Schede di archeologia: primi edifici cristiani

Schede di archeologia: primi edifici cristiani

Gli edifici cristiani sono tra i monumenti privilegiati del patrimonio. Dalla creazione dei monumenti nazionali, un certo numero di essi è stato elencato e protetto. Tuttavia, questi monumenti protetti e visibili sotto un aspetto per lo più finito hanno per la maggior parte una ricca storia fatta di distruzione, ricostruzione, sviluppo, ecc.

Inoltre, il primi edifici cristiani del Medioevo sono piuttosto rari in Francia e solo l'archeologia può colmare alcune lacune in questi importanti ed essenziali edifici del Medioevo. Il numero 363 di File di archeologia intitolato "I primi edifici cristiani" coordinato da Jean-François Reynaud solleva un po 'il velo su questo patrimonio in gran parte sepolto.

Dopo un articolo introduttivo che presenta l'argomento trattato in questo numero, la prima parte del dossier dedicato ai primi edifici cristiani e alla liturgia inizia con un panorama generale della cristianizzazione dei mutamenti urbani in Gallia legati alla cristianizzazione di essa. L'articolo è chiaro e impreziosito da tante mappe utili per comprendere questi fenomeni. Il contributo di Charles Bonnet al gruppo episcopale di Ginevra mostra la continuità dei luoghi centrali (e di potere) di questa città. L'articolo che segue presenta una sintesi molto chiara e riuscita del contributo dell'archeologia alla liturgia nella chiesa medievale. Così il luogo dei celebranti, del santuario con il suo altare e del presbiterio ha contribuito all'evoluzione dei monumenti ed era molto diverso da quello stabilito dal Concilio di Trento.

La seconda parte è dedicata allo studio dei diversi edifici religiosi e dei diversi approcci utilizzati per comprenderli meglio. Il primo articolo di Jean-François Reynaud mostra i contributi di testi religiosi su alcuni edifici cristiani ma anche tutto l'interesse che può esserci nel confrontare fonti scritte con fonti archeologiche. Numerosi articoli fanno il punto su una disciplina, un problema o una tecnica legata alla questione come la scelta dei materiali, l'archeologia dei tetti, le analisi archeologiche, ecc. Gli ultimi tre articoli sono dedicati a due importanti edifici cristiani, il battistero di Saint-Jean de Poitiers, che ha beneficiato di una ricerca approfondita finanziata dal Ministero della Cultura e dal monastero di Cluny. Su quest'ultimo si pone l'accento sulle difficoltà nel restituire il monumento ai turisti (un grande puzzle astratto per il pubblico). Quest'ultimo articolo annuncia in larga misura l'ultima parte di questo dossier.

Questo riguarda lo sviluppo e la presentazione educativa di molti siti europei. Il primo articolo dedicato alla chiesa di Saint-Laurent a Grenoble è un successo e mostra le scelte museografiche fatte molto presto. La complessità del sito non viene risparmiata al visitatore: è in un certo senso un omaggio alla diacronia che richiede in cambio "di creare le condizioni per una visita interessante, educativa, dove possano sorgere domande a cui dare risposte. ". Non tratteremo qui tutti i siti citati in questa parte, ma vorremmo richiamare l'attenzione del lettore in particolare sul contributo di Renato Perinetti sulla cattedrale e la chiesa di Saint-Ours ad Aosta, che è accompagnato da magnifiche fotografie di Affreschi dell'XI secolo.

Gli articoli sono ancora una volta molto riccamente illustrati. Alcuni articoli possono scoraggiare alcuni lettori per la loro tecnicità, ma altri controbilanciano questo e consentono di ammirare o comprendere meglio questi edifici. I primi edifici cristiani sono in gran parte trascurati nella cultura comune di fronte ai capolavori del romanico e del gotico in Francia anche se i curricula delle scuole secondarie ora prevedono lo studio in sesta elementare di una basilica cristiana dei primi secoli della nostra era. Non trascurando alcune questioni epistemologiche, di conservazione o di valorizzazione (educativa o patrimoniale), questa tematica può essere un primo approccio interessante agli edifici cristiani dell'alto medioevo.

Scheda archeologica n ° 363: i primi edifici cristiani. Giugno 2014, in edicola e in abbonamento.


Video: Mani Bianche Le tasche piene di sassi