tipo di calunnia su quelle che per noi sono categorie amministrative chiaramente separate si può trovare più avanti nel II secolo a livelli inferiori, poiché funzionari come gli scribi di villaggio, che all'inizio non sembrano aver avuto autorità amministrativa o giudiziaria, esercitano poteri che sembrano semplicemente di averli maturati. Quando ho esaminato per la prima volta questo problema anni fa, ho visto il fenomeno della crescita del potere di uno scriba di villaggio come un cambiamento nella struttura, partendo dal presupposto che la burocrazia implicasse una divisione razionale e pianificata dei ruoli ora, l'evidenza suggerisce piuttosto di Per me la confusione dei ruoli e l'esercizio del potere da parte dei funzionari su una base ad hoc sono sempre stati caratteristici della struttura tolemaica.

    La tendenza della mia argomentazione è di suggerire che la burocrazia potrebbe essersi sviluppata in un modo molto diverso da quanto immaginato finora. Piuttosto che essere un sistema sviluppato interamente dall'alto, su principi razionali per scopi pianificati, si è evoluto in risposta, non solo al desiderio di raggiungere obiettivi specifici da parte del re o di altri alti funzionari, ma anche a desideri su la parte dei greci in Egitto per trovare posti amministrativi e trarre qualche vantaggio dalle loro posizioni ufficiali. [17] Con tutta probabilità, la complessa burocrazia che vediamo nell'Egitto della metà del terzo secolo è stata il risultato proprio di questa pressione. Penso che sia abbastanza probabile che entro il 250 a.C. una percentuale molto ampia degli individui egiziani non cleruchici di lingua greca aveva trovato la propria strada in una sistemazione amministrativa o nell'altra, [18] e che la burocrazia aveva sviluppato il proprio slancio. Le verifiche e i controlli amministrativi che i nostri papiri attestano con ogni probabilità riflettono, non un accurato piano stabilito ad Alessandria, ma piuttosto un disperato tentativo da parte della corona di ottenere un controllo su una struttura che, ai livelli più bassi del villaggio, era praticamente autonomo. Proprio come ora ci rendiamo conto che il diagraphe tou sporou non era una direttiva dall'alto di Alessandria che fissava le aree da seminare nelle varie colture sulla base di una pianificazione razionale, ma era piuttosto, in prima istanza, elaborata nei villaggi come previsione del prossimo raccolto, [19] quindi dovremmo intendere l'intera burocrazia per riflettere, non un piano razionale, ma piuttosto l'aggregato dell'attività quotidiana dei funzionari a vari livelli. Terminato l'avventurismo tolemaico d'oltremare nella prima metà del III secolo, le ambizioni degli uomini del re dovettero rivolgersi allo sfruttamento dell'Egitto, e ciò fu realizzato più facilmente attraverso l'amministrazione.

    Questi elleni svolgevano il loro compito in Egitto senza alcun senso della struttura di uno stato amministrativo e senza molta nozione di distinzione tra ruoli "privati" e "pubblici". Hanno fatto quello che dovevano fare hanno risposto alle richieste dei superiori quando non potevano fare diversamente, e hanno colto ogni occasione per approfittare delle debolezze di coloro che erano sotto di loro nell'amministrazione o soggetti a loro nella popolazione. Era più facile accontentare i funzionari al di sopra di loro con il flusso costante di merci e ricavi esercitando una pressione sui produttori, mentre potevano sfruttare la miriade di opportunità che potevano emergere dall'attività quotidiana, facendo prestiti , comprando e vendendo dove si potrebbe trarre profitto e, naturalmente, con qualsiasi diversione illegale delle entrate reali. I livelli superiori dell'amministrazione rispondevano in vario modo ai furti dei beni del re e alle petizioni e lamentele che filtravano attraverso il sistema. Le direttive reali contro gli abusi tradivano un'ottimistica mancanza di comprensione di ciò che si stava sviluppando. [20] Un documento come P. Tebti. 703, del tempo di Euergetes I, illustra il modo in cui un funzionario, generalmente ritenuto il diocete ad Alessandria, ha cercato di guidare, o controllare, un locale oikonomos, non solo elencando alcuni dei doveri del giovane ma esortandolo a correggere gli abusi da parte dei funzionari e gli abusi del passato, in modo che tutti si rendessero conto che comportamenti scorretti e illeciti erano finiti, l'incentivo a posizioni più elevate era appeso davanti al oikonomos, e c'era una minaccia implicita che solo seguendo questi ordini sarebbe stato al sicuro.

    Dubito che la posizione complessiva dell'amministrazione sia cambiata molto dopo la metà del III secolo. Il modello generale che ho delineato - l'uso di posizioni amministrative per guadagno, l'ignoranza di qualsiasi linea tra l'attività che colpisce il benessere del singolo funzionario e il beneficio della corona - è rimasto caratteristico del sistema. [21] L'autonomia dei funzionari ai livelli inferiori è aumentata con il tempo, [22] poiché il numero di parlanti greci in Egitto è cresciuto come risultato dell'aumento naturale e sempre più persone hanno affollato e confuso il sistema. Questo sviluppo potrebbe aver portato la maggiore responsabilità per il deterioramento della vita economica dell'Egitto attribuito da tanti studiosi al secondo secolo.

    Mentre la burocrazia andava per la sua strada nella piccola corruzione e in innumerevoli piccole transazioni a beneficio dei funzionari, l'enorme ricchezza potenziale dell'Egitto assicurava alla corona un flusso continuo di entrate. Re e funzionari di Alessandria - re bambini e adulti, i loro guardiani e consiglieri - ebbero un'adeguata fornitura di raccolti e le loro entrate, durante tutto il periodo ellenistico: l'Egitto rimase un dominio enormemente produttivo fino al regno di Cleopatra VII. [23] Se ci sono stati eventi che potrebbero ridurre il flusso verso Alessandria, la burocrazia ha semplicemente aumentato la pressione sulla popolazione, molto più facile da fare che discutere con gli alti funzionari. I guai dei contadini erano causati meno da una monarchia rapace che da un esercito in costante crescita di burocrati che si riempivano le tasche e poi si coprivano contro le lamentele dei superiori prosciugando i produttori per soddisfare le aspettative, anche in tempi difficili.

    Quindi abbiamo bisogno di vedere la burocrazia egiziana come riceve il suo impulso solo in parte dalla monarchia, e in ogni caso non si sviluppa come una struttura razionale per l'esecuzione della politica, ma cresce in parte per il proprio slancio e in parte dai tentativi reali di controllarla. . In tale contesto la monarchia non è proprio l'intero governo, ma piuttosto un'istituzione che costituisce solo una parte della struttura, sia pure nominalmente e concettualmente alla sua testa. La struttura amministrativa e la burocrazia erano complesse e molto articolate, ma non rispondevano completamente alla monarchia. I funzionari potevano funzionare e funzionavano indipendentemente da Alessandria, e sembrano essere stati relativamente indifferenti alle lotte per il potere tra i vari membri della dinastia. La corte reale esisteva accanto alla burocrazia ed era più potente dei burocrati in quanto disponeva di personale militare e di polizia, ma sebbene quel potere consentisse ai re di controllare il paese con la forza e di attingere da esso un flusso costante di risorse, non consentire loro di operare e controllare da vicino la struttura amministrativa. Proprio come l'espressione latina per Alessandria, Alessandria ad Aegyptum, esprimeva un concetto geografico del rapporto tra la grande città e la terra del Nilo, quindi il concetto geografico serve a descrivere la natura dell'amministrazione macedone: dall'Egitto, ma non da essa.

    Se questo argomento - che la burocrazia non si è sviluppata principalmente dai piani e dagli obiettivi di Filadelfo o di altri che lo hanno seguito - viene sostenuto, allora la nostra attuale comprensione dell'ideologia della dinastia deve cambiare. Non possiamo più comprendere la regalità di Filadelfo come elaborata nei termini della sua istituzione del controllo amministrativo sulla terra, [24] e dobbiamo essere aperti a dare maggiore peso ad altri elementi di prova di quanto non abbiamo fatto finora. Un elemento importante è la concettualizzazione nel diciassettesimo idillio di Teocrito. In questo elogio a Filadelfo, modellato sugli inni omerici, Teocrito loda Tolomeo, in linguaggio omerico, per le virtù che sono esse stesse omeriche: l'abilità combattiva, la munificenza, la ricchezza, la genesi dalla divinità, con le quali associamo i re di Omero. Non c'è certamente alcun riflesso di alcuna caratteristica che suggerisca che Tolomeo II fosse di qualità diversa da quei re. C'è lode del grande padre di Filadelfo, Tolomeo, associato non solo alla divinità attraverso la sua discendenza da Eracle ma anche, per vicinanza, ad Alessandro. Lui stesso un dio, il grande conquistatore e la sua relazione con Tolomeo sono presentati in termini che ricordano le descrizioni di Zeus seduto sull'Olimpo. In tutto il poema ci sono infatti allusioni a Zeus. "Cominciamo con Zeus", Teocrito apre il suo peana di lode e termina anche con l'Olimpo, un modo tradizionale di chiudere un simile poema.

    In un idillio che segue molti dei modelli della poesia greca antica, Tolomeo II è elogiato in termini applicabili ai re molto indietro nella tradizione greca, in un momento prima dell'emergere delle città-stato dell'antica Grecia, e molto prima delle conquiste di Alessandro e le guerre dei Successori. L'ideologia della monarchia è la stessa su cui Alessandro ha modellato la sua regalità: discendenza divina, abilità guerriera, riverenza verso gli dei e generosità verso gli uomini dalla sua grande ricchezza. Queste sono caratteristiche sottolineate dalla tradizione di Alessandro nel suo resoconto delle conquiste del conquistatore del mondo, e Teocrito le applica a Tolomeo. Mentre non possiamo, ovviamente, affermare, sulla base di un'unica opera, che questo concetto di Tolomeo II come monarca esaurisce gli attributi di regalità come immaginato da lui e dai suoi contemporanei, è certamente chiaro che le qualità elencate da Teocrito avrebbero erano prominenti tra quelli considerati lusinghieri per il re, ed è molto probabile che non vi fossero caratteristiche "reali" di maggiore importanza per il concetto di regalità.

    È molto probabile che gli attributi della regalità enfatizzati da Teocrito fossero quelli intesi come regali dal primo Tolomeo. In ogni caso, verso la metà del III secolo, Filadelfo di Teocrito era disponibile come dio, almeno per scopi ordinari come il giuramento reale. Un testo come P. Hib. 38 del trentaquattresimo anno di Filadelfo, che tratta dell'affondamento di una nave sul Nilo, termina con il seguente testo: “Giuro sul re Tolomeo e su Arsinoë Filadelfo, dèi fratelli e sorelle, e gli dèi salvatori loro genitori che quanto affermazioni sono state scritto sopra sono vere.” [25] Si tratta di una formulazione diversa dalla strutturazione del culto dinastico con un sacerdote della Theoi Adelphoi, quale P. Hib. 199 dimostra di aver avuto luogo almeno due decenni prima. Molto è stato scritto sull'argomento del culto dinastico tolemaico, ma, mentre le nostre conoscenze tecniche - date, espansione, sacerdozio e simili - sono avanzate con la pubblicazione di un numero sempre maggiore di documenti, non siamo progrediti molto nella nostra comprensione di come il culto dinastico si adattava alla religione o all'ideologia della monarchia. [26] Penso che sia giusto dire che non c'è ancora accordo su come il culto avrebbe potuto essere prezioso per il politica della monarchia, o se avesse un vero ruolo religioso per i greci in Egitto. Mentre l'uso del giuramento reale mostra l'adattamento dei greci in Egitto all'idea della divinità dei re in senso formale, non mostra il loro ricorso al culto per scopi come quelli per i quali potrebbero rivolgersi ai culti di, diciamo, Iside, Sarapide o Asclepio.

    È anche chiaro che il culto dinastico dei Tolomei non si è mai diffuso in tutto il mondo mediterraneo nel modo in cui troviamo il culto di Iside e Sarapide e questo potrebbe indicare una differenza nell'atteggiamento nei suoi confronti. In ogni caso, come sottolinea Dunand, i Tolomei non erano direttamente coinvolti nella propagazione di questi culti, e la loro istituzione era per la maggior parte una questione di iniziativa individuale. [27] Il culto dinastico era in gran parte un fenomeno ristretto all'Egitto stesso, e questo è stato interpretato nel senso che esisteva solo dove era sostenuto direttamente dalla corona. D'altra parte, culti di singoli sovrani, re e regine, dediche e templi, si combinano per mostrare membri della dinastia trattati come divinità, individualmente o in assimilazione ad altre divinità in Egitto. Allo stesso modo, le testimonianze della scultura, come le tante piccole teste di pietra di Filadelfo [28] che erano attaccate a corpi di materiali più economici come il legno, sono inspiegabili a meno che non fossero usate come figure di culto da privati. [29] Così, nonostante tutte le incertezze nel materiale, non c'è dubbio che l'idea della monarchia tolemaica includeva definitivamente una nozione della divinità del re, una nozione che si estendeva ai greci e ai macedoni e che era stabilita nell'ideologia già a metà del regno di Filadelfo.

