Beaumarchais (Pierre Augustin Caron) - Biografia

Beaumarchais (Pierre Augustin Caron) - Biografia

Breve biografia - Pierre Augustin Caron, nobilitato da Luigi XV prende il nome di Beaumarchais all'età di venticinque anni. Noto per le sue opere teatrali come il Barbiere di Siviglia e le Nozze di Figaro, all'origine della Società degli autori e dei compositori drammatici, è una figura emblematica dell'Illuminismo. Agente segreto al servizio del re, la sua vita era piuttosto caotica a causa delle sue sfortunate speculazioni, delle sue battute d'arresto finanziarie e della sua mobilitazione alla rivoluzione. Beaumarchais morì a Parigi il 18 maggio 1799.

Beaumarchais si invita alla Corte

Pierre Augustin Caron, settimo figlio e unico maschio della famiglia, nacque il 24 gennaio 1732 a Parigi. Iscrittosi prima alla Alfort School of Trades, poi collaborando con il padre orologiaio, ha sviluppato a vent'anni un sistema di scappamento ad albero per orologi da tasca: un sistema che impedisce all'orologio di avanzare. mentre la primavera si dissolve. Lepaute, l'orologiaio del re, si è appropriato di questa invenzione, che l'Académie des Sciences ha tuttavia attribuito a Caron. Ottenne così il suo primo ordine dal re: un orologio per lui, uno per Madame de Pompadour, un orologio per Madame Victoire!

Nel 1757 prese il nome di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais, a seguito di un matrimonio con la vedova Franquet, poi acquistò un posto di "addetto controllore della casa del re". A corte, diede lezioni di arpa alle figlie del re e fece la conoscenza del banchiere Le Normand d´Etiolles (marito di Mme de Pompadour) e di suo zio Paris-Duverney. Unì le forze con loro per impegnarsi in speculazioni commerciali: acquisto e rivendita di carichi (grandi maestri dell'acqua e delle foreste, tenente generale di caccia), poi nel 1766 un'operazione di disboscamento a Chinon. Nel frattempo scrive farse per il teatro e alla morte della prima moglie si risposa con la vedova di Lévèque che scompare improvvisamente all'età di trentanove anni… lasciando una grossa fortuna nella vita!

Guai finanziari e gloria nel teatro

Accusato dapprima di appropriazione indebita di un'eredità, poi convocato durante il processo riguardante l'aggiudicazione della foresta a Chinon, si è poi messo nei guai con il conte de La Blache contro il quale ha perso: era rovina! Il Barbiere di Siviglia, ben accolto nel 1773 alla Comédie Française, non poteva essere presentato nel 1774, Beaumarchais aveva ancora controversie legali, questa volta con il duca di Chaulnes.

Nel tentativo di riscattarsi, viene inviato come spia in Inghilterra per alcune missioni: distruggere una diffamazione riguardante Madame du Barry "Memorie segrete di una donna pubblica"; impedire la pubblicazione dell'opuscolo "Avviso alla filiale spagnola sui suoi diritti alla Corona di Francia in difetto di eredi" riguardante Luigi XVI ... che avrebbe l'ago legato; recuperare le carte segrete del piano di invasione dell'Inghilterra da parte della Francia, detenute dal cavaliere di Eon ... che è in contrasto con il re; dopo una visita in Olanda, poi in Austria, fu incarcerato per spionaggio. Quando tornò in Francia, ebbe una buona notizia: il Barbiere di Siviglia ottenne i diritti di stampa all'inizio del 1775 ... ma la prima rappresentazione di febbraio fu un completo fallimento. Lo riorganizza, fa tagli, cancella un atto e finalmente è un trionfo.

Impegnato nella questione degli insorti americani, è in costante contatto con Arthur Lee e il signor de Vergennes, ministro degli Affari esteri; partecipò segretamente alla vendita di polvere da sparo e munizioni per gli americani nel 1776 ... ma non andò così bene con la Comédie Française per i suoi diritti d'autore. Ha quindi fondato la Society of Dramatic Authors and Composers, responsabile della tutela dei diritti d'autore, della garanzia dei diritti economici e morali, società che sarebbe stata riconosciuta durante la Rivoluzione.

Le Mariage de Figaro, scritto nel 1778, fu accettato due anni dopo dalla Comédie Française. Beaumarchais produsse contemporaneamente la prima edizione delle opere di Voltaire, stampate dal 1783 al 1790 in Germania dove trascorse somme astronomiche. Da sempre interessato e attratto dalla speculazione, nel 1781 contrasse un prestito alla Compagnie des Eaux, diventandone poi il principale azionista e amministratore, potendo così concedere al duca di Choiseul un prestito di centosessantatremila lire. Sempre in campo finanziario, lanciò una sottoscrizione per la ricostituzione della flotta francese e ricevette dal re un risarcimento di cinquecentosettantamila sterline per le perdite subite in mare nel caso degli insorti americani.

