Johann, Freiherr von Hiller, 1748-1819

Johann, Freiherr von Hiller, 1748-1819


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Johann, Freiherr von Hiller, 1748-1819

Johann, Freiherr von Hiller (1748-1819) fu uno dei generali austriaci più capaci durante la guerra franco-austriaca del 1809, ma la sua evidente ambizione lo rese impopolare tra i suoi compagni generali e perse la decisiva battaglia di Wagram dopo aver chiesto di essere sollevato dal comando per malattia il giorno prima della battaglia.

Hiller era un generale capace, popolare tra i suoi uomini e uno dei pochi generali austriaci in grado di operare senza una costante supervisione dall'alto, ma era anche visto come ambizioso e usava metodi subdoli per raggiungere i suoi obiettivi. L'arciduca Carlo, fratello dell'imperatore e comandante in capo dell'esercito durante il comando del 1809, lo descrisse come "un uomo abile, ma di illimitata ambizione, che avanzava subdolamente".

Hiller era il figlio di un giovane ufficiale del reggimento di Sachsen-Hildburghausen e si unì al reggimento di suo padre come Kadett all'età di 15 anni. Cinque anni dopo aveva raggiunto il grado di unterleutnant e fu trasferito al reggimento di dragoni del Württemberg. Nel 1774 acquistò il grado di Hauptmann (capitano) nel 5.Warasdin-Kreuz Grenz Regiment (fanteria basata al confine con l'Impero Ottomano). Questo acquisto è stato apparentemente alquanto controverso.

Hiller fu attivo per la prima volta nella guerra di successione bavarese (1777-1779), ma divenne famoso durante la guerra turca del 1787-1791. Fu insignito dell'appartenenza all'Ordine di Maria Teresa nel 1788 per la sua vittoriosa difesa di parte della frontiera con l'Impero Ottomano, e fu nobilitato (divenendo Freiherr von Hiller) e promosso Oberst (colonnello) per il suo ruolo nella cattura di Berbir in 1789. Ha anche servito per qualche tempo come aiutante generale del comandante dell'esercito feldmaresciallo Laudon.

Nel 1794 Hiller ottenne la promozione a Generalmajor, apparentemente con mezzi dubbi che fecero arrabbiare altri generali austriaci. Nello stesso anno ricevette il comando di una brigata in Italia, ma lì non impressionò e tornò in Germania nel 1796. Questa volta ebbe più successo, anche se proprio mentre la sua stella stava sorgendo fu costretto al ritiro a causa di cattiva salute. Poté tornare in servizio nel 1798 e comandò una divisione durante i combattimenti in Svizzera nel 1799. Fu ferito a una gamba durante la prima battaglia di Zurigo (giugno 1799) e poi agì come ufficiale di collegamento con i russi.

Nel 1800 Hiller fu promosso Feldmarschalleutnant (tenente generale) e nel 1801 fu nominato comandante dei distretti croati della frontiera militare, da una base ad Agram (l'odierna Zagabria). La sua nomina successiva fu quella di Comandante del Tirolo, carica che gli diede un ruolo minore nella disastrosa campagna del 1805. Il compito di Hiller era difendere il Tirolo meridionale per proteggere il collegamento tra i due principali eserciti austriaci, sotto Mack e l'arciduca Carlo. Dopo che Mack fu costretto ad arrendersi ad Ulm, Hiller fu costretto a ritirarsi ciascuno per coprire la ritirata dell'arciduca Giovanni dal Tirolo.

Dopo la disastrosa fine della Guerra della Terza Coalizione, Hiller fu assegnato al Comando Generale Croato, con sede ancora una volta ad Agram. Resistette ai tentativi dell'arciduca Carlo di riformare l'esercito austriaco, arrivando persino a lamentarsi direttamente con l'imperatore Francesco, una mossa che portò a cattive relazioni tra Hiller e il suo comandante in capo durante la guerra del 1809.

Hiller comandò il VI Korps austriaco durante la fallita invasione della Baviera all'inizio della guerra franco-austriaca del 1809 (guerra della quinta coalizione). Mentre l'arciduca Carlo guidava lentamente il suo esercito attraverso la Baviera verso il Danubio, il corpo di Hiller era appostato sull'ala sinistra, rivolto verso gli eserciti francesi e alleati in avvicinamento, e all'insaputa degli austriaci, il nuovo arrivato Napoleone. Il 20 aprile Napoleone lanciò il proprio contrattacco (Battaglia di Abensberg), cogliendo di sorpresa gli austriaci e dividendo a metà l'esercito dell'arciduca.

All'indomani di questa battaglia Hiller si trovò al comando dell'ala sinistra isolata dell'esercito austriaco, composta dai suoi IV Korps, V Korps e II Reserve Korps. All'inizio Napoleone credeva che questa fosse la parte principale dell'esercito austriaco, e il 21 aprile Hiller fu costretto a combattere una seconda battaglia, a Landshut. Solo dopo questa battaglia Napoleone si rese conto che il principale esercito austriaco era in realtà lontano al suo nord, di fronte a un unico corpo francese (Davout). Il 22 aprile Napoleone si volse a nord, infliggendo un'altra sconfitta a Carlo a Eggmuhl. Carlo fu costretto a ritirarsi attraverso il Danubio a Ratisbona, che poi cadde in mano ai francesi il 23 aprile.

Una volta che Hiller seppe che Charles era dall'altra parte del Danubio, fu chiaro che la sua unica opzione era ritirarsi a est, lontano da Napoleone. La condotta di Hiller in questo ritiro fu alquanto variabile. Era incline a esagerare il significato di ogni ritardo nell'inseguimento francese, interpretando erroneamente le soste forzate da ponti rotti come un significativo cambiamento di piano. Di conseguenza la sua ritirata procedette in modo piuttosto irregolare e ai francesi furono date una serie di possibilità inaspettate di catturare gli austriaci in ritirata.

Un po' dell'ottimismo di Hiller è forse comprensibile. Nei giorni successivi alla battaglia di Landshut affrontò solo una piccola forza francese guidata dal maresciallo Bessières. Hiller fu in grado di ritirarsi in sicurezza attraverso l'Inn di nuovo in Austria, prima di tornare indietro per infliggere una brusca sconfitta a Bessières a Neumarkt (24 aprile 1809). Solo dopo questo successo Hiller apprese delle sconfitte austriache e di Eggmuhl e Regensburg, costringendolo a ritirarsi dietro l'Inn.

Nelle due settimane successive Hiller ricevette una serie di ordini per attraversare il Danubio e ricongiungersi all'esercito principale. I francesi inseguitori, ora costituiti dall'esercito principale sotto Napoleone, furono trattenuti in diverse occasioni da ponti rotti, dando a Hiller il tempo necessario per obbedire a quegli ordini, ma invece in ogni occasione si fermava, credendo di poter resistere, prima di subire un'altra sconfitta. Il 1 maggio le sue forze di copertura furono sconfitte a Riedau e il 3 maggio una posizione potenzialmente forte sul Traun a Ebelsberg fu persa dai francesi.

All'indomani di questa sconfitta Hiller riuscì a fuggire attraverso il fiume Enns, distrusse i ponti alle sue spalle. Ancora una volta questo gli diede il tempo necessario per obbedire agli ordini e attraversare la riva nord del Danubio, ma decise invece di provare a difendere la sua nuova posizione a est del fiume Ybbs. Ancora una volta i francesi hanno recuperato, conquistando un'altra vittoria a Blindenmarkt il 6 maggio. All'indomani di questa piccola sconfitta Hiller alla fine obbedì ai suoi ordini e si diresse verso il Danubio.

Hiller alla fine attraversò il Danubio l'8 maggio, ma solo dopo aver inviato una parte significativa di questo comando direttamente a Vienna. Una volta attraversato il fiume, Hiller guidò il resto delle sue forze a est, prendendo posizione di fronte a Vienna sulla riva nord del Danubio. Da lì inviò parte delle sue forze a Vienna, ma poi ricevette l'ordine di non inviare nessuno dei suoi uomini in città. Una volta che fu chiaro che la città non poteva essere difesa, Hiller ritirò quelle truppe già al di là del fiume, e il breve assedio di Vienna (10-13 maggio 1809) si concluse con una facile vittoria francese.

Napoleone era ora bloccato sulla riva sud del Danubio, con l'esercito austriaco riunito di fronte a lui dall'altra parte del fiume. Il primo serio tentativo di Napoleone di attraversare il Danubio si concluse con la sua prima significativa sconfitta sul campo di battaglia, ad Aspern-Essling (21-22 maggio 1809). Hiller comandò il VI Korps durante questa battaglia, e fu pesantemente coinvolto nei feroci combattimenti nel villaggio di Aspern, che alla fine caddero in mano agli austriaci verso la fine della battaglia di due giorni. Hiller fu promosso al grado di Comandante Croce nell'Ordine di Maria Teresa e al grado di Feldzeugmeister (generale di fanteria) per la sua parte nella battaglia.

Nonostante alcune limitazioni, le prestazioni di Hiller durante la ritirata dalla Baviera e ad Aspern-Essling dimostrò di essere uno dei subordinati più capaci di Carlo, e forse l'unico in grado di operare in modo indipendente con qualche possibilità di successo. È stato quindi un peccato che Hiller e Charles abbiano avuto una faida di lunga data che risale all'opposizione di Hiller alle riforme militari.

All'indomani di Aspern-Essling Hiller fu il principale sostenitore di un attacco immediato alle truppe francesi isolate sul Lobau, ma Carlo lo annullò. Durante i due mesi che separarono Aspern-Essling da Wagram (5-6 luglio 1809) si accumulò la rabbia di Hiller per il modo in cui pensava di essere trattato, fino a quando il 4 luglio chiese di essere sollevato dal comando del suo corpo per il motivo di malattia. Questa richiesta fu accolta e il VI corpo entrò in battaglia sotto il comando del generale Klenau. Dopo la sua guarigione dalla malattia, Hiller è tornato al suo incarico in Croazia.

Dopo il rientro austriaco nella guerra contro Napoleone nel 1813 Hiller fu nominato comandante dell'esercito dell'Austria interna e gli fu ordinato di attaccare i francesi in Italia (comandato da Eugène de Beauharnais, viceré d'Italia). I movimenti iniziali di Hiller costrinsero Eugène a ritirarsi dall'Illiria (fine settembre 1813), ma l'avanzata di Hiller si arrestò. A novembre è stato sostituito da Bellegarde, che non si è comportato molto meglio. Hiller si ritirò dall'esercito l'anno successivo.

Home Page napoleonica | Libri sulle guerre napoleoniche | Indice dei temi: Guerre napoleoniche


Johann von Hiller war der Sohn eines Obersten, der seine Laufbahn als einfacher Soldat begonnen hatte und zuletzt Platzkommandant in Brody war. Er selbst wurde mit 15 Jahren Kadett im k.k. Reggimento di fanteria n. 8 e 1783 zum Leutnant befördert. Als Hauptmann des Warasdiner Grenzregiments nahm er am Türkenkrieg unter Laudon teil, wurde Major und Oberstleutnant und erhielt schließlich für die Erstürmung von Novi 1788 den Maria-Theresia-Orden. Für seine Leistungen bei der Belagerung von Gradiška 1789 wurde er zum Oberst befördert. 1790 ernannte ihn Laudon zu seinem Generaladjutanten. Ab 1794 war er Generalmajor, 1796 kommandierte er eine Brigade der Rheinarmee und nahm bis 1801 in den Niederlanden, Italien und Deutschland am Krieg gegen Frankreich teil. In der Schlacht bei Zürich im Jahr 1799 hatte er eine Beinverwundung erlitten und hinkte seitdem.

1805 guerra er Feldmarschalleutnant und Kommandierender General in Tirol und Vorarlberg. Nach der Kapitulation von Ulm hatte er den Auftrag, sich mit der Hauptarmee Erzherzog Karls zu vereinigen. Dies gelang ihm schließlich durch einen geschickten Rückzug in die Südsteiermark. Beim Ausbruch des Kriegs von 1809 führte er das VI. Armeekorps im Heer des Erzherzogs Karl. Dann wurden ihm noch weitere Verbände unterstellt, sodass er alle Truppen in Bayern und Oberösterreich befehligte. Sono 20. Aprile griff ihn Napoleon bei Landshut an und zwang ihn zum Rückzug. Es gelang ihm jedoch, diesen in voller Ordnung anzutreten und weiterhin schlagkräftig zu bleiben. Dadurch war er in der Lage, am 24. April bei Neumarkt an der Rott die Franzosen unter Bessières zu schlagen. Für diese Waffentat wurde er mit dem Kommandeurkreuz des Maria-Theresia-Ordens ausgezeichnet. Über Burghausen ging er auf Linz zurück und schlug sich am 3. Mai erfolgreich in der Schlacht bei Ebelsberg, an dem auch die Wiener Landwehr beteiligt war. In der Schlacht bei Aspern am 21. e 22. Mai führte er den rechten Flügel und warf den Feind nach hartnäckigen Kämpfen aus dem Ort. Neunmal wechselte der Ort seinen Besitzer, doch schließlich konnte Hiller sich dort behaupten. Nach dem Sieg wurde er zum Feldzeugmeister befördert. Vor der Schlacht bei Wagram legte er „wegen plötzlicher und schwerer Erkrankung“ (in Wahrheit wohl aber wegen einer Meinungsverschiedenheit mit dem Erzherzog Karl) sein Kommando nieder.

Im Feldzug von 1813 erhielt er den Befehl über das Heer in Innerösterreich, das später zur "italienischen Armee" wurde. Obwohl ihm Eugen Beauharnais kräftemäßig überlegen war, konnte er ihn über Tarvis in die Ebene und weiter über Vicenza bis Verona zurückdrängen. Es glückte ihm aber nicht, die Stadt selbst zu nehmen. 1814 wurde er, der inzwischen erkrankt war, zum Kommandierenden General in Siebenbürgen und später in Galizien ernannt. Dort starb er dann nach längerem Leiden. Johann von Hiller wurde ein "Radetzky seiner Zeit" genannt, da er nicht nur militärisch erfolgreich war, sondern auch wie dieser durch seine Fürsorge für die Truppe bei den Soldaten besonders beliebt war. Als Theresienritter war er bereits 1789 in den Freiherrnstand erhoben worden.

Im Jahr 1896 wurde a Wien-Leopoldstadt (2. Bezirk) die Hillerstrasse nach ihm benannt und in Klagenfurt die Johann-Hiller-Straße. Die Hiller-Kaserne a Linz-Ebelsberg, in unmittelbarer Nähe des Gefechtsfelds vom 3. Mai 1809, ist ebenfalls nach ihm benannt. Hiller War Regimentsinhaber des Infanterieregiments Nr. 2.