    La leadership militare era stata certamente anche un aspetto importante della monarchia per i macedoni. I moderni hanno avuto la tendenza a declassare questo aspetto della regalità per i Tolomei, vedendo la politica di Sotere come una cauta dipendenza dall'Egitto che non ha mai rischiato nel perseguimento di altri obiettivi, e il comportamento di Filadelfo come quello di una personalità imbelle che ha abbandonato obiettivi anche ristretti quando sono diventati difficile o costoso da raggiungere. Eppure un resoconto connesso delle sue attività militari, spesso trascurato per descrivere la sua amministrazione, rivela che non erano affatto trascurabili. Sebbene tutti gli studiosi moderni riconoscano che verso la metà degli anni 250 la posizione di Filadelfo nell'Egeo era molto inferiore a quella che aveva rilevato da suo padre, la sua mancanza di successo negli affari militari non indica necessariamente un disgusto per loro, e una valutazione realistica del suo uso della guerra difficilmente giustifica il giudizio comune che fosse di carattere non militare e pacifico. Fu coinvolto in guerra quasi incessantemente per gran parte dei primi tre decenni dopo la sua ascesa al trono, [30] e possiamo persino trovare tracce nei papiri del raduno delle sue forze. L'ormai famoso Karnak ostrakon trovato nel 1969/70 si riferisce nell'anno 28 (258) alla vittoria del re sul re filo-persiano e allude alle attività militari di Filadelfo nella prima o nella seconda guerra siriana. [31] Citando questo testo e altri noti da tempo, Eric Turner ha ricostruito la storia egiziana nel secondo quarto del terzo secolo come un periodo di guerra intensa e costosa, il che significava che negli anni 250 la corona stava spremendo tutto ciò che era disponibile fuori dall'economia . [32] Che si sia o meno d'accordo con la sua valutazione della misura in cui l'amministrazione era gestita centralmente, l'affermazione di Turner di sforzi e spese militari riflette meglio l'evidenza delle attività internazionali di Filadelfo di quanto non faccia l'immagine tradizionale del re pacifico e geniale . Infine, l'evidenza di Appiano e Callixeno, che tende ad essere ignorata o sminuita, per le enormi risorse militari di Filadelfo non è infatti contraddetta da nessun'altra testimonianza e anche se i numeri riportati sono esagerati, come soggettivamente decidono i moderni, le forze erano ancora molto grande davvero. [33]

    Finora ho delineato due aree di attività in cui possiamo vedere azioni che incidono sull'immagine della monarchia: l'istituzione di un culto basato su un re che è un dio e il pesante coinvolgimento del re e delle sue risorse nella avventura militare. C'erano, naturalmente, altre caratteristiche del comportamento regale che Filadelfo esemplificava. Una caratteristica importante della regalità di Alessandro era stata l'immagine della cultura e del filoellenismo presentato dal conquistatore, e in questo Filadelfo riuscì a superare il suo predecessore. Non c'è bisogno qui di mostrare, anche nel più ampio profilo, il modo in cui Filadelfo ha costruito sulla realizzazione di suo padre nel fare di Alessandria un grande centro di cultura nel Mediterraneo.Basti rilevare che il suo uso del mecenatismo, insieme ai progetti e alle strutture della Biblioteca e del Museo, rese celebre la sua corte come paradigma di munificenza culturale e fece sì che quando, un secolo dopo, un ebreo in Egitto redigeva il suo "Lettera di Aristea" per spiegare il modo in cui le scritture ebraiche vennero tradotte in greco, sarebbe stato Filadelfo a cui avrebbe pensato quando si sarebbe trattato di dare credito per il compimento. L'attrazione ad Alessandria, su base permanente o transitoria, di personaggi come Teocrito, Callimaco e Archimede assicurò al re una reputazione davvero regale per il futuro, non solo attraverso l'inno di Teocrito, in cui il poeta registrava la sua grandezza per i posteri, ma nella sua associazione con la scrittura e le realizzazioni della maggior parte dei grandi scienziati e personaggi letterari dell'epoca. Più in generale, la ricchezza e la generosità che Teocrito rivendica per Filadelfo [34] sono entrambe esemplificate dalla spesa e dall'esibizione quasi incredibili associate alla grande processione, [35] nonché dal rapporto di Appiano secondo cui il re aveva 740.000 talenti nel suo tesoro e è stato notato per le sue entrate, le sue spese straordinarie e l'estensione dei suoi programmi di costruzione. [36]

    Un altro aspetto notevole della regalità tolemaica fu l'evoluzione del tradizionale gruppo di Compagni reali che ricordiamo dai racconti di Alessandro. Tolomeo, come gli altri successori, aveva una cerchia di consiglieri, cortigiani e agenti noti come amici: greci, alessandrini e macedoni su cui poteva fare affidamento e che usava per scopi militari, amministrativi e diplomatici. Parecchi di questi sono attestati per il regno di Tolomeo I, nelle fonti letterarie ed epigrafiche, e molti di loro ricevettero onori dalle città greche associate a Tolomeo. [37]Anche Filadelfo aveva il suo Philoi, e tali sono attestati, sebbene in numero decrescente, nel regno di Euergetes e poi in numero ancora minore in seguito sotto successivi membri della dinastia. Nei papiri esistono relativamente pochi riferimenti agli Amici o alle loro attività. Gli Amici erano chiaramente funzionari ad Alessandria e al livello della cerchia immediata del re e della corte. Oltre agli Amici, sembrano esserci stati anche uomini con i titoli di Guardia del corpo e Capo guardia del corpo, ma l'attestazione di questi è molto più scarsa e sembrano essere stati meno numerosi comunque tali incarichi sembrano essere decaduti poco dopo la fine del il III sec.

    Un modello di titolazione molto diverso emerse in Egitto nel secondo secolo, come mostra lo studio di Mooren. [38] Mentre continuava la pratica di nominare individui alla carica di Amico, si sviluppò un secondo sistema di titolazione, onorifico, in base al quale i funzionari più alti dell'amministrazione ricevevano titoli di tribunale onorari, classificati in rango secondo il cariche amministrative da loro ricoperte. Questi titoli e i loro titolari - a differenza degli Amici, che compaiono soprattutto nelle iscrizioni e nei testi letterari - compaiono per la maggior parte nei papiri relativi all'amministrazione dell'Egitto, e con maggior numero di testimonianze ivi rintracciabili più chiaramente in il nostro record documentario. Possiamo vedere, ad esempio, che dal 197/6 circa in poi vi erano sei gradi nella titolazione onoraria e che più avanti nel secolo, sotto il regno di Tolomeo VIII, ne furono aggiunti altri due. Questa gerarchia onorifica, come ha sottolineato Mooren, è un tratto caratteristico nello sviluppo delle strutture amministrative, mentre la cerchia degli amici, che in realtà servono il re a corte, è "spontanea", con una spiegazione che "è sociologica". [39] Inoltre, quando si considera la natura della monarchia, schemi come quello che emerge dal funzionamento di una cerchia di amici o compagni, la cui relazione con il re è bilaterale, diretta, personale e non ereditaria, mostrano un senso molto diverso del rapporto tra il re e il suo pragmata rispetto a modelli come quelli inerenti alle nomine onorifiche stratificate. L'esame di Mooren dei due modelli e la sua dimostrazione del cambiamento all'inizio del II secolo offrono un'importante conferma di ciò che abbiamo trovato in relazione alla concettualizzazione della monarchia e al suo rapporto con l'amministrazione e il governo. Per il terzo secolo, e tanto più prima, la corona sembra aver fatto affidamento e governato ampiamente attraverso il tradizionale gruppo macedone che circondava il re. [40] Solo nel II secolo e, significativamente, durante il governo di un re minore, emerge una forte associazione dei burocrati con la monarchia, attraverso l'istituzione di un sistema di titolazione onoraria che afferma il rango di corte per gli amministratori. [41]

    Il cambiamento suggerisce un cambiamento significativo nel governo dell'Egitto e anche uno sviluppo dell'ideologia della monarchia. Mi sembra che, finché Sotere, Filadelfo ed Euergete furono in grado, usarono i loro Amici, membri della cerchia di corte, per quanto poterono nell'espletamento di compiti ufficiali, e che continuarono a farlo anche mentre l'amministrazione stava diventando più grande e più difficile da controllare. [42] La storia del trio di Filadelfo, Apollonio e Zenone è quella del re che affronta ogni sorta di questioni e organizza ogni sorta di questioni attraverso il suo "Amico" Apollonio, [43] che a sua volta usa il suo agente Zenone per doveri reali e personali. Ciò che l'archivio Zenon mostra, suggerisco, non è il successo o il fallimento della nuova struttura amministrativa nel migliorare o sfruttare l'Egitto, a seconda del punto di vista, ma piuttosto la continua efficacia nell'Egitto della metà del III secolo dell'amministrazione diretta da parte della corte. .

    L'amministrazione diretta poteva funzionare, ma la burocrazia stava crescendo di propria iniziativa. Alla fine del III secolo, con la dominazione di Filopatore da parte dei suoi alti funzionari, e poi con l'avvento dell'Epifane minore, si preparò il terreno per un grande cambiamento. Non ho dubbi che il cambiamento nell'amministrazione e la royalizzazione della burocrazia abbiano avuto a che fare con il dominio degli affari di Sosibio e Agatocle, e poi con gli eventi che hanno coinvolto e seguito la loro reggenza ad Alessandria. Questi due - in particolare Agatocle, insieme a sua sorella Agatocleia, amante di Filopatore - hanno una cattiva stampa nelle nostre antiche fonti, e questa antica mancanza di rispetto è stata portata avanti da molti moderni, ma in realtà la conservazione della monarchia tolemaica contro Antioco II deve molto a loro. [44] La volontà di Tolomeo IV (presumibilmente falsa) li fece epitropo per il figlio minore Tolomeo V subito dopo la morte di Filopatore e l'avvento del nuovo re furono annunciate nel 204, morì Sosibio (forse entro la fine del 203), e non molto più tardi Agatocle e sua sorella furono uccisi in un'insurrezione guidata da un tale Tlepolemo, che poi assunse la reggenza. In tutto questo periodo, una rivolta indigena stava turbando l'Egitto, e Antioco continuò a premere contro l'Egitto da est, e fu un rifugiato etolico ad Alessandria di nome Scopas a cui era affidato l'esercito. Scopas era ben noto come generale, e fu efficace per un po' contro Antioco, riconquistando brevemente gran parte della Palestina. Ma nel 200, a Panium, Antioco lo sconfisse decisamente e lo costrinse ad arrendersi e a lasciare la Palestina l'anno successivo. Si sente parlare di lui più tardi, dopo la sconfitta romana di Filippo V e le trattative per una pace tra Antioco e Tolomeo V, fallendo nella rivolta, la sua vita terminò con un veleno autosomministrato (197). L'ingegnere della distruzione di Scopa e della pace con Antioco fu un altro etolico, Aristomene, che era subentrato come reggente a Tlepolemo e lo stesso Aristomene terminò la sua vita con il veleno in pochi anni.

    Racconto di questo periodo in modo così dettagliato da far luce sull'inefficacia del re in quel momento. L'Egitto era governato da funzionari di corte che affrontavano la necessità di raccogliere fondi, truppe e sostegno per respingere l'invasione esterna, reprimere l'insurrezione interna - non lo fecero facilmente - e persino mantenere il re contro una rivolta come quella di Scopas . Per un re, con un gruppo affidabile di amici e con l'autorità della divinità, questo sarebbe stato un compito abbastanza difficile. Senza la mistica della regalità era ancora più difficile, ed è facile vedere come amministratori non reali (e quindi guardiani di un re minore) come Sosibio, Agatocle e Tlepolemo dipendessero dalla burocrazia anche più dei re del terzo secolo. Solo la burocrazia, che aveva funzionato a fianco del tribunale, poteva fornire loro le risorse e il supporto di cui avevano bisogno ed è, quindi, molto presto che i burocrati iniziano a ottenere i loro premi sotto forma di titoli giudiziari e prestigio. Allo stesso tempo, i ministri di Alessandria erano ansiosi di conciliare quegli elementi autoctoni che avevano ancora importanza e allo stesso tempo offrivano un potenziale sostegno, cioè l'aristocrazia del tempio, il cui favore poteva essere indotto con denaro e doni. Anche in questo caso, non a caso, è proprio in questo periodo, all'inizio del II secolo, che avviene la promulgazione del decreto Rosetta. Simile al decreto Canopo di circa quarant'anni prima nell'elogio del re, ma sorprendente nelle differenze di stile e di linguaggio, la stele di Rosetta mostra come l'iniziativa in questo modo di onorare il re fosse passata dalla corte di lingua greca a gli stessi sacerdoti egizi.

    Il filantropa che emergono dalla corte alla fine del II secolo a.C. sono stati tradizionalmente spiegati come sforzi per stabilizzare la campagna e l'amministrazione dopo un lungo periodo di conflitto dinastico tra Euergetes II, suo fratello e sua sorella. C'era stata una guerra aperta nella terra tra le forze dei re e delle regine un certo numero di volte durante questo periodo, ma i nostri documenti non riflettono praticamente nulla di tutto questo. [45] Che ci sia stata una lotta militare appare chiaramente da un papiro come la lettera di Esthladas ai suoi genitori, che narra dell'invio di forze contro i ribelli ad Alessandria nel 130. [46] In realtà, tuttavia, ripercorriamo gli eventi molto più attraverso il formule di datazione in papiri dell'epoca, che, nominando l'uno o l'altro dei pretendenti rivali, rivelano in modo più pacifico chi fu riconosciuto come sovrano in un dato luogo, e quando. È, infatti, questa caratteristica pacifica dei testi che voglio sottolineare. Nel periodo di più intensa guerra dinastica, 132-130, i burocrati si sforzarono di datare i loro documenti nel miglior modo possibile da qualsiasi monarca pensassero di essere al potere, ma ciò che contava era la forma dei documenti, piuttosto che la lealtà verso ogni singolo sovrano. I testi scritti a Tebe cercano di indicare la situazione con datazioni parallele di sovrani rivali, come "l'anno 40 che è l'anno 2", [47] o la datazione di uno solo: Euergetes II o Cleoptatra II. Un testo come BGU 993 è indicativo: una divisione dell'eredità datata da Euergetes II e Cleopatra III, usando la normale formula di datazione tra re e regina e sacerdoti e sacerdotesse del culto dinastico, si riferisce casualmente a quei sacerdoti come "essere nel campo del re. " I documenti mostrano che gli scribi erano abbastanza consapevoli della contesa dinastica, ma che continuavano gli affari come al solito nonostante il tumulto che a Tebe, da cui provengono molti di questi testi, era piuttosto vicino.

    Sappiamo che i disordini continuarono in Egitto per qualche tempo dopo la riconciliazione tra Euergetes II e sua sorella, [48] ma alla fine emerse il documento che tutti gli storici citano come denotante sia i problemi del periodo sia il tentativo di un accordo, P. Tebti. 5 di 118. Il decreto congiunto del re, della sorella e della moglie, che prevede l'amnistia per tutti i delitti tranne l'omicidio e il sacrilegio, rimette anche debiti per tasse e cariche varie, conferma molti privilegi dei sacerdoti e dei templi, vieta un numero di illeciti da parte dei funzionari, ratifica la procedura separata attraverso tribunali greci o nativi e fornisce molti benefici che non ho bisogno di elencare qui. Mentre il tumulto del paese ha senza dubbio portato alla mancata applicazione dei regolamenti da parte degli esattori delle tasse, ha causato la distruzione di alcune case e templi, la cui ricostruzione è consentita dal decreto e ha offerto maggiore spazio ai funzionari per mantenere le oppressioni proibite secondo il testo, la burocrazia egiziana funzionava ancora, per la maggior parte, come aveva sempre fatto per tutto il periodo. Alcuni dei debiti potrebbero benissimo rappresentare collezioni deviate alle forze ribelli, mentre le remissioni hanno rivelato l'intenzione di evitare controversie sul pagamento tanto quanto il desiderio di mostrare generosità alla popolazione.

