L'invenzione del telescopio (1608)

L'invenzione del telescopio (1608)

La scoperta di telescopio segna una tappa fondamentale nella storia dell'umanità. Le osservazioni celesti consentite da questo strumento sconvolgeranno infatti completamente la concezione dell'Universo che gli scienziati avevano fino ad allora. La maggior parte degli storici attribuisce la sua invenzione a Hans Lip-pershey, un produttore di occhiali Olandese. Nel 1608, ha combinato una lente convessa e una lente concava per creare il primo cannocchiale.

L'anno seguente, Galileo, il geniale inventore italiano, è il primo a puntarne uno (di sua creazione) nei cieli. Le sue osservazioni gli permettono di scoprire i satelliti di Giove, le montagne di Luna, le fasi di Venere, le macchie su Sole e innumerevoli stelle invisibili a occhio nudo. Dopo averla riposata, spazza via la tesi dell'immutabilità del cosmo, formulata nell'antichità da Aristotele. E, soprattutto, convalida il Teoria copernicana, che vuole che la Terra ruoti attorno al Sole e non il contrario.

Pertanto, l'astronomia moderna, che porterà al XXe secolo alla scoperta del Big Bang (l'esplosione originale che ha creato un Universo in continua espansione), decolla.

Per ulteriori

- Una storia dell'astronomia di Marie-Christine de La Souchère. Ellissi, 2006.

- 30.000 anni di invenzioni di Thomas Craughwell. Gründ, 2009.

- Le 1001 invenzioni che hanno cambiato il mondo di Jack Challoner. Flammarion, 2010.


Video: TOP 5 INVENZIONI FAMOSE RUBATE DA ALTRE PERSONE