Hiller von Gaertringen proveniva da una nobile famiglia del Württemberg. Nacque come figlio di un ufficiale che era nel reggimento ulano "Re Guglielmo I". (2. Württembergisches) No. 20 servito, nato suo nonno materno era il giudice amministrativo reale prussiano e politico DNVP Kuno Graf von Westarp . Hiller von Gaertringen fu co-lord di Gärtrinen e Ditzingen e per ultimo prestò servizio come primo luogotenente della Wehrmacht.

Dopo la seconda guerra mondiale, studiò storia e fu nel 1955 quando Hans Rothfels alla Facoltà di filosofia dell'Università di Tubinga con una tesi alla storia e alla critica delle Memorie del principe Bulow al dott. phil. dottorato di ricerca. Poi è stato assistente al seminario di storia. Hiller von Gaertringen era u. un. Editore delle memorie del ministro della Reichswehr Wilhelm Groener e autore di numerosi articoli DBE e NDB. La sua ricerca sulla pugnalata alla schiena è considerata significativa per questo ha pubblicato u. un. in Dalla politica e dalla storia contemporanea . Un particolare interesse è stata la ricerca sulla resistenza al nazionalsocialismo, qui u. un. Modifica e commento dei diari di Ulrich von Hassell.

Dal 1977 al 1988 è stato storico ed editore presso l'Ufficio di ricerca sulla storia militare (MGFA) a Friburgo in Brisgovia.


Johann Friedrich Hiller

Geboren als der Sohn von dem Stadtrat und Amtmannes Johann Wolfgang Hiller, studierte seit dem 13. Jahrhundert. Juni 1735 an der Universität Wittenberg und wurde hier am 17. Oktober 1740, der höchsten philosophischen Grad eines master of arts. Er hielt die Aussicht auf einen akademischen Lehrer, der die private vorlesungen, um sich finanziell über dem Wasser, und fand am 18. Oktober 1743 als Ergänzung zu der Aufnahme in die philosophische Fakultät. Hiller versucht hatte zu gewinnen an der sächsischen Universität eine Professur, konnte aber nicht gewinnen, auf der base von privaten Schulden das Vertrauen der Ober-Konsistorium a Dresda.
Stattdessen wurde er auf Empfehlung von Johann Wilhelm von Berger, Vize-Rektor der Wittenberger Schule. Er bewarb sich im selben Jahr die vakante Stelle des Rektors, die er am 20. Oktober 1744 wurde gewählt am 7. Januar 1745, wurde eingeführt. Hiller besitzt eine sorgfältig ausgewählte Bibliothek. Mit einer breiten philosophischen und philologischen Kenntnisse, versuchte er Sie zu heben das Niveau der Schule. Quindi, die späteren Professoren Ernst Gottfried Christian Schröder, Christian Gottlieb Hommel wurden während seiner Zeit mit seinen Schülern.
In Anerkennung seiner Rektors Aktivität, Hiller erhielt am 13. Januar 1749, eine außerordentliche Professur für klassische Studien, wurde am 17. August 1750, Professor für Natur-und Völkerrecht und hielt erfolgreichen Vorträge der Spetrum das. Zwar hatte er keine Besondere Neigung zur Poesie, legte er sein Department of Education am 26. Dezember 1756 um eine Professur für Poetik. Auf Vorschlag des Vize-Präsidenten der sächsischen Ober-Konsistorium a Dresda Hiller 1766, erarbeitet den Entwurf für die Einrichtung eines Seminars für zukünftige Lehrer.
Questa istituzione iniziò im gleichen Jahr Ihren Betrieb, und die Firma Hiller hat Stand bis zu seinem Tod als Direktor vor. Nach dem Tod von Christian Crusius Hiller 1767 zog die Professur der Rhetorik und wurde zu einem der führenden Vertreter der Wittenberger Fakultät. Mehrere Male leitete er das Büro des Dekans der Fakultät und semestre, in den Jahren 1770, eingeführt im Sommer das Rektorat der Universität.

  • Johann August Friedrich Freiherr Hiller von Gaertringen 11. Novembre 1772 a Magdeburgo 18. Januar 1856 a Berlino guerra ein preuSischer General der
  • österreichischer Generale Johann Adam Hiller 1728 1804 deutscher Komponist, Musikschriftsteller und Kapellmeister Johann Friedrich Hiller 1718 1790 deutscher
  • Johann Adam Hiller bis 1763 Hüller, 25. Dicembre 1728 a Wendisch Ossig, heute Osiek Łużycki, bei Görlitz 16. Giugno 1804 a Lipsia guerra ein deutscher
  • das Bauwerk nach seinen Nutzern, dem Kaufmann Johann Friedrich Hiller e dem Schneidermeister Johann Gebhardt Brandt. Seit der Sanierung beherbergt
  • schönsten Lieder von Philipp Friedrich Hiller 2001 Hänssler Verlag Ökumenisches Heiligenlexikon Hiller Philipp Friedrich Seine Lieder online hören
  • österreichischer Generale Johann Adam Hiller 1728 1804 deutscher Komponist, Musikschriftsteller und Kapellmeister Johann Friedrich Hiller 1718 1790 deutscher
  • Hiller von Gaertringen ist der Familienname folgender Personen: August Hiller von Gaertringen 1772 1856 preuSischer General der Infanterie Ferdinand
  • Generalmajor Johann Eberhard Rudolf Hiller von Gaertringen 1735 1799 und dessen Ehefrau Juliane Dorothea, geborene von Hagen 1745 1786 Hiller von Gaertringen
  • Friedrich Wilhelm Johann Ludwig Freiherr Hiller von Gaertringen 28. Agosto 1809 in Pasewalk 3. Juli 1866 in Chlum war ein preuSischer Generalleutnant
  • Sänger e violinista. Er war der Sohn des Komponisten Johann Adam Hiller Friedrich Adam Hiller wirkte als Direktor des Musiktheaters in Altona und später
  • Johann Friedrich Wilhelm Karl August Bernhard Alexander Freiherr Hiller von Gaertringen 15. Januar 1923 a Stoccarda 25. Oktober 1999 war ein deutscher
  • Ferdinand Hiller ab 1875 von Hiller 24. Ottobre 1811 a Francoforte sul Meno 11. Mai 1885 a Colonia guerra ein deutscher Komponist, Dirigent und Musikpädagoge
  • Johann Eberhard Rudolf Hiller von Gaertringen 13. gennaio 1735 a Gärtringen 12. febbraio 1799 a Fraustadt war ein preuSischer Generalmajor, Chef
  • Graf Johann Friedrich von Seeau auf Würting 5. Agosto 1659 a Steyr 5. Dicembre 1729 a Gmunden guerra Fachkommissär in der Kaiserlichen Administration
  • Gewandhauskapellmeister, Thomaskantor, Komponisten und Gesangslehrer Johann Adam Hiller Sie ist das Relikt eines ehemaligen Denkmals 1832 westlich der
  • Freiherr Johann Friedrich August Rudolf Hiller von Gaertringen 4. Mai 1801 a Dramburg 27. Oktober 1866 a Berlino guerra ein deutscher Gutsbesitzer
  • Johann Daniel Ritter, Johann Georg Walther, Johann Friedrich Hiller Johann Friedrich Weidler, Friedrich Immanuel Schwarz e Christoph Heinrich Zeibich
  • Kristallograph sowie Hochschullehrer. Johannes - Erich Hiller wurde a Berlino come Sohn des Oberstudiendirektors Dr. Bruno Hiller geboren. Nach dem Ostern 1931 am
  • San Gallo Svizzera Silvester Hiller auch Sylvester Hiller war der Sohn senes gleichnamigen Vaters Silvester Hiller 25. Januar 1562 30. Mai 1594
  • bildeten Werke pietistischer Autoren wie Johann Albrecht Bengel, Sixt Karl Kapff, Philipp Friedrich Hiller e Ludwig Hofacker, unter anderem auch das
  • Friedrich Jakob Hill 2. Gennaio 1758 a Darmstadt 31. Dicembre 1846 ebenda war ein hessischer Maler des 18. und 19. Jahrhunderts. Friedrich Jakob
  • und Bürgermeister von St. Gallen Schweiz Heinrich Hiller wurde als Sohn von Silvester Hiller 10. Dicembre 1592 a St. Gallen 9. Agosto 1663 ebenda
  • Dicembre 1856 Johann Friedrich August Rudolf Hiller von Gaertringen 4. Mai 1801 27. Ottobre 1866 Albertine 1865 1819 Friedrich Anton Ernst
  • Johann Friedrich Krummnow 1811 a Posen 3. Ottobre 1880 a Penshurst oft auch Johann Friedrich Krumnow geschrieben, war ein deutscher Siedler
  • Carl Eugen verpflichtet und blieb a Stoccarda. Sein erster Schüler Johann Friedrich Leybold entwickelte sich so gut, dass er ihm den Anfängerunterricht
  • Universität Wittenberg zu studieren. Unter anderem hörte er hier Johann Friedrich Hiller Johann Matthias Schröckh e Karl Christian Tittmann. Vor allem besuchte
  • Johann Friedrich Gustav von Stockhausen 26. Aprile 1743 auf Gut Wintzig, Kreis Wohlau 27. März 1804 a Fraustadt guerra ein preuSischer Generalmajor
  • Johann Jakob Hill 3. Novembre 1730 a Nieder - Ramstadt 18. Aprile 1801 a Marksburg bei Braubach war ein hessischer Ingenieur und Architekt des 18
  • David Erdmann Meisler 1725 1784 und Natur und Völkerrecht bei Johann Friedrich Hiller Aus jener Zeit stammen von ihm zwei Abhandlungen philologischen
  • Johann von Hille um 1609 a Hildesheim 18. März 1684 vermutlich im Raum Königsberg ursprüngliche Schreibweise vermutlich Johann Hillenius, guerra

Hiller Brandtsche Häuser Breite Str. 26 27 tomis mobile.

Aus dem Tonleben unserer Zeit Gelegentliches von Ferdinand Hiller. Numero di scaffale. 1571 a 2, Lipsia 1868. Johann Adam Hiller e Friedrich Moritz Gast. Landesarchiv Baden Württemberg, Abt. Hauptstaatsarchiv Stoccarda. Johann Friedrich Hiller e des Schneidermeisters Johann. Gebhardt Brandt neu errichten und um einen Kasernenbau erweitern. Solche Mischnutzungen. Famiglia Philipp Friedrich Hiller Marie Regine Schickhardt F42665. Hiller, der Dichter des württembergischen Pietismus verfasste dieses ungewöhnliche Andachtsbuch mit Andachten für zwei Jahre. Philipp Friedrich Hiller Gesangbuch Evangelische online. Hiller kann man nicht verstehen ohne auf die beiden Väter des Schwäbischen Pietismus hinzuschauen, auf Johann Albrecht Bengel e Friedrich Christoph. Johann Friedrich HILLER GEDBAS., der bekannte Dichter geistlicher Lieder aus der Bengelschen Schule, wurde am 6. gennaio 1699 a Mühlhausen an der Enz geboren, wo sein Vater, Johann.

Hiller Brandtsche Häuser Architektur Platz RouteYou.

Benannt ist das Bauwerk nach seinen Nutzern, dem Kaufmann Johann Friedrich Hiller e dem Schneidermeister Johann Gebhardt Brandt. Seit der Sanierung. Drucke des 18. Jahrhunderts VD18 Als der Hochedelgebohrne. Johann Ferdinand und Johann Friedrich Camerer aufgewendeten Summen, sowie des Sohnes aus zweiter Ehe Johann Friedrich Hiller Mag. und Diakon zu.

GEDICHTE VON PHILIPP FRIEDRICH HILLER.

Enthält:Eberhard Friedrich Hiemer, Dr. theol.,Konsistorialrat und Hofprediger, Markgräflich Johann Heinrich Reiß, Tubinga 166652 S.Anna Maria Hiller,​. 19.05.12 Pfarrer Eberhard Helling DER EVANGELISCHE. Philipp Friedrich Hiller war der bedeutendste Liederdichter des In Denkendorf kam es zu einer tiefgreifenden Begegnung mit Johann Albrecht Bengel – aus. Philipp Friedrich Hiller Carus Verlag. Autore: Es war ein langer Weg bis Philipp Friedrich Hiller muore così sagen konnte. Sein Weg giornalista di guerra: Johann Löhner 1691, bei Johann Adam Hiller 1793. Stammbuch Christian Friedrich Hiller Codhistoct280 Detailseite. Titolo, AF HPS. Beschreibung, Alle Daten in AF Schlögl. Hochgeladen, 2020 08 ​16:16.0. Einsender, avatar utenti Heinz Peter Schlögl Walter aus. E-mail. Philipp Friedrich Hiller Mühlhausen an der Enz. Federico II. ließ in der nun schon Breite Straße genannten Allee Benannt sind sie nach ihren Nutzern, dem Kaufmann Johann Friedrich Hiller und dem.

Immagine di Johann Adam Hiller in Profil nach rechts Digital.

Tutte le edizioni di spartiti e CD con Philipp Friedrich Hiller. Johann Adam Hiller: Jesus Christus herrscht als König. Spartito. Negozio. Hiller Brandtsche Häuser – Potsdam. Schüler a Denkendorf unter Johann Albrecht Bengel 1687 1752. Zart, feinfühlig, feingliedrig. Fällt auf: musikalisch, dichterisch. Bengel gibt ihm entscheidende. An der Breiten Strasse Landeshauptstadt Potsdam. Cor. 6, 4 10. Ihr, die ihr Gott nun dienet. Der euch mit sich versühnet. Beweist auch, weß ihr seid! Im Leiden seid geduldig. Im Wandel lebt unschuldig. Das ihr. Johann Adam Hiller, Johann Löhner, Philipp Friedrich Hiller, Jochen. Ließ sie auf seine Kosten errichten. Den Namen bekam der Gebäudekomplex durch seine Nutzer, den Kaufmann Johann Friedrich Hiller und den.

Johann Adam Hiller: Mein Leben Lehmstedt Verlag.

Johann Wilhelm Von Berger, Johann Friedrich Hiller, David Heinrich Kleeditz ISBN: 9781279706121 Kostenloser Versand für alle Bücher mit Versand und. De Eruditione Saxonis Carolini: Johann Wilhelm von. Philipp Friedrich Hiller hatte es schwer: Als er zwei Jahre alt war, starb sein Dort war er Schüler des schwäbisch lutherischen Theologen Johann Albrecht. Stammbuch Christian Friedrich Hiller.ott.280 Werksansicht. Stammbuch Christian Friedrich Hiller.ott.280. Ganzes Werk herunterladen DFG Viewer. 2r. Hiller von Gaertringen, Friedrich DNB, Katalog der Deutschen. I loro primi inquilini, il mercante Johann Friedrich Hiller e il sarto Johann Gebhardt Johann Friedrich Hiller und dem Schneidermeister Johann Gebhardt Brandt.