    Il filantropa rappresentato da molte disposizioni del decreto mostrano un aspetto della concezione di comportamento regale appropriato che era, sebbene inerente ai testi precedenti, non così prominente o sviluppato. Il enteuxeis, o petizioni, di cui abbiamo un buon numero dalla fine del III secolo, formano una categoria di testi che mostrano il concetto del re come fonte diretta di beneficio e giustizia per il popolo. Non c'è dubbio che le istanze stesse siano state evase dalla burocrazia (anzi lo riconoscono esplicitamente) ma la terminologia dei ricorsi fa del re la fonte della euergasia che il ricorrente chiede. Allo stesso modo, il filantropa presentare la nozione del re come il benevolo protettore del suo popolo, generoso, misericordioso, benefico. Questa idea è inerente al rapporto diretto esemplificato dalle petizioni della fine del III secolo, e fa parte dell'ideologia della regalità che si presume sia stata sviluppata dai filosofi e dai propagandisti del II secolo ed è nel corso di quella secolo che vediamo questi concetti riflessi nei testi ufficiali. [49]

    Nonostante l'insediamento alla fine del regno di Euergetes II, il conflitto dinastico continuò e la forza dei re diminuì ulteriormente. Certamente dopo Sotere II non c'era Tolomeo il cui comportamento come re potesse essere visto per emulare molti dei concetti astratti di regalità e non c'è niente nella regalità di questi monarchi successivi che potrebbe offrire ideali da seguire per gli altri. È probabilmente vero che i re da Filopatore in poi avevano poco rispetto tra i greci, certamente le deroghe di Polibio suggeriscono che lui, scrivendo a metà del II secolo, avesse concluso che i Tolomei erano diventati voluttuari e avevano fallito come governanti. Tuttavia, alcune qualità fondamentali della regalità che erano state sviluppate sotto i primi membri della dinastia continuarono a caratterizzare il modo in cui i Tolomei si presentavano. Il culto dinastico stabilito per il re divino continuò fino alla fine della dinastia in buona salute per essere ripreso dai successori romani dei Tolomei, continuò ad esistere la corte tradizionale, con amici intorno al re e con l'incoraggiamento reale ad Alessandria come centro culturale. Dopo il III secolo, naturalmente, non c'erano molte possibilità che i re dimostrassero abilità militare - a parte, forse, la guerra civile - poiché la tutela romana dei Tolomei da Filometore in poi significava che nemmeno in difesa un re poteva esibirsi contro stranieri. E, come si può chiaramente vedere dai papiri dell'ultimo secolo di dominio tolemaico in Egitto, Cleopatra VII non faceva parte della struttura amministrativa o controllava la burocrazia più di quanto lo fossero i suoi predecessori di due secoli prima. Lo sviluppo della tradizione rappresentata dal filantropa continuò, e i successivi Tolomei si rappresentarono chiaramente come preoccupati per il benessere del popolo, emanando decreti che trattavano di benefici a templi e sacerdoti, concessioni di asilo, esenzione fiscale. La pratica di registrare le sovvenzioni per il tempio in forma epigrafica assicura che ne abbiamo un numero significativo filantropa, ma un testo del regno di Aulete, che concede ai cleruchi sia i privilegi che l'assoluzione dai crimini, [50] ci mostra che il tipo di amnistia amministrativa illustrata dal testo di Tebtunis dell'ultima parte del regno di Euergetes II continuò nel successivo secolo. E l'immagine dei monarchi che provvedono alla protezione contro l'esazione di pagamenti eccessivi da parte dei funzionari, monarchi «odiando molto i malvagi e giudicando una vendetta comune e universale», [51] ricorre nel cosiddetto ultimo decreto dei Tolomei, un ordine di Cleopatra VII risalente al 41 aC

    Ho cercato di indicare qui che l'ideologia della regalità tolemaica non era quella dell'amministrazione o del governo. Guardiamo indietro all'Egitto tolemaico, in particolare nel terzo secolo, come un esemplare di struttura amministrativa altamente controllata e organizzata, ma la regalità come l'esemplificavano i Tolomei - come erano visti da altri e descritti nei loro documenti ufficiali - non si riferiva a l'efficacia dell'amministrazione o il posizionamento del monarca al vertice della gerarchia. Molto di ciò che aveva costituito la monarchia, ciò che significava essere un re al tempo di Alessandro e dei Successori, continuò ad essere sottolineato sotto i Tolomei, alcuni aspetti furono più enfatizzati ed espansi quando le condizioni lo permettevano, altri diminuirono di importanza man mano che la situazione dettava . Sempre più l'aspetto divino del monarca fu promosso finché il re ebbe il potere, la guerra e l'azione militare rimasero un aspetto importante del comportamento reale. Il re manteneva una corte - brillante quando possibile - e una cricca di amici e consiglieri, che usava come suoi agenti di preferenza per il funzionamento di una struttura amministrativa ordinata e stratificata. Vediamo il re mostrare preoccupazione per il benessere e il trattamento equo dei contribuenti deboli e lamentosi, comandare ai burocrati di evitare l'oppressione e le esazioni eccessive, agire come protettore del popolo contro l'amministrazione piuttosto che come supervisore del governo. La monarchia è esistita a fianco della burocrazia, in un certo senso, piuttosto che farne parte e il re poteva sempre essere visto come una figura qualitativamente, non solo quantitativamente, diversa dagli altri membri dell'amministrazione. Nell'ideologia della monarchia tolemaica, il re non era il potere supremo del governo, né rappresentava lo stato, era, piuttosto, una figura unica che si prendeva cura della terra e del suo popolo e governava per qualità di carattere piuttosto che per posizione.

    Risposta: Diana Delia

    Alan Samuel ha ragionevolmente sostenuto che l'ideologia della regalità tolemaica è collegata al modo in cui l'Egitto veniva amministrato. Ha sfidato la tradizionale affermazione secondo cui i Tolomei dominavano in modo assoluto uno stato strettamente unito e razionalmente organizzato. La sua conclusione che non lo fecero è significativa, non solo per la nostra comprensione dell'amministrazione dell'Egitto tolemaico di per sé, ma perché ispira una rivalutazione dei presupposti di base sull'interrelazione tra monarchia e burocrazia in pratica e in teoria.

    In un simposio sulla storia e la cultura ellenistica, la spinta ellenocentrica dell'articolo del professor Samuel è, ovviamente, appropriata. Come storico sociale dell'Egitto greco e romano, provo tuttavia una certa preoccupazione. È chiaro che i Tolomei mantennero le tradizionali divisioni del nome amministrativo dell'Egitto e che l'ufficio di nomarchi continuò, sebbene dalla seconda metà del III secolo a.C. i nomarchi avrebbero ceduto l'esercito e molti altri poteri ai nuovi funzionari del nome noti come stratego. [1] I papiri tolemaici attestano il monopolio statale della coltivazione e della fabbricazione del papiro, dell'olio e dei tessuti, il controllo statale sulla produzione del sale e la stretta supervisione delle cave e delle miniere. Altri documenti indicano che la coltivazione del grano era controllata mediante la distribuzione statale delle sementi, in cambio della quale gli agricoltori erano tenuti a pagare una parte dei loro raccolti. Questi argomenti sono stati affrontati nei prolifici studi economici di M. I. Rostovtzeff e Claire Préaux, nonché da altri studiosi. [2] P. Rev. Leggi, risalente al 259 a.C. , dimostra ulteriormente che le tasse monetarie venivano riscosse anche su altri manufatti e prodotti agricoli. [3] P. Tebti. 703, databile alla fine del III secolo a.C. , rivela la minuziosa attenzione prestata a tutte le potenziali fonti di reddito, compresa l'enumerazione del bestiame e l'ispezione dei campi seminati e delle case di tessitura per valutare la produttività e prevenire il peculato. Tuttavia, l'intenso interesse dello stato egiziano in materia di entrate non scaturì completamente dalla testa di Tolomeo II Filadelfo alla maniera di Atena, ma invece dovrebbe essere inteso come una continuazione della pratica faraonica. [4] Ad esempio, la pietra di Palermo indica che un censimento biennale del bestiame ebbe luogo già nell'Antico Regno. [5] I documenti del Medio e Nuovo Regno attestano un elaborato sistema di tasse e mostrano che la terra è stata riesaminata dopo l'inondazione annuale del Nilo per determinare la responsabilità dei contadini egiziani di pagare una parte del loro raccolto al Faraone, come in seguito avrebbero fatto a Tolomeo. [6] Inoltre, i funzionari reali supervisionavano regolarmente le spedizioni nelle cave e nelle miniere egiziane. [7] Le elaborate istruzioni impartite ai visir reali, in particolare a Rekhmire, suggeriscono che svolgessero le funzioni che i Tolomei avrebbero poi suddiviso tra i loro diocete,nome stratego, e crematistai. [8] Quindi, poiché i Tolomei conservarono o adattarono le istituzioni amministrative faraoniche, [9] ne consegue che anche la loro ideologia della regalità deriva in una certa misura da prototipi faraonici.

    In risposta alla grandiosa visione di Rostovtzeff secondo cui l'amministrazione tolemaica era più raffinata, più logica, più completa, più, diciamo, essenzialmente "ellenica" rispetto ai suoi antecedenti faraonici, [10] il professor Samuel ora afferma che la burocrazia tolemaica non era ordinato razionalmente, che non era stato progettato, e che si era sviluppato ad hoc e frammentario a seconda delle esigenze specifiche e dei metodi precedenti, rivelatisi inadeguati, abbandonati. Ha sollevato un suggerimento simile una ventina di anni fa in connessione con il suo studio seminale sull'ufficio del nomarchi nel terzo secolo a.C. [11]

    La mancanza di distinzione che esisteva tra attività pubblica e privata è stata debitamente sottolineata anche dal professor Samuel. A dire il vero, gli archivi di Zenon dimostrano l'uso da parte di Apollonio dell'autorità ufficiale per raggiungere fini privati ​​e l'impiego delle sue risorse private per svolgere compiti ufficiali. [12] Tuttavia, come ha sottolineato Dorothy Crawford, poiché i funzionari tolemaici sembrano non aver ricevuto salari regolari, questa mancanza di distinzione tra sfera di interesse pubblica e privata ha promosso la corruzione, poiché gli amministratori hanno abusato delle loro posizioni ufficiali per riempirsi le tasche . [13] Le esortazioni reiterate ai funzionari reali ad essere onesti ea suggerire solo che, sebbene in realtà prevalesse spesso lo stato di cose del tutto contrario, lo sfruttamento eccessivo era comunque condannato in linea di principio come abusivo. [14] Come ha giustamente osservato Hermann Bengtson, ogni amministrazione è valida solo quanto gli uomini che la compongono. [15]

    La cosa più entusiasmante è il modo in cui il professor Samuel collega queste due audaci teorie, sostenendo che l'attività amministrativa, lungi dall'essere il risultato coerente della pianificazione reale, era piuttosto l'aggregato di attività di funzionari sfruttatori, e che ciò che è stato tradizionalmente propagandato come un sistema di controlli e contrappesi amministrativi rappresenta in realtà "un disperato tentativo da parte della corona di ottenere un controllo su una struttura che, ai livelli più bassi del villaggio, era praticamente autonoma". Quindi il re, secondo questa teoria, sarebbe esistito accanto alla burocrazia amministrativa, intervenendo solo per controllare gli abusi o per frenare la rapacità dei suoi amministratori. Al tempo stesso, però, tengo a precisare che tra i due continuava un rapporto simbiotico, dal momento che il re dipendeva dai suoi amministratori per la riscossione delle entrate che utilizzava per fini militari e personali, e gli amministratori in ultima analisi dovevano i loro incarichi al re queste considerazioni egoistiche, a volte, conciliavano sicuramente la tensione e il conflitto tra obiettivi reali e amministrativi. Inoltre, mi viene in mente almeno un precedente faraonico per lo stato di cose discordante che il professor Samuel ha descritto: l'editto del Nuovo Regno di Horemheb, che delinea le misure che questo re intendeva perseguire per arginare la flagrante corruzione di amministratori fiscali e non allo stesso modo abusando della propria posizione per tornaconto personale. [16]

    In linea con la premessa del professor Samuel secondo cui l'ideologia della regalità tolemaica era intimamente connessa con il modo in cui l'Egitto veniva amministrato, passiamo ad alcuni degli aspetti dell'ideologia reale da lui menzionati. [17] Il primo di questi è che, dal regno di Tolomeo II Filadelfo in poi, il re fu adorato come un dio. Questa affermazione, anche se in superficie sembra essere "minimalista", inizialmente mi ha turbato in considerazione del proverbiale scetticismo nutrito da alcuni intellettuali greci riguardo alla divinità di qualsiasi monarca vivente. Basti ricordare la feroce risposta di Demostene alla mozione di deificare Alessandro ad Atene: "Che sia anche figlio di Zeus e di Poseidone, se lo desidera" [18] o la provocatoria replica del cinico Diogene, "Allora fa' me Sarapide!” [19] Questi aneddoti, anche se del tutto apocrifi, rivelano tuttavia una certa resistenza degli intellettuali greci alla sostituzione di theos per basileus. [20] Come osservò succintamente C. Bradford Welles, "nessun greco, antico o moderno, ha mai pensato che qualcuno fosse davvero superiore a se stesso". [21]

    Tuttavia, nel 279/8 a.C. , il primo Tolemaiea fu celebrato ad Alessandria per onorare i genitori divinizzati di Tolomeo II Filadelfo, gli "Dèi salvatori", οὶ Σωτῆρες, Tolomeo I Sotere e Berenike I. [22] Il diciassettesimo idillio di Teocrito allude similmente all'istituzione del culto del defunto Sotere ad Alessandria nel 270 a.C. [23] Il suggerimento di Claire Préaux che il culto dinastico dei Tolomei ad Alessandria si sia sviluppato da un culto eroico originale in onore di Alessandro come fondatore della città sembra essere valido, e implica che i successivi Tolomei vi furono incorporati in virtù della successione reale . [24] Tuttavia, già nel 272/1 a.C. , Tolomeo II Filadelfo e Arsinoë II (figura 34) assunsero l'appellativo ο ο ("Brother and Sister Gods") e ricevette un culto associato al culto di Alessandro. [25]


    Fig. 34. Arsinoë II e Tolomeo Filadelfo come regina e faraone d'Egitto. Tanis, 270–246 a.C. British Museum, Londra. A partire dal La storia antica di Cambridge, 2d ed. (Cambridge: Cambridge University Press, 1984), vol. 7, pt. 1, pp. 13-15, tav. 13.

