Francia: nord-est

Francia: nord-est

Caro lettore, caro lettore. La sopravvivenza del nostro sito dipende interamente dalle entrate pubblicitarie.
Per sostenerci e continuare a beneficiare in futuro dei servizi offerti dal nostro team di volontari, disattiva il tuo blocco degli annunci per il sito aggiungendolo nella elenco delle eccezioni;)

Patrimonio e turismo

Scopri i siti turistici del nord-est con History for All

Cerca tra le nostre centinaia di articoli o sfoglia la nostra selezione qui sotto!



Un modello del classicismo francese, il castello di Vaux-le-Vicomte (vicino a Melun, nella Senna e Marna) fu costruito a partire dal 1656 per Nicolas Fouquet seguendo un piano progettato in parte da Louis Le Vau. Dotato di una vasta terrazza davanti alla quale si estendono i giardini realizzati da Le Nôtre, fu teatro di sontuosi festeggiamenti, in particolare quello del 17 agosto 1661 che fece precipitare la disgrazia del Sovrintendente alle Finanze. In un nuovo stile, il castello è stato il vero precursore di Versailles. Dal 1965 il castello di Vaux-le-Vicomte è classificato monumento storico.

Il I castelli della Loira, residenze reali di incredibile eleganza, rappresentano lo splendore di un'epoca, quella del Rinascimento. Le guerre in Italia permisero ai governanti francesi di scoprire la raffinatezza architettonica italiana. Poi decidono di dare un aspetto “regale” alle loro case e trasformare i loro castelli o farne costruire di nuovi. In totale, consideriamo che la Valle della Loira ha, oltre ai castelli reali, quasi 1.200 castelli, manieri e altri edifici di carattere, tra cui Chambord, Blois, Amboise, Chaumont e Chenonceaux.

Il tomba di vix fu scoperto nel 1953 in Borgogna, ai piedi del Mont Lassois, sede di una delle grandi residenze principesche della civiltà (o cultura) di Hallstatt. Il tesoro dalla tomba di Vix apparteneva a una principessa celtica che visse nell'oppidum del Monte Lassois nel V secolo a.C., una regione prospera grazie al passaggio dello stagno dalla Cornovaglia al Mediterraneo. Il fulcro di questo servizio da tavola è un cratere a scorrimento in bronzo alto 1,64 m, il più grande che l'antichità ci abbia lasciato in eredità.

La Mecca della storia e della cristianità medievale, dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, l'abbazia e la basilica Santa Marie Madeleine de Vézelay si è affermata oggi come un capolavoro dell'architettura romanica e una tappa obbligata nel dipartimento della Yonne (Borgogna). Imperdibile, la chiesa abbaziale di Vézelay era dell'XIe secolo diventando un rinomato luogo di pellegrinaggio in tutto l'Occidente medievale grazie alle reliquie di Maria Maddalena.

Tutti i nostri re hanno costruito, abbellito, ampliato e modificato molti castelli. Vengono in mente grandi nomi come Fontainebleau, Versailles, Marly, Bellevue. E ogni re aveva il suo castello preferito, il suo rifugio come Luigi XIV e Marly. Per Luigi XV era il Castello di Saint-Hubert.

Saint-Riquier, precedentemente chiamata Centula - la città delle cento torri - è una città nel nord della Francia, situata in Piccardia 35 km a ovest di Amiens e 160 km a nord di Parigi. Suo abbazia reale ha recentemente ospitato la mostra dal titolo: "L'Europa prima dell'Europa - i Carolingi".

Il Vieil-Armand o Hartmannswillerkopf, è un campo di battaglia della Grande Guerra quasi intatto. Vieil-Armand è il nome di una collina nei Vosgi della valle del Cernay (68) dove nel 1915 ebbero luogo aspri combattimenti. Soprannominato Hartmannswillerkopf dai tedeschi, questo campo di battaglia rimane in gran parte sconosciuto perché oscurato dai grandi nomi di guerra, come Verdun, Artois o Chemin des Dames. Tuttavia, ha svolto un ruolo significativo ed è stato teatro di alcuni dei combattimenti più mortali della guerra. Non dal numero delle vittime - stimato intorno alle 30.000 - ma dall'intensità degli scontri per un vero e proprio "fazzoletto da taschino".

Come la Borgogna ducale, una vera terra del monachesimo medievale occidentale, anche la Borgogna Trans-Juran si presenta come una terra di predilezione dove molte fondamenta monastiche si sono sviluppate dal tempo del regno di Borgogna. È anche in queste terre che si dovrebbero cercare le fonti storiche di Cluny "faro dell'Occidente medievale" con il suo primo abate Bernon che conduce all'inizio del Xe secolo un piccolo gruppo di monaci di due abbazie del Giura. Le celebrazioni del 1100 ° anniversario della fondazione di Cluny ci danno l'opportunità di tornare alle origini con una panoramica non esaustiva dei ricchi e importanti Patrimonio cluniacense del Giura.

Riquewihr, antica città medievale, è un piccolo comune situato tra i Vosgi e l'Alsazia, nel cuore del vigneto, classificato tra i "Borghi più belli di Francia". Fiorito in estate con il tradizionale geranio, viene adornato con le sue decorazioni durante il periodo natalizio per accogliere due milioni di visitatori annuali. La città, che si estende su un rettangolo di duecento per trecento metri, conta una decina di siti e monumenti classificati come Monumenti Storici, oltre a una quarantina di case ed edifici elencati nell'inventario supplementare dei Monumenti Storici. Nel 1898 fu fondata la Società archeologica di Riquewihr per preservare il suo patrimonio, vale a dire per impedire la distruzione di vecchie case e per ripristinarle.

Blois. Quando lo citiamo, pensiamo soprattutto al suo castello reale, magnifico esempio dell'evoluzione dell'architettura francese dal Medioevo al XIX secolo.e secolo. Tuttavia, Blois è anche una città vecchia che ha visto più di 1000 anni di storia francese e il cui ricco patrimonio architettonico riflette anche questa evoluzione dell'architettura francese. Blois presenta così un panorama degli stili architettonici oggi evidenziati dalla sua etichetta "città d'arte e di storia" e dagli eventi che ne derivano.

Il Museo della battaglia di Woerth-Frœschwiller presenta al visitatore una collezione unica di uniformi, copricapi, munizioni, armi o persino incisioni sulla guerra del 1870. I 1300 reperti furono raccolti sul luogo della battaglia del 6 agosto, e quindi testimoniano gli aspri combattimenti che misero i francesi di Mac Mahon contro i tedeschi di Federico Guglielmo di Prussia.

La Grande Guerra vide successive battaglie, una più mortale dell'ultima: la Marna, la somma, lo Chemin des Dames ... Tuttavia, il nome di Verdun conserva una risonanza particolare. La battaglia di Verdun, è un inferno, una lotta senza fine, che si è conclusa con una vittoria ottenuta a prezzo di sacrifici inimmaginabili. La visita di questo luogo e più precisamente del campo di battaglia, che, con sorpresa del visitatore, sta in realtà in un fazzoletto da taschino, non può lasciare indifferenti: un secolo dopo, uno dei più grandi drammi umani della storia della guerra segna ancora questo luogo con tale forza, che la ferita, ancora spalancata per terra, sembra eterna ...


Video: Pranque: coup de foudre entre hommes en escalator. Love escalator prank G. Guillotin, J. Demayo