Philipp Friedrich Hiller Verlag Linea.

Johann Adam Hiller, Johann Löhner, Philipp Friedrich Hiller, Jochen Rieger: Gemischter Chor SATB. Sermone online di Philipp Friedrich Hiller. Hiller, Friedrich A., 1767 1812. Beziehung familiaer. Hiller, I.A. Hiller, J.A. Hiller, Joh. Anno Domini. Hiller, Johann A. Huller, Jean Adam. Huller, Johann A. Hiller, Adam. Hiller: Lebensbeschreibungen berühmter Musikgelehrten Übersicht. In die Nürnberger Zeit fällt seine erste dichterische Veröffentlichung: Johann Arndts Baun, Friedrich: Philipp Friedrich Hiller, der schwäbische Liederdichter. De Hiller Brandtsche Häuser. Hiller, Johann Friedrich 1718 1790 21.03.1718, Öhringen – 24.07.1790. Giurista, Philologe, Prof., Rektor. Collegamento persistente Kalliope:.

Potsdam Hiller-Brandtsche-Häuser Finanzstrategie Sommese.

Johann Georg Hiller Melodie Philipp Friedrich Hiller Testo Daniela Jooß ​Kesselmeyer Solist Tobias Schabel Solist Gerhard Schnitter Prod., Satz. Hiller, Philipp Friedrich Deutsche Biographie. Hiller, Johann Friedrich. Übersicht. Quellen Literatur Porträts Verknüpfungen Orte Zitierweise. Date: 1718 bis 1790 Geburtsort: Öhringen. Familienblatt von Otto Johann Karl Friedrich HILLER Maria. Der Liederdichter Philipp Friedrich Hiller ist mit seinen Werken heute In Denkendorf kam es zur Begegnung mit Johann Albrecht Bengel.

Hiller contro Gaertringen, Friedrich SUB Amburgo HANS.

Freyberg, Carl Daniel Hiller, Johann Friedrich Zinn, Carl Friedrich Theodor Geret, Samuel Luther von Wölffing, Christoph Friedrich. Wittenberg Eichsfeld. Hiller, Johann Friedrich Deutsche Biographie. Häuser, benannt nach ihren Bewohnern, dem Kaufmann Johann Friedrich Hiller e dem Schneidermeister Johann Gehardt Brandt. Blick auf Hiller Brandtsche Häuser Brandenburg, Deutschland. Heinrich Friedrich Fuger. Brustbild des Johann Adam Hiller im Profil nach rechts. Preferito Aggiungi all'album Condividi. Piano: 207 x 159 mm. Numero di inventario: 1416. Philipp Friedrich Hiller Ökumenisches Heiligenlexikon. Hiller: Musikerbiographien Startseite. Bümler Georg Heinrich Fasch ​Johann Friedrich Gebel George Graun Carl Heinrich Jugend Freunde und​.

Philipp Friedrich Hiller Ev. Kirchengemeinde in Steinheim a. UN.

Johann Adam Hiller war die zentrale Persönlichkeit im Leipziger Musikleben sie ergänzenden ausführlichen Nekrologe von Friedrich Rochlitz und Friedrich. Philipp Friedrich Hiller 1699 1769 – Jesus Christus spricht: Ich bin. Todesstag von Philipp Friedrich Hiller 1699 1769. Seine Lieder und Gedichte haben den unscheinbaren württembergischen Pfarrer aus der Schule von Johann. Tour e guida di Hiller Brandt sche Häuser BERLINO. Die CD Motetten der Hiller Sammlung jetzt probehören und portofrei für 19,99 Euro 1714 1785, Johann Gottfried Weiske 1745 1806, Christian Friedrich.

Philipp Friedrich Hiller Archivportal D.

Hiller von Gaertringen, F. Hiller von Gaertringen, Johann Friedrich Wilhelm Rudolf August Vollst. Namensform Hiller de Gaertringen, Fridericus Gaertringen​,. Merchant tailor traduzione in tedesco – Linguee. Sfoglia per autore, Elenco delle opere Hiller, Johann Friedrich Johann Friedrich Hiller. Esplora Autori Esplora Argomenti Esplora Tempo Esplora Luoghi Esplora. Ricerca standard. Novembre 1713 inizio Johann Albrecht Bengel 2 a Denkendorf seine Lehrtätigkeit und wird gleichzeitig Philipp Friedrich Hillers Lehrer. Bengel erkennt. Hiller, Johann Adam, 1728 1804 CERL Thesaurus. Hiller, Johann Adam Vater von Friedrich Adam Hiller 1768–1812 Vater von Elisabeth Wilhelmine Bürde 1770–1806 seit 1771 Leiter einer Musikschule in.


BLKÖ:Hiller, Johann Freiherr von -->

Hiller, Johann Freiherr von (Feldzeugmeister, Commandeur des Maria Theresien-Ordens, geb. zu Brody in Galizien 10. Juni 1754, gest. zu Lemberg 5. giugno 1819). Die Angaben ﲾr Hiller’s Geburtsort und Jahr lauten sehr verschieden. Einige lassen ihn 1748, Andere 1754 sogar 1755, Einige zu Wiener Neustadt, Andere zu Brody in Galizien geboren sein. Die obige Angabe ist dem in den Quellen bezeichneten Werke von Szöllösy entnomen. Hiller’s Vater war Oberst und zuletzt Platzcommandant a Brody. Johann trat, 15 Jahre alt, als Cadet in das Infanterie-Regiment Herzog Sachsen-Hildburghausen Nr. 8 (jetzt Erzh. Ludwig), wurde 1763 Lieutenant bei Württemberg-Dragoner (jetzt Kaiser Franz Joseph-Kür. Reg. Nr. 11), von welchem ​​Regimente er 1771 in gleicher Eigenschaft zum Infanterie-Regimente Oliver Wallis Nr. 35 (jetzt Khevenhüller- [21] Metsch) tauschte. Im Jahre 1774 kam er als Capitän in das Warasdiner-Creuzer Grenz-Regiment und stieg in demselben bis zum Obersten, nämlich: im dicembre 1783 zum zweiten, im März 1786 zum ersten Major, im agosto 1788 1789 zum zweiten und im März 1793 zum ersten Oberst und Regimentscommandanten. Bereits als Major zeichnete er sich im Türkenkriege aus, rettete im Mai 1788 ein an die Unna vorger࿌ktes, von den Türken stark bedrohtes Commando durch entschlossenen Angriff des darauf unvorbereiteten Gegners ersonders besonders a bedrohtes . Das Commando der 11 Stunden langen Strecke von Divussa bis Ciubina, wovon die Hälfte am trockenen Cordon gegen die beiden türkischen Festungen Novi und Ottoka gelegen war, wurde H. ﲾrtragen, er sollte der Krechten F decken und war hinsichtlich der zu treffenden Dispositionen ganz sich selbst ﲾrlassen. 7 Monate lang hielt H. diesen schwierigen Posten, alle Versuche des weit ﲾrlegenen Feindes, in unser Gebiet einzufallen, entschieden zur࿌kweisend am 27. Juli schlug er einen Angriff der Türken mit di fcrluste gro෾m ab am 12. agosto ﲾrfiel er selbst unvermuthet die feindliche Position bei Novi und brachte ihr eine starke Niederlage bei endlich bei dem Sturme auf Novi (3. ottobre) führte H. die 3. Sturmcolonne persöntieg die an, erstig Bresche, munterte im stärksten Kugelregen die Grenzer durch sein Beispiel auf, auszuharren, bis die Angriffe der ࿋rigen Puncte das Schicksal des Platzes entschieden hatten. H. wurde für seine Waffenthat zum Oberstlieutenant befördert und ihm das in der 15. Promotion (vom 15. November 1788) verliehene Ritterkreuz des Maria Theresien-Ordens vom Feldmarschall Loudon selbst an die Brust geheftet. Bei der Belagerung von Berbir (Türkisch Gradisca), 1789, zeichnete sich H. neuerdings in solcher Weise aus, daß er zum zweiten Oberst befördert wurde. Nun schickte ihn Loudon mit wichtigen Depeschen ﲾr die entworfenen Operationspläne an den bereits leidenden Kaiser, der sich damals zu Luxembourg befand. Nach seiner R࿌kkehr gab er bei der Belagerung von Belgrado neue Proben seiner Einsicht und Tapferkeit. Im Februar 1790 wählte ihn Loudon zu seinem Generaladjutanten, welchen Posten H. bis zu des Feldmarschalls noch im August desselben Jahres erfolgten Tode bekleidete und darauf zu seinem Regimente zur࿌kkehrte. Nachdem er 20 Jahre vom Capitän bis zum Regimentscommandanten im Regimente gedient, verließ H. 1794 dasselbe als General-Major, in welcher Eigenschaft er 1795 die Stelle eines General-Kriegscommissärs bei der Versahee in Italien der Armee. Anfang 1796 erhielt er den Befehl ﲾr eine Brigade bei der Rheinarmee, aber noch zu Ende dieses Jahres zwang ihn seine schwer angegriffene Gesundheit aus dem Dienste zu treten. Bereits im Juli 1798 r࿌kte er wieder bei der Armee ein, die damals am Lech stand. 1799 Focht er in der Schweiz. Beim Hauptangriffe auf die Position in Zürch im Juni warf er mit dem Regimente Bender Nr. 41 den Feind aus dem Walde, erhielt dabei einen Schuß durch die Kniescheibe, welcher ihm in der Folge sehr beschwerlich wurde und einen hinkenden Gang veranlaßte. Im settembre d. J. wurde er zum Feldmarschall-Lieutenant befördert und ihm ein Corpscommando im nördlichen Tirol ﲾrtragen früher aber wurde er mit [22] der Sendung in’s russische Hauptquartier an Suwarow und Korsakow betraut, um im Namen der Verbündeten Einsprache gegen den R࿌kzug der Russen zu thun, welche jedoch erfolglos blieb, da Suwarow von seiner Regierung bereits andere Weisungen hatte. Dann ﲾrnahm Hiller sein Commando im nördlichen Tirol. Nach beendetem Kriege wurde H., 1801, Divisionär und als Zugetheilter für die Gesch๏te des Generalcommando’s in Croatien nach Agram versetzt kam aber noch im April d. J. als Militärcommandant nach Innsbruck, welche Stelle er bis 1805 bekleidete, bis er im Anfange des genannten Jahres zum commandirenden General in Tirol und Vorarlberg ernannt wurde. Mit seinem Corps, welches anfänglich nur 10.000 Mann zählte, später aber auf das Doppelte erhöht wurde, hatte er die Eingänge Tirols zu vertheidigen und durch Scheindembe der reguntsche auf ue xF6sterreichischen Heeres in Italien zu unterstützen. Die Vorfälle bei Ulm hatten jedoch mehrere Aenderungen in den Dispositionen zu Folge. Die Ereignisse in Deutschland veranlaßten vorerst seinen R࿌kzug, den er mit dem Beginne des Winters antrat und mit solcher Umsicht ausführte, daß bereits am 25. November die Vereinigung mit dem Haupgstheere des Erzherzo Karl zwischen Windisch-Feistritz und Cilli bewerkstelligt guerra. Dann folgte er der Hauptarmee nach Körmee, von wo er am 9. December mit 17 Bataillons und 16 Escadronen nach Steinamanger entsendet wurde, um als Vorhut des Hauptheeres diesen wichtigen Punct zu vertheidigen. Der mittlerweile eingetretene Waffenstillstand und darauf folgende Friede gaben H. eine neue Bestimmung, er wurde Militärcommandant von Salzburg und später auch noch von Oberösterreich. Im Februar 1807 kam H. als commandirender General in die Karlstํter-Warasdiner Militärgrenze. Als aber 1809 ein neuer Feldzug ausbrach, wurde H. der Befehl ﲾr das 6. Armeecorps ﲾrtragen und bald darauf noch die 5. Armceabtheilung und das 2. Reservecorps seinem Befehle untergeordnet. So als Commandirender ﲾr alle Truppen in Oesterreich ob der Enns, sie zählten zusammen 64 Bataillone und 64 Schwadronen, wurde er am 20. April von Napoleone angegriffen und nach Landshut gedrängt. Die ungl࿌kliche Schlacht von Eckmühl metà Napoleone seine Absicht, das österreichische Heer zu trennen, erreichen aber Hiller schlug noch früher die Divisionen Wrede, Molitor und Oudinot unter dem Oberbefehle des Marschalls Bessières bei Neumarkt, warf den bereits vorger࿌kten Gegner wieder nach Landshut zur࿌k und konnte nun sein Corps vom 25. April bis 3. Mai ﲾr Burghausen nach Linz in größter Ordnung führen. Noch widestand er am 3. Mai bei Ebelsberg den heftigen Angriffen der Franzosen, aber der Uebermacht des Feindes konnte er nicht langer Trotz bieten. Am 8. Mai hatte er sich bei Mautern an das linke Donauufer zur࿌kgezogen. Für seinen Sieg bei Neumarkt hatte ihn der Kaiser, sobald die Nachricht von dem Siege bekannt geworden war, das Commandeurkreuz des Maria Theresien-Ordens zuerkannt. Am 13. Mai, am Tage der Capitulation von Wien, bestand er noch in der Jedlerseer Aue ein Gefecht gegen Lannes und vereinigte sich am 16. Mai zugleich mit der Besatzung von Wien, die zu ihm gesto෾n war, am Fu෾ des Bisamberges mit dem Erzherzoge Karl. Die blutigen Pfingsten des Jahres 1809 kamen heran [23] und Clio schrieb an diesem Tage Hiller’s Namen mit leuchtender Schrift in’s Buch der Helden Oesterreichs. H. befehligte an diesem denkwürdigen 21. Mai den äu෾rsten rechten Flügel der Armee des Erzherzogs Karl bei Stammersdorf, der aus 19 Bataillons e 22 Schwadronen bestand. Bei Stadelau stieß H. auf die Vorposten des Feindes, welche gegen Aspern sich zur࿌kzogen.Die Stellung des Feindes war bei weitem die vortheilhaftere Hiller ließ ihn mit dem Bajonnet angreifen und warf ihn aus Aspern. Der Kampf um diesen Ort, dessen Wichtigkeit den Kämpfenden klar war, war der hartn์kigste. Wiederholt wurde der Ort von Franzosen und Oesterreichern verloren und gewonnen. Ebenso heftig war der Kampf in der Au, wo so zu sagen Mann gegen Mann um den Platz raufte. Mit einbrechender Nacht stellte Feldmarschall-Lieutenant Hiller sein Corps in Schlachtordnung auf und ließ es unterm Gewehre den entscheidenden Morgen abwarten. Die Angriffe des Feindes, der nun alle seine Kr๏te aufbot, waren noch heftiger als Tags vorher. Er hatte Aspern wieder genommen, Hiller’s Truppen trieben ihn wieder heraus und behaupteten sich standhaft gegen die ﲾrlegenen Kerntruppen des Gegners. Quindi wurde an diesem Tage Aspern neunmal von den Franzosen erstürmt und neunmal von den Oesterreichern genommen. Hiller’s Haltung an diesem Tage hatte wesentlichen Antheil an dem glänzenden Siege desselben und sein Name zählte auch zu den gepriesensten des Tages. Una donazione da 50.000 fl. und die Ernennung zum Feldzeugmeister waren der Lohn für seine Heldenthat. Plötzliche und schwere Erkrankung hinderte H. bei Wagram zu kämpfen. Nach beendetem Kriege wurde H. commandirender General in Croatien und im novembre 1811 in Slawonien und Syrmien. Als im Jahre 1813 die eigentlichen Befreiungskämpfe beginnen, erhielt H. den Befehl ﲾr das innerösterreichische Heer, welches später die Armee von Italien hieß. 32.000 Mann e 120 Geschütze befehligte Hiller gegen 57.000 Mann und 130 Geschütze, welche unter Commando Beauharnai’s standen. Hiller hatte die Weisung Illyrien zu erobern, sich aber sonst möglichst defensiv zu halten. Von Klagenfurt aus drang er durch Illyrien und Tirol vor, vertrieb den Feind aus seiner festen Stellung bei Tarvis, 7. ottobre, nahm sein Hauptquartier bei Vicenza, 12. novembre und drängte den Vicekönig bis nachck Verona, so daß alles Land rechts bis an den Po und links bis an die Etsch vom Feinde gesäubert war. Seine Absicht, Trient zu nehmen und dann die Etsch abwärts vorzudringen, den Feind bei Chiesa anzugreifen und Verona zu besetzen, scheiterte an der zu kleinen Truppenmacht, die er befehligte, die gegenﲾr star's der z xFCberdieß concentrirt guerra, während Hiller’s Armee sich in dem wieder gewonnenen Gebiete vertheilen mußte. So standen die Sachen, come Mitte December Feldmarschall Graf Bellegarde den Oberbefehl der Armee in Italien gegen den Vicekönig ﲾrnahm und Hiller erkrankt von der Armee abging. Im folgenden Jahre, 1814, trat er in den Ruhestand, wurde aber noch im nämlichen Jahre commandirender General in Siebenbürgen und dann in Galizien, wo er in Lemberg nach längerem sehr schmerzlichen Krankenlager starb. Da man zur Zeit seines Todes Hiller’s Alter allgemein mit 71 Jahren angab, so wäre statt 1754 das Jahr 1748 als sein Geburtsjahr [24] anzunehmen jedoch läßt sich bei den wechselnden Angaben darﲾr nichts festsetzen. Au෾r den schon erwähnten Auszeichnungen, die dem Helden zu Theil geworden, wurden ihm, dem die Bewunderung und Liebe seiner Zeitgenosser ﲾrall entgegenkam, noch manche andere erwiesen. Mit Diplom vom 26. Februar 1789 wurde H. in den erbländischen Freiherrnstand erhoben. Im agosto 1798 ﲾrreichten ihm die dankbaren Schweizer das Diplom als Gotteshaus-Mann a San Gallo. Im Jahre 1801 wurde H. zweiter Inhaber des Infanterieregiments Erzherzog Ferdinand d𠆞ste Nr. 2, welches nach des Erzherzogs Ableben Hiller’s Namen erhielt. Als dann im Jahre 1814 dieses Regiment für immerwährende Zeiten den Namen Kaiser Alexander von Rußland zu tragen bestimmt ward, erhielt Feldzeugmeister Hiller das Infanterie Regiment Baron Jellačić Nr. 53 im Juli 1807 erhielt H. die Würde eines geheimen Rathes. Die Stände von Kärnthen und Steiermark, dem Feldzeugmeister dankbar für die gl࿌kliche Beschützung ihres Landes vor Verwüstung feindlicher Einfälle, hatten izhn zum 16 und Landstandeman von Tirol 18 ernante. Als H. starb, erbaten sich die Stände Galiziens von der Witwe aus eigenem Antrieb die Leiche des Entseelten, welche nach Ungarn auf sein Gut geführt werden sollte. In Lemberg wurde H. auf das Feierlichste beigesetzt und ihm von den Ständen ein würdiges Denkmal errichtet. Damals aber schritt noch nicht wie heute, das von einigen Verräthern am gro෾n Oesterreich heraufbeschworene Nationalitäten-Phantom durch die Lande, sondern jede Nation beugte sich in Ehrfurcht vor dem dem dem derden gek's, da Ehrden der Aspern, des Frankenkaisers, das unseren Nacken kerbte, abzuschütteln. Hiller, der Radetzky sciabica Zeit, wurde wie dieser von seinen Soldaten wie ein Vater geliebt ruhig, besonnen, klar ﲾrschaute sein Scharfblick rasch alle Verhältnisse, und mit Kühnheit, Umsicht und Tapferkeit führteit führte er seine a' Dispositionen ihn mit Sicherheit das sich vorgesteckte Ziel erreichen ließ.

