La torre Jean sans Peur (Parigi medievale): storia e patrimonio

La torre Jean sans Peur (Parigi medievale): storia e patrimonio

Nel cuore di Parigi, rue Etienne Marcel, si trova una delle ultime vestigia rimaste della Parigi medievale, la torre Jean sans Peur. Segno ostentato della presenza borgognona nella travagliata Parigi dell'inizio del XV secolo, è un must per gli appassionati di storia medievale, in particolare la Guerra dei Cent'anni.

Il regno di Francia e l'appetito dei duchi

Il contesto è a dir poco turbolento e dobbiamo quindi tornarci. Alla morte di Carlo V nel 1380 gli successe il figlio Carlo VI. Suo padre era soprannominato "il Saggio", ma Carlo VI mostrerà segni di debolezza causati da attacchi di follia. È giovane all'inizio del suo regno, e non può fare molto contro le rivalità che aumentano all'interno delle grandi famiglie di Francia, in una Francia scossa da tante rivolte. La reggenza fu affidata a Luigi I d'Angiò, ma divenne presto avido e rivendicò la custodia del Delfino e di suo fratello, il futuro Luigi d'Orleans, che fece arrabbiare Jean de Berry e Philippe le Bold, duca di Borgogna. Il duca d'Angiò dovette quindi ritirarsi e decise di rivolgersi ai possedimenti angioini del Mediterraneo, di cui beneficiarono principalmente Philippe le Bold. Quest'ultimo congeda i consiglieri del re e piazza le sue pedine.

Il re arriva al potere quando diventa maggiorenne, ma in realtà è circondato dagli uomini del duca di Borgogna. Eppure, all'età di 20 anni, ha deciso di liberarsi da questa ingombrante tutela e da quella dello zio Jean de Berry, a favore dei Marmousets, una squadra di influenti consiglieri. Ma nel 1392 Carlo VI conobbe il suo primo impeto di follia: i Marmouset furono licenziati, i duchi ripresero il controllo.

Fu Filippo il Coraggio a trarre vantaggio per primo dalla situazione, governando efficacemente durante i periodi in cui il re era immobilizzato dalle sue crisi. La sua influenza fu contestata dal fratello del re, Luigi d'Orleans, ma fu solo nel 1404 e con la morte del duca di Borgogna che la tensione aumentò di parecchi gradini e la guerra prese forma intorno al trono. Il figlio di Philippe le Bold, Jean sans Peur, intende rivendicare la successione del padre, a scapito del fratello di Carlo VI; in effetti, all'epoca la situazione non era affatto positiva per il Ducato di Borgogna. Jean sans Peur non esitò a usare la violenza per risolvere il problema: fece assassinare Luigi d'Orleans nel 1407! Inizia quindi la guerra tra Armagnac e Burgundi, con un re d'Inghilterra non lontano molto interessato. Trincerato nel suo albergo a Parigi, Jean sans Peur esercitò la sua influenza sul re per diversi anni; ma fu assassinato a sua volta nel 1419. La Francia, attaccata dall'Inghilterra nel 1415 (Azincourt), era allora sull'orlo del baratro ...

La costruzione della torre Jean sans Peur

L'albergo dei duchi di Borgogna, di cui spicca la torre, è infatti l'antico albergo della casa di Artois, ottenuto dal nipote di San Luigi, Roberto, nel 1270. Grazie all'unione delle famiglie di Artois e Borgogna, l'hotel divenne proprietà di questi ultimi nel 1369. Il luogo fu poi ampliato, ma soprattutto fortificato a partire dal 1409: la torre era il punto principale di questa fortificazione, mentre l'albergo si trovava addossato al incinta di Philippe Auguste. Jean sans Peur teme rappresaglie in seguito al suo ordine di far assassinare Luigi d'Orleans. La fortificazione di questo tipo di residenza è stata necessaria poiché sappiamo, con gli eventi di Etienne Marcel nel 1358, che i parigini possono insorgere. Il duca di Borgogna trascorre quindi buona parte del suo tempo lì, protetto da una stretta guardia, mentre esercita tutta la sua influenza sul sempre più indebolito re di Francia. Ciò non impedisce a Jean sans Feur di essere assassinato a sua volta, lontano dalla torre, a Montereau, sotto gli occhi del futuro Carlo VII.

La visita della torre Jean sans Peur

Dell'Hôtel de Bourgogne, oggi rimane solo questa famosa torre. Ma è uno dei resti medievali meglio conservati di Parigi, un segno ostentato della presenza della Borgogna nella capitale durante la Guerra dei Cent'anni e il regno tormentato di Carlo VI. La torre è quindi uno dei luoghi da non perdere in ogni visita alla Parigi medievale.

Il percorso consiste nel seguire striscioni numerati che spiegano chiaramente non solo la costruzione della torre, ma anche il contesto dell'epoca, la vita delle persone nel tardo medioevo, ed in particolare in questo tipo di proprietà. Saliamo così i gradini della magnifica scala a chiocciola per visitare ogni stanza dove i bambini possono divertirsi cercando le tracce lasciate dagli architetti come le firme. Una scala su cui si affaccia una splendida volta, unica in Francia, con motivi vegetali come quercia, biancospino e luppolo, simboli del Ducato di Borgogna e dei membri della famiglia Jean sans Peur.

La torre offre anche mostre temporanee, come il fortunatissimo "Il medioevo a fumetti" (fino al 14 novembre 2010). Vengono offerte visite guidate, nella torre ma anche nella Parigi medievale.

Poco conosciuta, questa "testimonianza unica e intatta dell'architettura civile e fortificata del Medioevo a Parigi" dovrebbe quindi essere scoperta da coloro che sono interessati alla Parigi medievale, così come da coloro che desiderano una visita piacevole e istruttiva senza il trambusto della città. Louvre molto vicino.

Per ulteriori informazioni, vedere il sito della torre Jean sans Peur.

Leggere :

- R. Rivière, A. Lavoye, L'impavido John Tower, Associazione degli amici della Torre Jean sans Peur, 2007.


Video: Il fenomeno dellincastellamento nel medioevo