Il Rinascimento: scoperte e riforme

Il Rinascimento: scoperte e riforme

Storia del mondo


Il Rinascimento, tra effervescenza intellettuale e conflitti religiosi. Diffusione della conoscenza ed espansione dell'economia di mercato.

Cerca tra le nostre centinaia di articoli o sfoglia la nostra selezione qui sotto!



Il 16 novembre 1532, l'imperatore Inca Atahualpa fu catturato in mezzo al suo seguito da un piccolo gruppo di spagnoli guidati da Francisco Pizarro. Questo audace attacco, insieme a un terribile massacro, segnerà la fine dell'Impero Inca e inizierà la sua conquista da parte degli spagnoli. Eppure non c'era alcuna indicazione che una manciata di avventurieri spagnoli avrebbe, in un solo giorno, inferto un colpo fatale al più grande impero dell'America precolombiana.

Il cospirazione in polvere è un complotto fomentato il 5 novembre 1605 da un gruppo di attivisti cattolici contro il re Giacomo I d'Inghilterra. I cospiratori avevano progettato di far esplodere barili di polvere alla Camera dei Lord come rappresaglia per le politiche anticattoliche perseguite dal re. Contrastato, questo piano di attacco apparirà come una strana combinazione di finzione e mascheramento, degna di un romanzo di spionaggio. Il principale cospiratore, Guy Fawkes, nel frattempo acquisì i posteri grazie ad una maschera che lo rappresentava in modo stilizzato, e da allora ripreso dall '"Anonimo".

Nel 1492, Cristoforo Colombo riesce, grazie al sostegno dei sovrani spagnoli, alla prima traversata dell'Oceano Atlantico e (ri) scopre l'America. Succede ai navigatori portoghesi che avevano raggiunto l'Oceano Indiano e l'Oriente alla fine del XV secolo. Queste esplorazioni europee portarono ad una grande apertura, una sorta di prima "globalizzazione" che riunì le quattro grandi civiltà (cinese, europea, musulmana e indù) dell'epoca. Un mondo che non si limita a un "concerto delle nazioni europee" ma che segue un periodo in cui l'umanità viveva isolata. L'anno 1492 diventa quello che lo storico Bernard Vincent chiama "L'anno del mondo".

Il mitico Famiglia Borgia, originario di Borja in Spagna, ha colpito i titoli dei giornali nell'Italia del Rinascimento e gode di una reputazione sulfurea. Tra le figure emblematiche dell'ascesa al potere con tutti i mezzi possibili, abbiamo Rodrigue il padre, Lucrezia la ragazza, la palma d'oro che va Cesare il figlio che ha servito da modello per Machiavelli per la sua opera "Il principe", uno dei più grandi criminali del Rinascimento. Tutto è buono per raggiungere i suoi fini, in ogni caso, senza scrupoli. Infine, Francesco che innalza il livello cristiano della famiglia e che è stato beatificato.

Nel fenomeno che gli storici hanno a lungo chiamato " Le grandi scoperte ", il browser ed esploratori portoghese sono pionieri. Infatti, a partire dal primo decennio del XV secolo, le navi lusitane iniziarono a navigare lungo le coste occidentali dell'Africa, un continente che avrebbero finalmente aggirato alla fine del secolo per entrare nell'Oceano Indiano e stabilirsi lì definitivamente. . Allo stesso tempo, nel contesto della rivalità con la Spagna, il Portogallo scoprì la sua America, con quello che sarebbe diventato il Brasile, e fallì in Cina all'inizio del XVI secolo.

Alla vigilia di quelle che la storiografia ha chiamato "le grandi scoperte", l'Occidente cristiano ha una visione geografica del mondo in cui si mescolano influenze greche, religiose ed empiriche, con un pizzico di mistero, lontano da ciò che esplorazioni e le conquiste del Cinquecento e del Seicento permetteranno, cambiando decisamente il modo di apprendere il mondo, di entrare nella modernità. I primi esploratori, come Cristoforo Colombo, sono quindi ancora uomini del Medioevo.

Il " ragione di Stato ", In francese il" motivo di stato ", È un concetto di filosofia politica apparso nel XVI secolo nello spazio italiano. Questa idea ha poi permesso agli Stati di giustificare le loro azioni, per quanto illegali, in nome del bene pubblico e per la conservazione e l'esercizio del potere politico. Per molto tempo, abbiamo considerato Nicholas machiavelli come inventore del concetto. Ma cos'è veramente?