Ritter von Rittersberg (J.), Biographien der ausgezeichnetesten verstorbenen und lebenden Feldherrn der k. K. österreichischen Armee (Prag 1828, C. W. Enders. 8°.) S. 78. – Hirtenfeld (J.), Der Militär-Maria Theresien-Orden und seine Mitglieder (Wien 1856, Staatsdruckerei. 4°.) S. 854, 1732, 1746. – Thiers, Histoire du Consulat et de l𠆞mpire (Paris, 8°.) Tome IX.Oesterreichisches Militär-Konversations-Lexikon von J. Hirtenfeld (Vienna 1850, gr. 8°.) Bd. III, S. 185 [nach diesem wäre Hiller zu Brody geboren]. – Szöllösy (Johann Nep.), Tagebuch gefeyerter Helden und wichtiger kriegerischer Ereignisse der neuesten Zeit (Fünfkirchen in Ungarn 1837, bisch. Lyc. Druckerei, 8°.) S. 242 [nach diesem geb. 10. giugno 1754]. – Ersch und Gruber, Allgemeine Encyclopํie der Wissenschaften und Künste, II. Sezione, 8. Theil, S. 178 [nach dieser geb. zu Wiener Neustadt 10 giugno 1754). – Ritter von Rittersberg (Giov.), Historischer Militär-Almanach des 16., 17., 18. und 19. Jahrhunderts (Prag 1825, C. W. Enders, 8°.) S. 224. – Oesterreichische National-Encyklopํie von Gr󤿾r und Czikann (Vienna 1835, 8°.) Bd. II, S. 584 [nach dieser geb. zu Wiener Neustadt 1755, gest. 3. Jänner 1819, welche zwei Angaben aber im Bd. VI, suppl. S. 482, dahin berichtigt werden, daß H. 1748 geboren und am 5. Juni 1819 gestorben sei]. – Oesterreichischer Zuschauer, herausgegeben von J. S. Ebersberg (Vienna, 8°.) Jahrg. 1838, Bd. I, S. 24 [nach diesem geb. zu Wiener Neustadt und gest. zu Lemberg am 5. Jänner 1819). – Brockhaus’ Conversations-Lexikon (10. Aufl.) Bd. VII, S. 737. – Nuova biografia générale … publiພ par Firmin Didot frères, sous la direction de M. le Dr. Hoefer (Parigi 1858, 8°.) Tom. XXIV, pag. 691 [25] [nach dieser geb. zu W. Neustadt 10. giugno 1754, gest. 5. giugno 1819). – Dizionario biografico et historique des hommes marqans de la fin du dix-huitième Siຌle (Londres 1800, 8°.) Tome 2de, p. 208 [unter dem Schlagworte Huller]. – biografia des hommes vivants (Parigi 1817, L. G. Michaud, 8°.) Tomo 3 me , S. 405 [daselbst wird aus Hiller’s Proclamation: Trient 26. ottobre 1813, den Franzosen die Uebersetzung einer Stelle zu Gemüthe geführt, deren Erinnerung ihnen für alle Zeiten heilsam sein mag sie lautet: 𠇬herchez en Russie, en Autriche, en Prusse, en Espagne les Fran๺is qui dominaient le monde vous trouverez des cadavres, des captifs, des blessés, des traces de leurs dévastations mais l𠆞nnemi n𠆚 plus de corps de troups sotto le armi“]. – Porträt., 1) A. Maschek gez., F. Schier litogr. Unterschrift: „Joh. Freih. v. Hiller, k. K. General-Feldzeugmeister“ (Prag, 8°.) [auch bei Rittersberg 𠇫iographien der ausgezeichneten Feldherren“] – 2) Weinert P., J.G. Mansfeld ns., Fol. – 3) Obristl. Barone von Hiller. Bei Löschenkohl a Vienna (8°.). – Adel e Wappen des Freiherrn Johann von Hiller. Wie schon oben in der Lebensskizze bemerkt worden, ist Hiller mit Diplom vom 26. Februar 1789 zufolge des erhaltenen Ritterkreuzes des Maria Theresien-Ordens in den erbländischen Freiherrnstand erhoben worden. Der einfache Adel war bereits seinem Vater Anton in Folge 45jähriger als Soldat in Kriegszeiten geleisteter Dienste mit Diplom vom 1. Februar 1771 verliehen worden. Hiller’s Vater, Anton, diente seit 1726 in der österreichischen Armee, in welche er als Gemeiner eingetreten war. Hiller’s drei Söhne dienten gleichfalls in der kaiserlichen Armee, und zwar der eine im Infanterie-Regimente Sachsen-Hildburghausen, der andere im Infantene-Regimente Nugent, der dritte im Dragoner-Regimente Württemberg, dieser letzte ist unt und Ueber die beiden anderen ist nichts Näheres bekannt, wahrscheinlich aber ist der berühmte Vertheidiger des Gratzer Schlo�rges gegen die Franzosen im Jahre 1809, der tapfere Oberest Hiller, welcher mit Muth und Ausdauer mit der verhältnißmäßig kleinen Garnison den eben nicht zu stark befestigten Schlo�rg vertheidigte und vom 13. Juni an zahlreiche meist bei NachtslugxFCer's untermommene St. Feldzeugmeister. In mehreren Werken, namentlich in Brockhaus'sx2019 Conversations-Lexikon, wird H. als verwandt mit der Familie der Hiller von Gärtringen bezeichnet und der preußische General-Lieutenant Johann August Friedrich Freiherr von Gärtringen ausdr࿌klich sein Neffe genannt. Ueber eine solche Verwandtschaft liegt gar nichts vor. Im Adelsdiplome des Vaters von unserem Hiller wird einer solchen Verwandtschaft mit der altadeligen Familie der Hiller von Gärtringen – was sonst doch zu geschehen pflegt – gar nicht erwähnt die Wappen beider Familien, nämlich der Hiller von Gärtringen und des Feldzeugmeisters Hiller sind von einander ganz verschieden, welches auch der Fall ist mit der s์hsischen Familie der Freiherren von Hiller. Und im Falle einer bestehenden Verwandtschaft wäre denn wohl zun์hst anzunehmen, daß Feldzeugmeister Hiller das altadelige Wappen seiner Verwandten entweder beibehalten oder doch angenommen hätte. Das freiherrliche Wappen des Feldzeugmeisters Hiller ist: ein goldener Schild mit einem goldgekrönten quadrirten Herzschildlein. In 1 und 4 des Herzschildleins w์hst auf dem Rande der Theilungslinie im goldenen Felde ein halber schwarzer Adler mit rother ausgeschlagener Zunge hervor in 2 befindet sich in Blau ein ﲾr sich gebogener geharnischter geharnischter rechter Griffe zum Hiebe ausholt, in 3 befindet sich gleichfalls in blau ein aufrechter gegen die Linke vorschreitender silberner Löwe. Auf der Krone des Herzschildes ruht ein etwas gekrümmter roth gekleideter rechter Arm, in der entblößten Faust einen Sl mit goldenem Gefäß zum Hiebe haltend. Der R࿌kenschild ist mit einer Freiherrnkrone bedeckt, auf welcher drei gekrönte Turnierhelme ruhen. Aus der Krone des mittleren in’s Visir gestellten Helms w์hst zwischen einem ausgebreiteten schwarzen Fluge ein geharnischter Mann mit offenem Visir, in der rechten blo෾n Faust ein entblö෾, di Schwert link auf Hat er in seine H࿏te gestemmt aus der Krone des rechten links gewendeten Helms erheben sich vier Strau෾nfedern, die erste und dritte golden, die zweite und vierte schwarz und aus der Mitte derselbenweischer ein dopperkxDF di lei Der hintere rechts gekehrte Helm zeigt zwischen zwei aus der Krone desselben hervorwachsenden B󼿾lhörnern, deren vorderes oben Gold [26] und unten roth, das hintere oben roth und unten Gold in der Mitte quergetheilt ist, den vorbeschriebenen rothbekleideten Arm, der auf dem Sl einen schräglinks durchsto෾nen bluttriefenden Türkenkopf Morire Helmdecken des mittlern Helms sind rechts schwarz und Gold, link blau und Silber jene des rechten Helms schwarz und Gold, und jene des linken roth und Gold. Schildhalter sind zwei auswärts sehende um Haupt und Lende mit Eichenlaub bekränzte wilde Männer mit grauem Haar und Barte, welche mit den freien Händen sich auf hölzerne Keulen stützen.


Johann, Freiherr von Hiller, 1748-1819 - Storia

Date della vita
Nato: 17??
Morto: (Arad / Ungheria ?), 26.04.1796 1

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 28.09.1773
Oberst: 08.04.1783
Maggiore Generale: 04.03.1789 2

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante della fortezza di Arad: prima del 1793 &ndash 26.04.1796

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Dedekind, DR11, pp.228, 664, 711 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 29.04.1796 (?)
2 ) Dedekind, DR11, p.711: 19.03.1789 (?)

