Jacqueline de Romilly: scomparsa di un grande ellenista

Jacqueline de Romilly: scomparsa di un grande ellenista

Il grande ellenista Jacqueline de Romilly, specialista in civiltà e lingua greca, è morta questa domenica, 19 dicembre 2010, all'età di 97 anni. Come donna, è stata una precursore su molti punti: prima professoressa donna al Collège de France, seconda donna eletta all'Accademia di Francia, ma anche all'Ecole Normale Supérieure (1933), poi all'Agrégation de Lettres (1936) e all'Académie des inscriptions et belles lettres (1975).


Ma Jacqueline de Romilly è stata soprattutto una grandissima storica, titolare della cattedra "La Grecia e la formazione del pensiero morale e politico" (1973-1984) al College de France ed essenziale su Tucidide o il teatro di Eschilo. Ha anche ottenuto la cittadinanza greca nel 1995. Ha anche difeso ardentemente l'insegnamento delle lettere, e soprattutto quello delle lingue "morte", fiore all'occhiello delle scienze umane, ora minacciate ...

Per (ri) scoprirlo, leggi (tra gli altri):

- Paura e angoscia nel teatro di Eschilo, Belles-Lettres, 1958.

- Storia e ragione in Tucidide, Belles Lettres, 1956.

- Omero, PUF (Que sais-je?), 1985.

- Lettere ai genitori sulle scelte scolastiche, de Fallois, 1994.

- Antica Grecia contro la violenza, da Fallois, 2000.


Video: André Chouraqui. Jacqueline de Romilly: La société et ses Dieux 13