Le Mariage de Figaro, un'opera teatrale censurata per tre anni, fu finalmente accettata dal re e fu un trionfo quando fu presentata per la prima volta nell'aprile 1784. Nonostante tutto, Beaumarchais trascorse una settimana in prigione dopo la pubblicazione del Journal de Paris in 1785 litigi tra Beaumarchais e il re. Liberato, cerca di difendere il suo gioco, ma è considerato un attacco alla nobiltà e soprattutto come l'inizio della Rivoluzione. A peggiorare le cose, il Consiglio di Stato ha soppresso alcuni volumi dall'edizione delle opere di Voltaire. L'anno 1785 si concluse con azioni legali tra Beaumarchais e Mirabeau riguardanti la Compagnie des Eaux.

Durante la rivoluzione francese

Con i soldi ricevuti (ottocentomila sterline) per chiudere la vicenda dei ribelli, Beaumarchais fece costruire una nuova casa vicino alla Bastiglia. Dopo la rappresentazione del Barbiere di Siviglia nel 1788, fu invitato a corte e ivi celebrato… ma la Rivoluzione era in corso: il 15 luglio 1789, entrò alla Bastiglia a capo di ottanta uomini. Appartenente all'Assemblea dei rappresentanti, è escluso per alcuni giorni a seguito di una denuncia. Riconciliandosi con Mirabeau nel 1790, fu nominato membro provvisorio della Comune di Parigi, mentre scriveva La Mère Coupable e modificava il risultato di Tarare. Ma il richiamo del profitto ancora molto presente, Beaumarchais si lancia in nuove speculazioni: acquisto di armi (la Francia scarseggia) ed è l'inizio dell'attività dei fucili d'Olanda nel marzo 1792.

Denunciato a giugno, dopo una perquisizione nella sua casa e un arresto in agosto, ha lasciato la Francia a settembre per andare in Inghilterra e poi in Olanda. Ma il caso non è finito: è imprigionato a Londra per debiti. Chiedendo aiuto alla Convenzione, si presenta davanti al Comitato di Pubblica Sicurezza che lo riconosce innocente, può tornare a casa sua. Poi si riprese nell'acquisto di queste armi, ma dovette rimanere a letto per tre mesi a Ostenda. Il Comitato di Pubblica Sicurezza lo considera nel 1794 un emigrante. Dopo la caduta di Robespierre e il suo divorzio, Beaumarchais andò in esilio ad Amburgo. Nel frattempo, l'Inghilterra sequestra i fucili all'Olanda ... il caso è definitivamente perso.

Il ritorno di Beaumarchais in Francia

Amato da gran parte della popolazione, nell'aprile del 1795 nacque una petizione che chiedeva al Comitato di annullare l'arresto degli emigranti. La sua ex moglie lotta a tal punto che Beaumarchais fu cancellato dalla lista degli emigranti e poté tornare a Parigi nel luglio 1796. La vicenda dei fucili in Olanda riemerse nel 1798 quando lo Stato lo dichiarò creditore. Perso nelle sue speculazioni, poi nelle sue varie cause legali, è sull'orlo della bancarotta. Scrive quindi le sue Mémoires ... ma non fa in tempo ad approfittare della gloria a lui riservata dalla presentazione di La Mère Coupable al teatro: muore apoplessia nella notte dal 17 al 18 maggio 1799.

Lasciamo le ultime parole a F. Gendron, nel dizionario della Rivoluzione: "Lungi dall'essere un capo politico, Beaumarchais era una persona privilegiata del suo tempo. Piuttosto che l'Ancien Régime, denuncia gli ostacoli che hanno ostacolato personalmente la sua vita di parvenu: autorità, giustizia, censura, corruzione della morale. Beaumarchais è dunque molto lontano da un popolare agitatore, e la Rivoluzione glielo ha fatto vedere: si è trovato rovinato, sospettato ed emigrato. In definitiva, la fionda di Figaro, l'alter-ego di Beaumarchais, è quella dell'uomo di spirito contro i poteri ".

Principali opere

- Le Nozze di Figaro (1778), adattato da Wolfgang Amadeus Mozart nel 1786.

- Il barbiere di Siviglia 1775

- The Other Tartuffe, or the Guilty Mother (1792)

Bibliografia

- Beaumarchais, biografia di Christian Wasselin. Folio pocket, 2015.

- Beaumarchais: il Voltigeur des Lumières di JP de Beaumarchais. Flammarion, 1996.


Video: The Barber of Seville by Beaumarchais at Classical Theatre Company