H2 Hadik von Futak, Andreas Graf

Date della vita
Nato: Ofen (Buda) / Ungheria, 12.05.1764
Morto: Marczaltö / Com. Veszprém / Ungheria, 18.06.1840

Stato familiare
Fratello di H3
Sposato: Maria Freiin Raßler von Gammerschwang (1783-1854)

promozioni
Maggiore: 1779
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 06.03.1800 (w.r.f. 16.11.1799)
Feldmarschalleutnant: 16.05.1809
Generale della Cavalleria: 26.10.1827

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare in Slesia austriaca (Troppau): 11.1820 &ndash 02.1821

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
2° colonnello proprietario del reggimento ussaro N°6: 1819 &ndash 18.06.1840
I.R. Consigliere Privato: 1827
I.R. Ciambellano: 1790

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baviera:
Ordine Civile al Merito della Corona Bavarese &ndash GC: E.1814/1815
Francia:
Ordine della Légion d'Honneur &ndash GOC: E.1814/1815
Württemberg:
Ordine di Federico: 1832

Fonti stampate
Amon, IR20, p.210 | Ebert, p.(40) | MD 2, p.157 | MilSchem | Pickl, p.286 | Wrede 3, p.261 | (Wurzbach 7, p.169) | WZ, 26.05.1815 | Zivkovic,
Generalität, p.40 | Zivkovic, Heerführer, p.74

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hung/hadik1.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H3 Hadik von Futak, Karl Joseph Graf

Date della vita
Nato: Leutschau (Löcse, Levoca) / Com. Szepes / Ungheria, 28.10.1756
Morto: WIA Marengo/Piemonte, 14.06.1800 à Alessandria/Piemonte, 24.07.1800

Varianti di nome
sbagliato: Haddik

Stato familiare
Fratello di H2
Sposato: 1781 Maria Theresia Gräfin Kolowrat-Krakowsky (1756-1844)

promozioni
Maggiore: 29.05.1779
Oberstleutnant: 01.05.1784
Oberst: 07.1789
Maggiore Generale: 24.02.1794 (w.r.f. 16.02.1794)
Feldmarschalleutnant: 10.04.1797

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 07.07.1794 / CC: 29.04.1797

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Saggio biografico (di Digby Smith)
Karl Joseph Graf Hadik von Futak nacque nel 1756 a Leutschau (oggi Levoca in Slovenia) in Ungheria. Era il figlio di FM Andreas Graf Hadik, che aveva fatto irruzione a Berlino nella Guerra dei Sette Anni. Entrò in servizio militare austriaco nella cavalleria e fu promosso capitano il 1 marzo 1766 e maggiore il 29 maggio 1779, nel reggimento ussaro di suo padre. Il 1° maggio 1784 fu promosso a Oberstleutnant. Hadik combatté nella guerra di successione bavarese nel 1779 e si distinse nell'incursione su Gebersdorf. Combatté anche nelle guerre contro i Turchi nel 1788/89 e si distinse a Belgrado. Nel luglio 1789 fu promosso a Oberst e nominato comandante del reggimento ussaro "Graf von Blankenstein" N°16.
Nel 1792 il conte Hadik comandò il suo reggimento di ussari nei Paesi Bassi e il 29 settembre costrinse l'attraversamento della Sambre contro forze superiori. Ha combattuto nella sconfitta austriaca a Jemappes il 6 novembre di quell'anno. Nel 1793 si distinse nuovamente nell'azione al valico della Sambre. Il 16 ottobre 1793 ha tenuto una forza francese di gran lunga superiore per tutto il giorno il 16 ottobre per il quale è stato promosso Generalmaggiore il 24 febbraio 1794. Lo stesso anno, ad aprile, comandò una brigata di cavalleria nella divisione (Baillet de) Latour del corpo del Principe d'Orange nei Paesi Bassi. Il 7 luglio 1794 fu insignito dell'Ordine Militare Maria Teresa (KC). Nel 1795 Hadik comandò una brigata nell'Armata del Basso Reno di Clerfayt, in Germania, e nel 1796 prestò servizio nell'Armata del Basso Reno di Erzherzog Carl e combatté a Wetzlar, Amberg, Würzburg e Aschaffenburg. Per le sue azioni a Wüumlrzburg, il 29 aprile 1797, fu insignito della Croce di Comandante del MMTO. Il 10 aprile 1797, Hadik ricevette la promozione a Feldmarschalleutnant. All'inizio del 1800 comandò una divisione a Novara e combatté a Cadibona, nell'assedio di Genova e nella battaglia di Novi del 15 agosto. Ha comandato un corpo (sebbene ancora un FML) a Marengo, dove è stato ferito a morte. Morì il 24 luglio 1800 ad Alessandria.

Fonti stampate
Allmayer-Beck, p.76 | Hirtenfeld 1, p.518ff. | MD 2, p.157 | MilSchem | Wenzlik-Ebert, p.11f. | ÖMKL 3, p.8f. (sbagliato: GM del 16.01.1794) | Wurzbach 7, p.170f.

Fonti Internet
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hadik.html)
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hung/hadik1.html)
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Olmütz (Olomouc) / Moravia, 28.11.1830 1

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 01.08.1810
Maggiore Generale: 26.07.1813 2
Ritiro: 19.09.1819

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Decorazione della Fondazione Militare Elisabeth Theresian: 1824

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Rußland:
Ordine di San Vladimiro III cl.: 1815

Fonti stampate
Anonimo, DR2, p.371 | Auer, N°114 | Dedekind, DR11, pp.372, 380, 664, 720 | MilSchem | Tomaschek, DR8, p.686 | WZ, 31.07.1814, 14.10.1813, 18.10.1815

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 29.11.1830 (?)
2 ) Dedekind, DR11, pp.380 e 711: 06.08.1813 (?)

H5 Häring , Ferdinand von
Häring , Ferdinand Freiherr von

Date della vita
Nato: Neustadtl (Stráž) / Boemia, 08.03.1732
Morto: Budweis (České Budějovice) / Boemia, 04.02.1822

Stato familiare
Suocero di S80 (Smola)

promozioni
Maggiore: 2° H. 1788
Oberstleutnant: 30.09.1793
Oberst: 08.07.1797
Maggiore Generale: 15.12.1802 (w.r.f. 06.12.1802)
Feldmarschalleutnant: 01.09.1809
Feldzeugmeister: 27.04.1813
Ritiro: 27.04.1813

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 23.04.1794

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 19.12.1790

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Frank 2, p.151 | Hirtenfeld 1, p.306 | MD 2, p.158 | MilSchem | ÖMKL 3, p.10f. | Sturm 1, p.510 | Wurzbach 7, p.182f. | WZ, 11.05.1813, 08.06.1813 | Zivkovic, Generalität, p.39

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

H6 Hager von Altensteig, Franz Alois Freiherr

Date della vita
Nato: 13.09.1722
Morto: Vienna, 26.12.1812

Varianti di nome
anche: Haager / anche: Alentsteig, Allensteig

Stato familiare
Padre di H7
Sposato (1): 1753 Marianne Gräfin Schlick zu Passaun (1725-1787)
Sposato (2): Maria Eleonore Gräfin von Trauttmansdorff

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 08.12.1758 (w.r.f. 08.03.1758)
Feldmarschalleutnant: 04.11.1792 (w.r.f. 28.12.1766 1 )

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante della fortezza di Olmütz: dopo il 1758 - ?
Gran Maestro della Casa all'Arciduca Rainer d'Austria: ? &ndash 26.12.1812

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine di Leopoldo &ndash GC: 07.01.1809
Decorazione della Fondazione Militare Elisabeth Theresian: 1771
I.R. Consigliere Privato

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Auer, N°112 | MD 2, p.156 | MilSchem | ÖMKL 3, p.21 (sbagliato: b. 1719) | Wurzbach 6, p.93 | WZ, 09.03.1808, 07.01.1809, 02.02.1813

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) sic! (secondo Schmidt-Brentano, Generale)

H7 Hager von Altensteig, Johann Nepomuk Freiherr

Date della vita
Nato: 08.06.1761
Morto: Temesvár / Com. Temes / Ungheria, 25.10.1822

Varianti di nome
anche: Haager / anche: Alentsteig, Allensteig

Stato familiare
Figlio di H6
Sposato: 1809 Maria Magdalena von Illéacutessy (1793-1858)

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 22.01.1808 (w.r.f. 26.06.1805)
Feldmarschalleutnant: 27.11.1812

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante Generale ad interim nel Banato: 07.1813 e 02.1821
Comandante della fortezza di Temesvár: 1821 &ndash 25.10.1822

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
I.R. Consigliere Privato: 1820/21
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Böhm 1, pp.414, 415 | MD 2, p.156 | MilSchem | Preyer, p.115 | Wurzbach 6, p.93f. | WZ, 20.02.1808, 29.12.1812 | Zivkovic, Heerführer, p.69

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H8 Hahn, Joseph (Freiherr?) von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Raab (Györ) / Ungheria, 26.04.1806 1

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 27.02.1793 (w.r.f. 21.06.1791)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 28.04.1806 (?)

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Pest / Ungheria, 10.11.1806

Varianti di nome
anche: Heiness

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: (23.11.?)1781
Oberst: 30.05.1788
Maggiore Generale: 09.02.1790 1 (w.r.f. 03.02.1790)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem | Pizzighelli, DR10, pp.187, 190 | Wengen, DR13, pp.508, 517

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Pizzighelli, DR10, p.190: 06.02.1790 (?)

H10 Haller von Hallerstein, Gabriel Graf

Date della vita
Nato: 17??
Morto: 07.1793

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 29.07.1753

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: Leténye / Com. Zala / Ungheria, 28.10.1749
Morto: Vienna, 14.11.1823

promozioni
Maggiore: 1800
Oberstleutnant: 1805
Oberst: 2° H. 1805
Maggiore Generale: 24.05.1809
In pensione: 1809

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Hödl, IR29, pp.237, 252, 604 (sbagliato: b. 1750) | Hoen, 1809/IV, p.802, Anm.1 | Leitner 2, p.93 | MilSchem | Svoboda 1, col.53

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H12 Hannekart, Johann Sylvius Michael Ritter von

Date della vita
Nato: 27.04.1726
Morto: (Ofen / Ungheria ?), 25.06.1804

Varianti di nome
anche: Hannekarth

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 1784
Maggiore Generale: 10.11.1788 1 (w.r.f. 15.11.1788)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante della fortezza di Ofen (Buda): prima del 1793 &ndash 25.06.1804

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Maggio, IR35 (sbagliato: "Josef Freiherr v. H."), pp.93, 98 | MilSchem | (Wurzbach 7, p.320f.)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Maggio, IR35, p.98: 04.11.1788 (?)

H13 Hardegg auf Glatz und im Machlande , (Johann) Anton Leonhard Graf von

Date della vita
Nato: Vienna, 08.10.1773
Morto: Vienna, 26.12.1825

Stato familiare
Fratello di H14 e H15

promozioni
Maggiore: 17.08.1799
Oberstleutnant: 14.01.1801
Oberst: 12.1805
Maggiore Generale: 24.05.1809
Ritiro: 16.05.1812
Riattivato: 26.07.1813
Feldmarschalleutnant: 20.10.1813
Ritiro: 17.10.1817

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 28.05.1806

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baviera:
Ordine militare di Massimiliano Giuseppe &ndash CC
Russia:
Ordine di Sant'Anna I cl.

Saggio biografico (di Digby Smith)
Anton Graf von Hardegg auf Glatz und im Machlande nacque l'8 ottobre 1773 a Vienna. Entrò nel servizio militare nel 1786, prima nella fanteria e poi nel Genio. Fu di nuovo illustre durante gli assedi di Mantova nel 1796 e in quelli di Torino e Serravalle nel 1799. Per la distinta condotta nella battaglia di Caldiero nel 1805 fu insignito della Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa e alla fine di quell'anno ha ricevuto la sua promozione a Oberst. Durante la campagna del 1809 Hardegg comandò un reggimento di cavalleria. Dopo la battaglia di Aspern, fu promosso Generalmaggiore il 24 maggio 1809. A Wagram comandò una brigata mista nel II Corpo e nel 1813 fu promosso a Feldmarschalleutnant sul campo del Lipsia il 20 ottobre.
La campagna del 1814 Anton Hardegg prestò servizio come comandante di divisione in Francia. Fu anche impegnato ad Arcis-sur-Aube il 20/21 marzo, dove rimase ferito. Due anni dopo si ritirò a causa degli effetti della sua ferita. Morì il 26 dicembre 1825 a Vienna.

Fonti stampate
Hirtenfeld 2, p.786ff. | Hoen, 1809/IV, p.802, nota 1 | MilSchem | Necrologo 1825/2, p.1642 | ÖBL 2, p.186 | ÖMKL 3, p.51f. | Wurzbach 7, p.345ff. | WZ, 27.10.1813

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

H14 Hardegg auf Glatz und im Machlande , (Johann) Heinrich Graf von

Date della vita
Nato: Vienna, 14.05.1778
Morto: Vienna, 11.06.1854

Stato familiare
Fratello di H13 e H15

promozioni
Maggiore: 04.01.1806
Oberstleutnant: 01.11.1807 1
Oberst: 27.05.1809
Esci: 15.08.1810
Riattivato: 1813
Maggiore Generale: 26.12.1813 2
Feldmarschalleutnant: 07.02.1828
Generale della Cavalleria: 03.03.1843

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Ispettore della filiale di Remount: 08.1814 &ndash 11.06.1854

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 24.10.1809 3
Ordine di Leopoldo CC: 1819 / GC: 20.04.1854
Colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°7: 02.11.1826 &ndash 11.06.1854
I.R. Consigliere Privato: 09.02.1836
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Ducati sassoni combinati:
Ernestine House Order &ndash GC: 1847

Saggio biografico (di Digby Smith)
Heinrich Graf von Hardegg auf Glatz und im Machlande nacque il 14 maggio 1778 a Vienna. Entrò nel servizio militare austriaco nel 1794 nella cavalleria. Nel 1796 si distinse alla tempesta di Giessen dai francesi l'8 luglio, quando salvò GM Schellenberg dalla cattura. Nel 1807 fu promosso a Oberstleutnant. Durante la campagna del 1809 Hardegg combatté a Landshut, Aspern, Wagram e Znaim. Per le sue azioni fu promosso Oberst e insignito dell'Ordine Militare Maria Teresa (KC). Dal 1810 al 1813 fu un civile ma tornò a combattere nella campagna del 1813. Combatté a Dresda e Lipsia come Oberst di cavalleria nel Corpo di riserva, Armata di Boemia. Alla fine del 1813 Heinrich Graf Hardegg fu promosso a Generalmaggiore. Dopo il 1815 divenne ispettore di Remounts e fece molto per migliorare l'allevamento di cavalli in Austria. Morì a Vienna nel 1854.

