Boston IIIs dello Squadrone No.88

Boston IIIs dello Squadrone No.88


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Boston IIIs dello Squadrone No.88

Una coppia di Boston III dello Squadrone n.88. Il tipo di aeromobile può essere identificato dal muso e l'aria corta intatta sulla gondola motore, lo squadrone dal codice RH.


Boston IIIs di No.88 Squadron - Storia

Aria di autorità - Una storia dell'organizzazione della RAF

N. 86 - 90 Storie di squadroni

Formata a Wye il 1 settembre 1917, doveva essere equipaggiata con i Dolphins per il servizio sul fronte occidentale, ma la necessità di rafforzare le unità esistenti portò al suo scioglimento il 4 luglio 1918. Fu nuovamente pianificato di formare con i Dolphins il 21 ottobre 1918 per la distribuzione il 28 novembre, ma è stato poi anticipato al 28 settembre a Brockworth, ma è stato poi rinviato. La formazione fu quindi programmata per il 30 ottobre, sempre a Brockworth, ma con Salamannders nel ruolo di attacco al suolo. Questi piani furono poi modificati di nuovo, con la formazione sulle Salamandre a Bircham Newton il 14 novembre 1918 con un trasferimento in Francia previsto per il 28 gennaio 1919, tuttavia, l'armistizio pose fine a tutti questi piani e la formazione fu sospesa.

Lo squadrone si formò infine a Gosport il 6 dicembre 1940 nel ruolo di caccia costiera equipaggiato con Blenheim IV. Dopo l'addestramento, lo squadrone si trasferì a Wattisham nel marzo 1941 e iniziò le pattuglie di scorta di convogli al largo della costa dell'East Anglia, con un trasferimento a North Coates a maggio. Beauforts ha sostituito i Blenheim dal giugno 1941 con lo squadrone completamente equipaggiato con il nuovo tipo entro luglio. Questi sono stati utilizzati per la posa di mine, la ricognizione e le pattuglie di salvataggio aereo-mare, ma in ottobre lo squadrone ha intrapreso l'addestramento dei siluri e ha iniziato le operazioni anti-nave l'11 novembre. Nel 1942 lo squadrone si spostò lungo la costa, a St Eval in gennaio, Wick in marzo e Thorney Island in luglio, dove fu ridotto a quadri il 26 agosto.

Lo squadrone iniziò a essere ripristinato in ottobre con l'arrivo di nuovi equipaggi e Liberatori. Inizialmente lo squadrone addestrava gli equipaggi per lo Squadrone n. 160, ma quando questo fu completo iniziò l'addestramento dei propri equipaggi e iniziò le operazioni con Liberators nel febbraio 1943. Un mese dopo avvenne un trasferimento ad Aldergrove nell'Irlanda del Nord con un ulteriore trasferimento a Ballykelly a settembre. Nel marzo 1944 lo squadrone si trasferì a Reykjavik in Islanda per tre mesi, tornando in Scozia a luglio, dove rimase per il resto della guerra.

Con la fine della guerra e la necessità di aumentare le unità di trasporto, lo squadrone si trasferì al Transport Command il 10 giugno 1945. Unendosi all'ala n. 301, lo squadrone si trasferì a Oakington in agosto e iniziò i voli di truppe per l'India da ottobre. Lo squadrone si sciolse definitivamente il 25 aprile 1946.

Squadrone n. 87 (provincie unite)

Formata ad Upavon dallo Squadrone 'D' del CFS il 1 settembre 1917, era equipaggiata con Avro 504K, Pups e SE5A per l'addestramento. I delfini cominciarono ad arrivare a dicembre e furono questi che lo squadrone portò sul fronte occidentale nell'aprile 1918. Svolse operazioni di caccia e attacco al suolo fino alla fine della guerra e tornò a Ternhill nel febbraio 1919, dove si sciolse il 24 giugno .

Lo squadrone si riformò, di nuovo nel ruolo di caccia, il 15 marzo 1937 a Tangmere. Inizialmente era equipaggiato con Furie, ma a giugno i Gladiatori iniziarono a sostituirle, mentre allo stesso tempo lo squadrone si trasferì a Debden. La conversione agli uragani iniziò nel luglio 1938 e allo scoppio della guerra lo squadrone fu inviato in Francia come parte della componente aerea della BEF. Dopo l'invasione tedesca lo squadrone fu pesantemente coinvolto in azioni aeree per le successive due settimane, ma poi dovette essere ritirato per recuperare e riequipaggiare.

Il riequipaggiamento è avvenuto a Church Fenton e in luglio lo squadrone è tornato a sud-ovest dove ha effettuato pattuglie sia diurne che notturne come parte del Gruppo n. Gradualmente iniziò a concentrarsi sulle operazioni notturne e queste furono estese alle sortite notturne di intrusi dal marzo 1941 e queste continuarono fino al novembre 1942. A questo punto lo squadrone fu distaccato a Gibilterra per supportare "Operazione Torch", gli sbarchi alleati in Nord Africa. Continuò a fornire copertura difensiva per la 1a armata durante la campagna nordafricana.

Gli Spitfire sostituirono gli Hurricanes nell'aprile del 1943 ea settembre si trasferirono in Sicilia. Nel gennaio 1944 lo squadrone operava distaccamenti dall'Italia da dove effettuava operazioni di caccia sui Balcani. Lo squadrone si trasferì nel continente italiano nel mese di giugno e dall'agosto successivo iniziò a condurre operazioni di cacciabombardieri. Questi furono mantenuti fino alla fine della guerra, dopo di che lo squadrone rimase come parte delle forze di occupazione fino allo scioglimento di Tissano il 30 dicembre 1946.

Il numero dello squadrone fu attivato brevemente quando fu collegato allo Squadrone n. 56 dall'11 febbraio 1949 al 31 dicembre 1951. Lo squadrone fu riformato il giorno successivo a Wahn nel ruolo di caccia notturno. Era equipaggiato con Meteor NF Mk 11 e questi rimasero operativi fino a dicembre 1957, sebbene i giavellotti avessero iniziato ad arrivare ad agosto. Tuttavia, il 3 gennaio 1961 lo squadrone si sciolse per l'ultima volta.

Squadrone n. 88 (Hong Kong)

Costituita il 24 luglio 1917 a Gosport ma era all'inizio del 1918 prima di ricevere il suo equipaggiamento di Bristol Fighter, che portò in Francia nell'aprile 1918. Operava nel ruolo di ricognizione da combattimento ma prese anche parte molto attiva nelle missioni offensive e dal alla fine della guerra fu attribuita la distruzione di 164 aerei nemici. Ha operato nell'area di Dunkerque per tutta la guerra fino a quando non si è trasferita in Belgio il 18 novembre 1918, dove si è sciolta il 10 agosto 1919.

Lo squadrone si riformò nel ruolo di bombardiere leggero il 7 giugno 1937 a Waddington. Inizialmente equipaggiati con l'Hawker Hind, questi iniziarono a essere sostituiti da Fairey Battles nel dicembre 1937. Allo scoppio della guerra lo squadrone si trasferì in Francia come parte dell'Advanced Air Striking Force. Perdendo la maggior parte del suo equipaggiamento durante l'avanzata tedesca, lo squadrone tornò nel Regno Unito nel giugno 1940, dove si riattrezzò e si trasferì nell'Irlanda del Nord, dove effettuò pattugliamenti. Continuò con questi compiti fino al luglio 1941, quando si trasferì a Swanton Morley, dopo essere stato riequipaggiato con i Blenheim IV nel febbraio 1941.

Ora operante come parte della forza di bombardamento diurno del Gruppo n. 2, divenne il primo squadrone ad essere equipaggiato con il Douglas Boston, che ricevette nel dicembre 1941. Continuò ad operare con il Gruppo n. 2 per il resto della guerra effettuando a bassa quota attacchi contro centri di comunicazione, obiettivi costieri e navi e missione di bombardamento tattico a sostegno dell'avanzata alleata. Ha anche posto una cortina fumogena sia per il raid di Dieppe che per lo sbarco in Normandia. Trasferitosi in Francia nell'ottobre 1944 per essere più vicino alle unità di terra che stava supportando, si sciolse il 6 aprile 1945.

Lo squadrone fu ripreso il 1 settembre 1946 quando il numero 1430 Flt a Kai Tak, Hong Kong, fu rinumerato. Ora era coinvolto in operazioni di trasporto utilizzando Sunderlands e operava in tutto l'Estremo Oriente. Quando scoppiò la guerra di Corea nel luglio 1950, lo squadrone era stato riassegnato al ruolo di ricognizione generale. Operò dal Giappone per un periodo durante la guerra, ma nel giugno 1951 lo squadrone si trasferì a Singapore e si sciolse lì il 1 ottobre 1954.

