Il Grande Arcano dei Re di Francia (J. d'Aillon)

Il Grande Arcano dei Re di Francia (J. d'Aillon)

Talent Investigator creato da Jean d'Aillon, Louis de Fronsac, l'uomo dai nastri neri, a sua volta al servizio del cardinale Richelieu, poi di Mazzarino e in quest'opera, di Hugues de Lionne, ministro di Stato di Luigi XIV, torna in un nuovo intrigo investigativo con questo romanzo storico : Il Grande Arcano dei Re di Francia (2015). Complotti, vendette, scontri e altre cabale sono quindi in programma attorno a un segreto millenario dei re di Francia.

Riassunto

Con un semplice furto in una strada parigina, Louis de Fronsac si ritrova al centro di una nuova e nebulosa avventura in cui si dice siano coinvolte spie inglesi. Ma perché sono interessati a una semplice e giovane ladra, l'enigmatica Anne Lupin? In mezzo agli intrighi politici e alle lotte di potere della Corte, rapinatori e assassini non meno raccomandabili, Fronsac sempre accompagnato dal suo amico Gaston de Tilly, va al fronte di tanti pericoli per svelare un enigma di cui non sospetta la scala: il Grande Arcano dei re di Francia.

Da Parigi alle magnifiche scogliere di Étretat, inizia una micidiale caccia al tesoro, con la sua quota di lotte, inseguimenti e tradimenti.

La nostra opinione

Jean d'Aillon eccelle sempre nel raccontarci inchieste storiche con qui, una storia fluida e equilibrata, che mescola segreto antico e vendetta e che si inserisce perfettamente nella continuità dei romanzi precedenti dell'autore. È persino impressionante vedere come Jean d'Aillon moltiplica sistematicamente i riferimenti alle precedenti avventure di Fronsac e Tilly fino a quando non tornano alla loro infanzia (I furetti della reginaComm. 2007), che non fa che rafforzare la storia. Inoltre, non ha eguali nel descrivere con sorprendente facilità il dietro le quinte e le sottigliezze politiche dell'Ancien Régime. Le trascrizioni delle questioni di potere dell'epoca sono rese molto bene anche se ciò significa rendere il libro talvolta denso di personaggi, in particolare di personaggi storici reali. Tuttavia sono abilmente impiegati negli intrighi romantici.

Si tratta quindi solo di una piccola difficoltà all'inizio del libro prima di essere rapidamente coinvolti in questa storia con i protagonisti sempre così accattivanti: oltre ai cavallereschi Fronsac e Tilly, pensiamo in particolare al ladro falsario, Anne Lupin. E se il risultato finale è abbastanza concordato, rimane efficace, come tutto questo romanzo storico.

Jean d'Aillon, Il Grande Arcano dei Re di Francia, Parigi, Flammarion, 2015.


Video: Marozia: lultima Imperatrice della Pornocrazia Romana