Richelieu, precursore della King's Music

Richelieu, precursore della King's Music

Richelieu è meglio conosciuto per il suo ruolo di Primo Ministro di Luigi XIII, ma era anche un grande amante dell'arte. Alla sua morte, possedeva più di 20.000 libri e la più grande collezione di opere antiche in Francia con 200 busti e statue. Considerato il "mecenate delle arti e della musica", creò in particolare l'Académie Française e grazie a lui la musica secolare e sacra è stata sotto i riflettori dal 1628.

Il barocco

Il Barocco copre gli anni dal 1600 al 1750 circa dove compaiono le prime opere, cantate, sonate, concerti, poi fu a lungo trascurato, lasciando il posto alla musica classica viennese. Questa musica di 300 anni "facile da ascoltare e da godere" è riapparsa nel 1996 grazie al Centro di Musica Barocca situato nell'Hôtel des Menus Plaisirs, creato per promuovere la musica del XVII e XVIII secolo. Il Menus Plaisirs era stato costruito nel 1739 vicino al Palazzo di Versailles per organizzare i piaceri del re e della corte, la biblioteca di Versailles ha quindi più di 3.000 spartiti della collezione originale composta dalle prime guardie del Libreria Luigi XIV. A loro si deve "raccogliere tutto ciò che c'è di più bello nella musica, sia per la Cappella che per la Camera". Successivamente è stata aggiunta la musica della Casa di Saint Louis a Saint Cyr, poi i mottetti di Michel de Lalande e nel XIX secolo le opere di Boëly e Holmès.

Si noti inoltre che il compositore di musica barocca non era un artista libero, ma un servo che doveva soddisfare il suo padrone, il suo re o la Chiesa, scrivendo musica su richiesta.

La musica di Richelieu

Al tempo di Luigi XIII, ascoltavamo spesso il liuto, poi apparve sotto Luigi XIV la musica del re. Ma il vero precursore in questo campo è stato il cardinale Richelieu. Considerato "mecenate delle arti e della musica", ha dato il posto d'onore a due generi di musica: la musica secolare, cioè i balletti e la musica sacra composta da mottetti, Te Deum, De Profundis, e altri canti riservati alla chiesa.

Richelieu mantenne un gran numero di musicisti, i più noti dei quali sono François de Chancy, il suo maestro di liuto, e Jean de Cambrefort dal 1635. Per il suo piacere e quello della corte, fece allestire una sala "all'italiana" il suo Palazzo Cardinale, che diventerà il teatro di Molière, poi l'Accademia Reale di Musica.

Musica secolare

È caratterizzato soprattutto dai balletti. Per celebrare la vittoria della Francia sugli spagnoli e sugli austriaci nel 1640, Richelieu ordinò eventi nel gennaio e febbraio 1641. Così fece composto il balletto de la Prospérité des Armes de France da diversi musicisti, il principale dei quali era François de Chancy . In questo balletto l'autore punta i riflettori su oboi, liuti e archi. Questo balletto ripercorre le vittorie a terra e in mare e il cardinale farà persino ballare il Grande del Regno ad ogni entrata nel balletto. Ma non c'è spazio per la buffonata, solo la necessità di affermare il potere assoluto del re, poiché il re è già malato e ha subito molte proteste contro Richelieu. Le melodie e la musica sono intrise di grande malinconia e grande solennità. Richelieu ha trionfato nonostante tutto e il balletto è stato soprannominato il Balletto di M. Le Cardinal de Richelieu.

Musica sacra

Questo appare dopo la fine dell'assedio di La Rochelle nel 1628, celebrando la clamorosa vittoria del ministro. Nonostante la vittoria, sono soprattutto il dolore e la sofferenza dei protestanti e degli abitanti di La Rochelle a essere cantati. Una vittoria politica, ma una tragedia umana.

Composto da Guillaume Bouzignac per i mottetti, Nicolas Formé per la sua Musica simplex e il suo Domine Salvum fac Regem, che ricorda i dipinti torturati di Caravaggio, Boesset per il De Profundis, questo ensemble di musica sacra rappresenta combattimenti cattolici e protestanti, fino a quando 'a morte.

Da lì, Richelieu ha dato vita alla musica del re.