L'ultima incarnazione del No 88 iniziò il 15 gennaio 1956 quando si riformò a Wildenrath in Germania come unità antintrusione di Canberra equipaggiata con la versione Mk B (I) 8 di questo versatile aereo. Lo squadrone si sciolse per l'ultima volta, fino ad ora, il 17 dicembre 1962 quando fu rinumerato n° 14 Squadrone.

Foto dello Squadrone n. 88 scattata negli anni '60

Inizialmente pianificato come unità Camel per lo schieramento in Francia nel marzo 1918, iniziò a formarsi il 1 settembre 1917. Il suo velivolo operativo fu successivamente cambiato in SE5A ma in seguito a vari rinvii lo squadrone si sciolse il 29 luglio 1918 a Upper Heyford. Ricominciò a formarsi l'11 novembre 1918, giorno dell'entrata in vigore dell'armistizio come unità Buzzard a Fowlmere, ma fu immediatamente sospesa. Ulteriori piani prevedevano che l'unità si formasse a Chingford il 14 dicembre come squadrone Dolphin, ma ancora una volta questo piano fu annullato e il n. 89 non si formò mai formalmente.

Lo squadrone alla fine si formò come unità di caccia notturna a Colerne il 25 settembre 1941, equipaggiato con Beaufighter, sebbene fosse destinato allo spiegamento in Medio Oriente, da dove partì a novembre. Le operazioni in Nord Africa iniziarono a dicembre e dal giugno 1942 operò un distaccamento a Malta. Questo distaccamento iniziò anche sortite notturne di intrusi sulla Sicilia e altri distaccamenti operarono lungo la costa nordafricana fino a quando lo squadrone non partì per Ceylon nell'ottobre 1943.

Ora era impegnato in pattuglie notturne in difesa di Ceylon, ma la mancanza di attività nell'area ha portato all'inizio di operazioni di intrusione notturne sulla Birmania dal settembre 1944. Dal febbraio 1945 i Mosquitoes iniziarono a sostituire i Beaufighter, la conversione fu completata entro aprile. Questi velivoli furono utilizzati fino alla fine della guerra e nel settembre 1945 si trasferì a Singapore, ma nel marzo 1946 lo squadrone perse i suoi Mosquito e ricevette alcuni Walrus, che volò in servizio di salvataggio aereo-marittimo per un ulteriore mese prima di essere ridotto a quadro e sciolto il 1 maggio 1946. Il quadro fu trasferito al n. 22 Squadrone.

Lo squadrone si riformò ancora una volta il 15 settembre 1955 a Stradishall. Era di nuovo un'unità da caccia notturna, ma ora era equipaggiata con il Venom NF Mk 3, che usò fino a ricevere Javelin FAW Mk 2 e 6 nell'ottobre 1957, che volò per un altro anno, quando fu sciolto per essere rinumerato No 85 Squadrone il 30 novembre 1958.

Formata inizialmente a Shawbury l'8 ottobre 1917 come unità da caccia destinata al fronte occidentale, il suo personale fu utilizzato come rinforzo e di conseguenza si sciolse il 3 agosto 1918. Riformata il 14 agosto come unità di difesa domestica a Buckminster, fu dotata del versione da caccia dell'Avro 504K ma si sciolse nuovamente il 13 giugno 1919, senza vedere alcuna azione.

Lo squadrone n. 90 si riformò come unità di bombardieri quando il volo "A" dello squadrone n. 101 a Bicester fu elevato allo stato di squadrone il 15 marzo 1937. Inizialmente equipaggiato con Hinds, Blenheim Is iniziò ad arrivare a maggio e lo squadrone era completamente equipaggiato entro giugno. Tuttavia, divenne immediatamente uno squadrone di addestramento di Blenheim per il gruppo n. 6 e il 4 aprile 1940 si fuse con lo squadrone n. 35 per formare l'unità di addestramento operativo n. 17.

La successiva incarnazione dello squadrone iniziò il 7 maggio 1941, quando divenne il primo squadrone della RAF a gestire la Boeing Fortress. Era previsto l'utilizzo di questi bombardieri d'alta quota in missioni diurne, ma le prime versioni di questo aereo mancavano dell'armamento difensivo per far fronte alle operazioni europee. Un altro difetto del tipo è stato il modo in cui è stato distribuito, essendo utilizzato per piccole operazioni singole di alto livello. Delle 51 operazioni effettuate dallo squadrone, 26 furono interrotte senza che una sola bomba fosse sganciata. Durante questo periodo lo squadrone continuò ad operare con i Blenheim IV, ma il 14 febbraio 1942 lo squadrone fu sciolto.

Lo squadrone rientrò nell'ordine di battaglia il 7 novembre 1942, quando si riformò come unità Stirling nel Gruppo n. 3 operante da Bottesford. Le operazioni iniziarono nel gennaio 1943 e continuarono fino alla fine della guerra, con i Lancaster che sostituirono gli Stirling nel giugno 1944. Mantenuto come parte della forza dei bombardieri del dopoguerra, lo squadrone ricevette Lincoln nel maggio 1947 e questi furono mantenuti fino allo scioglimento dello squadrone il 1 settembre 1950.

Poco più di un mese dopo, il 4 ottobre, lo squadrone si riformò, ancora una volta, ma questa volta come unità di Washington a Marham, anche se il primo aereo non arrivò fino a dicembre. La conversione a Canberras iniziò nel novembre 1953 e fu completata nel marzo 1954, quando l'ultimo Washington partì. Un altro scioglimento avvenne il 1 maggio 1956, ma il 1 gennaio 1957 si formò un nuovo 90 Squadron a Honington destinato a far parte della V-Force. I Valiants arrivarono a marzo e continuarono ad essere operati, nel ruolo di rifornimento in volo dall'aprile 1962, fino allo scioglimento dello squadrone in seguito alla messa a terra della flotta Valiant con problemi di affaticamento del metallo il 16 aprile 1963.

TW ottobre 1938 - settembre 1939
WP maggio 1941 - settembre 1950, ottobre 1950 - aprile 1951
XY marzo 1943 - ottobre 1944 trasportato solo da 'C' Flt

*Gli onori in nero sono quelli a cui è stato concesso allo squadrone il diritto di fregiarsi dello Stendardo dello Squadrone, ma non lo fa.

Gli onori in rosso sono quelli effettivamente blasonati sullo Squadron Standard

Gli onori in blu sono quelli che allo squadrone non è stato concesso il diritto di fregiarsi dello Squadrone Standard

L'immagine del distintivo dello squadrone in questa pagina è per gentile concessione di Steve Clements

Il copyright di Crown è riprodotto con il permesso della Direzione dei diritti di proprietà intellettuale

Questa pagina è stata aggiornata l'ultima volta il 08/06/17 utilizzando FrontPage 2003

Indice organizzativo [Inizio pagina] Sqn 91 - 95


Database della seconda guerra mondiale

Ti è piaciuta questa fotografia o l'hai trovata utile? In tal caso, considera di supportarci su Patreon. Anche $ 1 al mese andrà molto lontano! Grazie.

Condividi questa foto con i tuoi amici:

  • » 1.102 biografie
  • » 334 eventi
  • » 38.814 voci della cronologia
  • » 1.144 navi
  • » 339 modelli di aerei
  • »191 modelli di veicoli
  • » 354 modelli di armi
  • »120 documenti storici
  • » 226 strutture
  • » 464 recensioni di libri
  • » 27.594 foto
  • » 359 mappe

"Non chiediamo più nulla, vogliamo la guerra."

Joachim von Ribbentrop, ministro degli esteri tedesco, agosto 1939

Il database della seconda guerra mondiale è fondato e gestito da C. Peter Chen di Lava Development, LLC. L'obiettivo di questo sito è duplice. Innanzitutto, mira a offrire informazioni interessanti e utili sulla seconda guerra mondiale. In secondo luogo, è mostrare le capacità tecniche di Lava.


Facebook

Tra le nuove mostre che noi, il Kent Battle of Britain Museum Trust a Hawkinge, abbiamo acquisito durante il fine settimana, c'era un'ex uniforme di Albert Edward Gregory che ha volato come Sergente Air Gunner con lo Squadrone n. 219. Fu anche amico e sostenitore di questo stesso Museo.

Albert è nato a Derby il 9 maggio 1917 ed è entrato a far parte della RAFVR nell'aprile 1939, come "Airman Under Training Wop/AG". Fu richiamato il 1 settembre 1939 e fu inviato ad Aldergrove nell'ottobre dello stesso anno per un corso di tiro ad aria compressa.