Tycho Brahe (Tyge Ottesen Brahe), nato nel 1546 a Scania, ex provincia della Danimarca, e morto nel 1601, è conosciuto in tutto il mondo per il suo lavoro in astronomia. Tra le altre cose, ha confutato il sistema eliocentrico di Copernico a favore di un sistema geoeliocentrico (come quello di Eraclide), ha lavorato sulle supernove e ha disegnato mappe delle stelle. Il suo approccio, innovativo per l'epoca, ispirò in particolare uno dei suoi assistenti, Johannes Kepler, per le sue leggi sui movimenti dei pianeti attorno alla loro stella.

La storia della "scoperta" di Americhe attraverso Christopher Colombus e si conoscono i suoi successori, che ben presto diventano conquistatori. Questo è meno il caso della situazione del continente alla vigilia di questa conquista, ad eccezione degli Aztechi e degli Incas, perché sono imperi che entrano in conflitto con gli europei al loro arrivo. Cosa erano allora queste Americhe alla vigilia della conquista? Tutti questi popoli erano collegati, come quelli del Vecchio Mondo?

Un'era di innovazione, il Rinascimento non solo ha visto l'ascesa delle arti, ma un cambiamento prodigioso nel modo di mangiare, offrendo ai potenti una visione totalmente diversa della loro rappresentazione del mondo. Il fascino per l'Italia, le riflessioni degli umanisti, l'invenzione della stampa, la scoperta dell'America, la riforma protestante, tutti questi eventi hanno un'influenza sui modi di mangiare, cucinare e anche su `` buone maniere a tavola '' dei contemporanei di Francesco I e Caterina de Medici.

Pace delle donne, chiamato anche Trattato di Cambrai, pone fine alla seconda guerra italiana. È l'esito finale e felice di una grave situazione che oppone due cugini nemici: Francesco I e Carlo V. Solo due grandi dame potevano risolvere questo conflitto: Luisa di Savoia, madre della prima e Margherita d'Austria, zia della seconda. La pace sarà tuttavia di breve durata, il conflitto tra i due nemici giurati dell'Europa riprende nel 1536 ...

Il Gold Cloth Camp, soprannominato il Bivacco di Luxe, è l'incontro di due re il 7 giugno 1520: Francesco I e Henri VIII. Il re di Francia sperava di ottenere la firma di un trattato di alleanza con il sovrano d'Inghilterra, al fine di controbilanciare la nuova situazione politica derivante dall'elezione di Carlo V a capo del Sacro Romano Impero, il 28 giugno 1519. Sarà costato la piccola cifra di duecentomila sterline allo Stato nei festeggiamenti, ma nessun trattato di alleanza è firmato ed è Carlo V che vince ancora la partita ...

La storia è la base del pensiero politico di Machiavelli. Rifiutando la consueta ipocrisia della storiografia e non condividendo fondamentalmente la visione tradizionale dell'idealizzazione dell'Antichità, Machiavelli ricerca nella Storia le ragioni del fallimento politico del suo tempo.

Il Toscana è una popolare destinazione turistica per gli amanti dell'arte. Culla del Rinascimento, Firenze ogni anno attira diversi milioni di visitatori che vengono a scoprire le opere di Botticelli o Michelangelo. Quando si parla dei Medici, viene subito in mente il mecenate Laurent il Magnifico. Eppure la Firenze e la Toscana di oggi devono molto a granduchi XVI-XVIII secolo. Lungi dall'essere ingloriosi discendenti di Cosimo il Vecchio e Laurent il Magnifico, regnavano su un ducato che aveva un posto speciale in Europa. Interessarsi a questo granducato significa interessarsi al passaggio da repubblica a principato in tempi moderni e alla costruzione dello Stato moderno.

Il XV secolo fu il momento in cui tutto cambiò per la Cipro di Lusignano. Signori dell'isola dalla fine del XII secolo, i signori latini si inchinano alle pressioni combinate di Genova e del sultanato mamelucco. La loro scelta di rivolgersi a Venezia li conduce al loro destino: alla morte di Giacomo II, è sua moglie, la veneziana Caterina Cornaro, a salire al trono, prima di lasciare finalmente il posto al governo della Serenissima, in 1489. Cipro diventa una colonia veneziana per quasi un secolo, fino a stuzzicare l'appetito dei grandi rivali di Venezia, gli Ottomani.

