Per finire con Lorànt Deutsch e il Metronomo

Per finire con Lorànt Deutsch e il Metronomo

Mentre l'ultimo episodio della versione documentaria di Metronomo è trasmesso Francia 5, è il momento di fare il punto del fenomeno Lorànt Deutsch /Metronomo. Torneremo rapidamente su questo, così come sul personaggio stesso, che rimane in gran parte un enigma. Ma ciò che sarà interessante discutere è anche il fenomeno Metronomo, che ha superato Deutsch, e le reazioni che ha suscitato, se non la mancanza, tra i media, i politici ... e gli storici.

Alcuni aggiornamenti

Nelle ultime settimane, i critici (fin troppo rari) di Lorànt Deutsch sono stati spesso criticati per averlo attaccato sulla mancanza di legittimità di un cosiddetto storico. Tuttavia, lontano da noi l'idea, a Storia per tutti, per affermare che siamo più legittimi di lui come "storici". Il sito opera grazie ad editori, alcuni dei quali hanno avuto una storia all'università, altri sono semplicemente appassionati, dilettanti nel senso più nobile del termine (e tra loro che apprezzano Metronomo). Alcuni non sono più legittimi di altri. E anche se tutti fossimo stati medici nella storia, l'approccio non sarebbe cambiato perché fare la storia, se è aperta a tutti (si parla di "usi pubblici della storia"), è è soprattutto una necessità di onestà, in particolare metodologica. E, torneremo su questo, questo è il primo punto su cui il lavoro di Deutsch ci sembra problematico.

Allo stesso modo, non si tratta di criticarlo per criticarlo sulle sue opinioni politiche, ma per sottolineare che a volte appaiono in modo caricaturale nelle sue osservazioni, e che rappresentano una base ideologica molto presente nel suo lavoro, e c'è bisogno di informazione e illuminazione per il lettore disinformato. Le varie affermazioni contraddittorie di Lorànt Deustch sull'influenza delle sue idee politiche sul suo lavoro confermano questa necessità.

Chi è veramente Lorànt Deutsch?

Attraverso le sue dichiarazioni sui media, poi durante il nostro incontro alla Fnac La Défense, o attraverso messaggi internet firmati con il suo nome (ma che lui nega, torneremo su questo), possiamo dire che è davvero difficile per sapere chi è Lorànt Deutsch.

Quali sono le sue idee politiche e, soprattutto, sono parte integrante delle sue Metronomo ? Nel 2010, da Laurent Ruquier, sembrava imbarazzato dal conduttore quando gli disse che era un monarchico, e che forse è questo che lo infastidisce nell'evocazione del Concorde e della ghigliottina. : “Non sono qui per parlarne, è spaventoso 'monarchico', significa 'reagire', 'conservatore' […]. Gli abbiamo tagliato la testa, fa parte della storia, sta a noi conviverci [...] Non abbiamo solo tagliato la testa al nostro re, penso che abbiamo voltato le spalle a molti le nostre radici [...] ". Quest'ultimo passaggio è fondamentale per comprendere la logica di Metronomo. Eppure, all'epoca, affermava che le sue opinioni non avevano alcuna relazione con il suo lavoro. Più recentemente, in Le Figaro del 5 marzo 2011, ha dichiarato: "Per me la storia del nostro Paese si è conclusa nel 1793, con la morte di Luigi XVI. Questo evento ha segnato la fine della nostra civiltà, abbiamo tagliato la testa alle nostre radici (sic) e da allora le cerchiamo ". Sulla Francia Inter, nello spettacolo I liberti (18 aprile 2012), è tornato sull'inutilità delle elezioni presidenziali e sulla perdita dei poteri sovrani, a favore di "Di una superpotenza europea"e soprattutto ha criticato gli storici che lo attaccano strumentalizzando la storia, sostenendo che lui stesso preferisce l'ideologia al fatto storico. Due citazioni riassumono tutto: "L'ideologia non va distrutta in nome del fatto scientifico, è un po 'una lotta tra i materialisti e coloro che credono in qualcosa di un po' più ideologico. I materialisti mi distruggono appena possono ", e "Se possiamo tendere al fatto scientifico, tanto meglio, soprattutto se dà credito alla mia cappella, e quello che penso, la mia prospettiva sulla storia. Per me, la verità storica è in una luce ".

Infine, il 21 aprile alla FNAC La Défense, Lorànt Deutsch ha ribadito di non avere ambizioni politiche con Metronomo, pur insistendo sul fatto che, secondo lui, "La storia della Francia è una questione soggettiva". Qualche minuto prima si era soffermato sui critici che lo accusavano di aver fatto una storia "Dominante", re e santi e, nella contraddizione permanente che lo caratterizza, disse che se non giudicava la storia, aveva convinzioni, e che era secondo lui difficile "Non riconoscere che è la religione cristiana che ha fatto la storia della Francia per più di mille anni". In un rapido scambio con lui, Lorànt Deutsch ha insistito per chiarire che è un monarchico orleanista (quindi "Moderare"), secolare; Quest'ultimo punto è curioso, poiché nell'intervista a Figaro sopra citata, Deutsch si è lamentato di un desiderio “Per far trionfare la laicità. Senza religione e senza fede, ci stiamo privando di qualcosa di cui avremo bisogno negli anni a venire. Dobbiamo reintrodurre la religione in Francia, serve un concordato ". Ma ci sono cose più preoccupanti. Un utente di Internet che firma Lorànt Deutsch ha parlato sul sito di Goliard (e via e-mail), ei suoi post erano sempre più discutibili, arrivando a invettive e firme "Pierre Gaxotte", non è più molto ambiguo ... Lo stesso Lorànt Deutsch ci ha negato di essere l'autore di questi post (e non ha neanche una pagina Facebook ufficiale), affermando anche di andare pochissimo in rete , e non avrebbe iniziato a dare la caccia a tutti quelli che fingono di essere lui.