In dicembre si unì allo Squadron n.141 a Grangemouth che in quel momento operava con Bristol Blenheims. Quando lo Squadron n. 141 fu convertito in Boulton Paul Defiants nell'aprile 1940, era troppo alto per la torretta e quindi fu assegnato allo Squadrone n. 219. Puoi vedere quanto era alto quando guardi la fotografia allegata dei suoi pantaloni contro il volontario del museo, Bill Milner!

Con l'avvento dei Beaufighter dotati di radar dal settembre 1940 Gregory si riqualifica come operatore radio. A maggio è andato alla No. 2 Radio School di Yatesbury per un corso per operatori wireless.

Gregory si unì allo squadrone n. 23 a Ford nel dicembre 1941. Volò da Tangmere a bordo di Boston III in pattuglie di intrusi su Francia, Belgio e Olanda, bombardando e mitragliando aeroporti, piazzali di smistamento e altri bersagli. Il 2 aprile 1942 danneggiò due Dornier Do 17' 039.

Nel luglio 1942 Gregory frequentò un corso per Gunnery Leaders presso la Central Gunnery School, Sutton Bridge, che completò in agosto, e gli fu quindi commissionato. Non si unì nuovamente allo Squadrone n. 23, ma andò allo Squadrone n. 605 a Ford, sempre come intruso.

Fu inviato allo Squadrone n. 275 (ASR) a Valley nel marzo 1943 e gli fu assegnato il DFC (pubblicato il 13 luglio 1943).

Gregory in seguito prestò servizio con lo Squadron n. 278 (ASR) e fu rilasciato dalla RAF nel novembre 1945 come tenente di volo.

Si riunì nel luglio 1947, fece un corso di aggiornamento radiofonico e nel febbraio 1948 fu assegnato allo Squadrone n. 52 a Changi, Singapore. Lo squadrone era impegnato in operazioni antiterroristiche, sostenendo l'esercito in Malesia.

Alla fine del 1950 Gregory tornò nel Regno Unito e divenne un istruttore di segnali.

Si ritirò dalla RAF nel maggio 1955 e purtroppo morì il 12 novembre 2010.

In una lettera che accompagnava la sua uniforme scrisse:

‘In risposta alla tua lettera ref:- R.A.F. Battle Dress Tunica e pantaloni, erano conosciuti come abiti da lavoro, avrebbero potuto essere indossati durante il volo, i compiti a terra, diversi dai normali R.A.F. uniforme. Sarebbero stati acquistati tramite l'ufficiale Taylor in visita alla mensa ufficiali.'

"Le medaglie sono state tutto ciò che mi è stato presentato fino al momento in cui ho lasciato la R.A.F. Non è stato fino a luglio 2003 circa ho pensato che avrei dovuto essere idoneo per la Medaglia della Difesa. Ho scritto alla R.A.F. Records Innsworth – Rispondono che ho ricevuto, datata 31 luglio 2203 – Sono lieto di informarti che ti qualifichi per questo premio per informarti che ti qualifichi per questo premio in virtù di aver vinto il D.F.C. Ho quindi il piacere di allegare questa medaglia.'

'P.S. il brevetto "S" era per quando ero per Cohen quando ero un istruttore di terra e quando volavo come operatore wireless - codice morse.'

Per ulteriori informazioni sul Museo e sulle nostre deliziose sale da tè e mense dello squadrone n. 25, dai un'occhiata al nostro sito Web eccellente e informativo: www.kbobm.org

Il Kent Battle of Britain Museum

Un'altra recente acquisizione da parte del Kent Battle of Britain Museum Trust a Hawkinge è la tunica di servizio di "P/O W. C. Wilson" ed è stata molto gentilmente donata alla collezione dal nostro buon amico e sostenitore, Neil Quinn.

Si ritiene che la tunica sia appartenuta all'AC2 William Charles Wilson che ha volato con il No. 29 Squadron come operatore radar sui Bristol Blenheim's 039 durante la Battaglia d'Inghilterra. Una delle sue prime operazioni con lo Squadrone viene registrata l'8 luglio 1940.

Si sa molto poco di William C. Wilson, a parte il fatto che si unì alla RAFVR intorno al dicembre 1939, come Aircrafthand. In seguito si offrì volontario per compiti di equipaggio, eseguì un breve corso radar, prima di unirsi allo Squadrone n. 29 a Digby. Senza grado o distintivo volante, ha volato molte operazioni nella Battaglia d'Inghilterra, ma purtroppo non sono stati tracciati ulteriori servizi fino ad oggi.

Se la tunica apparteneva a William C. Wilson, supportata dai distintivi del colletto VR e dalla fibbia della Battaglia d'Inghilterra sulla stella 1939-45 su questa tunica, poco dopo la battaglia si è riqualificato come pilota.

Questa tunica è stata tenuta in mani private per molti anni, prima di essere acquisita da Neil Quinn, quindi sembra essere genuina, ma al momento Dave è molto impegnato a fare ricerche sul servizio della Battaglia d'Inghilterra di William C. Wilson e cercando di scoprire esattamente cosa gli è successo dopo 1940. Se hai qualche informazione che potrebbe aiutare Dave e la sua ricerca in corso, per favore mandagli un messaggio di posta elettronica o un'e-mail su: info@kbobm.org

Il Museo e le sale da tè e mense dello squadrone n. 25 sono attualmente aperti dalle 10:00 alle 17:00, con ultimo ingresso entro le 16:00 dal martedì alla domenica. Chiuso il lunedì tranne i giorni festivi. Non effettuiamo alcuna forma di prenotazione anticipata, quindi vi preghiamo di arrivare, ampio parcheggio gratuito, entrare al Museo come e quando desiderate, e nei nostri orari di apertura.

Per tutto quello che c'è da sapere sul Museo e sulla mensa e le sale da tè dello squadrone n. 25, dai un'occhiata al nostro eccellente e informativo sito web: www.kbobm.org

Il Kent Battle of Britain Museum

Martedì 15 e mercoledì 16 giugno 2021 al Kent Battle of Britain Museum Trust a Hawkinge e che giorni caldi sono stati, che hanno tenuto Dave impegnato nella manutenzione con alcuni problemi con l'umidità e con le porte aperte in clima controllato edifici.

Martedì Dave e Scramble, il gatto e la mascotte del Museo sono stati raggiunti da Mick Windsor, Alistair Robertson, Dave Whawell, Tom Dolezal e Bill Milner. Al mattino c'era anche Kevan Dunn-Beeching che strizzava i bordi intorno al Museum Grounds e ai percorsi, mentre suo nipote, Lex. Stava spazzando l'erba dietro. Anche Tony Selman era presente per la mattinata mostrando un "amico gallese" (non ci è stato permesso di conoscere il suo nome) in giro per il Museo e un po' un passo indietro rispetto ai suoi soliti "tour delle celebrità". Dave W ha speso molto del suo volontariato giornata di lavoro negli anni '40 'Dig For Victory Garden' dietro l'Operation Block. Jenny e Joanne Dowding erano nelle sale da tè e mensa dello squadrone n. 25.

Oggi, mercoledì, e Dave e Scramble sono stati raggiunti da Derek Sutton, Bryan Sutton, Robbie Meades, John Willis ed Eric Bates. Mentre Dave, Scramble, Del, Bryan e Robbie gestivano il museo, salutavano e aiutavano i visitatori, John ed Eric stavano appendendo un paio di cancelli nel "Dig For Victory Garden". Jenny Dowding è stata raggiunta da Vee Johnson nel n. 25 Mensa dello squadrone e sale da tè.

Oggi è stato ancora più caldo di ieri e Scramble, più di tanti altri, ha lottato con il caldo e ha passato la giornata a cercare zone in ombra. Eravamo un po' più tranquilli di quanto avremmo voluto per un mercoledì, ma considerando il caldo non siamo rimasti sorpresi.

Con le previsioni di pioggia per i prossimi giorni, perché non cogliere l'occasione per visitare la più grande e completa collezione di manufatti della Battaglia d'Inghilterra in mostra in qualsiasi parte del mondo. Da aerei, originali, così come alcune repliche, a veicoli, armi, uniformi originali ed effetti personali di molti dei "The Few", a manufatti recuperati da oltre 700 aerei abbattuti della Battaglia d'Inghilterra. Il Museo non è proprio un Museo dell'Aeronautica, è più un Museo dei "Pochi" e una testimonianza duratura del coraggio e della determinazione di 2.938 piloti e aviatori che hanno combattuto e volato nel Comando di combattimento della RAF durante la Battaglia d'Inghilterra.

Senza dimenticare le nostre belle sale da tè e mense dello squadrone n. 25 in loco. Siediti all'aperto nel parco del museo gustando del cibo delizioso, tutto preparato in loco, con lo straordinario sfondo dei tre uragani Gate Guardian, Heinkel He 111H-16 e Bristol Blenheim Mk. IV.