Alla fine del Medioevo, i principi mobilitarono il sistema di patronato per la loro ultima dimora, costruita durante la loro vita. La società del tempo era segnata dal fenomeno della morte, come dimostrano ad esempio le danze della morte. Così si sviluppa a ars moriendi, serie di istruzioni per preparare i cristiani alla morte. Vengono pubblicate guide illustrate che mostrano la lotta tra le forze del male e quelle del bene, ambientate nel letto dei morenti. Per morire bene, devi evitare alcune trappole, come l'orgoglio o l'avidità. Tuttavia, i principi organizzano la loro morte in modo sontuoso. L'arte funeraria sviluppatasi nel tardo medioevo è dunque la manifestazione di una particolare pietà, o una manifestazione artistica condizionata a necessità dinastiche?

Alla fine del Medioevo, tornato a Roma, il Papa era l'unico in grado di competere con il Re di Francia, perché sovrano spirituale e temporale. Questo potere e questa rivalità si esprimono attraverso le arti con, per quanto riguarda il papato, l'importanza centrale e ritrovata di Roma, base del potere del papa e della sua legittimità attraverso l'eredità di San Pietro, e questa anche se diversi papi esercitano il loro patronato in altre città, come Siena, Savona o Firenze. Nel periodo il legame con Roma si è solo rafforzato.

L'ideologia del patriziato veneziano, la classe dirigente della Repubblica di Venezia in epoca moderna, è caratterizzata dalla forte impregnazione del pensiero giudiziario. Il primato della nobiltà della Serenissima si esprime, in via preliminare, in un inasprito giurisdizionalismo, che permette di difendere gli interessi dello Stato in materia di politica estera e, quindi, di preservare l'onnipotenza del gruppo patrizio al suo interno della stessa società veneziana. Più che una politica anticuriale, è un'idea politica a sé stante, vicina alla raison d'etat, che mira a preservare e perpetuare gli interessi veneziani di fronte alle inclinazioni papali.

Nella storia universale, complotti, cospirazioni e attacchi furono numerosi e alimentarono molte controversie, a volte cambiando il corso delle cose. Il congiura dei pazzi, avvenuta a Firenze nel 1478, è un tipico esempio del fallimento di una cospirazione politica nei tempi moderni. Angelo politico, intellettuale e illustre membro della Cancelleria fiorentina, vicino a Laurent de Medici, in particolare scrisse la storia di questa congiura, che sconvolse notevolmente il Medici e il loro modo di intendere e di esercitare il potere all'interno della Repubblica fiorentina. Pertanto, a seguito del fallimento del congiura dei pazzi, il Medici sono leggendari e Laurent de Medici diventa il "Magnifico".

Il " specchio per i principi », Se ci atteniamo alla definizione proposta dallo storico Einar Már Jónsson, è un genere letterario, correlato al trattato politico, apparso nel mondo carolingio durante il IX secolo, e che è emerso nel La storiografia tedesca all'inizio del XX secolo, prima con Albert Werminghoff, poi con Ernst Booz. Queste opere erano destinate ai principi, come suggerisce il nome. Consistevano in raccolte che presentavano una somma di precetti morali che il sovrano doveva seguire nella prospettiva del miglior governo religioso possibile.

Secondo lo storico modernista italiano Marino Berengo, l'Italia nei tempi moderni è uno spazio fatto di " patriziati "In ogni città, in altre parole dei principali gruppi sociali, che detengono la maggior parte del potere e che appartengono agli strati superiori della società. Ereditato dalla tradizione romana e dall'antica nozione omonima, il patriziato si distingue dalla nobiltà per la carica pubblica che ricopre all'interno della città.

Il passaggio dal Medioevo all'era cosiddetta "moderna" viene generalmente definito Rinascimento. Questo termine è però più attaccato all'ambito artistico che a quello politico, e conosciamo i dibattiti che provoca, e non solo sui suoi limiti cronologici. Quello che ci interessa qui è sapere se, tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento, la nozione di principe si è evoluta, se c'è stata davvero una rottura tra il principe del Medioevo e quello dell'era moderna. Ci concentreremo sul "modello" italiano, poi sugli sviluppi in Francia.

3 aprile 1559 con la firma del Trattato di Cateau-Cambrésis, porre fine alle guerre in Italia (1494-1559). Firmato dal re di Spagna Filippo II e dal re di Francia Enrico II, questo trattato è il risultato di negoziati condotti vicino ad Arras. Indubbiamente segna la sconfitta degli intrighi francesi in Italia, dal momento che i Valois non potevano mettere le mani né sui milanesi, né sul regno di Napoli.


Video: I più famosi strumenti musicali del Rinascimento