    Come spiegare allora il “grande salto”, come lo definisce Turner, dal culto degli antenati defunti alla venerazione degli uomini viventi? Suggerirei che i due possono essere riconciliati come manifestazioni distinte della divinità. Il primo era un'estensione del culto dell'eroe istituito per conto di Alessandro, il secondo era la riverenza generata dalla manifestazione del potere reale.

    In contrasto con la prospettiva giudeo-cristiana della divinità onnipotente, onnisciente e onnipresente, il termine theos possedeva una vasta gamma di significati per un greco antico. Potrebbe denotare una divinità dell'Olimpo, un semidio, un eroe o un sovrano ellenistico, ma era anche associato a operatori di miracoli, i cosiddetti uomini divini. La divinità non era interpretata come un assoluto, ma era invece un astratto non strutturato che significava vari livelli e sfumature di potere. [26] Quindi fu in riconoscimento del potere, delle conquiste capaci di eccitare l'immaginazione popolare (per parafrasare Arthur Darby Nock), [27] che il primo culto del sovrano greco fu istituito nel 404 a.C. Anche se il culto dinastico tolemaico ebbe origine come forma di propaganda reale, il suo continuo successo attesta la credenza popolare. [28] Come hanno entrambi osservato Simon Price e ora il professor Long, è inutile chiedersi se i greci credessero effettivamente nella divinità dei governanti, l'unica prova palpabile del loro stato mentale è la partecipazione al culto o al rituale. [29]

    Anche se si potrebbe essere tentati di interpretare la descrizione metaforica di Tolomeo II Filadelfo come ος "un altro dio", di Callimaco nel suo Inno di Delo, [30] come un'iperbole (che rappresenta o un'espressione di propaganda ufficiale o una manifestazione pubblica di servilismo, verso entrambi i quali gli amministratori greci politicamente sensibili e i beneficiari del patrocinio reale farebbero bene a a parole), respingerlo in quanto tale sarebbe probabilmente infondato. Definire Filadelfo un dio, data l'ampia gamma di sfumature che caratterizzava il significato di questo termine, era del tutto accettabile theos meramente implicito riconoscimento di un grado di autorità in risposta alla possente dimostrazione di potere di un sovrano.

    Qual era la fonte della potenza reale? Recentemente la visione tradizionale secondo cui gli antichi egizi consideravano il loro faraone regnante come una divinità a sé stante è stata messa in discussione. Hans Goedicke sostiene che non era il re stesso, ma piuttosto l'ufficio della regalità ad essere divino. [31] In base a numerosi passaggi della letteratura egiziana che enfatizzano la natura umana del re egiziano, Georges Posener ha sostenuto che sebbene il re fosse identificato con determinate divinità, mediante rappresentazione in forma di un dio o esibendo una caratteristica o caratteristiche uniche per una divinità specifica: il re stesso non era divino. [32] È logico, quindi, che i governanti tolemaici viventi dell'Egitto possano essere stati visti allo stesso modo: Tolomeo sedeva sul trono di Horus ma era il trono, non Tolomeo, che in realtà era divino. [33]

    Nel suo inno a Zeus, Callimaco scrive: "Da Zeus vengono i re, perché nulla è più divino di ciò che esce da Zeus". [34] Allo stesso modo, a Edfu, Kom Ombo e Philae, i re tolemaici furono raffigurati incoronati dalle dee dell'Alto e del Basso Egitto, Nekhbet e Buto, anche qui, i media ufficialmente generati dipingevano i Tolomei come sanzionati da Dio, sebbene a loro modo non erano divini. [35] I re erano concepiti come rappresentanti delle divinità tradizionali, in particolare Horus e Zeus, ma non come loro pari. Questa era la punta di diamante delle osservazioni di Demostene e Diogene.

    Il socratico (di Senofonte Ciropedia, Platone Repubblica e Le leggi) e gli avalli aristotelici del diritto naturale del Buon Re a governare erano senza dubbio ben noti agli intellettuali greci, ma furono le scuole filosofiche ellenistiche a elevare la regalità dal piano naturale a quello divino - cioè, la regalità come riflesso del divino - e catalogare le molte virtù del Buon Re. [36] Se la posizione, espressa nella Lettera di Aristea, che il monarca tolemaico fosse umano, governante per grazia di Dio, deve più all'identità ebraica dell'autore o alla sua educazione greca è, forse, una questione jejune. [37] Vari trattati sulla regalità erano in circolazione generale, come confermato da un aneddoto conservato da Stobeo: si dice che Demetrio di Falerone consigliò a Tolomeo Sotere di interessarsi ai libri βασιλείας καί ἡγεμονίας sulla base del fatto che "ciò che gli amici non osano dire ai re, lo scrivono nei libri". [38]

    Senza dubbio le rappresentazioni di re e regine tolemaiche nell'atteggiamento delle divinità egiziane tradizionali rappresentano un tentativo di conciliare le antiche tradizioni faraoniche con il nuovo regime. A Karnak, Edfu e Philae, per esempio, i Tolomei sfoggiano la stessa iconografia, sono assimilati e identificati con, e persino ricevono vita, dagli dei tradizionali dell'Egitto. [39] L'identificazione dei Tolomei con divinità greche e le proclamazioni della loro discendenza divina dovrebbe essere intesa allo stesso modo. [40] Questi erano annunci delle origini divine del potere reale.

    Il secondo aspetto dell'ideologia della regalità tolemaica affrontato dal professor Samuel è la leadership militare, in particolare la difesa dell'Egitto dai nemici stranieri. Queste imprese militari, raccontate nei resoconti storici di Polibio e Diodoro Siculo, furono celebrate anche da Teocrito nel suo diciassettesimo idillio. [41] Nell'architettura monumentale in tutto l'Egitto, si possono osservare re tolemaici che afferrano i nemici catturati per i capelli con una mano, mentre l'altra è sollevata in posizione di percossa. [42] Questa scena è praticamente identica alle numerose scene faraoniche. [43]

    Un altro aspetto dell'ideologia della regalità tolemaica affrontato dal professor Samuel era filantropia. filantropia potrebbe essere esibito in modi così diversi come la promozione della pace, la concessione di benefici liberali a sacerdoti e templi, [44] concessioni di asilo o amnistia, [45] sollievo dalla carestia, [46] esenzione fiscale, [47] e protezione contro gli abusi [48], l'ultimo dei quali si riallaccia nettamente alla sua tesi. Numerosi reali prostagmatica (ordinanze) emesse in risposta a richieste di favori o di correzione di abusi attestano la preoccupazione dei Tolomei per filantropia. [49]

    FE Adcock sosteneva cinicamente che i re ellenistici tradizionalmente si rappresentavano come benevoli verso i loro sudditi perché questo era parte integrante del gioco della corretta etichetta reale, [50] mentre William Linn Westermann si chiedeva se la legislazione tolemaica, per quanto ci è nota, dimostrato una reale preoccupazione per il benessere di egiziano soggetti. [51] Claire Préaux ha notato che filantropia si verifica ordinariamente nelle società in cui vi è un'immensa sproporzione tra la ricchezza e il potere di pochi e la povertà delle masse. [52] Più pertinente, tuttavia, è l'osservazione di Marie-Thérèse Lenger che la base del tolemaico filantropia si basava principalmente sul concetto di re. [53] Per gli egiziani non meno che per i greci, Tolomeo era il protettore dei sudditi oppressi ci sono prove considerevoli di precedenti faraonici anche per questo, in particolare il dovere del faraone egiziano di garantire ma'at. [54] Considerate le istruzioni di un faraone della nona o della decima dinastia a suo figlio, Merikare: “Fai giustizia, poi sopporti sulla terra calma chi piange, non opprimere la vedova, non espellere un uomo dalla proprietà di suo padre, non ridurre i nobili nei loro possedimenti. Attento a punire ingiustamente non uccidere, non ti serve”. [55] Non sono così avventato da suggerire che filantropia era un concetto distintamente egiziano rispetto a un concetto ellenistico, ma piuttosto che, almeno per quanto riguarda i Tolomei, esisteva già una tradizione consolidata per il perseguimento di questo ideale da parte del re egiziano. Una volta stabilitisi in Egitto, i Tolomei sembrano essersi immersi liberamente nelle fonti della filosofia greca, soprattutto come fornite dai socratici del IV secolo, da Aristotele, dai pitagorici e dagli stoici, per razionalizzare la loro posizione di re e la loro filantropia. Temi identici trovano eco in Idillio 17, l'elogio di Teocrito al suo patrono reale, Tolomeo II Filadelfo, [56] e in numerosi papiri e iscrizioni. Naturalmente, la questione significativa (che considerazioni di tempo mi impediscono di affrontare qui) è fino a che punto i Tolomei furono effettivamente all'altezza dell'ideologia della regalità che promuovevano: la distinzione fondamentale tra immagine ideale e Realbild.

    Come storico sociale, confesso che non riesco a immaginare che lo scambio culturale tra gli abitanti greci ed egiziani dell'Egitto tolemaico sia stato unilaterale. Tuttavia, il opinione comune tra gli storici dell'Egitto greco e romano è tradizionalmente che la cultura ellenica fiorì in un ambiente così alieno come l'Egitto come risultato di una politica deliberata volta a promuovere l'ellenizzazione. Come esempi, devo solo indicare le biblioteche e il Museo di Alessandria. Si sostiene, inoltre, che poiché i Tolomei nominavano e promuovevano regolarmente i greci a posizioni amministrative di alto livello, gli egiziani ambiziosi si sarebbero assimilati con tutta la rapidità possibile alla cultura ellenica se avessero sperato di avanzare nella loro carriera. Tuttavia, in un paese come l'Egitto, dove terra sacra goduto di tale venerabile antichità, e dove i greci ellenistici, non meno degli egiziani, sottoscrivevano l'efficacia degli antichi culti egizi, è, direi, difficile sostenere la conclusione che la religione egiziana non abbia esercitato un'influenza sui coloni greci. [57]

    Per tutto il periodo faraonico, la religione e la tradizione amministrativa egiziane si occuparono intimamente dell'ideologia dei sovrani egiziani. Sembra che abbiano contribuito in modo non meno significativo all'ideologia della regalità tolemaica. I monumenti tolemaici di Karnak, Edfu, Kom Ombo e Philae, situati alla vista di tutti i sudditi, egiziani e greci allo stesso modo, celebravano un'ideologia della regalità che emulava deliberatamente i prototipi faraonici.Questi monumenti non pubblicizzano un'ideologia della regalità egiziana distinta da quella greca, ma mostrano piuttosto una coalescenza dei due. [58] Per bilanciare l'enfasi del professor Samuel sulla componente ellenica, ho sottolineato l'egiziano.

    Sarebbe irragionevole presumere che i Tolomei non fossero interessati a Aegyptiaca. Si considerino le tradizioni che implicano il patrocinio tolemaico del sacerdote egiziano Manetone, i cui trattati sulla storia e la religione egiziane furono spesso citati dai successivi autori classici. [59] A chi è servito, se non quello dei Tolomei, la riconciliazione delle antichità egiziane con la filosofia politica greca da parte di Ecateo di Abdera? [60] Infatti, già nel VI secolo a.C. , Ateniesi e greci ionici erano stati esposti alle tradizioni egiziane in virtù delle loro attività commerciali a Naucrati e nell'entroterra, mentre un secolo prima che Alessandro lanciasse la sua lancia in Asia o che i macedoni mettessero piede sul suolo egiziano, Erodoto si meravigliò così tanto delle tradizioni egiziane che tutto il suo secondo libro storie è stato dedicato a una loro discussione. I resoconti di Diodoro Siculo e Strabone lo dimostrano Aegyptiaca continuò ad affascinare gli intellettuali greci nel periodo romano. E non è la straordinaria curiosità intellettuale degli antichi greci che i posteri hanno lodato come l'essenza dell'ellenismo?

    Discussione

    E.N. Borza:

    Il professor Samuel sta forse suggerendo che abbiamo, per usare il termine del professor Hammond, una “coesistenza” tra una versione tolemaica della tradizionale monarchia macedone e la tradizionale burocrazia egiziana? E potrebbe commentare anche la composizione etnica della burocrazia egiziana? Supponendo che abbia ragione, qual è il motore economico che tiene in carreggiata tutta questa faccenda? Ha suggerito che non possiamo postulare una sorta di ricaduta tolemaica, forse avremo bisogno di una teoria della bolla o qualcosa del genere. (Risate.) Ma qualcosa deve mantenere l'intera struttura nonostante i cambiamenti al vertice. Il professor Delia ha sottolineato ciò che penso possa mancare nel suo articolo, e questo è un riferimento alle istituzioni faraoniche o addirittura egizio-persiane esistenti che hanno fatto andare avanti le cose. Un'altra possibilità è che forze esterne all'Egitto abbiano contribuito a plasmare l'economia tolemaica. Ho l'impressione che ci fosse un'economia più integrata nel mondo del Mediterraneo orientale dopo la sua conquista da parte di Alessandro. Non c'è tempo per perseguire questo obiettivo, ma penso che abbia qualcosa a che fare con l'interruzione dell'autorità persiana in Oriente e le nuove relazioni tra i greci, aprendo nuove rotte del grano. Fino a che punto il professor Samuel o il professor Delia avrebbero ammesso che questa nuova economia avrebbe potuto creare una sorta di mercato che i Tolomei non avevano pianificato, ma per il quale alla fine fornirono un'organizzazione in Egitto come risposta? E che questo nuovo mercato era percepito dagli egiziani a tutti i livelli della società, ed era legato al motore che faceva andare avanti l'economia, nonostante l'imposizione di una regalità macedone?