Per tutto quello che c'è da sapere sul Museo e sulla mensa dello squadrone n. 25 e le sale da tè, dai un'occhiata al nostro eccellente e informativo sito web: www.kbobm.org

Metti "mi piace" e "condividi", che ci aiuta a promuovere il Museo e la commemorazione dei "pochi".


COMANDO BOMBARDIERE DELLA ROYAL AIR FORCE, 1942-1945.

Scaricando o incorporando qualsiasi supporto, accetti i termini e le condizioni della Licenza non commerciale di IWM, incluso l'utilizzo della dichiarazione di attribuzione specificata da IWM. Per questo articolo, ovvero: &copia IWM CH 7844

Uso non commerciale accettato

Uso consentito per questi scopi:

Incorporare

Usa questa immagine sotto licenza non commerciale.

È possibile incorporare contenuti multimediali o scaricare gratuitamente immagini a bassa risoluzione per uso privato e non commerciale ai sensi della Licenza non commerciale IWM.

Scaricando o incorporando qualsiasi supporto, accetti i termini e le condizioni della Licenza non commerciale di IWM, incluso l'utilizzo della dichiarazione di attribuzione specificata da IWM. Per questo articolo, ovvero: &copia IWM CH 7844

Uso non commerciale accettato

Uso consentito per questi scopi:

Incorporare

Usa questa immagine sotto licenza non commerciale.

È possibile incorporare contenuti multimediali o scaricare gratuitamente immagini a bassa risoluzione per uso privato e non commerciale ai sensi della Licenza non commerciale IWM.

Scaricando o incorporando qualsiasi supporto, accetti i termini e le condizioni della Licenza non commerciale di IWM, incluso l'utilizzo della dichiarazione di attribuzione specificata da IWM. Per questo articolo, ovvero: &copia IWM CH 7844


Uso corrente [ modifica | modifica sorgente]

Dopo la guerra, Attlebridge fu posta in stato di "cura e manutenzione" per alcuni anni, fino alla chiusura nel 1950. Venne venduta nel 1959-62 e fu scelta come sito per l'allevamento estensivo di pollame. Γ]

Oggi, file di case di tacchini fiancheggiano le piste. isolati l'uno dall'altro perché questo è un requisito importante per sfuggire alle malattie infettive a cui sono soggetti i tacchini. Rimangono le piste, la pista perimetrale e alcune delle tribune, così come la torre di controllo, ora ampiamente rinnovata e utilizzata come uffici dai proprietari del sito dell'aeroporto. Esistono ancora la sala riunioni e il blocco HQ, quest'ultimo utilizzato come abitazione privata. Γ]

Gli hangar T-2 sono scomparsi da tempo, ma alcune delle vecchie capanne Nissen e altre strutture rimangono in alcuni dei siti dispersi, utilizzati per una varietà di scopi. Γ]

Durante la riunione del 1992 fu dedicato un memoriale a un incrocio vicino all'aerodromo. Ζ]


Boston IIIs di No.88 Squadron - Storia

Douglas Boston, RCAF

Dati aggiornati al 22 aprile 2021.

(Foto DND tramite James Craik)

Douglas Boston Mk. III, squadrone RCAF n. 418 (intruso), c1944.

Il Douglas A-20 Havoc (denominazione della società DB-7) è un bombardiere leggero progettato dagli americani. Nel servizio del Commonwealth britannico come volato da equipaggi di volo RCAF il suo nome di servizio era Boston. Durante la seconda guerra mondiale, 24 squadroni della RAF operarono a Boston, principalmente nei teatri del Mediterraneo e del Nord Africa.

La RCAF ha acquisito tre Douglas A-20 Boston per operazioni di ricerca "speciali" a Suffield, Alberta, dal 1941 al 1946.

N. 418 "City of Edmonton" (Intruder) Squadron, RCAF, fu formato all'estero a Debden, Essex, in Inghilterra il 15 novembre 1941. Era l'unico squadrone di intrusi della RCAF e pilotava il Douglas Boston e il de Havilland Mosquito giorno e notte. operazioni di intruso in profondità nel territorio nemico. Lo squadrone n. 418 (intruso) ha dichiarato la distruzione di 178 velivoli nemici e 79 bombe volanti V-1 1/2, diventando così l'unità con il punteggio più alto della RCAF. Il punteggio individuale principale è stato il capo squadrone Russell Bannock, con 11 velivoli e 18-1/2 V-1. Fu anche comandante della squadriglia dal 10 ottobre al 22 novembre 1944.

Il 21 novembre, lo Squadrone n. 418 Intrud er) fu trasferito per lavorare a stretto contatto con la Seconda aeronautica tattica nei Paesi Bassi. Lo squadrone fu sciolto a Volkel, nei Paesi Bassi, il 7 settembre 1945.

No. 418 Intrud er) Squadron Douglas Boston Mk. III, volarono dal novembre 1941 al luglio 1943. Alcuni velivoli dello squadrone erano (numero di serie W8263) codificato P, (numero di serie W8268), codificato TH-O, (numero di serie W8317), codificato V, (numero di serie N. W8321), codificato G, (N. di serie W8356) codificato D, (N. di serie Z2165), codificato TH-X, (N. di serie Z2192) codificato Z e (N. di serie Z2226) codificato K.

(Foto IWM, CH 1106)

Douglas Boston Mk. I (Serial No. AE458), a Boscombe Down, Wiltshire, nel Regno Unito, durante un'ispezione di nuovi aerei americani per la RAF da parte del Duca di Kent. L'AE458 era uno dei sedici velivoli dirottati in Gran Bretagna da un contratto ex-belga e servì come addestratore dell'equipaggio con gli squadroni n. 18 e n. 88, RAF.

(CFJIC, DND Foto PL 7292 via Don Smith)

Douglas Boston Mk. III (Intruso), (N. di serie W8317), codificato TH-S, "Victoria", Squadrone n. 418 (Intruso), RCAF, novembre 1941-luglio 1943.

(CFJIC, DND Foto PL 7297 via Don Smith)

Douglas Boston Mk. III (Intruder), (Serial No.Z2240), codificato TH-T, "Toronto", No. 418 (Intruder) Squadron, RCAF, cNov 1941-Luglio 1943.

(Foto di Benoit Thibault)

Douglas Boston, H per Humbolt, Saskatchewan, RCAF.

(Foto di Benoit Thibault)

Douglas Boston, H per Humbolt, Saskatchewan, RCAF.

(Foto di Benoit Thibault)

Douglas Boston, formazione, RCAF.

(Foto DND, PL-15875 via James Craik)

Douglas Boston Mk. III formazione, n. 418 ( Intrud er) Squadron, RCAF, c1941-1943.

(Foto IWM, CH 7213)

Douglas Boston Mk. III (numero di serie Z2165), codificato TH-X, squadrone n. 418 (intruso), RCAF. Z2165 è stato perso la notte del 30 novembre-1 dicembre 1942 durante l'esecuzione di una sortita combinata intruso e lancio di volantini (nome in codice Nickle) nella zona di Thorout e Roulers delle Fiandre occidentali in Belgio. I resti dell'equipaggio di tre uomini non sono mai stati trovati. I loro nomi sono incisi sul Runnymede War Memorial a Englefied Green, Egham, Surrey, Inghilterra. Al momento della perdita, lo squadrone era basato a Bradwell Bay, nell'Essex e faceva parte del Royal Air Force Fighter Command. Era guidato dal comandante dell'ala della RAF A. E. Saunders. Lo squadrone operò il Boston dal novembre 1941 al luglio 1943 quando fu sostituito dal de Havilland Mosquito Mk. II.

Pilota – R87408 Sergente di volo Merton Ralph Lockwood, Royal Canadian Air Force, 21 anni di Pinkham, Saskatchewan. Osservatore – 1126894 Sergente Robert Valentine Ievers, Riserva volontari della Royal Air Force. Operatore wireless /Air Gunner (WAG) - R69145 Sergente John Joseph Graham Chabot, Royal Canadian Air Force, 25 anni da Coniston, Ontario.

(Foto della Biblioteca del Congresso, LC-USW361-203)

Douglas A-20C-BO Havoc (Serial No. 635), a Langley Field, Virginia, USA, luglio 1942. Questo Havoc è stato costruito su licenza in base all'accordo Lend-Lease per la Royal Air Force, sebbene la maggior parte di questi velivoli sia stata deviata all'USAAF.

(Foto della Biblioteca del Congresso, LC-USW36-407 )

Douglas A-20C-BO Havoc (Serial No. 635), a Langley Field, Virginia, USA, luglio 1942. Questo Havoc è stato costruito su licenza in base all'accordo Lend-Lease per la Royal Air Force, sebbene la maggior parte di questi velivoli sia stata deviata all'USAAF.