Fonti stampate
Hirtenfeld 2, p.1051f. | MilSchem | ÖBL 2, p.186f. | ÖMKL 3, p.56f. | Riedl, UR3, p.267, 334f. (sbagliato: b. 1777) | Victorin, DR7, p.401 | Wrede 3, p.165 | Wurzbach 7, p.355ff. | WZ, 18.11.1807, 23.12.1809, 04.06.1814 | Zivkovic, Generalität, p.42 | Zivkovic, Heerführer, p.18

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Riedl, UR3, p.334s.: 11.11.1807 (?)
2 ) Riedl, UR3, p.335: 26.10.1813 (?)
3 ) Riedl, UR3, p.335: 10.07.1809 (?)

H15 Hardegg auf Glatz und im Machlande , (Johann) Ignaz Graf von

Date della vita
Nato: 30.07.1772
Morto: Vienna, 17.02.1848

Stato familiare
Fratello di H13 e H14
Sposato: 1803 Aloisia Gräfin von Gilleis (17??-1843)

promozioni
Maggiore: 04.07.1800
Oberstleutnant: 1804
Oberst: 1805
Maggiore Generale: 24.05.1809
Feldmarschalleutnant: 02.09.1813
Generale della Cavalleria: 30.12.1831

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare in Alta Austria (Linz): 12.1829 &ndash 11.1830
Comandante Generale in Transilvania: 11.1830 &ndash 07.1831
Comandante Generale in Galizia: 07-12.1831
Vicepresidente del Consiglio di guerra aulico: 12.1831 &ndash 08.1834
Presidente del Consiglio di guerra aulico: 08.1834 &ndash 17.02.1848

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine del Toson d'Oro: 1836
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 11.05.1796 / CC: 08.04.1810
Ordine di Leopoldo GC: 1839
Croce d'onore militare 1813/14 (Croce dell'esercito 1813/14):

1814
2° colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°8: 18.10.1813 &ndash 24.09.1831
Colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°8: 24.09.1831 &ndash 17.02.1848
I.R. Consigliere Privato: 11.1830
I.R. Ciambellano: 1801

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Hannover:
Ordine Guelfico &ndash GC: 1841
Parma:
Ordine Costantiniano di San Giorgio &ndash GC: 1834
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera: 1841
Russia:
Ordine di Sant'Andrea: 1846
Ordine di Sant'Alessandro Nevskij: 1823 / mer: 1832
Ordine di San Giorgio III cl.: 22.[10.]12.1813
Ordine di San Vladimir II° cl.: 1822
Ordine di Sant'Anna I cl. / w.d.
Sassonia:
Ordine della Rue Crown: 1842

Saggio biografico (di Digby Smith)
Ignaz Graf von Hardegg auf Glatz und im Machlande è nato il 30 luglio 1772. Entrato nel servizio militare nel maggio 1789 come Unterleutnant nel reggimento Chevauxleger "Kinsky" N°7 e combatté sotto FM Laudon contro i turchi. Ha cambiato come Oberleutnant al Reggimento Ussari "Esterhazy" N°32. All'inizio delle guerre rivoluzionarie Hardegg prestò servizio nei Paesi Bassi austriaci. Fu presente a Valmy e Jemappes e si distinse a Düren nel dicembre 1792. Nel 1793 fu promosso Tenente Capitano nel Reggimento Corazzieri "Hohenzollern" N°4 (poi N°8) e "Galopin" (una sorta di ADC) a GdK Graf Wurmser. Hardegg combatté a Bienwald, linee di Weissenburg, si distinse ad Uttenhofen il 26 novembre dove, con due squadroni del Reggimento Dragoni "Kaiser" N°1 sconfisse l'attacco francese al fianco di GM Hotze a Reichshofen. Distinto di nuovo il 28 novembre a Neuburg sul fiume Motter. Nel 1794 prestò servizio con distinzione sull'alto Reno e l'anno successivo il giovane conte si distinse nuovamente nella vittoria austriaca a Handschuhsheim il 24 settembre, dove prese sei squadroni di cavalleria di GM Klenau, rovesciò una forza di cavalleria francese superiore, ferì e catturò GdD Georges-Joseph Dufour e prese tre pistole e uno standard. Per questo è stato insignito della Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa. La biografia di Dufour in Six afferma che questa azione ha avuto luogo il 18 settembre.
Nel 1796 Hardegg fu di nuovo sull'alto Reno, dove combatté a Malsch, Canstatt, Esslingen, Neresheim, Biberach, Emmendingen e Kehl. Nel 1797 combatté a Diersheim, Hanau e si distinse presso il fiume Rench il 20/21 aprile.
Nel 1799 fu di nuovo sull'alto Reno e combatté a Ostrach, Stockach, il rilievo di Philippsburg ea Mannheim. Alla fine dell'anno si trasferì al Reggimento Ussari "Esterhazy" N°3 come comandante di squadriglia. Nel 1800 fu a Friburgo sul Reno superiore e combatté a Stockach, Engen, Möumlsskirch, Biberach, Memmingen, Erbach, il fiume Iller, Ulm, Neuburg, Deussenhausen, Vettenhausen e Deubach, dove fu ferito. Il 4 luglio 1800 fu promosso maggiore. Il 10 dicembre si è trasferito al Reggimento Dragoon (vacante) N°13 ed è stato poi nominato Flügel-Aiutante a Erzherzog Ferdinand a Ödenburg.
Nel 1804 Hardegg ricevette la sua promozione a Oberstleutnant nel Reggimento Ussari "Ott" N°5. Si è poi trasferito all'Uhlan Regiment "Schwarzenberg" N°2.
Già l'anno successivo fu promosso a Oberst e gli fu dato il comando del reggimento ulano N°2, ma poi si ammalò fino al dicembre 1805. Nel 1809 fu nominato comandante dell'avanguardia della divisione di FML Hennequin (tre battaglioni Jäger e reggimento ulano N°2) e si distinse nella tempesta di Berchnig e a Aspern. Il giorno dopo la vittoriosa battaglia fu promosso a Generalmaggiore e diede il comando di una brigata nel II Corpo d'Armata a Wagram, dove difese il villaggio di Baumersdorf con sette battaglioni contro i ripetuti assalti del principe Eugenio, Marmont e Oudinot e poi formò la retroguardia dell'esercito austriaco dal 6 all'11 luglio. Per il suo distinto servizio nella campagna del 1809 fu insignito della Croce di Comandante del MMTO nell'aprile 1810.
Nel 1813 il conte Ignaz Hardegg era inizialmente al comando di una brigata della 1a divisione leggera dell'FML Moritz Liechtenstein. Fu poi promosso a Feldmarschalleutnant il 2 settembre e gli fu conferito il comando di una divisione del I Corpo. Ha comandato l'avanguardia di Bennigsen dell'esercito di riserva della Polonia, fino a quando non è stato sostituito dalle truppe russe. Ha poi fatto una marcia forzata per arrivare sul campo di battaglia di Lipsia all'alba del 18 ottobre. Mentre guidava l'avanguardia dell'ala sinistra (il principe Hessen-Homburg) Hardegg fu gravemente ferito a Döumllitz. Per queste azioni, è stato insignito dell'Ordine russo di San Giorgio 3° cl. e nominato 2° Proprietario del Reggimento Corazzieri N°8. Dopo la sua guarigione tornò nell'esercito e combatté a Nogent-sur-Seine il 10/11 febbraio, contro GdD Louis-Auguste-Victor Bourmont Comte de Ghaisnes. Il 15 febbraio 1814, prese d'assalto il villaggio di Moret. Dopo la battaglia di Montereau, la sua divisione fu inviata all'Armata del Sud a Digione contro Augereau. Il 3 marzo occupò Chalons e l'11 marzo Bourg-en-Bresse. Dal 18 al 30 marzo combatté intorno a Lione. Nel 1815 accompagnò lo zar russo Alessandro I.
Nel 1829 il conte Hardegg fu nominato comandante militare a Linz e nel novembre 1830 nominato comandante generale in Transilvania insieme alla nomina a consigliere privato. Dopo la morte del Granduca Costantino di Russia ottenne la proprietà del Reggimento Corazzieri N°8 (settembre 1831). Alla fine di quell'anno Ignaz Graf Hardegg fu promosso generale di cavalleria e vicepresidente del Consiglio di guerra aulico. Tre anni dopo divenne presidente di questa più alta carica militare. Nel 1836 l'imperatore Ferdinando I gli conferì l'Ordine del Toson d'Oro. Hardegg morì il 17 febbraio 1848 a Vienna.

Fonti stampate
Hirtenfeld 2, p.889ff. | Hoen, 1809/IV, p.802, Anm.1 | HKR-Präs, N°32 (p.55f.) | MD 2, p.165 | MilSchem | ÖMKL 3, p.52ff. | ÖMZ, anno 1848, vol.2, p.117ff.: Heller, Friedrich: Nekrolog des k.k. Generals der Kavallerie und Hofkriegsraths-Präsidenten, Ignaz Grafen von Hardegg | Pickl, p.286 (sbagliato: d. 15.07.1848) | Tomaschek, DR8, pp.320, 379, 683 | Wrede 3, p.175 | Wrede (6), p.20 | Wurzbach 7, p.359ff. (sbagliato: d. 15.02.1848) | WZ, 09.09.1813 | Zivkovic, Generalität, p.41 | Zivkovic, Heerführer, pp.4, 58, 64, 73

Fonti Internet
Boettger
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale
Vederman ("Garbek")

H16 Harnoncourt, Joseph Ludwig Mathias Graf de la Fontaine von

Date della vita
Nato: Sorbey / Lorraine, 25.02.1736 (battesimo)
Morto: Harnoncourt vicino a Rouvroy / Paesi Bassi uniti (Belgio), 30.06.1816

Varianti di nome
(francese) Joseph-Louis-Mathieu Comte de La Fontaine et d&rsquoHarnoncourt

Stato familiare
Sposato: 1787 Leopoldine Gräfin Unverzagt (1762-1837)

promozioni
Maggiore: 01.02.1771
Oberstleutnant: 03.01.1772
Oberst: 01.01.1773
Maggiore Generale: 10.04.1783 (w.r.f. 29.04.1783)
Feldmarschalleutnant: 16.01.1790 (w.r.f. 18.02.1790)
Generale della Cavalleria: 10.04.1801 (w.r.f. 04.04.1801)
In pensione: 1806
Uscita: 18.06.11

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Adlatus del comandante generale in Galizia / (dal 1796) Galizia orientale: 01.1793 &ndash 01.1797
Comandante generale in Galizia orientale: 01.1797 e 04.1800
Adlatus del Comandante Generale in Alta Austria, Bassa Austria e Anteriore Austria: 1800/01 &ndash 1804
Vicepresidente della Corte d'appello militare: 12.1802 &ndash 11.1806
Vice-Comandante della Città e della Fortezza di Vienna: 1804/05 &ndash 1806

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
2° colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°29 / (dal 1798:) N°2: 1789 &ndash 06.1811
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Anonimo, DR2, p.391 | Harnoncourt, Hubert Graf d&rsquo: Gesammelte Nachrichten über die Familie der Grafen de la Fontaine-d&rsquoHarnoncourt-Unverzagt, Vienna 1894, pp.19, 234, 243, 321f. e appendice | MilSchem | Petiot, p.277f. | Wrede 3, p.133 | Zivkovic, Generalität, p.37 | Zivkovic, Heerführer, pp.34, 63

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H17 Harrach zu Rohrau, Alois Ernst Graf von

Date della vita
Nato: Vienna, 21.06.1728
Morto: Baden / Bassa Austria, 19.06.1800

Stato familiare
Fratello di H19
Zio di H18
celibe

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 15.12.1758
Maggiore Generale: 05.08.1760 (w.r.f. 27.04.1759)
Feldmarschalleutnant: 01.05.1773 (w.r.f. 28.04.1767)

Ordine Cavalleresco
Cavaliere dell'Ordine Teutonico: 1751
Coadiutore del Baliato Austria: 1783-1786
Governatore (Statthalter) del Baliato Austria: 1786-1787
comandante della provincia (Landkomtur) del Baliato Austria: 1787 &ndash 19.06.1800

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
I.R. Consigliere Privato

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Buschek, IR23, I, pp.383, 426, 474, 813 | MD 2, p.167 | MilSchem | ÖMKL 3, p.66 (sbagliato: Cavaliere Teutonico nel 1748 / GM nel 1765) | Oldenhage, p.76 | Wurzbach 7, p.368

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/bohemia/harrach2.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H18 Harrach zu Rohrau, Alois Leonhard Graf von

Date della vita
Nato: 11.01.1767
Morto: Vienna, 02.02.1827

Stato familiare
Nipote di H17 e H19

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 1805
Maggiore Generale: 12.02.1809
Feldmarschalleutnant: 29.10.1813
Ritiro: 30.08.1818

Ordine Cavalleresco
Cavaliere dell'Ordine Teutonico
Commendatore dell'Ordine Teutonico

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
I.R. Consigliere Privato: 1818
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Gatti, IngAk, p.325 | MD 2, p.167 | MilSchem

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/bohemia/harrach2.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H19 Harrach zu Rohrau, Ferdinand Johann Nepomuk Graf von

Date della vita
Nato: Rohrau / Bassa Austria, 11.11.1740
Morto: Vienna, 27.09.1796

Stato familiare
Fratello di H17
Zio di H18
Sposato: Josepha Theresia Baum von Appelshofen

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 19.01.1770
Oberst: 1772
Maggiore Generale: 13.11.1778 (w.r.f. 06.11.1778)
Feldmarschalleutnant: 27.05.1789 1 (w.r.f. 23.04.1789)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Tenente Capitano della Prima Guardia di Mare dell'Arciè: 30.03.1792 &ndash 27.09.1796

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 19.12.1790
Colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°21: 23.08.1786 &ndash 10.02.1790
2° colonnello proprietario del reggimento Chevauxleger N°1: 10.02.1790 &ndash 27.09.1796
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Hirtenfeld 1, p.302f. | Megerle, p.288 | MD 2, p.167 | MilSchem | ÖMKL 3, p.65f. | Pizzighelli, DR10, pp.180, 184, 421 | Victorin, DR7, pp.192, 401 | Wrede 3, p.339 | Wurzbach 7, p.378 (sbagliato: titolare di CuirReg N°21 il 19.08.1786)

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/bohemia/harrach2.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H20 Harsch von Almendingen, Ferdinand Philipp Graf

Date della vita
Nato: 21.11.1704
Morto: St. Margareten am Moos / Bassa Austria, 30.10.1792 1

Stato familiare
Sposato: Ludovica Freiin von Stöcken

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 22.06.1742 2
Feldmarschalleutnant: 09.11.1747 3
Feldzeugmeister: 12.06.1754 4 (w.r.f. 13.12.1748)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Vicedirettore generale degli ingegneri: 01.1760 &ndash 05.1770
Direttore dell'Accademia degli Ingegneri: 02.1760 5 & ndash 05.1770
Governatore in Slesia austriaca: 1770 6

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°50: 22.04.1749 &ndash 05.03.1766
I.R. Consigliere Privato: 11.1750

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
ADB 10, p.643 | Blasek/Rieger, 1, pp.36, 38, 43 | MilSchem | ÖMKL 3, p.71 | Wurzbach 7, p.387f. | Zivkovic, Generalität, p.30 | Zivkovic, Heerführer, pp.13, 36, 125

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) ÖMKL 3, p.71: 01.11.1792 (?) / Schmidt-Brentano: 31.10.1792 (?)
2 ) ÖMKL 3, p.71: 06.06.1742 (?)
3 ) ÖMKL 3, p.71: 08.1751 (?)
4 ) ÖMKL 3, p.71 / Zivkovic, Generalität: 29.06.1754 (?)
5 ) Blasek/Rieger, 1, p.38: 12.1760 (?)
6 ) ÖMKL 3, p.71: 1772 (?)