    A.E. Samuele:

    Il motore nella sua forma più fondamentale era ovviamente la produttività dell'Egitto e la vendita del grano. Ecco da dove sono venuti i soldi. È lì che il re era in grado di produrre beni che producevano monete e entrate. Il vero problema al centro della tua domanda è che supponiamo, dalle nostre stesse esperienze imperialistiche, che Tolomeo I, o Alessandro, guardasse a questo paese con la sua popolazione di lingua egiziana e una minoranza di mercanti greci concentrati in pochi luoghi, e chiesto: Come possiamo eseguire questa operazione in modo più produttivo? Poiché non abbiamo praticamente prove della prima generazione e mezzo, il periodo in cui devono essere stati fatti gli aggiustamenti e le decisioni, tendiamo a cogliere la soluzione che sembra più semplice, che hanno preso le istituzioni faraoniche esistenti e le hanno usate tanto come potevano—questo è ciò che noi avrebbe fatto, perché siamo pigri come chiunque altro. Ma in realtà non sappiamo se è quello che è successo. È anche vero che la situazione stessa limita il numero di opzioni per gestire un'economia basata sulla spedizione del grano fino al re e quindi sulla sua vendita all'estero. Quello che stavo cercando di suggerire era che non fa molta differenza a livello centrale di funzionamento come si usa o non si usa il motore esistente fintanto che l'output è quello che si vuole. Tutti noi qui siamo diventati consapevoli delle grandi separazioni tra l'ellenismo e le istituzioni non elleniche ovunque si siano incontrate - c'è certamente una tale separazione in Egitto - quindi anche se gli egiziani possono aver superato in numero i macedoni e i greci in Egitto, e comunque molte delle istituzioni sono state lasciate intatte, e non importa quanto prospera, prospera e vitale sia rimasta la tradizione nativa, sembra che ci siano stati pochissimi incroci. Se questo è vero, allora dobbiamo guardare al modo in cui il re e i suoi alti funzionari hanno previsto l'operazione là fuori, in termini di come l'avrebbero vista come macedoni e greci. E anche se potrebbero essere stati costretti a usare modelli egiziani, suggerisco che non lo farebbero vedere loro come modelli peculiarmente egiziani. Avrebbero apportato così piccoli aggiustamenti alla lingua con cui si sarebbero avvicinati alle cose da trasformarle in modelli macedoni o greci.


    D. Delia:

    In riferimento al motore economico, vorrei intervenire che è difficile in questi giorni dalla costruzione della diga di Assuan capire l'incredibile fertilità dell'Egitto. Ciò che ha davvero fatto andare avanti tutto questo è stato il Nilo. Le crisi si verificarono quando gli amministratori tolemaici, perseguendo l'interesse personale, divennero troppo avidi.


    E.N. Borza:

    Che dire dei cambiamenti che hanno portato alla costruzione di una più ampia economia di esportazione?


    A.E. Samuele:

    Non lo so. Penso che a causa della tradizionale attenzione che abbiamo sulla storia greca in Grecia fino ad Alessandro, e poi sulla storia greca al di fuori della Grecia dopo Alessandro, trascuriamo la relazione molto intima tra l'Egitto e l'economia egiziana e la Grecia continentale e l'Egeo dal quinto secolo in poi. Penso che fossero molto più vicini di quanto tende a riflettersi nel nostro commento. Penso che quello che è successo dopo Alexander sia stato semplicemente costruire ed estendere modelli che già esistevano. E lo sviluppo dei regni territoriali può infatti avere impedito in una certa misura lo sviluppo dell'economia del Mediterraneo orientale, che avrebbe potuto essere più facile da sfruttare per l'Egitto prima che esistessero un Antigono e un Demetrio e un Antipatro. Ma non so se ci sono prove sufficienti per dirlo.


    E. Gruen:

    Mi piace l'idea che i Tolomei non avessero un progetto attentamente studiato o un piano razionale. Ma permettetemi di insistere un po' su quell'idea. Se ho capito bene, parte del motivo per cui consideriamo un'amministrazione molto intricata era attirare i greci dalla patria per venire in Egitto e/o trovare cose da fare per loro una volta lì, per dare loro nicchie , e per dare loro lo status. Questa è un'idea accattivante. Ma due domande: in primo luogo, non è esso stesso qualcosa di un piano cosciente, qualcosa di uno scopo razionale? E secondo, se è vero, perché non l'hanno fatto i Seleucidi o gli Attalidi?


    A.E. Samuele:

    Tocchi qualcosa che ho dovuto omettere per motivi di tempo. Prendete le cleruche, per esempio. La pratica del cleruchia è stata interpretata come un bell'esempio di politica consapevole: dobbiamo pagare questi soldati, come li pagheremo, diamo loro appezzamenti di terreno. Questo è, credo, un costrutto in una certa misura sulla base di ciò che pensiamo di capire dell'Europa medievale. E il termine “feudalesimo” è entrato – ed è uscito – per l'Egitto tolemaico, per descrivere ciò di cui sto parlando. Gli studiosi moderni che hanno visto cose come le leggi sulle entrate sono rimasti sbalorditi da una burocrazia così meravigliosamente elaborata. Perché sembrava così minuziosamente dettagliato è stato preso per essere organizzato razionalmente. Il materiale è stato letto in questo modo. È solo dopo aver letto il materiale di partenza più e più volte che ci rendiamo conto che è davvero molto disorganizzato. C'è molta regolamentazione, ma non è una regolamentazione organizzata, così che documenti come le leggi sulle entrate non sono più visti come legislazione reale, ma principalmente come compendi locali a scopo informativo. Se l'insediamento dei greci sulla terra deve essere visto come lo vedevamo tradizionalmente, come un mezzo per pagare le truppe, e abbiamo un'organizzazione razionale, allora sì, dobbiamo vedere una pianificazione razionale. Ma supponiamo, come ipotizzo, che la ragione per cui a queste persone è stata data la terra fosse per portarli là fuori, cioè per disperdere i greci attraverso le campagne in modo che il governo avesse gente di lingua greca che conoscesse le aree locali. In altre parole, i lotti di terra non venivano dati per pagare i soldati, c'era abbastanza reddito dal grano per farlo. Il vero problema era un altro: non c'era nessuno a Tebtunis, diciamo, che parlasse la lingua dei governanti. Una soluzione a ciò era far sì che i greci si stabilissero nel paese. Ora, se è una pianificazione razionale dire, voglio che più greci possibile si stabiliscano lì in modo da avere una popolazione di lingua greca da governare, è una pianificazione razionale a un livello molto minimalista. Ma questo è quello che sto suggerendo: che la ragione per la distribuzione dei greci attraverso l'Egitto era semplicemente quella di distribuire i greci attraverso l'Egitto, e non molto di più. Questo spiegherebbe adeguatamente perché i Seleucidi non fecero la stessa cosa. Spiegherebbe anche qualcosa che in realtà non è stato chiesto: perché i Seleucidi non usavano il sistema cleruchico? La base economica in Egitto richiedeva che le persone fossero in tutto il chora. Non era davvero pratico creare molte nuove città quasi greche o quasi macedoni.


    D. Delia:

    Penso che l'ipotesi che ci sia stata una razionalità prevalente per tre secoli o più sia enorme da fare. Ciò che suggerisce il professor Samuel, piuttosto, è che ciò che abbiamo è una serie di risposte individualmente razionali a situazioni particolari: il tutto non si somma in una risposta.


    A.A. Lungo:

    Penso che il professor Delia abbia affermato che i greci avrebbero trovato molto difficile trattare Tolomeo come un dio. Ma non potrebbe essere vero il contrario? Non sono sicuro di quale fosse la sua espressione, ma di certo non vogliamo parlare di "credenza in" Tolomeo come un dio. Un greco credeva in un dio solo nella misura in cui prendeva il dio per avere un po' di potere sulla sua vita. Gli stoici, nonostante tutta la loro teologia razionalista - e al livello più alto si potrebbe voler vedere lo stoicismo come un movimento verso una sorta di monoteismo - erano in realtà anche radicalmente politeisti. Hanno permesso che ci potessero essere dei mortali. Anche il cosmo, il mondo fisico, che gli stoici consideravano una divinità, perisce. Come questo si colleghi all'esperienza ellenistica non lo so. Ma l'altro mio punto è che forse in qualche modo l'esperienza dei re ellenistici, almeno dal punto di vista di come hanno influenzato le persone, potrebbe effettivamente rigenerare la fede negli dei. Perché tradizionalmente gli dei si comportano in questo modo: speri che onorino le tue preghiere e non ti facciano saltare in aria, ma l'esperienza mostra quanto siano irregolari. Ovviamente anche gli dei umani sono irregolari, ma hai un accesso più diretto a loro. Hai capito il mio punto generale.


    D. Delia:

    Non credo ci sia contraddizione qui. Il punto che stavo cercando di fare era che c'è una distinzione tra il re come dio e la divinità del suo ufficio. Trovo difficile credere che sia i greci che gli egiziani considerassero, ad esempio, Tolomeo VIII Euergetes II, che fu coinvolto in guerre civili con membri della sua famiglia proprio sul suolo d'Egitto, come il dio o un dio. Penso che possano aver considerato divino l'ufficio della regalità, ma non necessariamente la persona stessa. Il fatto che fosse mortale non era davvero qualcosa che stavo considerando.


    S.M. Burstein:

    Ciò che è mancato finora in questa discussione, sebbene il professor Delia abbia cercato di introdurla, è la questione degli egiziani. L'impressione creata dall'articolo del professor Samuel è che gli avidi greci sfruttassero crudelmente gli egiziani, ma è troppo semplice. Omissis è un gruppo di persone che gli studiosi tendono a ignorare, i komarchs e komatographeis che furono gli indispensabili intermediari tra il governo tolemaico e il grosso della popolazione egiziana. Situazioni coloniali come quelle dell'Egitto tolemaico offrono opportunità a tali uomini di accumulare maggiore ricchezza e influenza rispetto a quanto accadrebbe sotto i regimi indigeni, perché in ultima analisi è solo attraverso la loro agenzia che gli affari governativi vengono fatti. Non è vero, quindi, che gran parte dello sfruttamento documentato nelle fonti è avvenuto perché il sistema tolemaico ha creato opportunità di “corruzione” non solo per i greci ma anche per funzionari egiziani di livello inferiore, come Menches di Kerkeosiris? Dopotutto, poiché in generale i greci non imparavano l'egiziano, tali funzionari erano insostituibili.


    A.E. Samuele:

    Vorrei prima rispondere alla domanda del professor Long. C'è un famoso scambio tra Peter Fraser e Brad Welles, in cui Fraser ha osservato: "Sappiamo che Tolomeo ho creato Sarapis", a cui Welles ha risposto, in effetti, "Di questa affermazione la prima metà è falsa e la seconda impossibile". Il punto di Welles era che nessuno crea un dio. Credo che in effetti questi re erano visti come dei. Ora, ciò che significava era limitato a ciò che potevano fare per te. Ma credo che il greco medio in Egitto, verso la metà del terzo secolo se non prima, avesse capito che i Tolomei potevano fare qualcosa in qualche modo divino, e dovevano quindi essere trattati come theoi.

    Questo influenza la mia risposta alla domanda del professor Burstein. Se l'occupazione non è puramente occupazione da parte di una forza superiore, ma incarna qualche elemento di divinità - come sicuramente si è sentito in presenza di Alessandro - e se si crede che ci sia un elemento divino in ciò che è accaduto, allora ad alcuni misura in cui ciò incide sulla questione della collaborazione. L'altro aspetto della questione sollevata dal professor Burstein, quella di Menches e degli egiziani, è che non sappiamo cosa hanno fatto gli egiziani per protestare contro lo sfruttamento se non parlavano greco. Non aveva senso inviare una denuncia ad Alessandria in demotico. Quello che abbiamo veramente è una barriera tra gli egiziani oppressi e la struttura ufficiale, creata dalla loro incapacità di scrivere in greco. Eventuali lamentele esistenti sono il prodotto di un egiziano che ha usato uno scriba per protestare in greco, o di egiziani che erano almeno in parte ellenizzati. Penso che fosse inevitabile che gli egiziani che parlavano sia greco che egiziano fossero le persone che occupavano il cosiddetto livello di interfaccia della burocrazia. Ed è altrettanto inevitabile che ci guadagnerebbero un soldo. Quello che sto suggerendo è che non sono solo questi personaggi che hanno usato la burocrazia per arricchirsi in questa situazione, ma anche le persone all'interno della struttura greca. Allo stesso tempo niente di tutto questo era corruzione. È su questo che sto insistendo. La parola "corruzione" è il termine sbagliato per descriverla. Le cose stavano proprio così.


    D. Delia:

    Eppure è chiaro che nelle ordinanze tolemaiche lo sfruttamento era considerato abusivo. Forse è una questione di grado. Un po' di speculazione andava bene, ma se era eccessivo, si levavano voci di protesta e alla fine il re doveva fare qualcosa al riguardo.


    S. Burstein:

    A questo proposito penso che due punti siano degni di nota. Primo, non ci sono prove che uno scrittore greco abbia mai saputo che il re egiziano doveva essere un dio. Anzi, è esplicitamente affermato il contrario da Ecateo di Abdera (ap. DS 1.95.5) e implicitamente da Erodoto (2.142). In secondo luogo, c'è una vera e propria opera del III secolo a.C. Giustificazione greca della regalità divina, vale a dire evemerismo. La regalità divina tolemaica, quindi, si inserisce bene in un periodo del III secolo a.C. contesto greco.