Naturalmente, il problema - e gli abbiamo detto - è che il file Metronomo è regolarmente elogiato dai siti di estrema destra. Non sembrava commuoverlo più di così. Sorge soprattutto una prossimità lessicale tra il modo di esprimersi ei termini usati da Internet Deutsch e Deutsch irl, in particolare "storici materialisti". Inoltre, abbiamo avuto l'impressione che i suoi interventi su France Inter, e ancor più a La Défense, fossero risposte dirette ad articoli scritti su Storia per tutti e Goliard, l'esempio più eclatante è una citazione, alla FNAC, quasi riga per riga, dall'articolo di Goliard su Deutsch e la rivoluzione! Quindi o Deutsch ha mentito e ha letto bene gli articoli, oppure Deutsch ha postato messaggi discutibili; o il suo team com gli ha fatto le carte per spegnere il fuoco che stava iniziando a prendere piede, e ha tagliato l'erba sotto i suoi piedi per qualsiasi critica. In effetti, la posta in gioco è molto alta (torneremo su questo nell'aspetto mediatico), sta preparando un Storia della Francia, e l'emergere di critiche, alcune delle quali virulente (le prime per quanto ne sappiamo), potrebbero minacciare l'immagine della prossima campagna mediatica del fenomeno. Tutto resta in rete ...

Quindi è difficile sapere chi sia veramente Lorànt Deustch.

Storia e Lorànt Deutsch

Per quanto riguarda il suo approccio alla storia, ne abbiamo ampiamente parlato negli articoli sul documentario di France 5, ma dobbiamo tornare su alcuni punti, soprattutto perché anche Deutsch si è evoluto nel suo discorso ( in reazione alle critiche?). Sta facendo la storia? Perché questo è il problema principale. Lorànt Deutsch non crede nella storia scientifica, anche se va notato che tende a ridurre la disciplina storica ai positivisti della fine del XIX secolo ... Nell'introduzione a Metronomo, definisce il suo lavoro come "Uno strumento che scandisce la misura e dà ritmo al tempo", decisamente. Di nuovo a Ruquier, dice a se stesso "Amante della storia", chi "[Deve] trasmettere la storia della Francia", che non è un piccolo fardello. Su France Inter, è beffardo o sprezzante nei confronti "Gli storici intransigenti, i cartisti" che, attraverso la loro ricerca, il loro "Dissezione" (termine che gli viene spesso in bocca ... e nei testi del suo avatar in internet, reale o presunto ...) e loro "segmentazione" della storia minerebbe la sua storia onirica (il suo esempio sul pellegrinaggio a Santiago de Compostela la dice lunga).

Alla FNAC, è più rispettoso verso gli storici (forse perché il suo team di comunicazione gli ha detto che alcuni erano scivolati nella stanza ...), anche se dice di non avere lo stesso approccio di loro: "Volevo raccontare, non sezionare [Nota dell'editore: ancora una volta ...] cose, che è proprio opera dello storico, qualcosa su cui (sic) mi baso il prima possibile perché è un lavoro entusiasmante [...] ". Ma, cosa più importante, dice, sempre alla FNAC: "Il mio libro, lo classificherei più nella sezione dei romanzi storici che in un libro sulla storia della Francia". Il che è fantastico, considerando che è qui che volevamo che andasse! Dopo aver detto per anni che ha fatto la storia (certo non scientifica), che gli storici (quali?) Lo hanno sostenuto, oggi Lorànt Deutsch conferma - finalmente - che fa romanzi storici, anche che inventa fatti, fabbrica miti. Ha anche detto di essere rimasto sorpreso dal fatto che il file Metronomo è diventato "Un riferimento, uno strumento storico, quello che non è e non era inizialmente". Siamo d'accordo e speriamo che sia altrettanto chiaro per il lavoro che sta preparando sulla storia della Francia. Resta anche da vedere se verrà ascoltato, soprattutto dai media e dai politici.