H21 Haugwitz, Eugen Wilhelm Freiherr von
Haugwitz, Eugen Wilhelm Graf von

Date della vita
Nato: Brünn (Brno) / Moravia, 16.11.1777
Morto: Vienna, 04.11.1867

Stato familiare
Figlio di H22
celibe

promozioni
Maggiore: 01.09.1805
Oberstleutnant: 09.1808
Oberst: 08.05.1809
Maggiore Generale: 06.08.1813
Feldmarschalleutnant: 18.06.1827 1
Ritiro: 01.07.1829

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante Militare di Napoli: 06.1815 &ndash 1817

Elevazione dello status sociale
Graf (per elevazione di suo padre): 07.12.1779

Ordine Cavalleresco
Cavaliere dell'Ordine Teutonico: 1808
Commendatore dell'Ordine Teutonico
comandante della provincia (Landkomtur) del Baliato Austria: 1835

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 30.10.1813
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°38: 03.07.1824 &ndash 04.11.1867
Croce d'onore militare 1813/14 (Croce dell'esercito 1813/14):

1814
I.R. Consigliere Privato: 1835
I.R. Ciambellano: 1806

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Napoli-Sicilia:
Ordine di San Gennaro: 1817
Ordine Militare di San Giorgio e della Riunione &ndash GC: 1821
Russia:
Ordine di San Giorgio IV cl.: 22.[10.]12.1813
Sardegna-Piemonte:
Ordine di San Maurizio e San Lazzaro &ndash GC:

Fonti stampate
Haugwitz, Eberhard Graf: Die Geschichte der Familie von Haugwitz, vol.1, Lipsia 1910, p.178f. e tavola genealogica 11 (sbagliato: d. 1860) | Hirtenfeld 2, p.1218f. (sbagliato: b. 18.11.1777) | Leitner 2, p.172f. | MD 2, p.172 | MilSchem | ÖBL 2, p.213 | ÖMKL 3, p.89f. | Pickl, p.287 | Sturm 1, p.551f. (sbagliato: b. 18.11.1777) | Wrede 1, p.391 | Wurzbach 8, 66f. | WZ, 03.09.1808, 14.10.1813, 19.02.1814

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale
Vederman

H22 Haugwitz, Karl Wilhelm Sigismund Freiherr von
Haugwitz, Karl Wilhelm Sigismund Graf von

Date della vita
Nato: 15.03.1736
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 02.03.1819

Stato familiare
Padre di H21
Sposato: 1766 Maria Josefa Gräfin von Frankenberg

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 19.01.1771 (w.r.f. 01.01.1771)

Elevazione dello status sociale
Graf: 07.12.1779

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
I.R. Ciambellano: 1758

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Frank 2, p.172 | Haugwitz, Eberhard Graf: Die Geschichte der Familie von Haugwitz, vol.1, Lipsia 1910, p.176f. e tavola genealogica 11 | MilSchem | Pickl, p.283

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Balingen / Württemberg, 19.09.1797 1

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 06.09.1796

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 17.09.1797 (?)

H24 Heilmann, Andreas von

Date della vita
Nato: intorno al 1740
Morto: Vienna, 05.02.1805

Varianti di nome
anche: Heylmann

promozioni
Maggiore: 1783
Oberstleutnant: 1793
Oberst: 1797
Maggiore Generale: 02.04.1801 (w.r.f. 24.03.1801)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Vice comandante della fortezza di Theresianstadt: 1801 &ndash 05.02.1805

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Blasek/Rieger 1/I, p.384 | Gatti, IngAk, p.191 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H25 Heister , Philipp Neri Joseph Franz de Paula Graf von

Date della vita
Nato: Klagenfurt / Carinzia, 25.12.1745
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 07.03.1826

promozioni
Maggiore: 01.05.1775
Oberstleutnant: 30.04.1784
Oberst:
Maggiore Generale: 29.09.1793 (w.r.f. . 1791)
In pensione: 1797

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
I.R. Ciambellano: 1771

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Buschek, IR23, I, pp.504, 523, 923 | Leitner 2, p.79f. | MilSchem | Pickl, p.285 | Svoboda 1, col.36

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H26 Hellebronth von Tisza-Beö , Anton

Date della vita
Nato: intorno al 1719
Morto: 15.09.1804

Varianti di nome
anche: Hellebrond

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 27.05.1788 (w.r.f. 12.04.1789)
In pensione: 1801

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H27 Henneberg, Joseph Freiherr (Henn) von

Date della vita
Nato: 30.11.1761
Morto: Eger (n.l.) / (Boemia o Ungheria ?), 23.02.1810

promozioni
Maggiore: 1796
Oberstleutnant:
Oberst: 1801
Maggiore Generale: 15.08.1808

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Württemberg:
Ordine al merito militare (Ordine militare di Carlo) - ?C: prima del 1796

Fonti stampate
Leitner 2, p.109 | MilSchem | WZ, 03.09.1808, 17.03.1810

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H28 Hennequin de Fresnel et Curel, Johann Karl Peter Ferdinand Graf

Date della vita
Nato: Curel / Piccardia / Francia, 1762
Morto: Lemberg (Lwöacutew, L&rsquoviv) / Galizia, 25.02.1831

promozioni
Francia:
[classifica]: ?
Al servizio austriaco: 01.02.1793
Oberst: 01.02.1793
Maggiore Generale: 27.09.1799 (w.r.f. 23.09.1799)
Feldmarschalleutnant: 01.01.1807
Generale della Cavalleria: 21.01.1817

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Adlatus del Comandante Generale in Galizia: 1814 &ndash (09.?)1824
Comandante Generale in Galizia: 09.1824 1 & ndash 12.1827
Comandante generale in Illiria, Austria interna e Tirolo: 27.12.1827 &ndash 08.1829
Capitano della Trabanten bagnino e il Hofburgwache: 17.12.1829 e 25.02.1831

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante ad interim del 1° Corpo d'Armata: 08.-09.1809
Comandante ad interim del distaccamento dell'esercito austriaco dell'Armata di Baviera: 10.-11.1813

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine militare Maria Teresa &ndash KC: 30.04.1802
Ordine di Leopoldo &ndash CC: 01.06.1814
Croce d'onore militare 1813/14 (Croce dell'esercito 1813/14):

1814
2° colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°4: 1809 &ndash 25.02.1831
I.R. Consigliere Privato: 10.03.1820
I.R. Ciambellano: 1803

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baviera:
Ordine militare di Massimiliano Giuseppe &ndash CC: 1813
Francia:
Ordine Militare di St. Louis
Russia:
Ordine di San Giorgio 3° cl.: 24.[12.]05.1814
Ordine di Sant'Anna I°cl.: 1813

Saggio biografico (di Digby Smith)
Johann Peter Karl Graf Hennequin von Fresnel und Curel nacque in Francia nel 1762. Dopo la Rivoluzione francese entrò nel servizio militare austriaco (1793) con il grado di colonnello. Il 27 settembre 1799 fu promosso a Generalmaggiore. Nel 1800 comandò una brigata nella divisione dell'ala destra di Schwarzenberg nella battaglia di Hohenlinden (3 dicembre). Nel 1805, il conte Hennequin era nell'Avantgarde di Schwarzenberg, sotto l'FML Klenau, al comando di una brigata di granatieri. Il 1° gennaio 1807 fu promosso a Feldmarschelleutnant. Nel 1809 comandò una divisione di fanteria nel I Corpo d'Armata di Bellegarde ad Aspern, Wagram e Znaim. Durante la campagna del 1813/14 prestò servizio nell'esercito principale e combatté ad Arcis-sur-Aube il 20-21 marzo, dove gli austriaci sconfissero Napoleone. Il 21 gennaio 1817 Hennequin ricevette la promozione a Generale der Kavallerie. Morì il 25 febbraio 1831 in Galizia.

Fonti stampate
Breslavia 1913, p.187, N°106 | Hirtenfeld 1, p.742ff. | MilSchem | ÖMKL 2, p.541f. | Petiot, p.239 (sbagliato: Oberst nel 1798 / d. 25.11.1831) | Pickl, p.267 | Wrede 3, p.145 | Wrede (6), p.66 | Wurzbach 8, p.305f. | WZ, 21.11.1813, 20.02.1814, 27.06.1814 | Zivkovic, Generalität, p.40 | Zivkovic, Heerführer, pp.44, 55, 64, 130, 133

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale
Vederman

H29 Hennuy, (Franz) Joseph Ritter von

Date della vita
Nato: 06.09.1748
Morto: 20.01.1817

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 1809
Maggiore Generale: 11.09.1813
Ritiro: 11.09.1813

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Anonimo, DR2, pp.371, 384, 398 | MilSchem | Tomaschek, DR8, p.715 | WZ, 16.12.1809

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H30 Henrici, Karl Joseph
Henrici, Karl Joseph Ritter von

Date della vita
Nato: 1736
Morto: Praga (Praha) / Boemia, 10.03.1819

Varianti di nome
anche: Henrizy

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 19.06.1789 (w.r.f. 07.03.1789)
Feldmarschalleutnant: 04.03.1796 (w.r.f. 10.02.1794)
In pensione: 1796

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Città (e Fortezza ?) Comandante di Trieste: prima del 1794 &ndash 1796

Elevazione dello status sociale
Ritter: 02.11.1782

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Frank 2, p.189 | Doerr, p.261 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H31 Herberstein, Karl Wenzel Joseph Graf von

Date della vita
Nato: 06.11.1729
Morto: Vienna, 03.08.1798

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 15.12.1758
Oberst: 1763
Maggiore Generale: 01.05.1773 1 (w.r.f. 05.08.1765)
Feldmarschalleutnant: 10.04.1783 (w.r.f. 08.04.1783)

Ordine Cavalleresco
Cavaliere dell'Ordine di Malta (min. aet.): 28.08.1741
Cavaliere Professo dell'Ordine di Malta: 12.01.1755
Commendatore della commenda di San Pietro (Carniola): 01.05.1765 &ndash 30.04.1777
Comandante della commenda di Troppau (Slesia austriaca): 01.05.1786 &ndash 03.08.1798
Ministro plenipotenziario dell'Ordine di Malta a Vienna:

21.11.1791 e 12.06.1798 (03.08.1798 ?)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Dauber, pp.182f. | DM 2, p.185f. | MilSchem | (NDB 8, S.577) | Repertorio 3, p.212

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Dauber, p.182: 01.03.1773 (?)

H32 Herbert zu Rathkeal, Johann von
Herbert zu Rathkeal, Johann Freiherr von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: 03.01.1801

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 01.01.1794 (w.r.f. 14.12.1793)
Feldmarschalleutnant: 06.03.1800 (w.r.f. 31.08.1799)
Ritirato: 06.03.1800

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 02.07.1779

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Duffy, p.373 | Frank 2, p.191 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H33 Hermann, Joseph von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: 06.05.1794

Varianti di nome
anche: Herrmann, Heermann

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 1758
Oberst: 1765 (1766 ?)
Maggiore Generale: 19.01.1771 (w.r.f. 01.05.1770)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem | Tomaschek, DR8, p.241 (Oberst nel 1766 ?), 691 (Oberst nel 1765 ?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H34 Hermann, Malachias von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Esseg (Osjek, Eszék) / Slavonia, 01.02.1808

Varianti di nome
anche: Herrmann, Heermann

promozioni
Maggiore: 18.07.1789
Oberstleutnant: 26.08.1793
Oberst: 17.03.1797
Maggiore Generale: 01.09.1805 1 (w.r.f. 04.01.1803)
In pensione: 1807

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem | Wengen, DR13, pp. 537, 567, 570, 585 segg. | WZ, 18.11.1807

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Wengen, DR13, p.586: 26.08.1805 (?)

H35 Hermann , Ludwig
Hermann von Sonnenberg, Ludwig

Date della vita
Nato: intorno al 1730
Morto: Vienna, 09.08.1806 1

Varianti di nome
anche: Herrmann / anche: Sonnberg

promozioni
Maggiore: 01.08.1779
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 10.01.1794 (w.r.f. 07.10.1791)
Ritiro: 10.01.1794

Elevazione dello status sociale
semplice nobiltà (per elevazione di un membro della famiglia): 07.01.1761 (con predicato: "von Sonnenberg")

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Amon, IR47, p.286 | Frank 2, p.193 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 11.08.1806 (?)

