Roma, una serie epica e grandiosa (HBO)

Roma, una serie epica e grandiosa (HBO)

Nel 2005, il canale HBO ha trasmesso un serie televisive che non è passato inosservato: Roma. Con un budget faraonico di 100 milioni di dollari, questa coproduzione anglo-italiana mirava a ripercorrere una gloriosa pagina della storia di Roma, da Giulio Cesare ad Augusto. L'intenzione è chiaramente mostrata, è quella di rendere il gioco alla produzione cinematografica del genere, con gli stessi mezzi, la durata in più. Servita da un cast eccellente e set sontuosi, questa serie ci immerge felicemente nel mondo spietato dell'antica Roma.

Roma, una serie decisamente di fascia alta

Dai titoli di coda, si capisce che questa serie non avrà un sapore di déjà vu. Camminiamo per le strade di Roma, colorate e sporche allo stesso tempo, i cui muri sono adornati di graffiti mostrati fino ad allora raramente. Dalle prime immagini, una scena di battaglia, siamo colpiti dalla qualità e dal realismo della ricostruzione. Soldati coperti di sangue e polvere si lanciano furiosamente in una mischia finale contro i Galli. L'immersione è immediata. Il tono è deciso, non ci verranno risparmiati i dettagli, anche i più sordidi o sanguinosi.

Il primo episodio inizia alla fine delle guerre galliche con la resa di Vercingetorige, dopo la sua sconfitta ad Alésia. Davanti a un Cesare trionfante, il capo gallico depone le braccia. Supereremo rapidamente l'aspetto fastidioso che gli ha dato la produzione, una sorta di uomo delle caverne traboccante di capelli e stracci, per concentrarsi sul personaggio di Cesare. Arroccato sul suo trono e contemplando i vinti con un tocco di orgoglio, si rimane colpiti dalla somiglianza dell'attore con le rappresentazioni esistenti del famoso romano. Per tutta la prima stagione, Ciaran Hinds interpreta un personaggio freddo, cinico e non privo di umorismo, ultra realistico e credibile, una delle chiavi del successo della serie. Il resto del cast, con una o due eccezioni, è all'altezza di questa interpretazione.

In questo stesso episodio scopriamo la capitale romana, colorata, cosmopolita, brulicante di attività, tanto maestosa quanto sporca. Difficile credere che siamo su un set di Cinecittà perché la ricostruzione è così ricca di dettagli. Un oratore pubblico proclamava le lodi di Cesare, mentre alcuni premi di guerra dalla Gallia venivano distribuiti alla plebe, di fronte a un'aristocrazia e senatori preoccupati per la crescente popolarità del generale romano. Scopriamo finalmente Pompeo, colui che condivide il potere con Cesare e che fatica a rassicurare il Senato sulle intenzioni di colui che presto diventerà il suo rivale.

La trama della prima stagione è tracciata: la fine della Repubblica Romana, dalla traversata del Rubicone all'assassinio di Cesare durante le Idi di marzo. L'altro ingrediente è la storia concomitante di due soldati romani, Centurion Lucius Vorenus (Kevin McKidd) e Legionario Titus Poulo (Ray Stevenson). Questa serie ha la particolarità di concedere una pari quota tra la prestigiosa storia dei grandi personaggi dell'epoca, e la vita quotidiana della popolazione rappresentata da questi due soldati. Questi, citati da Cesare in una delle sue storie, sarebbero effettivamente esistiti, anche se la loro storia raccontata nella serie è fittizia.

Roma, tra realismo e finzione

Per mostrarci tutti gli strati della società romana e introdurci all'intimità della plebe, i due legionari occuperanno diversi incarichi sociali, dal semplice emarginato a quello di magistrato. Troppo volendo legare il proprio destino a quello dei personaggi storici, questa parte di scenario che fa da filo conduttore, finisce sugli episodi diventando un po 'assurda e perdendo credibilità. Indipendentemente da ciò, l'intenzione è buona. Si tratta di mostrarci un lato che non è mai stato descritto finora sullo schermo. Un quotidiano descrive dettagliatamente, spesso in modo rozzo e violento, anche se la rappresentazione che ne è fatta si basa a volte su pregiudizi molto contemporanei.

Se i consiglieri storici sono stati coinvolti nella realizzazione di Roma, non era intenzione degli autori seguire alla lettera eventi e contesto, ma rappresentare una società romana, le sue superstizioni, i suoi costumi e la sua arte di vivere come potevano essere allora, con lo sguardo portato dagli uomini e dalle donne di oggi, che sono quindi molto diversi dai loro antichi antenati. Questa riserva a parte, questo affresco è un notevole successo su questo punto.

In cambio, Roma a volte flirta con la caricatura. La pervasività della violenza, sia in politica che a letto o per strada, dà l'impressione che questa fosse l'unica legge che prevaleva all'epoca, il che probabilmente non era il caso, almeno difficilmente più di oggi. Allo stesso modo, le figure femminili dell'aristocrazia sono per la maggior parte ritratte come manipolatrici perverse e senza scrupoli. Cleopatra avrebbe quindi beneficiato di essere rappresentata in modo più sottile. La dinastia Lagid aveva certamente raggiunto un grado avanzato di decadenza, ma per trasformare la regina d'Egitto in una prostituta isterica ...

Una serie troncata

Questi piccoli dettagli, come le libertà prese con la storia, non sminuiscono il nostro godimento. Dopo tutto, questo non è un documentario, ma una finzione. Le scelte di sceneggiatura sono coerenti fino alla fine, senza dare l'impressione che la verità sia scandalosamente smentita. La serie è formidabilmente efficace e può essere divorata in una volta sola, come un film.

La prima stagione di Roma è composta da 12 episodi. La serie era originariamente prevista per durare tre stagioni, ma i limiti di budget e il relativo successo iniziale di Roma hanno costretto i produttori a comprimere le ultime due in una. La stagione 2 inizia quindi con la ricerca degli assassini di Caesar e termina con lo scontro finale tra Marc-Antoine e Octave, a beneficio di quest'ultimo. La serie di roma riceverà numerosi riconoscimenti, in particolare agli Emmy Awards.

Roma, di John Milius e Bruno Heller: Seasons 1 to 2 - Box 11 DVD o BR

Per ulteriori

- La vita dei dodici Cesari, volume 1. Cesare - Augusto di Svetonio. Les belles lettres, 2003.

- BD, Dans la Rome des Césars di Gilles Chaillet. Glénat, 2004.


Video: Rome - Season 2 Trailer - Official HBO UK