Guerre e storia: file speciale di Stalingrado

Guerre e storia: file speciale di Stalingrado

Stalingrado. Come quello di Verdun per la guerra precedente. Un picco di orrore per i combattenti; un dramma con un milione di morti nella cornice apocalittica di una città industriale; una svolta spettacolare: il cacciatore preso nella sua trappola, l'assediante sotto assedio; una sconfitta storica per le forze armate tedesche; la grande svolta della seconda guerra mondiale (con Guadalcanal ed El-Alamein, battaglie contemporanee). Pensavamo di aver detto tutto su Stalingrado ...

Tranne una cosa: Stalin voleva due Stalingradi. L'altro era quello di distruggere un secondo esercito tedesco, 1.500 km a nord, intorno alla città di Rjev, nella Russia centrale. Tutto il fronte si sarebbe disintegrato e, al Cremlino, abbiamo sognato un Barbarossa a testa in giù. Questa seconda Stalingrado è stata un sanguinoso fallimento. I sovietici lo tenevano nascosto o lo camuffavano come un utile diversivo per Stalingrado, soprattutto perché il responsabile del nuovo San Giorgio dei russi, il maresciallo Zhukov. Lo dicono all'unisono nelle pagine di questo bimestrale i due grandi specialisti del fronte orientale, l'americano Glantz e il russo Isaïev: non si può capire Stalingrado senza capire Rjev, studiare quello senza studiare il altro.

Fedele alla sua linea, Guerres & Histoire ha quindi scelto questa particolare angolazione per questo dossier motivato dal 70 ° anniversario della battaglia. Quali sono i legami tra le due battaglie di Stalingrado e Rjev? Cosa volevano fare i sovietici in questo inverno del 1942-1943? Cosa hanno ottenuto? Il lettore troverà qui uno dei temi preferiti della rivista: come si fa a vincere contro il miglior esercito del mondo pur essendo tatticamente molto inferiore? La risposta si chiama arte operativa, un'altra dimensione della guerra scoperta negli anni '30 da un gruppo di pensatori rossi.

Wars & History: Stalingrad, una nuova visione di una mitica battaglia. Febbraio 2012. In edicola e in abbonamento.


Video: LAssedio di Stalingrado