    P. Verde:

    La prima cosa che mi ha colpito è stato lo straordinario parallelo con ciò che accade in Unione Sovietica: il divario tra la pianificazione centrale e ciò che accade all'altra estremità. Non credo ci sia incoerenza tra le persone provare pianificare centralmente, e ciò non ha assolutamente alcun effetto sulla produzione effettiva a livello locale. Questo potrebbe benissimo essere ciò che stava accadendo nell'Egitto tolemaico. Ci sono molte prove per l'organizzazione e i comandi dall'alto. Fino a che punto questi ordini siano stati obbediti, e chi li abbia effettivamente redatti, non è affatto certo. Il re avrà messo le sue iniziali su qualcosa che probabilmente è stato redatto da un burocrate. Diverse cose sono suggestive. Uno di questi è l'economia finanziaria chiusa dell'Egitto, molto evidente dai diversi pesi delle monete. Questo ha qualcosa a che fare con il fatto che l'Egitto ha importato praticamente tutto il suo argento. Esportava grano e papiro. Questa faccenda del commercio estero non le piaceva, ma era assolutamente necessaria. Su un altro punto: il re, ci viene detto, doveva essere militare. Come mai? Una cosa che nessuno ha menzionato finora è la frontiera Coele Siria, che è stata spinta a nord e a sud per centinaia di anni da Seleucidi e Tolomei perché la valle della Bekaa, il Libano e la Siria settentrionale erano economicamente e strategicamente cruciali allora come lo sono ora . I primi Tolomei avevano un enorme interesse per il Mediterraneo orientale e l'Egeo perché volevano il controllo del commercio, non solo per la simbolica conquista militare. Penso che il professor Samuel avesse ragione a sostenere che il cambiamento nell'enfasi amministrativa fosse dovuto alla debolezza di persone come Tolomeo IV e V. Ma ciò non implica un controllo molto più forte da parte dei precedenti Tolomei, che essi fatto sapere cosa stavano facendo e controllavano le cose in misura significativa? Una delle cose che Teocrito mette in evidenza in Idillio 17 è il numero di terre che Tolomeo ha ridotto. Non lo faceva solo per divertimento. E il corpo degli interpreti? Esisteva fin dall'inizio, ed era chiaramente qualcosa in cui valeva la pena partecipare. Ci sono utili paralleli qui con il Raj britannico in India. E i collaboratori sono terribilmente importanti. Le uniche persone che collaborano attivamente sono quelle che vogliono farsi strada nel sistema esistente con possibilità di vero successo. Christian Habicht ha sostenuto che anche nei tempi migliori, dopo due o più generazioni, formavano solo circa il 2 e mezzo percento della popolazione totale, ma è una percentuale molto importante. Penso che dobbiamo modificare questa visione di una totale mancanza di controllo dall'alto. Il fatto che non fossero molto bravi non significa che non abbiano provato a farlo e che lo vogliano fare. Per certi versi anche lì era controllo: sulla valuta, per esempio. E che dire di quelle direttive che in caso di emergenza si spediscono grano solo ad Alessandria? Potrebbe aver fischiato nel vento. Ma c'è un senso di controllo da parte di Alessandria che penso tu sottostimi.


    A.E. Samuele:

    Penso che ci sia una differenza tra pianificazione e direzione. Vedo le prove per la direzione. Questo è un tentativo di ottenere il massimo dal raccolto di cereali, per esempio. Quello che non vedo sono tentativi dettagliati di pianificazione, per dire: "Facciamo crescere così tanto qui, e così tanto là, e così tanto quest'anno e così tanto l'anno prossimo, e imposteremo i nostri regolamenti in modo che otteniamo un risultato migliore e più uniforme dal raccolto”—questa è pianificazione ed è quello che nego. In secondo luogo, in riferimento alla debolezza della leadership nel II secolo: quello che sto suggerendo è che nel III secolo il re aveva persone come Apollonio, cortigiani che conosceva personalmente e attraverso i quali poteva fare cose, come prendere cura di dignitari stranieri e mostrando loro in giro. Questo è diverso da una possibile situazione in cui il re avrebbe seguito una catena di comando da Alessandria fino al Fayum, usando funzionari che avrebbe potuto conoscere o meno. Quello che vedo nel II secolo è l'assenza di rapporti bilaterali tra il re ei suoi cortigiani al tempo delle reggenza, ed è per questo che si ottiene l'aumento della forza della burocrazia. Finché il re aveva una consorteria di persone con cui poteva avere a che fare, c'era qualche tentativo di tenere sotto controllo la burocrazia.


    C. M. Wells (Trinity University, San Antonio):

    Un'osservazione: penso che l'assenza di una distinzione chiaramente articolata tra pubblico e privato non sorprenderebbe, ad esempio, un governatore provinciale romano della tarda Repubblica, che usava la sua famiglia per amministrare la sua provincia.


    Note al testo

    1. Come M. Rostovtzeff, SEHHW, in tutto il suo trattamento dettagliato del regno di Filadelfo, e in particolare 1:271-74, 407-11, 415. Un recente riassunto della struttura dell'amministrazione tolemaica in Egitto può essere trovato in R. S. Bagnall, L'amministrazione dei possedimenti tolemaici fuori dall'Egitto (Leida, 1976), 3-10.

    3. La maggior parte della letteratura è enorme e inizia con studi generali sulla regalità macedone e la monarchia dopo Alessandro. A mio avviso, la panoramica sulla monarchia nel Mediterraneo orientale elaborata da Claire Préaux in Le Monde Hellénistique (Paris, 1978) 181–294, è ancora di gran lunga la revisione più completa e utile delle prove. In inglese, vedere la discussione di F. W. Walbank in CAH [2] VII.1, 64-100, le bibliografie lì, e Leon Mooren, "La natura della monarchia ellenistica", in Egitto e mondo ellenistico, ed. E. Van't Dack, P. Van Dessel e W. Van Gucht (Louvain, 1983), 205-40, che ritorna alle precedenti visioni della monarchia macedone come base per le strutture successive. L. Koenen ha recentemente esaminato le prove dell'influenza egiziana sull'ideologia monarchica, in "Ägyptische Königsideologie am Ptolemäerhof", in Egitto e mondo ellenistico, 143-90, in questioni come accettare la nozione di "amore" come "pilastro" dell'ideologia e sostenere che la nomenclatura egiziana si trova dietro i nomi reali, ma è degno di nota che qualsiasi tale concettualizzazione egiziana è sempre tradotta e resa in greco, e Koenen ammette che l'attrazione dell'ideologia reale egiziana nella scelta dei nomi di culto poteva essere concepita solo come avveniva “in einer sublimeren Weise” (169).

    4. Potrebbe essere stato compilato per l'uso dello strategus, come suggerisce R. S. Bagnall, “Some Notes on P. Hib. 198,” BASP 6 (1969): 73-118, una trattazione che chiarisce la natura del testo come compendio.

    5. Corpus des ordonnances des Ptolémées, Académie Royale de Belgique, Classe des Lettres, Mémoires 57, pt. 1 (Bruxelles, 1964).

    6. Ad esempio, P. Col. Zen. 9 e 11, quest'ultima una lettera di tre Kauniani che chiedono a Zenone di usare la sua influenza con Apollonio possibilmente P.Londo. zen. 2039, una petizione al re, doveva essere gestita da Zenon, come sostiene l'editore. Vedi su questo i commenti di Edgar nell'introduzione a P. Mich Zen., pp. 38–40. L'esistenza di enteuxeis (per esempio., P. Col. Zen. 83) in generale nell'archivio mostra come Zenon sia stato in qualche modo intromesso nel processo giudiziario.

    7. Cfr. anche, ad es., P. Col. Zen. 71, che menziona “le pietre che tu mandasti ad Apollonio, le portò al re, e gli piacquero molto” (11,15-19).

    8. Osservato da Dorothy Crawford, “The Good Official of Tolemaic Egypt”, in Das Ptolemäische Ägypten, Akten des internationalen Symposions 27-29 1976 settembre a Berlino, ed. Herwig Maehler e Volker Michael Strocka, (Magonza sul Reno, 1978), 201.

    9. Il che aiuta a spiegare perché anche abbastanza presto, come in P.Londo. zen. 2016, 241 a.C. , vediamo la terra cleruchica abbastanza formalmente lasciata in eredità. Mi occupo di questo argomento un po' più ampiamente in Le sabbie mobili della storia, Pubblicazioni dell'Associazione degli Storici Antichi n. 2 (Lanham e Londra, 1989).

    10. Da Atene ad Alessandria: ellenismo e obiettivi sociali nell'Egitto tolemaico, Studia Ellenistica n. 26 (Lovani, 1983).

    11. Per la visione di Rostovtzeff del concetto ("estraneo" ai greci) dello stato tolemaico come proprietà privata dei re, e la visione che il sistema economico greco richiedeva "proprietà privata riconosciuta e protetta dallo stato come base di società, e il libero gioco delle forze economiche e dell'iniziativa economica, con cui lo stato molto raramente interferiva", cfr SEHHW 1: 269–73.

    12. Cfr., per osservazioni in tal senso, ibid., 2: 1080.

    13. Un importante gap culturale sottolineato da J. Bingen, Legge sulle entrate Le Papyrus: Tradizione greca e adattamento hellenistique, Rheinisch-Westfälische Akademie der Wissenschaften, Vorträge G 231 (Opladen, 1978), 9-11.

    14. Un'eccezione è l'argomentazione di Tommaso secondo cui gli uffici di diocete e nomarch non erano innovazioni tolemaiche: "Aspetti del servizio civile tolemaico: il Dioiketes e il Nomarch", in Ptolemäische Ägypten, 187–194.

    15. In particolare, se accettiamo l'argomentazione persuasiva di R. S. Bagnall secondo cui i cleruchi si rifanno a un afflusso di soldati al tempo di Tolomeo I ("Le origini dei chieruchi tolemaici", BASP 21 [1984]: 7-20), ci saremmo aspettati che l'insediamento iniziale seguisse gli schemi urbani familiari ai greci.

    17. Che gli incarichi amministrativi fossero desiderabili è dimostrato dal fatto che le persone erano disposte a pagare per ottenerli, come nei pagamenti e nella coltivazione richiesti concordati da Menches in cambio di una nuova nomina come komogrammateus di Kerkeosiris nel 119 a.C. (P. Tebti. 9 e 10. Cfr. Crawford, "Buon funzionario", 201).

    18. In un mio studio per il quale ho avuto un focus diverso ("The Greek Element in the Tolemaic Burocracy", in Atti del XII Congresso Internazionale di Papirologia, Sono. Perno. pap. no. 7 [Toronto, 1970], 450) Ho scoperto che degli individui identificabili di lingua greca di Hibeh, con o senza nomi greci, si poteva vedere che una percentuale significativa aveva alloggi ufficiali. Le cifre: nomi greci, individui minimi identificati, 17,4% con titoli ufficiali individui massimi (assumendo la non identità degli stessi nomi) 9,5% con titoli ufficiali nomi non greci, numero minimo di individui, 13,5% funzionari massimo individui, 9,0% funzionari. Nei centri amministrativi più grandi e importanti, le proporzioni aumenterebbero ovviamente in modo significativo.

    19. Vedi P. Yale 36 e relativa discussione. La conclusione sembra ora confermata dal demotico “Karnak Ostracon”, edito da E. Bresciani, “La spedizione di Tolomeo II in Siria in un ostrakon demotico inedito da Karnak”, in Ptolemäische Ägypten, 31-37, che richiede un'indagine sulla situazione agricola.

    20. La differenza tra amministrazione militare e civile è illustrata da una storia raccontata su Harry Truman. Quando gli è stato chiesto cosa pensava che il suo successore, il generale Eisenhower, avrebbe trovato più difficile per la presidenza, Truman ha risposto: "Quando dà un ordine, e non succede nulla".

    21. Per una rassegna del problema complessivo, cfr. Claire Préaux, L'Economie royale des Lagides (Bruxelles, 1939), 514-33.

    23. O almeno al regno di Aulete cfr. T.R.S. Portato avanti, AJP 106 (1985): 115-16, citando Atene. deipn. 5.206 c-d, che afferma che Auletes ha dissipato il "tesoro dei Tolomei".

    24. Non c'è dubbio sull'opera di bonifica nel Fayum, riassunta da Rostovtzeff, SEHHW 1:360-362 e illustrato da P. Lilla 1, (che L. Criscuolo sostiene non si riferisse specificamente a Apollonio dorea a Philadelphia: “I Mariaruri nell' Egitto tolemaico,” Egitto 57 [1977]: 109–22). La discussione di Criscuolo si preoccupa di mostrare che il titolo di “titolare di diecimila aroura” si riferisce non a un borsista ma a un gestore di un quartiere di quelle dimensioni nel progetto di bonifica del Fayum. W. Clarysse, "I proprietari di beni egiziani nel periodo tolemaico", in Economia dello Stato e del tempio nel Vicino Oriente antico: Atti della conferenza internazionale organizzata dalla Katholieke Universiteit Leuven dal 10 al 14 aprile 1978, Orientalia Lovanensia Analecta n. 6, ed. E. Lipinski (Leuven, 1979) 2: 737-93, indica una serie di ragioni che mettono P. Lilla 1 nelle vicinanze di Filadelfia.

    25. Che questi giuramenti siano destinati ad essere presi sul serio è indicato dalla mancanza di formula nel primo periodo. Cfr., ad esempio, P.Londo. zen. 2045, giurando a Zenon "per tuo" tyche e il daimon del re». L'elaborazione del giuramento è illustrata da P. Fuad Univ. 3–4.

    26. Probabilmente perché non è stato studiato o discusso tanto quanto ci si aspetterebbe: due pagine e mezzo (96-98) in CAH [2] VII.l, tre (255–57) in Préaux's Mondo Hellénistique, descrivendo l'instaurazione del culto dinastico come culto di Alessandro, poi lo sviluppo del culto dei sovrani viventi sotto Filadelfo e le modificazioni sotto i successivi re. Ci sono studi che cercano di collocare il culto nel suo contesto temporale e spaziale in termini di sviluppo e culti di altre monarchie: L. Cerfaux e J. Tondriau, Le Culte des souverains dans la civiltà greco-romana (Tournai, 1957), 193-208 F. Taeger, Carisma: Studien zur Geschichte des antiken Herrscherkultes (Stoccarda, 1957), 287-309 n. per l'Egitto. Taeger (297) vede l'aspetto religioso del culto come "discutibile", e questo è un giudizio spesso espresso, sebbene P. M. Fraser, Alessandria tolemaica (Oxford, 1972) 1:225, si rifiuta di liquidarlo “come una finzione progettata esclusivamente per dare prestigio ai detentori di sacerdozi di carta”. Quest'ultimo è il punto di vista di J. Ijsewijn, De sacerdotibus sacerdotiisque Alexandri Magni et Lagidarum eponymis (Bruxelles, 1961), l'unica revisione completa dei sacerdoti fino a quella data nella misura in cui Ijsewijn porta avanti la sua discussione su specifici sacerdoti, mostra che i sacerdozi erano tenuti da membri della cerchia di corte.

