La libertà che guida il popolo (Delacroix)

La libertà che guida il popolo (Delacroix)

La libertà che guida il popolo o la storia dei tre gloriosi anni! Dopo il marzo 1830, quando i deputati si rifiutarono di collaborare con il re, Carlo X e il suo ministro, il principe de Polignac, pubblicarono ordinanze per sopprimere la libertà di stampa e modificare la legge elettorale. La Costituzione è stata violata! La rivoluzione sta fermentando a Parigi. Il 27, 28 e 29 luglio 1830, giorni chiamati I tre giorni gloriosi, il popolo si ribellò a Parigi, rovesciando l'ultimo re dei Borboni, per mettere al suo posto Luigi Filippo, duca d'Orleans.

La libertà che guida il popolo

Il bel dipinto, due metri sessanta per tre metri venticinque, fu prodotto nell'arco di tre mesi e completato nel dicembre 1830. Presentato al Salon del 1831, Luigi Filippo lo acquistò per tremila franchi per esporlo. al Palazzo del Lussemburgo. Fu finalmente trasferito al Louvre nel 1874.

Questo dipinto romantico e rivoluzionario fa parte della pittura storica del XVIII secolo. Dopo l'Ancien Régime, c'è una rinascita con l'avvento di Luigi Filippo. La gente esplode di rabbia per le strade di Parigi, la folla attraversa le barricate per l'assalto finale al campo avversario, guidato da Liberty!

La Libertà, protagonista e protagonista in mezzo al fumo dei cannoni, è questa giovane donna con il berretto frigio, ribelle, la bandiera blu-bianco-rossa nella mano destra, il fucile nella mano sinistra, che addestra il popolo e lo sprona alla vittoria.

Il fondo del dipinto, disseminato di cadaveri, soldati morti in battaglia, forma un piedistallo su cui si trova il vincitore. Ai piedi della Libertà, un uomo del colore della bandiera - panciotto blu, sciarpa rossa e camicia bianca - colpito e sanguinante, si alza alla vista della fanciulla.

A destra, il ragazzo parigino, "un Gavroche" che simboleggia la giovinezza ribelle, pistola in mano, braccio alzato, esorta gli insorti a combattere. All'estrema sinistra, vediamo un produttore con un berretto, una coccarda bianca dei monarchici e un fiocco rosso dei liberali. L'uomo con il cappello a cilindro sembra essere un artigiano, un borghese o un cittadino che porta un fucile da caccia. La presenza di questo personaggio è sorprendente in questo dipinto, potrebbe essere che Delacroix si sia dipinto qui come per approvare questa rivoluzione.

Nel fumo e nella penombra del sole al tramonto, possiamo vedere sullo sfondo alcuni elementi urbani: le barricate e Notre Dame… ma tutto sembra lontano rispetto a questa battaglia e questa vittoria!

La libertà che guida il popolo, di Eugène Delacroix, Museo del Louvre.

Il pittore Eugène Delacroix

Eugène Delacroix nato nell'aprile del 1798 a Charenton Saint Maurice e morto nell'agosto del 1863 a Parigi, è un artista cittadino che adempie al suo dovere verso la Patria eseguendo quest'opera.

Considerato il leader del movimento romantico, appassionato di libertà, apprezzato da Carlo X, amico della duchessa di Berry e dell'Orleans, amava comunque colpire il pubblico. Scrisse a suo fratello il 28 ottobre 1830: “Ho intrapreso un soggetto moderno, una barricata, e se non ho vinto per il paese, almeno dipingerò per esso. Mi ha messo di buon umore ".


Video: La Liberté guidant le Peuple dEugène Delacroix 1830