(Libreria delle foto del Congresso, LC-USE6-D-008556)

Douglas A-20C-BO Havoc, dipinto come un RAF Boston, 1942 ca.

(Library of Congress Photo, LC-USE6- D-008569)

Douglas A-20C-BO Havoc, dipinto come un RAF Boston, 1942 ca.

(Foto IWM CH 9502)

Douglas Boston Mk. III (Intruder), (Serial No. W8317), codificato TH-S, No. 418 (Intruder) Squadron, RCAF, parcheggiato a Ford, Sussex nel Regno Unito al calar della notte. Le coperture in tela proteggono il muso vetrato e la parte anteriore delle cappottature del motore.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 3378925)

Douglas Boston Mk. IIIs, N. 88 Squadron, RAF, sulla linea di volo che si prepara per il raid su Dieppe, 19 agosto 1942.

(Foto IWM CH 7210)

Douglas Boston Mk. III (Intruder), No. 418 ( Intrud er) Squadron, RCAF, in rullaggio a Bradwell Bay, Essex, prima di un raid notturno di intrusi sulla Francia, settembre 1942. No. 418 ( Intrud er) Squadron, ha operato Douglas Boston Mk. III durante le sortite notturne di intrusi da Bradwell Bay. I suoi obiettivi abituali erano gli aeroporti della Luftwaffe, il sistema ferroviario francese e occasionalmente gli edifici industriali. L'aereo nella fotografia trasporta pacchi di cannoni ventrali della fusoliera che ospitano quattro cannoni da 20 mm.

(Foto IWM CH 7211)

Douglas Boston Mk. III (Intruder), No. 418 (Intrud er) Squadron, RCAF, illuminato da una luce Chance dalla pista a Bradwell Bay, Essex, si prepara a decollare in una missione notturna di intruso sull'Europa nord-occidentale, 1942 ca. 418 (Intrud er), guidato da Russ Bannock e Johny Caine (Edmonton), ottenne più uccisioni RCAF aria-terra e aria-aria di tutti gli altri squadroni canadesi. Lo squadrone è stato successivamente dotato di zanzare. Il punteggio degli squadroni includeva 173 aerei distrutti di cui 73 erano a terra, 9 probabili, 103 danneggiati, 76 V-1 distrutti sull'acqua e 7 V-1 distrutti sull'Inghilterra. Lo squadrone n. 418 (intruso) lanciò 56 tonnellate di bombe, distrusse 17 locomotive e ne danneggiò 59, con 52 carrozze merci e passeggeri distrutte o deragliate e 300 veicoli a motore distrutti.

(Foto RCAF)

Douglas DB-7B Boston coppia in volo, RCAF.

(Foto RAF)

(Foto RCAF)

Douglas Boston (numero di serie HJ496), RCAF.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 4900126)

Douglas Boston Mk. III, codificato T per Toronto, squadrone n. 418 (intruso), RCAF, con nove aviatori, sei dei quali di Toronto. Da sinistra a destra: sergente. H.J. Irving, sergente. G. M. Riches, Sgt. J.W. Hutchison, sergente. J. E. C. Pringle, P/O D. Duxfield (Timmins, Ontario), P/O E. Keyes (Ottwa, Ontario), Sgt. J. Campo, sergente. J. Sharples e il sergente. G. Chabot (Sudbury, Ontario). Foto scattata alla stazione RAF di Debden, Essex nel Regno Unito, febbraio 1942.

(Foto NDIL PL-7295)

Douglas Boston Mk. III, squadrone n. 418 (intruso), RCAF, volo "B", portato a casa, stazione RAF Debden, Essex nel Regno Unito, febbraio 1942.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 4938597)

Douglas Boston Mk. III (numero di serie W8358), squadrone n. 418 (intruso), RCAF, presso RAF Debden, Inghilterra.

(Foto RCAF)

Douglas Boston Mk. IV (N. di serie W8268), codificato TH-O, "Ottawa, Ontario", Squadrone No. 418 (Intruso), RCAF, circa novembre-dicembre 1941.

(Foto RCAF per gentile concessione dello Shearwater Aviation Museum)

Douglas Boston Mk. IV (N. di serie W8268), codificato TH-O, "Ottawa, Ontario", Squadrone n. 418 (intruso), RCAF.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 3378722)

Douglas Boston con un membro dell'equipaggio che prese parte all'operazione Jubilee, il raid su Dieppe, 1942.

(Biblioteca e archivi Canada Foto, MIKAN No. 4900124)

Mitragliere della torretta dorsale Douglas Boston.

(Biblioteca e archivi Canada Foto, MIKAN No. 4900054 )

Coppia Douglas Boston, squadrone No. 418 (Intrud er), RCAF, 14 maggio 1943.

(Foto della guerra mondiale)

Douglas DB-7B Boston Mk. III, Squadrone n. 107, RAF.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 4931950)

Briefing dello squadrone n. 418 (intruso) in Inghilterra. Da sinistra a destra: Ufficiale di volo F. W. Halwood, tenente di volo Massey Beveridge, comandante di volo Paul Davoud, ufficiale di volo Doug Alcorn, capo squadrone Charles Moran, ufficiale di volo L.E.S. Spackman, l'ufficiale di volo James Johnson, il tenente di volo H. Lisson.

(Foto della biblioteca e degli archivi del Canada, MIKAN n. 4880515)

(Biblioteca e archivi Canada Foto, MIKAN No. 44993934)

S/L C.C. Moran con F/O O. Martin, Squadrone No. 418 (Intruso), RCAF.

(Foto RCAF)

Squadron Leader Russell William Bannock, Order of Ontario, DSO, DFC, (1 Nov 1919 – 4 Jan 2020), flew as a Canadian fighter pilot during the Second World War (photo taken in 1944), and served as the chief test pilot for de Havilland Canada.

Bannock was born in Edmonton, Alberta in 1919, and worked as a commercial pilot before the Second World War, obtaining his private pilot's license in 1938 and his commercial pilot's license in 1939.

After entering the RCAF, Bannock received his pilot's wings in 1940 and was appointed as an instructor at Trenton, Ontario. Later he was posted to RAF Ferry Command from June to August 1942. In September 1942, Bannock became chief instructor with the Flying Instructor School at Arnprior in Ontario. Bannock's request for overseas service was granted in 1944 and he joined 60 Operational Training Unit (OTU) based in RAF High Ercall, England.

In June 1944, Bannock was then transferred to No. 418 (Intruder) Squadron, RCAF, flying intruder missions over Europe with the de Havilland Mosquito Mk. VI fighter-bomber. He quickly proved adept at this type of operation and achieved his first victories. In October 1944, he was promoted to Wing Commander and took command of the squadron. Bannock also flew 'Diver' operations against the German V-1 flying bombs launched against London and southern England. On one mission he shot down four V-1s in one hour. A bar was added to his DFC for his missions against the V-1s.

Bannock was transferred to No. 406 Squadron, RCAF in Nov 1944 as commanding officer, and was awarded the DSO. By April 1945, Bannock had destroyed 11 enemy aircraft (including 2 on the ground), 4 damaged in the air and 19 V-1's destroyed. Bannock became Director of Operations, RCAF Overseas Headquarters, in London in May 1945 until Sep 1945 when he attended the Royal Air Force Staff College.

Retiring from the RCAF in 1946, Bannock joined the de Havilland Canada Aircraft Company as chief test pilot, flying prototypes like the Beaver and various short take-off and landing aircraft. In 1950, Bannock became Director of Military Sales and later Vice President and President from 1976 to 1978. In 1968, he formed his own consulting business, Bannock Aerospace Ltd.

In 1956, Bannock was appointed an associate fellow of the Canadian Aeronautical Institute. He was also chairman of the Canadian Aerospace Industries Association’s Export Committee 1964-1968, and was a director from 1976-1977. Bannock was also President of the Canadian Fighter Pilots Association, Director of the Canadian Industrial Preparedness Association, and the Canadian Exporters Association.

In the late 1990s, his wartime navigator, Robert Bruce, recorded his Symphony in B flat, dedicated to Bannock and in part inspired by the night sorties they flew together. In 2011, he was made a member of the Order of Ontario "for his contributions to the aerospace industry". Bannock died at a hospital in Toronto in January 2020 at the age of 100 .


Involvement in World War II

No. 88 squadron was reformed in 1937 as a bomber squadron equipped with the Fairey Battle.

It began the war as part of the Advanced Air Striking Force, making it one of the first squadrons to be sent to France and suffered very heavy loses during the Battle of France. They returned to Britain in June 1940, moving to RAF Sydenham, Belfast where they operated a mix of Battles, Douglas Boston Is and Bristol Blenheim IVs, carrying out patrol duties over the Western Approaches.

