Brontolone, da Versailles a Waterloo. (C. Legros)

Brontolone, da Versailles a Waterloo. (C. Legros)

« La vita diEmmanuel de Grouchy è degno di un romanzo di Balzac. Una giovinezza d'oro alla corte di Versailles, venticinque anni di campagne e gloria in tutta Europa, espiati da trentasette anni di solitudine ed esclusione. La sua vita è cambiata dopo Waterloo »... In quest'anno del bicentenario della disastrosa battaglia, tutti gli occhi sono puntati sull'uomo che tutti, e in primo luogo lo stesso Napoleone, accusato di essere responsabile di questa sconfitta definitiva! Christian Legros dedica una biografia a questa figura chiave del Primo Impero che dovrebbe diventare rapidamente un riferimento.

Autore

Christian Legros, ufficiale generale, brevettato Saint-Cyr of the War School, con una formazione letteraria, giuridica e storica, è un fan del Primo Impero. Questo libro è il suo primo per il periodo. Lui stesso dalla cavalleria, cerca di rendere giustizia a Emmanuel de Grouchy su cui l'imperatore aveva gettato vergogna su Sant'Elena.

Riabilitare Grouchy?

Per Christian Legros, una cosa è chiara: Emmanuel de Grouchy è stato il capro espiatorio della sconfitta di Waterloo. Ridicolizzato da molti di coloro che hanno scritto sulla battaglia (Napoleon, Gourgaud, Thiers ...), Grouchy è stato presentato come colui che mangiava fragole mentre a Mont-Saint-Jean il canto del cigno suonava per gli eroi del epopea imperiale. Ritenuto responsabile della sconfitta e del fallimento del ritorno di Napoleone, molto è stato scritto sull'inesperienza e persino sull'incompetenza di questo maresciallo in ritardo che non "camminava col cannone". Questo ruolo fatale nell'ultima battaglia avrebbe determinato tutta la storiografia sul personaggio, tutta la sua carriera militare venendo giudicata a posteriori attraverso questo prisma come a giustificare il fallimento finale.

Christian Gros si sforza quindi di tornare in modo più tranquillo a questa carriera, a questo nobile, ex delle guardie del corpo del re, che divenne generale durante la Rivoluzione, quest'uomo che partecipò alle campagne della Rivoluzione (Vandea, Olanda, Germania, Italia!) Dell'Impero e partecipa attivamente a vittorie come Eylau, Wagram o La Moskowa! Un uomo a cui lo stesso Napoleone affidò il Sacro Squadrone durante la ritirata dalla Russia, un uomo che partecipò attivamente alla campagna in Francia e fu ferito a Craonne. Un uomo, in cui Napoleone, di ritorno dall'Elba, vede il suo 26 ° maresciallo e che incarica di distruggere i prussiani mentre lui stesso si confronta con gli inglesi. Se non riesce de facto a impedire il collegamento tra Blücher e Wellington, il maresciallo Grouchy si è distinto durante questa campagna vincendo la battaglia di Wavre e riportando in sicurezza il suo corpo d'armata in Francia.

E il suo ruolo a Waterloo? Come rimproverarlo per aver obbedito agli ordini dell'Imperatore? Era materialmente possibile raggiungere il campo di battaglia in tempo?

In più di 600 pagine, supportato da un'abbondante bibliografia, l'autore ha svelato la nera leggenda di quella rifiutata da Napoleone e dai monarchici per rendere giustizia a questo maresciallo su cui molti hanno scaricato le loro responsabilità e la loro amarezza.


LEGROS Christian, brontolone. Da Versailles a Waterloo, Éditions de la Bisquine, Parigi, 2015.


Video: 凡爾賽宫及 國王路易十四. Versailles and Louis XIV in chinese