    27. F. Dunand, “Cultes égyptiens hors d'Égypte: Nouvelles voies d'approche et d'interprétation”, in Egitto e mondo ellenistico (Leuven, 1983), 80-81 Dunand fornisce una preziosa rassegna di studi recenti sulla diffusione dei culti egiziani, mentre allo stesso tempo suggerisce approcci alla loro interpretazione.

    28. Ci sono molti esempi, come la testa di Dresda, inventario 2600/A28, o gli inventari di Alessandria 22.185 e 19.122.

    29. Questa è la conclusione di Helmut Kyrielis, Bildnisse der Ptolemäer, Archäologische Forschungen n. 2 (Berlino, 1975), 145-48. Mentre Kyrielis può esagerare la qualità accentratrice del regno di Filadelfo, e assume una direzione degli sviluppi più ampia di quella che il re era in realtà in grado di ottenere, è interessante notare che (158-64) una differenza significativa nella pratica della rappresentazione reale in Egitto da quella caratteristica degli altri regni del periodo.

    30. È certamente chiaro che usò il conflitto della dinastia seleucide intorno al 280/79 per effettuare acquisizioni nell'area egea, sebbene i dettagli siano difficili da discernere. Nei primi anni del suo regno riconquistò Samo, che era appartenuta a Lisimaco fino al 282 (cfr. OGIS 13 = SIG [3] 688, e SIG [3] 390) e si impadronì di Mileto, dove nel 280/79 Antioco I era stefanoforo, mentre nel 279/8 si registra un dono di Filadelfo (Mileto, vol. 1, parte 3, pag. 123). Tra il 274 e il 271, sembra, abbia combattuto una guerra con Antioco I, la prima guerra siriana. Per la maggior parte del decennio successivo, le forze tolemaiche furono coinvolte nell'Egeo a sostegno di Atene e Sparta nella guerra cremonidea poi, verso il 260, si tuffarono nella seconda guerra siriana, che durò forse fino a circa 253 e portò vari risultati e problemi, comprese le rivolte di "Tolomeo il Figlio", che scardinarono il suo controllo su alcune delle città dell'Anatolia occidentale. Possiamo tracciare alcuni degli eventi, come il passaggio di Efeso a Tolomeo nel 262 circa e il suo ritorno al controllo seleucide nel 258 circa e ci vengono raccontate importanti battaglie navali, Cos e Andros, che le forze di Filadelfo persero. Questi, tuttavia, comportano seri problemi di datazione, che rendono difficile tracciare la storia delle fortune tolemaiche nell'Egeo.

    31. Bresciani, «La spedizione di Tolomeo II», 31-37. Il re è Antioco I o Antioco II, a seconda di come si sceglie di datare l'allusione nel documento.

    32. CAH [2] VII. 1, 135-59.

    33. Appiano, Praef. 10, rivendica un esercito di terra di 200.000 fanti, 40.000 cavalieri, 300 elefanti, 2.000 carri armati e un magazzino di armi per 300.000 truppe aggiuntive oltre a una forza navale di 2.000 sterline e piccole imbarcazioni, 1.500 triremi di varie classi e attrezzature per il doppio di quel numero, e 800 talamegas. Callisseno, riportato ad Atene. deipn. 203a, afferma che nella grande processione di Filadelfo, tenutasi c. 275, la parata militare comprendeva 57.600 fanti e 23.200 cavalieri, tutti adeguatamente in uniforme e armati. Entrambi gli autori rivendicano fonti documentarie per le loro figure: Appiano, il cosiddetto basilikai anagraphai e Callisseno, il grafai penteridi, citato come disponibile per ulteriori dettagli della grande processione ad Atene. deipn. 197d. Ateneo, in un passaggio tra quello che tratta della processione e quello che tratta dei grandi “40” di Filopatore, deipn. 203d, fornisce alcuni dettagli specifici per la marina di Filadelfo, un testo che potrebbe risalire a Callixenus.

    35. Ora ampiamente trattato in un commento di E. E. Rice, La Grande Processione di Tolomeo Filadelfo (Oxford, 1983), argomentando efficacemente (124-25, 138-50) per la credibilità del testo qui e nella descrizione dell'enorme tenda di Filadelfo ad Atene. deipn. 196a-97c, e le spettacolari navi di Filopatore in deipn. 203e–6c.

    36. App. Praef. 10. Ateneo si riferisce alla sua grande ricchezza in deipn. 203c.

    37. Non solo per Tolomeo, ma anche per gli altri primi governanti, l'analisi di G. Herman dei decreti onorari indica che "l'impressione trasmessa è che i legami tra gli onorari e i governanti fossero informali, casuali e non istituzionalizzati". "Gli 'Amici' dei primi governanti ellenistici: servitori o funzionari?" Talanta 12–13 (1980–1981): 107. Herman sostiene in modo convincente che la vaghezza dei riferimenti nel primo periodo riflette un atteggiamento negativo nei confronti dei funzionari di corte da parte dei cittadini delle città greche, che di conseguenza omettono questi riferimenti dai decreti destinati a onorare tali uomini poiché l'atteggiamento verso il possesso di titoli cambia, quindi questi titoli appaiono nelle iscrizioni greche con maggiore frequenza. L'atteggiamento negativo può anche riflettere la non familiarità civica greca con la stessa burocrazia, visto che i titoli ufficiali riflettono lo status servile piuttosto che l'ufficio.

    38. L. Mooren, La Titolazione Aulica nell'Egitto Tolemaico: Introduzione e Prosopografia, Verhandelingen koninklijke Academie Wetenschappen, Letteren en schone Kunsten van Belvie, Lett. 37 n. 78 (Bruxelles, 1975).

    40. Come osserva Herman, "'Amici'", 116, il primo periodo sembra mostrare una mancanza di "differenziazione o specializzazione amministrativa" tra questi funzionari di alto rango, un fenomeno generale a cui si conforma la corte tolemaica.

    41. Questa visione della motivazione esprime in modo alquanto diverso le conclusioni raggiunte da L. Mooren in La Hiérarchie du court ptolémaïque, Studia Ellenistica n. 23 (Louvain, 1977), 50-61, che vede anche che in sostanza la gerarchia dei titoli ha il suo valore nelle differenziazioni di rango all'interno della burocrazia.

    42. PM Fraser, Alessandria tolemaica (Oxford, 1972) 1:101-5 traccia la distinzione tra il circolo di corte (usato per amministrare l'impero) e l'amministrazione interna dell'Egitto (quella dello "stato" come "doppia amministrazione"), che si fondeva in il II sec.

    43. Non conosciamo il grado di Apollonio, ma sappiamo che il re fece ricorso diretto a lui.

    44. Le fazioni e le relazioni tra i più alti personaggi della corte in questo periodo sono dettagliate da Leon Mooren, "The Ptolemaic Court System", cron. d'Ég. 60 (1985): 214–22.

    45. Sarebbe gratuito citare un vasto elenco di documenti normali come P. Par 65 (146 a.C.) e P. Ahm. 35 (132 a.C.) per illustrare il continuo lavoro regolare della burocrazia in tempi travagliati, ma vale la pena sottolineare il flusso costante di entrate fiscali su ostraca a Tebe prima, durante e dopo il periodo di maggiore tumulto, 132-130 a.C. (per esempio., O. Bodl. 168–88, WO 341–52), e di citare le petizioni (e altri documenti) del terzo quarto di secolo tra i papiri di Tebtunis che attestano la burocrazia che funziona nel suo solito modo, con gli scrittori che soffrono dello stesso tipo di problemi e si aspettano che i funzionari se ne occupino con i loro problemi, come facevano i firmatari prima che l'Egitto avesse avuto problemi dinastici così gravi.

    46. W. Chr. 10. Ci sono solo pochi documenti che riflettono i disordini del periodo, e sono spesso citati. Altri includono P. Tebti. 61 (b) l'indagine agraria del 118-117 a.C. , che menziona la terra che era stata lasciata asciugare durante il amixia (di data non specificata) P. Tebti. 72,45, riferito a terreni fino all'anno trentanovesimo (132/1 a.C.) prima del amixia.

    47. Per una discussione e riferimenti, vedere my Cronologia tolemaica (Monaco, 1962), 146-47.

    48.Come al solito, la maggior parte dei testi mostra che la burocrazia funziona normalmente, ma ci sono documenti occasionali che si riferiscono al conflitto: W. Chr. 11 indica l'esistenza di un conflitto armato tra le città di Crocodilopolis e Hermonthis nell'Alto Egitto nel 123, mentre PSI 171 si riferisce a amixia nell'area di Tolemaide nel 122-121.

    49. M.-T. Lenger, “La Notion de ‘bienfait’ (philanthropon) royal et des ordonnances des rois lagides,” Studi in onore di Vincenzo Arangio-Ruiz nel xlv anno del suo insegnamento, M. Lauria et al. ed., vol. 1 (Napoli, 1951), fa notare (485-86) che con un'eccezione (P. Enteux. 81 del 221 a.C. ) le sovvenzioni reali di filantropa sono tutte posteriori al III secolo a.C. nota però anche (487-88), il fenomeno generale di filantropa emesso dai re fuori dall'Egitto nel III secolo a.C. , nonché l'uso del termine per i benefici richiesti o ricevuti da funzionari tolemaici e personaggi importanti. La richiesta teorica o filosofica di filantropia da parte dei re è fino a Aristeas, Lettera, 208 (cfr. W. Schubart, “Das hellenistische Königsideal nach Inschriften und Papyri,” Arco. Pap. 12 [1937]: 10 per bibliografia e collegamenti di “Aristeas” con il II secolo a.C. pensiero ebraico, vedi D. Mendels, "'On Kingship' in the 'Temple Scroll' and the Ideological Vorlage dei Sette Banchetti nella “Lettera di Aristea a Filocrate”». Egitto 59 [1979]: 127-36) ma l'apparizione del termine con un forte senso di "benevolenza umana", o l'uso del plurale come "benefici" associati al reale filantropa già nel III secolo a.C. (per esempio., Inschr. Ilion 33 = OGIS 221, c. 274 a.C. SIG [3] 548, Delfi) così come il senso generale di “favori” (es. P. Col. Zen. 9), mostra come il concetto fosse ben consolidato nell'uso prima del II secolo a.C. Per riferimenti dettagliati, si veda Lenger, “Notion de ‘bienfait,’” 487-88 nn. 30-34.

    50. BGU 1185, 60 a.C. = C. Ord. Tolo. 71.

    51. C. Ord. Tolo. 76.22–23.

    Note per la risposta

    1. J. D. Thomas, "Aspetti del servizio civile tolemaico: i Dioiketi e i nomarchi", in H. Maehler e V. M. Strocka, eds., Das Ptolemäische Ägypten (Magonza, 1978), 194: vedi anche H. Bengtson, Die Strategie in der hellenistichen Zeit, 2a ed., vol. 3 (Monaco, 1967).

    2. SEHHW 1:275-313 C. Preaux, L'Economie royale des Lagides (Bruxelles, 1939), 61–435 C. Préaux, “L'Économie lagide, 1933–1958,” in Atti del IX Congresso Internazionale dei Papirologi (Oslo, 1958), 200-32. Vedi anche W. W. Tarn, "Tolomeo II", JEA 14 (1928): 257–58 N. Lewis, L'Industrie du papirus dans l'Égypte greco-romain (Parigi, 1934) S. Calderini, “Ricerche sull'industria e il commercio dei tessuti in Egitto,” Egitto 26 (1946): 13–83 F. Dunand, “L'Artisanat du textile dans l'Égypte lagide,” Ktema 4 (1979): 47–69 M. Schnebel, Die Landwirtschaft im hellenistischen gypten, Monaco. Beitr. no. 7 (Monaco, 1925), 94-185 N. Hohlwein, “Le Blé d'Égypte,” Studi di papirologia 4 (1934): 22–120 C. Bradford Welles, "Sulla riscossione dei proventi del grano nell'Egitto tolemaico", Festschrift F. Oertel (Bonn, 1964), 6-16 Z. M. Pakman, Le tasse sul grano nell'Egitto tolemaico, Sono. Perno. pap. no. 4 (New Haven e Toronto, 1968).

    4. C. Bradford Welles, "L'amministrazione tolemaica in Egitto", JJP 3 (1949): 28–37, 47.

    5. SONO, Petto, vol. 1, sec. 76-167 vedi anche Helch, Lexikon 4:652–54.

    6. H. Goedicke, Die königliche Dokumente aus dem Alten Reich (Weisbaden, 1967), 56, 72 Helck, Wirtschaftsgeschichte 141–55 Helck, Verwaltung 138-45. Vedi anche P. C. Smither, “A Tax Assessor's Journal of the Middle Kingdom,” JEA 27 (1941): 74–6.

    7. Cavolo, Wirtschaftsgeschichte, 182-194 Helck, Lexikon 2:55–68.

    8. Cavolo, Verwaltung, 2 n. 1 e 17-50 T. G. H. James, Il popolo del faraone (Chicago, 1984), 51-72 W. C. Hayes, "Egitto: affari interni da Tuthmosis I alla morte di Amenophis III", CAH [3] II.1, 354–57. Per le istruzioni a Rekhmire, vedere Breasted, SONO, vol. 2, sec. 663–761. Vedere anche Thomas, “Aspects”, 191–1992, per un parallelo con la diocete durante il periodo persiano.

    9. Cfr., ad esempio, Préaux, economia, 570, e J. H. Johnson, "La burocrazia tolemaica da un punto di vista egiziano", in M. Gibson e R. Biggs, eds., L'organizzazione del potere: aspetti della burocrazia nel Vicino Oriente antico, = SAOC no. 46 (Chicago, 1987), 141–49.

    11. "L'organizzazione interna dell'Ufficio del Nomarch nel III secolo a.C. ," in Saggi in onore di C. Bradford Welles, Sono. Perno. Pap. no. 1 (New Haven e Toronto, 1966), 213–29, vedere anche E. Turner, “Ptolemaic Egypt,” CAH [2] VII.1, 148-49.

    12. L'archivio Zenon è suddiviso in diverse collezioni private, in particolare P.Cair. zen. IV, P. Col. Zen. III, P. Edg., P. Lond. zen. VII, P. Mich Zen. Io e P.Zen. Pestm.