In July 1941 the squadron moved to RAF Swanton Morley, East Anglia where it converted fully to the Boston III and IIIA. From there it carried out attacks on German coastal shipping and targets on the coast of occupied Europe.

In August 1943 the squadron relocated to RAF Hartford Bridge, Hampshire with its sister squadron No. 342 Squadron as part of 137 wing of No.2 Group of the 2nd Tactical Air Force in preparation for the invasion of Europe. From there the squadron attacked German communications and airfields. On D-Day itself it was charged with laying the smokescreen to hide the first wave of landing craft.

In October 1944 the squadron returned to France to join the tactical air forces that were supporting the Allied armies as they advanced across Europe. The squadron was finally disbanded on 4 April 1945.


RAF Airfields in Norfolk during the Second World War

A vital part was played by the Royal Air Force and their other support establishments during the Second World War, especially those fighter and bomber bases located throughout Norfolk. This county and the men and woman based here, were one of the most important front lines of defence and this continued long after WWII ended. This is a compilation of the principle airfields, the Squadrons and Groups based in them and in most cases the types of airplanes flown from the airfields throughout the War.

So much has been written about the wartime presence within East Anglia, of the American Army Air Force that it easy to overlook the vital part played by the Royal Air Force during the Second World War.

Both fighter and bomber bases were dispersed throughout Norfolk, together with other support establishments. It is not possible to comprehensively list here every RAF group and squadron, or every type of aircraft involved in Norfolk during the Second World War, but there are many excellent publications and websites which do this.

All we are attempting to do, on these pages, is to identify where these RAF wartime bases were located and what their main operational function was. We have not attempted to list each and every air force unit or base activated, only the principal units.

The easiest way to itemise the various RAF wartime bases, and other installations, is to list them alphabetically starting with :-

ATTLEBRIDGE: If you drive approximately 8 miles north-west of Norwich, you’ll find Attlebridge, which was an early wartime station established for the use of the No. 2 Group RAF light bombers. Completed in August 1942 the airfield was first used by No. 88 Squadron RAF from August 1941 to September 1942, flying Bristol Blenheim IVs and Douglas Boston IIIs.

The base was assigned to the United States Army Air Force’s (USAAF) Eighth Air Force's 2nd Bomb Wing on 30 September 1942, with the designation as Station 120. It reverted back to RAF use in July 1945 as the 94 Maintenance sub-unit.

The sale of the old airfield started in 1959 and was bought by turkey producer, Bernard Matthews Limited.

BARTON BENDISH: It was sometimes the practice, at the outbreak of the Second World War, for bomber stations to have a satellite airfield. Barton Bendish is one such installation and is situated on the Downham Market to Swaffham road, opposite its parent station, RAF Marham.

Infrequently used by Hurricane trainers from Sutton Bridge it was also utilised by a few Wellington bombers, which were dispersed there. Closed down in 1942, it was just too close to the parent station to be considered worth developing further.

BIRCHAM NEWTON: Located just over 13 miles north-east of King's Lynn, it was a First World War Royal Flying Corps base and home to the largest British bomber of that period, the Handley Page V/1500. It was operational throughout the Second World War as part of No. 16 Group RAF Coastal Command. Twenty-two different RAF squadrons were based there at some point during the Second World War, operating very wide-ranging types of aircraft.

These include Ansons, Blenheims, Hudsons, Hurricanes, (Hawker Hurricanes were the most numerous and important plane used during the 1940 'Battle Of Britain', responsible for 65% of all German planes destroyed), Swordfish, Vilderbeest, Wellingtons and Whitleys. The base was finally closed in December 1962, but in 1965 the airfield was used for evaluation trials of the Hawker Siddeley Kestrel V/STOL aircraft. It is now the home of the National Construction College (East)

BODNEY: Some 5 miles south-west of Watton is where RAF Bodney became operational in March 1940. It was a satellite field to RAF Watton and was where the Blenheims of both 82 & 21 Squadrons were positioned. Later it was where Hampdens of 61 Squadron left on their bombing missions. The airfield’s facilities were improved during 1942 and the base was eventually handed over to the USAAF. After the end of the war the base was handed over by the RAF to the British Army, to become part of the Stanford Training Area.

COLTISHALL: Situated 9 miles north-east of Norwich, it was built in early 1939 as a bomber station. In May 1940 it was designated as a fighter station as part of the RAF’s 12 Group Fighter Command. Initially housing Spitfire I’s of 66 Squadron, deployed from in June 1940 the Hurricanes of 242 Squadron arrived and were placed under the command of Sq. Ldr. Douglas Bader and it became home to night fighters.

For a while the Royal Navy Fleet Air Arm operated aircraft from the base and between February and April 1945 it was the airfield for No. 124 Squadron, a fighter-bomber squadron flying Supermarine Spitfire IX.HF's. During the war years Coltishall was home to several other RAF squadrons.

At the end of the war the base was briefly given over to Polish squadrons, until they returned home. It continued as a frontline RAF fighter base until its closure in November 2006.

The full history of this famous RAF base is set down in full in Martin W. Bowman’s excellent book, details of which can be found at the end of this feature.

DOCKING: Originally, in 1940, Docking was a decoy airfield for Bircham Newton, when dummy Hudson aircraft were parked and successfully attracted the attention of the German bombers on several occasions. Later dummy hurricanes were similarly used.

At various times during the war the base hosted many RAF and several Royal Canadian Air Force (RCAF) squadrons, including amongst many others Nos 53(RAF), 143(RAF), 206 (RCAF), 235(RAF), 254(RAF), 255 (RAF), 320(RAF), 407(RCAF), 415(RCAF), 500(RAF), 502 (RAF), 521(RAF)and 524(RAF).

A grass airfield, with eight blister hangars and one A1 hangar, was laid out soon after the outbreak of war and the first squadron to operate from there was No. 235 Squadron RAF using Bristol Blenheims.

These were replaced by the Lockheed Hudson. A meteorological observation unit No. 405 Flight of Bomber Command was set up. When Coastal Command took over all the meteorological units this became No. 1401 (Met) Flight and received a greater variety of aircraft, including, Spitfires, Gloster Gladiator biplanes and Hawker Hurricanes.

In August 1942 the Flight was made into a Squadron - No. 521 - with Hudsons Hampdens, Mosquitos and Venturas. Closed in early 1946 the base was sold in April 1958. The remains of the old control tower can be seen on the southern boundary of the old base.

DOWNHAM MARKET: this was a satellite to Marham from 1941 to 1942. July 1942 saw the arrival of 218 Pathfinder Force Squadron and it remained their home base until early 1944, flying various marks of Stirling bombers.

623 Squadron was formed in the late summer of 1943, from elements of the 218, but was disbanded in the December. Various other squadrons came and went between 1944 and 1945 and all flying ended in April 1946. The station was eventually sold into private ownership in early 1957.

EAST WRETHAM: Located 6 miles north-east of Thetford, East Wretham airfield was hurriedly created during the early months of 1940 as a satellite airfield with No. 311 (Czech) Squadron which had been dispersed there from RAF Honington, in late July 1940.

The squadron operated their Liberator bombers from the airfield until April 1942 when it transferred to Coastal Command. From late 1942 RAF Bomber Command’s No 115 Squadron operated their Vickers Wellington Mk IIIs, and later Avro Lancasters, from the airfield.

The intention to turn East Wretham into a "Class A" airfield was not realised and the station turned over to the USAAF for fighter operations. In October 1943, East Wretham was assigned USAAF ( Station 133 ) Vacated by them in November 1945 the base returned to the RAF. Parts of the base were sold off in the autumn of 1954, but the British Army retained a large part of it as part of their Stanford Training Area.

FELTWELL: Located 10 miles west of Thetford, the airfield was built during the late 1930s and is similar in layout to many of the other RAF airfields of the period, (e.g. RAF’s Marham, Watton and West Raynham).

It was home to a number of heavy bomber squadrons of the RAF during the Second World War. In late 1939 a New Zealand flight , attached to 75 RAF Squadron, moved in with their Wellington bombers, later to become No 75 Squadron RNZAF, the first Commonwealth Squadron to be formed.

The Wellingtons of 57 Squadron arrived in November 1940. In August 1942 487 Squadron RNZAF arrived at Feltwell, followed in September by the RAAF’s 464 Squadron with their Ventura light bombers. In April 1943 the Antipodean squadrons left Feltwell to be replaced BY 192 Squadron RAF with a variety of aircraft including Wellingtons, Mosquitoes and Halifaxes. In September that year 1473 (RCM) Flight arrived with its Wellington bombers.