I principali compositori

Nicolas Formé, 1567-1638, nato a Parigi, compositore alla Cappella fino alla morte, si è distinto soprattutto per la musica sacra. Luigi XIII aveva un tale attaccamento per lui che dopo la sua morte, la sua musica fu sequestrata e collocata in un armadio di cui il re conservava personalmente la chiave. La sua opera principale fu il Domine Salvum fac Regem in occasione della vittoria di La Rochelle, scrisse anche messe per due cori, mottetti e il Cantico della Vergine Maria.

Etienne Moulinié, 1599-1676, nato a Carcassonne, insegnante di musica di Gaston d´Orléans, cantore della chiesa di Saint Just, raggiunse il fratello a Parigi. Ha composto Airs de Cour e Petits Motets.

Antoine Boësset, 1586-1643, nato a Blois, maestro dei figli della King's Chamber Music, poi Queen's Music Master, sovrintendente della musica della King's Chamber nel 1623. Il suo patrigno era già sovrintendente di la musica di Enrico IV, suo figlio sarà sovrintendente alla musica di Luigi XIV. Ha creato Airs de Cour per voce e liuto, balletti, alcune messe e mottetti, ma è meglio conosciuto per il suo Magnificat.

Ennemond Gaultier, 1575-1651, nato nel Delfinato, prima pagina della duchessa di Montmorency, entrò al servizio di Marie de Médicis e divenne cameriere nel 1620. Fu riconosciuto in musica grazie alla sua funzione di professore di liuto a corte. Nel 1630 suonò per Carlo I, Henrietta Marie e il duca di Buckingham alla corte inglese.

Robert Ballard, 1575-1645, nato a Parigi, figlio dell'editore Ballard, unisce le forze con il cugino / allievo Adrian Le Roy per comporre e stampare la Musica del re. Liutista di corte, partecipa alla creazione di balletti di corte, ha pubblicato libri di danza per liuto, ma la sua opera più grande è il bellissimo “Ballet du Dauphin”.

François de Chancy, 1600-1656, nato a Parigi, è famoso per essere stato maestro della Musica di Richelieu, maestro della Musica da Camera e della Cappella del Re nel 1649. Lavorando ai balletti di corte, è il principale compositore del famoso Ballet de la Prospérité des Armes de France creato nel 1641 e del Ballet des Fêtes de Bacchus nel 1651. Conserviamo ancora pezzi di liuto, due libri di Airs de Cour, nonché raccolte di canzoni per la danza e bere.

Jean de Cambrefort, 1605-1661, primo cantante nella cappella privata di Richelieu, si recò al servizio di Mazzarino nel 1642 e ottenne l'incarico di Maestro di musica della Camera del re in successione a François de Chancy, poi il incarico di compositore di questa musica, infine sovrintendente della King's Music. Ha composto principalmente Airs de Cour e ha partecipato a balletti.

Jacques Champion de Chambonnières, 1602-1672, nato a Parigi, riceve la sopravvivenza del padre e diventa interprete nella Camera del Re e organista nella Cappella. Lo vediamo ballare nel Ballet de la Marine nel 1635 e successivamente nel Royal Ballet de la nuit con Luigi XIV e Lully nel 1653. Clavicembalista e insegnante, fondò la scuola francese di clavicembalo e una delle prime società di concerti nel 1641 "l'assemblea degli Honnestes Curieux" destinato a promuovere la musica da camera. Dopo essere caduto in disgrazia nel 1662, pubblicò il suo primo libro di brani per clavicembalo nel 1670 e fu responsabile dell'ascesa della famiglia Couperins.

La musica di Luigi XIII

Non dobbiamo dimenticare che Luigi XIII era un grande appassionato di danza e musica; scrisse i testi e le musiche per il "Ballet de la Merlaison", eseguito nel 1635. Ma nella sua musica troviamo brani la cui aria è più tormentata, ben nello spirito del Re e molto meno allegri del musica del figlio Luigi XIV, piena di festa e gioia.

Discografia

- Musica Au Temps De Richelieu: The Symphony of the Marsh

- Nicolas Formé: Il voto di Luigi XIII


Video: Обзор линкора Alsace. Искусный воин!