    13. “Il buon ufficiale dell'Egitto tolemaico”, in Ptolemäische Ägypten, 201 vedi anche Préaux, economia, 514–33.

    14. Vedi, ad esempio, UPZ I113 (156x).

    15. “Die ptolemäische Staatsverwaltung im Rahmen der hellenistischen Administration,” Mus. Helv. 10 (1953): 176.

    16. Su questa grande stele, che era esposta contro il nono pilone del complesso di Karnak, cfr. SONO, vol. 3, sec. 45-59 R. Hari, Horemheb et la reine Moutnedjmet, ou la fin d'une dynastie (Ginevra, 1964), 302–18 e C. Aldred, “Egitto: il periodo di Amarna e la fine della XVIII dinastia,” CAH [3] II. 275-77. Nota anche A. B. Lloyd, “The Late Period, 664–323 a.C. ", in B. G. Trigger et al., Antico Egitto: una storia sociale (Cambridge, 1983), 336.

    17. Si noti la precedente discussione di C. Préaux: “L'image du roi de l'époque hellénistique,” ​​in F. Bossier et al., eds., Immagini dell'uomo nel pensiero antico e medievale: Studia G. Verbeke (Lovanio, 1976), 53-75.

    18. Iperide, a Demosth. 31 (p. 19 Blass) Eliano VH 5.12 cfr. Atene. deipn. 6.251b e Val. massimo 7.2.13.

    19. Diog. Laerto. 6.63. Vedi anche C. Habicht, Gottmenschentum und griechische Städte, 2a ed. (Monaco, 1970), 28-36 e passim.

    20. Vedi anche l'interpretazione di J. R. Hamilton di Arrian Anab. 7.14.6: "Le origini del culto del sovrano", prudenza 16 (1984): 11–12, contro J. P. V. D. Balsdon, "La divinità di Alessandro", Storia 1 (1950): 385.

    22. Kallixeinos ad Atene. deipn. 5.203a = FGrH III 627. Vedi anche E. E. Rice, La Grande Processione di Tolomeo Filadelfo (Oxford, 1983).

    23. 17.16-17. cfr. Philo Gamba. ad Gaium 138.

    24. C. Preaux, Le Monde Hellénistique (Parigi, 1978) 1:225–57, seguito da P. M. Fraser, Alessandria tolemaica (Oxford, 1972) 1:215-20, e Turner, "Ptolemaic Egypt", 168. Vedi anche W. Otto, Priester und Tempel im hellenistischen gypten (Lipsia, 1905) 1:175-85 Habicht, Gottmenschentum, 109-23 e F. W. Walbank, "Monarchie e ideali monarchici", CAH [2] VII.1, 97. Sui culti degli eroi, cfr. L. R. Farnell, Culti degli eroi greci e idee di immortalità (Oxford, 1921) e A.D. Nock, "Il culto degli eroi", HTR 37 (1944): 141–74, ristampato in Nock, Saggi 2:575–602.

    25. P. Hib. 199.11-17 (272/1 a.C.) L. Cerfaux e J. Tondriau, Un Concurrent de Christianisme: Le Culte des souverains dans la civiltà gréco-romaine, Bibl. Teolo. 3d ser., vol. 5 (Tournai, 1957), 262 ss. Vedi anche Fraser, Alessandria tolemaica 1:216, e Turner, "Egitto tolemaico", 168.

    26. H. Goedicke, “Dio” Diario SSEA 16 (1986): 57-58 S.R.F. Price, "Dei e imperatori: la lingua greca del culto imperiale romano", JHS 104 (1984): 80 e S.R.F. Price, Rituali e potere: il culto imperiale romano in Asia Minore (Cambridge, 1984), 29-30, 247. Cfr. Farnell, Culti degli eroi greci, 370, sulla consapevole distinzione operata dai greci tra eroi e dei. Vedi anche E. Bickermann, “Consecratio”, in Le Culte des souverains dans l'empire romain, Entretiens sur l'antiquité classique no. 19 (Vandoeuvres-Genève, 1972), 7-8.

    27. “ ΣΥΝΝΑΟΣ ΘΕΟΣ,” HSCP 41 (1930): 61–62, = cocca, Saggi 1:250. cfr. Habicht, Gottmenschentum, 165.

    28. M. Smith, "Sulla storia dell'uomo divino", in Paganisme, judaisme, christianisme: Mélanges offerts à M. Simon (Parigi, 1978), 340, 343-44.

    29. S.R.F. Price, "Tra l'uomo e Dio: sacrificio nel culto imperiale romano", JRS 70 (1980): 43.

    30. Callimaco, Inno 4.165-66.

    31. H. Goedicke, Die Stellung des Königs im Alten Reich, g. Abhandl. no. 2 (Wiesbaden, 1960).

    32. G. Posener, De la divinità del faraone (Parigi, 1960). Vedi anche W. Barta, Untersuchungen zur Göttlichkeit des regierenden Königs, MÄS no. 32 (Monaco, 1975), 131-37.

    33. Ritmo Turner, "Ptolemaic Egypt", 132. Sulla distinzione tra la persona e la funzione di un re, vedere D. P. Silverman, "Divinities and Deities in Ancient Egypt", in B. E. Shafer, ed., Religione nell'antico Egitto: divinità, mito e pratica personale (Ithaca, N. Y., 1991), 58-87 H. Hauben, “Aspects du culte des souverains à l'époque des Lagides,” in L. Criscuolo e G. Geraci, eds., Egitto e storia antica dall'Ellenismo all'età araba, Atti del colloquio internazionale, Bologna, 31 agosto – 2 settembre 1987 (Bologna, 1989), 465. Cfr. anche Nock, “ ΣΥΝΝΑΟΣ ΘΕΟΣ,” 10 = Saggi 1:209.

    35. P-M VI: a Edfu: 136 (106-7) Tolomeo IV Filopatore, 141 (152-53) idem, 164 (316–23) Tolomeo V Epifane, anche 157 (291–94) un Tolomeo a Kom Ombo: 188–89 (71–73) Tolomeo VII Neos Philopator, 184 (46) Tolomeo XIII a Philae: 229 (228– 34) idem. Confronta le scene dell'incoronazione a Karnak: P-M II [2] 115 (364) Thutmose III e 230 (20-21) Herihor. Vedi anche E. Hornung, Concezioni di Dio nell'antico Egitto: l'Uno e i Molti (Ithaca, 1982), 140-42, il quale sostiene che fosse la cerimonia di adesione, quando il re assunse le insegne e gli ornamenti dell'ufficio divino, che aveva un significato divino e H. Bonnet, Reallexikon der ägyptischen Religionsgeschichte (Berlino, 1952), 395–400. Vedi anche E. Vassilika, Philae . tolemaico, Analecta Orientalia Lovaniensia n. 34 (Lovanio, 1989).

    36. E. R. Goodenough, "La filosofia politica della regalità ellenistica", YCS 1 (1928): 55–102, ripreso da C. Préaux, "Egitto greco-romano", in J. R. Harris, ed., L'eredità dell'Egitto, 2a ed. (Oxford, 1971), 327–28. cfr. W. Schubart, “Das hellenistische Königsideal nach Inschriften und Papyri,” Arco. Pap. 12 (1937): 1–26.

    37. Aristea a Filocrate, ed. M. Hadas (New York, 1951), 226-27, 233, 242, 245. Un'affermazione simile, espressa da Diodoro a 1.90.2-3, deriva probabilmente da Ecateo di Abdera Aegyptiaca. Per le argomentazioni secondo cui l'autore di questa lettera ha assunto un personaggio completamente greco, vedere V. Tcherikover, "The Ideology of the Letter of Aristeas", HTR 51 (1958): 63.

    38. Pluto. Mor. (apotegma.) 189D Stob. 4.7.27.

    39. A Karnak: P-M II [3] 199 (12c) Tolomeo III Euergetes I a Edfu: P-M VI 144 (189) Tolomeo IV Filopatore, 138 (125) Tolomeo VI Filometore, 140 (139) idem, 133 (95) Tolomeo X Alessandro I a Philae: P-M VI 238 (286–87) Tolomeo II Filadelfo, 239 (293 e 298) idem. Confronta scene faraoniche a Karnak: PM II [3] 62 Sesostris I, 89 (240–44) Thutmose III, 31 (81–82) Ramesse III e 36 (129) Osorkon I. Per discussioni sul dono della vita, consultare Cofano, Reallexikon, 418–20, e Lloyd, “Late Period”, 293. Vedi anche Otto, Sacerdote und Tempel 2:261–81 F. E. Adcock, “Regno greco e macedone”, in Atti della British Academy no. 39 (1953), 170 E. Otto, Gott und Mensch nach den ägyptischen Tempelinschriften der griechisch-römischen Zeit (Heidelberg, 1964), 63-83 Vassilika, Philae tolemaico, passima.

    40. Sull'identificazione dei re tolemaici con divinità greche, si veda J. Tondriau, “Rois lagides comparés ou identifiés à des divinités,” cron. d'Ég. 23 (1948): 127-46. Vedi anche A. D. Nock, “Ruler-Worship and Syncretismo”, recensione di Otto e Bengston, Zur Geschichte des Niederganges des Ptolemäer-reiches, AJP 63 (1942): 218-19 = cocca, Saggi 2:553 e cocca, " ΣΥΝΝΑΟΣ ΘΕΟΣ”, 3–21 = cocca, Saggi 1:204–18.

    41. Righe 86-94. In generale, vedi E. Bevan, La casa di Tolomeo (1927), ristampato come Una storia dell'Egitto sotto la dinastia tolemaica (1927, ristampa Chicago, 1968), e H. Heinen, "The Syrian-Egyptian Wars and the New Kingdoms of Asia Minor", CAH [2] VII.1, 412–45.

    42. A Karnak: PM II [3] 226 (3) Tolomeo III Euergetes I a Edfu: PM VI 158 (297-300) Tolomeo X Alessandro I, 121 (1-2) Tolomeo XIII a Kom Ombo: PM VI 188- 89 (71-73) Tolomeo VII Neos Philopator, 200 (1) Tolomeo XIII a Philae: PM VI 214 (75-76) idem.

    43. A Karnak: PM II [3] 170 (499) Thutmose III, 176 (522) Amenophis II, 55 (168) Sety I, 38 (141) Ramesse II e 131 (488) Merneptah a Medinet Habu: PM II [3] 483 (12-13) Ramesse III ad Abu Simbel: PM VII 101-2 (37-38) Ramesse II. I paralleli faraonici risalgono almeno alla prima dinastia: P-M V 193-94 tavolozza di Narmer. In generale, vedi E. S. Hall, Il faraone colpisce i suoi nemici: uno studio comparativo, MÄS no. 44 (Monaco, 1986). Vedi anche A. Spalinger, “Il concetto di monarchia durante l'epoca saite: un saggio di sintesi,” Orientalia 47 (1978): 12–36.

    44. OGIS 90 (Rosetta, 196 a.C.) Teocr. ID. 17.106 ss.

    45. C. Ord. Tolo. 53 (118 a.C.).

    46. OGIS 56 (Canopo, 238 a.C.).

    48. P. Pioggia. inv. 24, ed. H. Liebesny, Egitto 16 (1936): 257–91 = SB V 8008 (metà del III a.C. Tolomeo Filadelfo) vedi anche W. L. Westermann, “I Tolomei e il benessere dei loro sudditi”, AHR 43 (1938): 282–83, e M. T. Lenger, “La Notion de ‘bienfait’ (philanthropon) royal et les ordonnances des rois lagides”, in Studi in onore di V. Arangio-Ruiz, M. Lauria et al., eds. (Napoli, 1953) 1:486.

    49. Lenger, «Notion de 'bienfait'», 483-99 cfr. P. Enteux., passimi.

    50. Adcock, "Regno greco e macedone", 169.

    51. Westermann, "Tolomeo", 276. Le sue conclusioni fanno davvero riflettere.

    52. C. Préaux, “La Bienfaisance dans les archives de Zénon,” cron. d'Ég. 19 (1944): 281–90.

    53. Lenger, “Notion de ‘bienfait,’”, 486.

    54. Cofano, Reallexikon, 430-34 Hornung, Concezioni di Dio, 213–16.

    55. M. Lichtheim, ed., Letteratura egiziana antica: un libro di letture, vol. 1, L'Antico e il Medio Regno (Berkeley, 1973), 100.

    56. Teocr. ID. 17.106-14 Goodenough, "Filosofia politica", passimo e Schubart, "Hellenistiche Königsideal", 10-16.

    57. Vedi, per esempio, “L'acqua rinfrescante di Osiride”, di prossima pubblicazione JARCE 29 (1992).

    58. Sull'emulazione tolemaica dei precedenti faraonici, cfr. D. B. Redford, Elenchi dei re faraonici, annali e libri giornalieri: un contributo allo studio del senso della storia egiziano, Pubblicazione SSEA n. 4 (Misissauga, 1986), 204-5. Si veda anche L. Koenen, “Die Adaptationen ägyptischer Königsideologie am Ptolemäerhof,” in E. Van't Dack et al., eds., Egitto e mondo ellenistico, Atti del Colloquio Internazionale, Lovanio, 24-26 maggio 1982 (Lovanio, 1983), 143-52.

    59. Pluto. Iside (361F-362B) Sinc., Script aziendale. storico. byz., 72. Entrambi i frammenti sono stati opportunamente incorporati nell'edizione Loeb Classical Library di Manetone, ed. W. G. Waddell e F. E. Robbins (Londra e Cambridge, 1940), frag. 80 e appendice I.

    60. FGrH III 264. Welles, 40-44 anni, arrivò al punto di soprannominare questa "esecuzione di comando".


    Antioco IV governò gli ebrei dal 175 al 164 a.C.È ricordato come uno dei principali criminali e persecutori nelle tradizioni ebraiche associate a Hanukkah, inclusi i libri dei Maccabei e il "Rotolo di Antioco". [16] Le fonti rabbiniche lo chiamano הרשע harasha ("i malvagi"). [ 17 ]

    Daniele 8

    Commentari ebraici e cristiani [ 18 ] [ 19 ] vedono Antioco IV come un possibile candidato per essere il "piccolo corno" (Daniele 8:9) come menzionato nella visione di Daniele nel Libro di Daniele, capitolo 8.


    Guarda il video: Tracking African Giant Swallowtail - Papilio antimachus