After the war Feltwell was transferred the RAF’s Flying Training Command between 1946-58. No 77 Squadron RAF was re-formed at Feltwell in 1958 as the first Thor missile base. Eventually closed down by the RAF in December 1966 it was taken over by the USAF the next year.

It is still a USAF base and part of the old airfield now houses the Feltwell Golf Club.

FERSFIELD: Is located 16 miles south-west of Norwich. Built in 1943/1944, the airfield was originally a satellite of RAF Knettishall and was constructed to Class A bomber specifications, with a main 6,000 ft runway and two secondary runways of 4,200 ft.

Accommodation for about 2,000 personnel was in Nissen huts along with an operations block and two T-2 hangars. It was assigned to the United States Army Air Forces in 1942. The airfield is most notable as the operational airfield for Operation Aphrodite, a secret plan for remote controlled Boeing B-17 Flying Fortress and Liberator bombers to bomb German V-1 flying bomb sites and submarine pens.

Fersfield was returned to the RAF in late 1944 and bombing operations began in December, using B-25 Mitchells. One of RAF’s most secret operations, ‘Operation Carthage’, was launched from Fersfield on 21 March 1945 to target the Gestapo HQ in Copenhagen. De Havilland Mosquitos from No 21 Squadron RAF, No 464 Squadron RAAF and No 487 Squadron RNZAF made the raid across the North Sea and back. It was ranked as a success in spite of many civilian casualties, including 86 school children.

In April 1946 the airfield was sold and returned to agricultural use.

FOULSHAM: 15 Miles north-west of Norwich, the construction of the airfield began in 1941 was ready for operational use in the late summer of 1942 when it became the home of 98 and 180 Squadrons RAF with their Mitchell B-25 bombers. In early September 1943 the Lancaster bombers of 514 Squadron arrived . Only a couple of months later they moved out when the base became home to the !00 BG, USAAF.

GREAT MASSINGHAM: Located 8.1 miles south-west of Fakenham, and 11.7 miles east of King's Lynn. The airfield was built in 1940 as a satellite airfield of RAF West Raynham and the first aircraft positioned there, in the late summer, were the Blenheims of 18 Squadron RAF.

This squadron left in April to be replaced by No. 107 Squadron RAF. Its aircrew members included such cricketing immortals as England’s Bill Edrich and Australia’s Keith Miller, together with Kenneth Wolstenholme the famous post-war football commentator. Also based there, for a short while was 90 Squadron RAF with their B-17 Flying Fortresses, but most of their flying was out of West Raynham, which had much better facilities.

In the summer of 1943 342 Squadron RAF arrived with their Boston aircraft., but their stay lasted for only a few weeks. In the later summer of ‘43 the facilities at Great Massingham were enhanced by the installation of new, extended concrete runways, T2 and other hangers plus new personnel quarters and operational facilities. These improvement works were completed by the spring of 1944.

By the end of the war other units had occupied the base including Squadrons 1694,16,1482 RAF. The airfield closed in 1945, although remained in use for storage until the 1950s.

HORSHAM ST. FAITHS: Located on the outskirts of Norwich, this base was operational as a Royal Air Force station from 1939 to 1963. It was first used by the Blenheim bombers of a detachment of 21 Squadron, based at RAF Watton, during the last two months of 1939.

The Spitfire fighters of 19 Squadron arrived and included amongst its aircrew members was the legless pilot , then Flying Officer Douglas Bader. In May 1940 they were joined by 66 Squadron, also with their Spitfire fighters. In late May both squadrons had departed Horsham St. Faiths, 19 repositioned to Duxford, whilst 66 made the short hop to nearby RAF Coltishall.

In June 1940 the base became officially operational when 114 Squadron moved in to be joined by 139 Squadron, both squadrons flying Blenheim bombers. 114 did not stay for long and in August, they departed for their new home at RAF Oulton. Six months later, in February 1941, a detachment of Blenheims, from 110 Squadron arrived at the base. 139 left between May-June, one detachment going to Malta and the rest of the squadron relocating to RAF Oulton. They returned in October, but left again in the December.

They were immediately replaced by the Blenheims and Mosquitoes of 105 Squadron. In June 1942 a new Mosquito squadron, No. 139, was formed at the base using some elements of 105. Both 139 and 105 left Horsham St. Faiths at the end of September 1942, for RAF Marham, to make way for the USAAF and the base remained as a 2nd Air Division base for the remainder of the war.

It reverted back to the RAF in July 1945 and for three years between 1960-63 was the home to the famous Battle of Britain Historic Flight with its legendary Hurricanes and Spitfires. Deactivated in 1967 in 1969 the base became what is now Norwich International Airport.

LANGHAM: Located 15 miles north-west of Norwich, Norfolk, was established in 1940, initially to be used as an emergency grass-landing, emergency airfield. It was the most northerly of the Norfolk wartime RAF airfields, being only just over 3 miles from the North Sea at Blakeney.

In 1941 it became the satellite airfield for Bircham Newton as a Coastal Command dispersal site. The airfield was originally equipped with three grass runways, but the station became independent in 1942, when it was upgraded with concrete runways, perimeter track and hard-standings.

A wide variety of aircraft flew out of the base during the war years, including Hawker Henleys, Fairey Swordfish of 819 Squadron, Mustangs of 2 Squadron, Tomahawks of 251Squadron, Ansons and Hudsons of 280 Squadron, Beaufighters of 455 Squadron (RAAF) and 489 Squadron (RNZAF), Barracudas of 827 Squadron, Wellingtons of 324 and 612 Squadrons, Gladiators, Hurricanes and B-17 Fortresses of 521 Squadron.

In 1947 the station was placed into care and maintenance, but it was reactivated during the Korean War. It was later used as an emergency landing strip for RAF Sculthorpe, before final closure in 1961, with the land returning to its pre-war agricultural use.

LITTLE SNORING: Located just north of the village of Little Snoring, the airfield still remains open for general aviation use as Little Snoring Airfield. Its wartime construction commenced in the late summer of 1942 and was completed in July the following year, when it became a satellite station to RAF Foulsham.

During the war years it was home to the Mosquitoes of 23, 141 and 515 Squadrons, the Lancasters of 115 Squadron and the 1678 heavy conversion flight.

LUDHAM: It was created in November 1941, as a satellite airfield to RAF Coltishall, to supplement the parent base’s then existing satellite base at Matlaske.

It was Norfolk’s most easterly airfield and the short hop to the coast made it a perfect establishment for maritime support and home to the Spitfires of sections of 152 Squadron, which had their home base at Swanton Morley.

The Spitfires of 19 Squadron moved in during December that year. They left in the spring of 1942 to be replaced by the Spitfires of 610 Squadron, commanded by Sqdn. Ldr ‘Johnnie Johnson who became an RAF legendary fighter ace.

HM King George VI and Queen Elizabeth visited the base in late January 1943. That same year Ludham was used as a practice bombing range! The Typhoons of 195 Squadron moved to Ludham in May 1943 and for a few days in the summer of ’43 the Spitfires of 611 Squadron ‘squatted’ at the base.

In the early months of 1945 the Spitfires of both 602 and 603 Squadrons. They stayed but a couple of months before being replaced by 91 Squadron’s Spitfires.

In 1954 Ludham village and nearby Hickling Broad were used as the location for the film Conflict of Wings. RAF Horsham St. Faiths was used as a location for the flight sequences, involving Vampire and Swift aircraft.

MARHAM: First became operational in 1916. After the First World War the base was expanded in preparation for its role as a front-line Second World War facility. In June 1939 the Wellington bombers of No1 RNZAF unit arrived, but moved on the RAF Harwell just before the war started, to be replaced by the Wellingtons of 115 Squadron. In December 1940 Wellingtons, this time belonging to 218 Squadron, also made Marham their home base.

During the first couple of months of 1942 the Wellingtons of 218 Squadron were replaced by the four-engine Short Brother’s Stirling, heavy bombers. In the autumn of that year the base transferred from5 Group to 2 Group RAF, when the Mk IV Mosquitoes, of 105 and 109 Squadrons, moved in having transferred from Horsham St. Faiths.

In June 1943 the base came under the control of No 8 Group and in March 1944 both squadrons moved on when the base closed for the installation of new runways and support installations. That was the end of wartime operations for Marham, but in January 1946 flying operations resumed and have continued to this day with RAF Marham being one of the UK’s foremost, frontline bomber stations.

MATLASKE: There was an airfield at Matlaske before the war started but it was approved for requisition by the Air ministry in August 1939. RAF Matlaske became operational in October 1940 as a satellite station to RAF Coltishall, which is just over 11 miles south-east of Matlaske.

In 1940 the airfield had two grass runways, one being 1,600 yards, the other 1,300 yards long. Its first ‘tenants’ were the Spitfires of 72 Squadron, but they departed the base in early December to be replaced by the Spitfires of 222 Squadron, who detached from RAF Coltishall.

