Essere alla fine della linea (Medioevo)

Essere alla fine della linea (Medioevo)


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Non ce la faccio più, sono esausto, lo sono bruciato. Cosa significa la fine del tiro per esprimere questa stanchezza? Fino al Medioevo, il "ruolo" era una specie di bastoncino d'avorio o di bosso su cui gli antichi attaccavano delle pergamene e che fungeva da libro.

Successivamente, questa parola è stata trasformata ed è stata utilizzata per designare altri tipi di oggetti. Quando la pergamena era piccola, veniva chiamata "rollet". Questo nome veniva applicato al campo del teatro dove si diceva di un attore che aveva ottenuto un piccolo ruolo che aveva un "rollet", cioè: poche righe, e per estensione, pochi argomenti. Dalla parola "ruolo" appariva anche il "rotolo", diminutivo di "role de papier", e che designava i rotoli di carta che conosciamo ancora oggi e che erano già usati all'epoca per immagazzinare monete. "Essere alla fine del rotolo" significava quindi non avere più risorse, aver utilizzato tutte le sue parti. Oggi il significato è lo stesso ma si è esteso a tutti i tipi di risorse fisiche o morali.

Per ulteriori

- Tesori delle espressioni francesi di Sylvie Weil. Belin, 2008.

- La Fin des haricots: E altri misteri delle espressioni francesi di Colette Guillemard. Omnia, 2009.


Video: La CRISI DEL TRECENTO spiegata da Alessandro Barbero


Commenti:

  1. Aram

    Certamente. Mi unisco detto tutto sopra. Possiamo comunicare su questo tema.

  2. Wahed

    Le pietre stanno bruciando! :-D

  3. Jourdon

    Non cattivo argomento



Scrivi un messaggio