Regni franchi

Regni franchi

Storia della Francia

Conseguenze delle migrazioni germaniche per la Gallia romana. I regni franchi nel contesto europeo e di fronte all'irruzione dell'Islam.

Cerca tra le nostre centinaia di articoli o sfoglia la nostra selezione qui sotto!



Dopo il 507, per organizzare il suo regno e stabilirvi la pace, Clodoveo promulga la più famosa legge barbara trasmessa, la pactus legis salicœ o patto di legge salica. La legge salica è un codice di procedura giudiziaria e un codice penale, suddiviso in sessantacinque titoli, a loro volta composti da articoli scritti principalmente in latino. Le parti scritte in lingua saliana fanno riferimento alla vecchia giurisprudenza. Questa legge prevede l'esclusione delle donne dall'eredità fondiaria, disposizione che sarà usata abusivamente come base giuridica per escludere il re d'Inghilterra dalla successione al trono di Francia all'inizio del XIV secolo.

Il battesimo di Clodoveo un 25 Dicembre (1), seguito da 3.000 dei suoi guerrieri, è un evento importante nella storia dell'alto medioevo. Né illustra la nascita della Francia, che avverrà molto più tardi, questo atto non consacra la conversione alla fede cristiana di una Gallia da tempo acquisita. Più sicuramente, questo evento segna l'inizio della rinascita di civiltà cristiana occidentale, che quasi annegò con l'Impero Romano sotto i colpi delle invasioni, e suggellò un'alleanza permanente tra iChiesa cattolica romana e il Franchi poi monarchia francese.

La dinastia matrice dei reali francesi, iMerovingi furono, tuttavia, a lungo vittime di una "leggenda nera", mantenuta viva già nel VI secolo da Grégoire de Tours, poi dai loro successori, i Carolingi, scritta da Eginhard. Divennero così i "re pigri" delle immagini per gli scolari fino al XIX secolo (e oltre ...). A parte Clovis e per altri motivi Dagobert I, il periodo merovingio è stato come un buco nero nella storia della Francia. Proviamo a (ri) scoprire questi re, e regine, al confine tra la fine di un'antichità "barbara" e un Medioevo in cui la Francia stava per sorgere. Una costruzione alla quale gli stessi Merovingi erano tutt'altro che stranieri ...

Clovis I, re di franchi, è il più illustre di merovingi. A cavallo tra il V e il VI secolo, questo nipote del leggendario re Merovée sequestrato quasi tutta la Gallia romana. Per consolidare la sua autorità sul suo immenso dominio, strinse abilmente un'alleanza con la Chiesa cattolica romana, unica istituzione sopravvissuta alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente. Mettendo su un piano di parità i conquistatori Franchi e Gallo-Romani, Clodoveo fece di questi due popoli un'unica nazione: il Regnum francorum, il regno dei franchi. L'storia di franchi, scritto un secolo dopo da Gregorio di Tours, è una delle poche fonti a nostra disposizione sul regno di Clodoveo.

Reso famoso da Richard Wagner attraverso l'epopea dei Nibelunghi, il Regno di Borgogna e la sua gente, tuttavia, appare nella storia come un tranquillo vicino dei principali regni barbari. Abbiamo pochissime fonti su di loro. Senza un cronista come Gregorio di Tours a raccontare i loro fatti, circondati da grandi potenze, i Burgundi si mostrano troppo poco per interessare gli autori greci e latini della tarda antichità. Anzi, non devastano la Gallia, non si impadroniscono di Roma, non uccidono nemmeno l'imperatore, rimangono nell'ombra e rimangono sconosciuti oggi. La loro storia, sebbene incompleta, è tuttavia ricca di eventi e colpi di scena.


Video: IL REGNO DEI FRANCHI