I quattro archi trionfali di Parigi

I quattro archi trionfali di Parigi

Nella nostra memoria ne contiamo due Archi trionfali a Parigi, elevato alla gloria dei nostri re e di altri grandi personaggi. Eppure, ce ne sono davvero quattro! Una notissima, una seconda forse un po 'meno e le ultime due che portano il nome di "Porte" ma che sono appunto Archi di Trionfo!

L'Arco di Trionfo dell'Etoile e l'Arco del Carrousel

Quello che tutti credono essere unico è l'Arco di Trionfo dell'Etoile in cima agli Champs Elysees, eretto nel 1806 da Napoleone e completato tra il 1832 e il 1836 sotto Luigi Filippo. Progettato da Jean-François Chalgrin e completato dopo la morte di quest'ultimo da Jean-Armand Raymond nel 1836, si ispira all'Arco di Tito a Roma. Su di essa sono incise le grandi battaglie della Rivoluzione e dell'Impero. È l'ultimo della serie di quattro. Qualche tempo prima, l'arco trionfale della Giostra era stato ordinato nel 1806, sempre da Napoleone. Installato alla fine dei Giardini delle Tuileries, celebra la vittoria di Austerlitz e la campagna del 1805.

I meno conosciuti

Se cammini lungo i Grands Boulevards parigini, arrivi a Porte Saint Martin e Porte Saint Denis. Questi monumenti non sono chiamati "Arc de Triomphe", ma il design e lo scopo della costruzione sono identici: un porticato centrale incorniciato da due pilastri, ornato di bassorilievi che celebrano le vittorie di… Luigi XIV! Questi monumenti prendono il nome di porte perché furono installati sul sito delle fortificazioni che circondavano Parigi a nord.

La Porte Saint Martin


Costruito nel 1674, sui Grands Boulevards voluti dal Re Sole tra il 1668 e il 1705, si trova all'incrocio tra l'asse Saint Martin e il boulevard Saint Denis. Sui bassorilievi, sul lato sud, sono rappresentate la presa di Besançon nel 1674 e la rottura della Triplice Alleanza. Di fronte, sul lato nord, le sculture corrispondono alla cattura del Limburgo nel 1675 e alla sconfitta dei tedeschi. La soffitta sul lato sud reca l'iscrizione "A Luigi Magno, per aver preso due volte Besançon e la Franca Contea, e per aver sconfitto gli eserciti tedesco, spagnolo e olandese".

La Porte Saint Denis

Colbert voleva separare la città dalla periferia. Così fu eretta la Porte Saint Denis nel 1672, sul sito della porta del recinto di Carlo V. Questo "arco di trionfo" è costruito sul modello dell'Arco di Tito a Roma, con un grande arco e due piccole porte laterali, rialzate nei piedistalli degli obelischi. Lato sud, le sculture rappresentano le vittorie di Luigi XIV sul Reno, l'Olanda e la sconfitta delle Province Unite. Nel nord, la vittoria è a Maastricht ... perché in due mesi il re ha attraversato quattro fiumi, conquistato tre province, preso d'assalto quaranta fortezze e trionfato su Utrecht! Nel fregio della trabeazione si legge in bronzo la lettera "Ludovico magno" (A Luigi Magno).

Per ulteriori

Nicolas Eybalin - Quando i luoghi raccontano la storia della Francia. Edizioni Scrineo, ottobre 2012.


Video: Manù Squillante - Petali Di Cose opening act live Nino Buonocore