222 Squadron stayed until late June 1941 and the next month were replaced by 601 Squadron with their Hurricane fighters. They stayed for only a few weeks before handing the base over to the Spitfires of 19 Squadron who were based there until December that year.

In early September 1942 Matlaske was given over to the USAAF 8th Air Force and became their fighter base, Station 178. Subsequently, at various times, during the remaining war years, Matlaske was, in addition to the above named RAF squadrons, home to Nos. 3, 19, 56, 65, 118, 122, 137, 195, 229, 245, 266, 278, 412 (RCAF), 451 & 453 (RAAF), 485 (RNZAF), 486, 602, 609, 611, Squadrons. Flying from the base ceased in April 1945 and the base was closed in October that year.

OULTON: Located 3 miles west of Aylsham and 12.5 miles northwest of Norwich, the Airfield was requisitioned by the RAF in 1940 and became a satellite landing facility for Horsham St. Faith, between July 1940 and September 1942, after which it operated as a satellite airfield of RAF Swanton Morley.

RAF Squadrons 114,18 &139 flew Blenheims from here, as did 1428 conversion flight, with its Hudsons and 236 Squadron with their Beaufighters. The Bostons of 236 and the Bostons of 88 Squadron were also based at Oulton, as were the B-17 Flying Fortresses of 1699 Bomber Support Flight, 214 & 223 Squadrons. The 803 Squadron (USAAF) were also temporarily based at Oulton between May and August 1944.

SCULTHORPE: Situated about 3 miles west of Fakenham the airfield has been home to many visiting airmen and support crews of both the RAF and the United States Air Force. It became operational in January 1943 and initially hosted the French-flown Bostons of 342 ‘Lorraine’ Squadron.

In July it was superseded by the Venturas of 487 Squadron ( RNZAF), 464 Squadron (RAAF) and 21 Squadron (RAF). In October the first two of these squadrons converted to Mosquitoes, followed by the 21 Squadron a month later.

The reformed 214 Squadron RAF arrived in January 1944 converting to B-17s, with an RCM roles in the USAAFs 100BG. The Americans stayed on at Sculthorpe till 1992, but, whilst retaining the airfield, in 1997 the Ministry of Defence sold the entire technical, domestic and administrative site including the married quarters site, previously occupied by the USAF, to The Welbeck Estate Group.

SWANTON MORLEY: Located 18 miles north-west of Norwich and only 3 miles from Dereham, the base originally opened in September 1940, as part of 2 Group Bomber Command. Blenheim IV light bombers of 105 Squadron were its first occupants, before moving to Horsham St. Faiths in December 1941 they were replaced by 226 Squadron. During July and August, the Blenheims of 88 Squadron operated from the base.

August 22nd 1941 saw the arrival of the Spitfire IIs of 152 Squadron and in June ’42 226 Squadron played hosts to the crews of the A-20s of the 15th Light Bombardment Squadron (USAAF).

They were the very first American unit to arrive in England and to join the Allied aerial offensive. The first American crews saw action, rather symbolically, on the 4th July when they crewed six of the RAF’s A-20 Bostons of 226 Squadron, on airfield attacks over Holland. April ’43 saw 88 Squadron return to Sculthorpe, this time with Boston bombers.

From late November ’43 to February ’44 No 3 Squadron’s Typhoons were stationed at the base. In February ’44 No 226 Squadron, now flying Mitchel II bombers, departed the base to move to Hartford Bridge to prepare for the forthcoming invasion of Europe.

In March and April Boston and Mitchell bombers and Mosquito crews of 464 Squadron (RAAF) and 487 Squadron (RNZAF) moved to Swanton Morley. For the remainder of the war the base hosted several and varied units and types of aircraft. From June 1953 to 1995, when it closed, the station was also used by 611 Volunteer Gliding School. The station was converted to an Army base, now known as Robertson Barracks.

WATTON: First became operational in February/March 1939, before the outbreak of war. With its grass run ways and C-type hangers it became home to nos. 21 and 34 Squadrons, flying Blenheim I bombers. In August ’39, 82 Squadron arrived with its Blenheim bombers.

This squadron suffered its heaviest wartime losses on 17 May ’40 when 12 bombers left the base, for an attack on Gembloux, but only a single Blenheim returned to Watton, the others all having been shot down. The next month 21 Squadron left for Lossiemouth, to be replaced by the Blenheims of 105 Squadron. No 21 Squadron returned to Watton in the October.

For a brief period, during May 1941 No. 90 Squadron was re-formed at Watton, equipped with B-17C day bombers and later moved over to West Raynham. 21 Squadron left in December 1941, for Malta. 82 Squadron departed in March 1942, for India.

In late 1943 the base was taken over by the USAAF who remained there until the end of the war and in the summer of 1945 the RAF took back the base and the last of its flying units left in May 1969.

WEST RAYNHAM: Officially opened in April 1939 and in May No 101 & 90 Squadrons arrived with a complement of Blenheim I and IV bombers. Both squadrons stayed only a few months, until September, when they were deployed to other bases out of Norfolk. 1012 were only gone a few days before returning to become No 2 Group’s training squadron.

In late April 1940 No. 76 Squadron was formed at the base, flying Ansons and Hampdens, but was disbanded in late May. In late May No 139 Squadron arrived, but were quickly replaced, 10 days later by No, 18 Squadron with its various marks of Blenheims. Their stay was also short and they departed Watton on the September. No. 90 Squadron returned to Watton in early May 1941, now flying Boeing Fortress I bombers.

By late May they had moved on the Great Massingham. No. 101 Squadron moved to Oakington in the first week of July 1941, to be replaced by the Blenheims IVs of 114 Squadron. Later that month 1420 Flight was deployed to Watton, but was disbanded only four months later, in the November.

In April 1943 No 342 Squadron was reformed at the base, crewed mainly by Free French Airforce airmen. No. 100 Bomber Support Group arrived in the first few days of December 1943 and flew Mosquitoes from there until the war’s end. The station closed in June 1994.

WEYBOURNE: Used by the army from the mid-1930s, Weybourne had varied activity going on during the war years. This included things such as a catapult built on the top of the adjoining cliff for use with associated target drones, which were radio-controlled sea and land plane variants of the versatile Tiger Moth light aircraft. These flew along the coast and provided target practice for the gunners.

During February 1941the ‘Queen Bee’ target drones of ‘T’ Flight AACU were based at Weybourne. From June 1941 these drones were target practice for the rocket projectiles and light anti-aircraft guns. ‘T’ Flight was disbanded at the end of April 1942 and all flying activity had stopped at the base by July that year. The base was finally closed in 1958 and is now the site of a comprehensive military museum and well worth a visit.

For the definitive tome on this subject we recommend that you read an excellent publication by Martin W. Bowman, titled ‘World War II RAF AIRFIELDS IN NORFOLK’. It was first published by Pen & Sword Aviation, of Barnsley, in 2007. In his excellent book Martin imparts just about all you could ever wish to learn on the subject. We readily acknowledge that it has been an extremely helpful reference aid to us in producing this element of this website.

Please do not hesitate to let us know of any possible errors, or major omissions in the following text, so that we might make the necessary corrections.


Database della seconda guerra mondiale

Ti è piaciuta questa fotografia o l'hai trovata utile? In tal caso, considera di supportarci su Patreon. Anche $ 1 al mese andrà molto lontano! Grazie.

Condividi questa foto con i tuoi amici:

  • » 1.102 biografie
  • » 334 eventi
  • » 38,814 timeline entries
  • » 1.144 navi
  • » 339 modelli di aerei
  • »191 modelli di veicoli
  • » 354 modelli di armi
  • »120 documenti storici
  • » 226 facilities
  • » 464 recensioni di libri
  • » 27,594 photos
  • » 359 mappe

"I have returned. By the grace of Almighty God, our forces stand again on Philippine soil."

General Douglas MacArthur at Leyte, 17 Oct 1944

Il database della seconda guerra mondiale è fondato e gestito da C. Peter Chen di Lava Development, LLC. L'obiettivo di questo sito è duplice. Innanzitutto, mira a offrire informazioni interessanti e utili sulla seconda guerra mondiale. In secondo luogo, è mostrare le capacità tecniche di Lava.


Guarda il video: A-20 HavocBoston in Colour - Part 1


Commenti:

  1. Jawad

    Credo che tu stia facendo un errore. Inviami un'e -mail a PM, parleremo.

  2. Muramar

    Mi scuso ma, secondo me, non hai ragione.

  3. Darcell

    Se spazzato via dal vento?

  4. Kizragore

    Vola via!

  5. Aaron

    Fin qui tutto bene.



Scrivi un messaggio