L'atteggiamento dei media verso Metronomo e Lorànt Deutsch

Il clamore mediatico subito nelle ultime settimane ha dimostrato che i media sono sorprendentemente amichevoli, senza alcun pensiero critico o, quando hanno avuto un inizio (come nel Liberato) lo mise via velocemente negli spogliatoi. Avresti dovuto vedere Deutsch accolto a Grande diario, e altrove, essere in grado di uscire dall'enormità ("Ateo Clodoveo", su France Inter) senza alcuna contraddizione! Perché ? Difficile da dire. Deutsch sembra carino così, la foto Yop e Il cielo, gli uccelli e tua madre Si attacca ancora alla sua pelle e sa come usare un po 'l'umorismo per disinnescare quando il gioco si fa duro. E poi nella testa di una lambda "giornalista", un giovane attore (non così tanto), che scrive un libro senza pretese e piuttosto scherzoso su Parigi, non può avere cattive intenzioni. Poi lasciamo che sia il panurgismo giornalistico a farlo ...

Non dobbiamo neanche essere ingenui riguardo alla posta in gioco finanziaria del fenomeno. Metronomo. Il canale pubblico France 5 avrebbe messo sul tavolo un milione di euro senza aver misurato / controllato alcuni rischi? E l'editore, Michel Lafon? Possiamo quindi comprendere l'evoluzione del discorso di Deutsch e un focus su determinati argomenti, inclusa l'influenza delle sue idee sui suoi scritti. Abbiamo dovuto calmare le cose.

Tuttavia, c'è motivo di essere preoccupati per l'atteggiamento compiacente dei media, anche se ovviamente non è una novità.

L'atteggiamento dei politici nei confronti del fenomeno Metronomo

Un po 'nello stesso panurgismo, secondo i media dal momento che non hanno allevato la lepre, e aggiungendo opportunismo, le politiche sono decisamente patetiche. Perché molti di coloro che supportano Deutsch sono ... socialisti! Robert Hue (ex comunista!) Aveva fatto Metronomo la sua cotta per lo show Biblioteca Medicea da dicembre 2009; sta parlando "Dimensione storica reale", anche credendo che Deutsch fosse stato addestrato come storico! Meglio, secondo l'ex ministro, "Questo non è un aneddoto, una piccola storia, è davvero fondato, un vero lavoro storico". Il sindaco di Parigi, Bertrand Delanoë, gli ha consegnato una medaglia a nome della città! La sua assistente Anne Hildalgo (che si dice sia una possibile futura candidata alla successione) ha pubblicizzato il documentario sul suo twitter, ecc. Socialisti che sostengono qualcuno che fa storie come queste, non c'è un problema? Hanno mostrato un minimo di pensiero critico o si sono accontentati di seguire il successo popolare senza fare domande? ...

Gli storici dell'università e la divulgazione di Metronomo

Infine, che dire dell'atteggiamento, diciamo passivo, degli accademici (senza farli diventare un'élite fantasy omogenea, come troppo spesso, e come fanno molti difensori di Deutsch)? Mentre sono molto veloci - certamente giustamente - nel reagire al lavoro dubbio di uno di loro (il famoso affare Gouguenheim, tra gli altri), oa studiare (e incoraggiare) "gli usi pubblici di storia ", sembrerebbe che quando si tratta di divulgazione e storia fatta da" non storici "o" non politici ", si sentano meno interessati a fare uno studio critico. Ad esempio, non siamo a conoscenza di una revisione critica del lavoro in una revisione della storia. Questo è spesso per buoni motivi, come il timore di un effetto controproducente con l'accusa di una difesa della cappella, di corporativismo. Ma è abbastanza? Non c'è un momento in cui questo diventi preoccupante, il fenomeno Lorànt Deutsch colpisce ancora almeno un milione di persone, diventando un riferimento anche in alcune scuole, addirittura superando - come dicevamo sopra - il testamento primario dell'autore?

Più in generale, torniamo all'eterno dibattito sulla divulgazione nella storia, menzionato da JPerrin nella critica di Metronomo versione libro. Il danno di un certo tipo di divulgazione è forse maggiore della manipolazione della storia da parte dei politici, di destra e di sinistra.

Mettere fine a Lorànt Deutsch?

Non c'è nessuna particolare animosità da parte nostra nei confronti di Lorànt Deutsch, e ci è piaciuto anche molto Metronomo, la cui idea rimane buona. Ma ci è sembrato importante studiarlo in modo critico, non solo per il libro (e il documentario) in quanto tale, ma ancor di più per ciò che l'intero fenomeno tedesco può insegnarci sul luogo della storia. (e storici) nella società, la sua divulgazione e l'atteggiamento dei media di fronte a questioni non banali. Come abbiamo suggerito nell'articolo sul sarkozysm storico, la storia è ora diventata di nuovo una questione politica e ideologica, con una rinascita della storia reazionaria e nazionalista, un desiderio di opporsi ad essa. storia decentrata e globale, aperta al mondo. Volentieri o no, il Metronomo de Lorànt Deutsch si trova in questa corrente tutt'altro che marginale.

Quando sai che sta preparando una storia della Francia, potresti chiederti se abbiamo davvero chiuso con Lorànt Deutsch.

- Recensione del libro Métronome

- Recensione del documentario Métronome (prima parte e successive linkate nell'articolo).

- Radio Goliards su Lorànt Deutsch.

- leggi anche Splendori e miserie della storia di Francia.


Video: MÉTRONOME: Lorànt Deutch nous raconte le mystère de la rue de Bièvre