H36 Hertelendy (de Hertelend), Gabriel
Hertelendy (de Hertelend), Gabriel Ritter von

Date della vita
Nato: Gosztony / Com. Eisenburg (Vas) / Ungheria, 08.09.1742
Morto: Gyöngyös (n.l.) / Ungheria, 16.06.1820

promozioni
Maggiore: 15.01.1794
Oberstleutnant: 1797
Oberst: 1800
Maggiore Generale: 22.01.1808 (w.r.f. 18.06.1805)
Feldmarschalleutnant: 17.02.1812
In pensione: 1814

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 18.08.1801

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Hirtenfeld 1, p.641f. (sbagliato: b. in Gázlóny 1734 / d. 16.07.1820) | MD 2, p.188 | MilSchem | ÖMKL 3, p.170f. (sbagliato: n. a Goszlony 1734 / m. 16.07.1826) | Wurzbach 8, p.401ff. | WZ, 20.02.1808

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

H37 Herzogenberg, agosto (Picot de Peccaduc) Freiherr von

Date della vita
Nato a: Rennes / Francia, 13.02.1767
Morto: Vienna, 15.02.1834

promozioni
Francia:
[classifica]: ?
Al servizio austriaco: 1797
Maggiore: 01.09.1805
Oberstleutnant: 18.05.1809 1
Oberst: 05.1809
Maggiore Generale: 26.07.1813
Feldmarschalleutnant: 18.06.1827

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Direttore locale dell'Accademia degli Ingegneri: 21.04.1820 &ndash 15.02.1834

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 18.06.1811 (con cambio di nome da "Picot de Peccaduc" a "Herzogenberg")

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine di Leopoldo &ndash CC: 01.06.1814
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°35: 03.1822 &ndash 15.02.1834
I.R. Ciambellano: 1822

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Francia:
Ordine Militare di St. Louis &ndash KC
Ordine di San Lazzaro &ndash KC 2
Russia:
Ordine di Sant'Anna I° cl.:

Fonti stampate
Frank-Döfering, 1937 | Gatti, IngAk, p.488 | Maggio, IR35, p.168 | MD 2, p.188 | MilSchem | ÖMKL 3, p.171f. | ÖMZ, anno 1883, vol.1, p.57ff.: Leonhardi, Franz von: Feldmarschall-Lieutenant Freiherr von Herzogenberg. Commandant der Ingenieur-Akademie 1827-1834 | Pickl, p.289 | Wrede 1, p.367 | Wurzbach 8, p.413f. | WZ, 31.07.1813, 14.10.1813, 27.06.1814 | Zivkovic, Heerführer, p.37

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) ÖMKL 3, p.89: 18.03.1809 (?)
2 ) Ordine Sardo di San Maurizio e San Lazzaro (?)

H38 Assia-Darmstadt , Karl Wilhelm Georg Landgraf zu

Date della vita
Nato: Darmstadt / Assia, 16.05.1757
Morto: Darmstadt / Hessen, 15.08.1795

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 02.02.1783

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante delle forze di difesa alleate della fortezza di Maastricht: 21.02. &ndash 03.03.1793 (+)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
(Palatinato-)Baviera:
Ordine di Sant'Uberto: prima del 1796

Fonti stampate
Bodart, p.272 | MilSchem

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant13.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H39 Assia-Homburg , Ferdinand Heinrich Prinz zu
Hessen-Homburg , Ferdinand Heinrich Landgraf zu

Date della vita
Nato: Homburg / Hessen, 26.04.1783
Morto: Homburg / Hessen, 24.03.1866

Stato familiare
Fratello di H40, H41, H42

promozioni
Maggiore: 1806 1
Oberstleutnant: 16.02.1809
Oberst: 06.08.1809
Maggiore Generale: 30.04.1815
Servizio attivo sinistro: 1824
Feldmarschalleutnant: 21.12.1830
Generale della Cavalleria: 23.12.1845

Elevazione dello status sociale
Assia-Homburg:
Regiere Landgraf (langravio sovrano): 08.09.1848

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 20.10.1813
Ordine di Santo Stefano &ndash GC

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Hannover:
Ordine Guelfico &ndash GC: 1821
Assia-Kassel:
Ordine di William &ndash GC

Fonti stampate
ADB 6, p.690f. | Hirtenfeld 2, p.1222f. | MilSchem | ÖBL 2, p.305 | ÖMKL 3, p.176 (sbagliato: GdK nel 1834) | Victorin, DR7, pp.266, 403 (sbagliato: GM nel 1814), 406 | Wurzbach 8, p.434ff. | WZ, 08.05.1815 | Zivkovic, Generalität, p.42

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant15.html)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hesse.html)

H40 Hessen-Homburg , Friedrich (VI.) Joseph Ludwig Erbprinz zu
Hessen-Homburg , Friedrich (VI.) Joseph Ludwig Landgraf zu

Date della vita
Nato: Homburg / Hessen, 30.07.1769
Morto: Homburg / Hessen, 02.04.1829

Stato familiare
Fratello di H39, H41, H42
Sposato: 1818 Elisabetta Principessa di Gran Bretagna e Irlanda (1770-1840)

promozioni
Maggiore: 09.07.1790
Oberstleutnant: 24.05.1792
Oberst: 02.08.1794
Maggiore Generale: 16.04.1797 (w.r.f. 24.05.1797)
Feldmarschalleutnant: 29.10.1800 1 (w.r.f. 15.11.1800)
Generale della Cavalleria: 26.07.1813 2

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Adlato del Comandante Generale in Ungheria: 1814-1820

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante della Riserva dell'Esercito (fino al 09.1813: Corpo di Cavalleria): 08.1813 e 02.1814
Comandante dell'Armata di Riserva: 02.1814 e 03.1814
Comandante dell'Armata del Sud: 03.1814 &ndash 05.1814
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Limonest (Belleville, St. Georges, Lione): 16.-20.03.1814 (+)
Comandante della Riserva dell'Esercito: 05.-06.1814

Elevazione dello status sociale
Assia-Homburg:
Regiere Landgraf (langravio sovrano): 20.01.1820

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 19.12.1790 / CC: 30.10.1813
Ordine di Santo Stefano &ndash GC: 04.04.1810
Colonnello-proprietario del reggimento ussaro N°4: 1803 &ndash 02.04.1829

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baviera:
Ordine di Sant'Uberto: 1820
Hannover:
Ordine Guelfico &ndash GC (w.d.): 1818
Assia-Darmstadt:
Ordine di Ludwig &ndash GC
Assia-Kassel:
Ordine del Leone d'Oro &ndash GC: prima del 1796
Polonia (Russia):
Ordine dell'Aquila Bianca: 1820
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera
Ordine dell'Aquila Rossa I cl.
Russia:
Ordine di Sant'Andrea: 1819
Ordine di Sant'Alessandro Nevskij: 1813
Ordine di San Giorgio 3° cl.: 24.[12.]06.1823

Saggio biografico (di Digby Smith)
Friedrich Joseph Ludwig Karl August Erbprinz zu Hessen-Homburg nacque il 30 luglio 1769 a Homburg vor der Höhe, in Assia. Entrò nel servizio militare austriaco nell'aprile 1789 come capitano del reggimento di fanteria "Stain" N°50. Combatté nella guerra con la Turchia (1788-90) e si distinse molto il 26 giugno 1790 a Kalefat. Sebbene il suo battaglione non fosse designato per l'assalto, chiese a FZM Clerfayt se poteva prendere parte e si offrì di guidare una carica da due squadroni del reggimento ussaro "Toskana" che respinse i turchi sul Danubio. Per questo fu insignito della Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa il 19 dicembre 1790 e promosso Maggiore nel Reggimento Chevauxleger "Levenehr" N°19. Nel maggio 1792 fu promosso a Oberstleutnant nel Reggimento Corazzieri "Hohenzollern" N°4. Il 2 dicembre 1793 si distinse a Dangendorf insieme al tenente colonnello Klenau ea Neuburg. Nel 1794 il principe Federico ricevette la sua promozione a Oberst nel Reggimento Chevauxleger "Modena" N°13. Il 14 settembre 1796 fu ferito a Neuburg. Poco dopo, guidò di nuovo il suo reggimento in azione nella battaglia di Biberach il 2 ottobre e a Schliengen il 24 ottobre. Poco dopo la fine della prima guerra di coalizione (1797) fu promosso a maggiore generale.
Nel marzo 1799 il principe ricevette il comando di una brigata di cavalleria nell'esercito di Erzherzog Carl in Svevia. Il 25 marzo di quest'anno ha combattuto nella battaglia di Stockach. L'anno successivo il principe Federico ricevette la sua promozione alla FML e comandò una divisione al centro nella sconfitta nella battaglia di Hohenlinden il 3 dicembre.
Nella campagna del 1805 comandò una divisione di cavalleria nel corpo di Riesch dell'esercito principale di Mack. Il 14 ottobre combatté a Elchingen contro il maresciallo Ney e fu ferito al ponte sul Danubio. Fu portato a Ulm, dove fu poi catturato nella capitolazione di quel luogo il 15 ottobre. Come tutti gli alti ufficiali, è stato rilasciato sulla parola.
Nella campagna del 1809, il principe Friedrich comandò di nuovo una divisione di corazzieri, questa volta nel corpo di riserva di cavalleria del Liechtenstein. Ha combattuto ad Aspern ea Wagram. In quest'ultima battaglia, si distinse nella difesa di Aderklaa.
Il 26 luglio 1813 fu promosso a GoC e nominato comandante del Corpo di riserva dell'Armata di Boemia. Combatté a Dresda, al centro, tra Plauen e Strehla. Il 16 ottobre, al Lipsia, si distinse sulla fascia sinistra. Il 18 ottobre era comandante della 1 Colonna (40.000 uomini) e prese d'assalto Döumllitz (dove fu ferito) e Löumlssnig. Ha poi avanzato a Connewitz. Per questo è stato insignito della Croce di Comandante del MMTO il 30 ottobre. Il 29 dicembre 1813 il principe era il comandante della 5a colonna nel valico del Reno a Sciaffusa. Ha occupato Berna e bloccato Auxonne. Nel 1814 combatté a St Georges, Longsard, Dorieux e respinse il maresciallo Augereau a Lione. Il 20 marzo, ha preso il posto chiave di montagna di Dardille ed è entrato a Lione. L'11 aprile 1814, il principe Federico firmò un armistizio con il maresciallo Augereau. Nel 1815 comandò nuovamente la riserva dell'esercito austriaco sull'alto Reno. Nel 1820 si dimise dall'esercito austriaco per governare il langraviato di Hessen-Homburg, dove morì il 2 aprile 1829.

Fonti stampate
Bodart, p.478 | Hirtenfeld 2, p.1145ff. | MilSchem | Nekrolog 1829/1, p.315ff., N°139 | ÖBL 2, p.305 | ÖMKL 3, p.172f. | Tomaschek, DR8, p.711 | Wrede 3, p.250 | Wrede (6), p.32 | Wurzbach 8, p.436ff. | WZ, 28.04.1810, 31.07.1813, 14.10.1813, 19.02.1814 | Zivkovic, Heerführer, p.132

Fonti Internet
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hessen.html)
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant15.html)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hesse.html)
Vederman

H41 Hessen-Homburg , Gustav Adolph Friedrich Prinz zu
Hessen-Homburg , Gustav Adolph Friedrich Landgraf zu

Date della vita
Nato: Homburg / Hessen, 17.02.1781
Morto: Homburg / Hessen, 08.09.1848

Stato familiare
Fratello di H39, H40, H42
Sposato: 1818 Luise Prinzessin von Anhalt-Dessau (1798-1858)

promozioni
Svezia:
[classifica]:
Al servizio austriaco: 03.1801
Maggiore: 03.1801
Oberstleutnant: 01.12.1805
Oberst: 02.1809
Maggiore Generale: 06.06.1813 1
Feldmarschalleutnant: 04.08.1826
Generale della Cavalleria: 31.12.1842 2

Elevazione dello status sociale
Assia-Homburg:
Regiere Landgraf (langravio sovrano): 15.10.1846

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 1815
Ordine di Santo Stefano &ndash GC: 1829

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Anhalt-Köthen:
Ordine di Alberto l'Orso &ndash GC: 1840
Hannover:
Ordine Guelfico &ndash GC: 1821
Assia-Darmstadt:
Ordine di Ludwig &ndash GC
Assia-Kassel:
Ordine del Leone d'Oro &ndash GC
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera: 1846/47

Fonti stampate
Hirtenfeld 2, p.1084f. | MilSchem | ÖBL 2, p.305 | ÖMKL 3, p.175f. | Tomaschek, DR8, p.686 | Wurzbach 8, p.438f. | WZ, 22.07.1813 | Zivkovic, Generalität, p.42

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant15.html)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hesse.html)

Appunti
1 ) ÖMKL 3, p.176: 21.07.1813 (?)
2 ) ÖMKL 3, p.176: 01.01.1842 (?) / Schmidt-Brentano: 11.06.1841 (?)

H42 Hessen-Homburg , Philipp August Friedrich Prinz
Hessen-Homburg , Philipp August Friedrich Landgraf zu

Date della vita
Nato: Homburg / Hessen, 11.03.1779
Morto: Homburg / Hessen, 15.12.1846

Stato familiare
Fratello di H39, H40, H41
Sposato: 1838 (morganatica) Antonia Potoschnigg, (dal 1838:) Gräfin von Naumburg (1806-1845)

promozioni
Maggiore: 14.03.1800
Oberstleutnant: 08.1805
Oberst: 01.09.1805
Maggiore Generale: 24.05.1809
Feldmarschalleutnant: 22.09.1813 1
Feldzeugmeister: 06.06.1832
Feldmaresciallo: 28.11.1846

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Governatore di Napoli: 1821
Comandante generale in Illiria, Austria interna e Tirolo: 10.1825 &ndash 12.1827
Comandante generale in Galizia: 12.1827 &ndash 12.1829
Comandante generale in Illiria, Austria interna e Tirolo: 12.1829 &ndash 08.1839
Governatore della Confederazione Tedesca Fortezza di Magonza: 10.1839 &ndash 10.1844

Elevazione dello status sociale
Assia-Homburg:
Regiere Landgraf (langravio sovrano): 19.01.1839

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine militare Maria Teresa &ndash KC: 04.1810
Ordine di Santo Stefano &ndash CG: 1818
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°19: 08.1812 (1813 ?) &ndash 15.12.1846

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Hannover:
Ordine Guelfico &ndash GC: 1820
Assia-Darmstadt:
Ordine di Ludwig &ndash GC
Assia-Kassel:
Ordine del Leone d'Oro &ndash GC
Napoli Sicilia:
Ordine Militare di San Giorgio e della Riunione &ndash GC: 1821 (?)
e/o
Ordine di San Ferdinando e al Merito &ndash GC (?)
Polonia (Russia):
Ordine dell'Aquila Bianca: 1829
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera: 1839
Ordine dell'Aquila Rossa I cl.
Russia:
Ordine di Sant'Andrea: 1818
Ordine di Sant'Alessandro Nevskij: 1815
Ordine di San Giorgio IV cl.: 15.[03.]08.1813
Ordine di Sant'Anna I cl.
Sassonia-Weimar:
Ordine del Falco Bianco &ndash GC: 1840
Württemberg:
Ordine al merito militare &ndash CC: 1815

Saggio biografico (di Digby Smith)
Nato l'11 marzo 1769 a Homburg vor der Höumlhe, il principe Philipp August era fratello di Landgraf Friedrich. Entrò in servizio militare come capitano nell'esercito olandese nel 1794 per un anno, dopo di che l'Olanda fu invasa dai francesi. Poi si è offerto volontario per il servizio austriaco. Nel 1798 fu nominato Capitano del Reggimento Fanteria "Macchia" N°50. Ha combattuto nella prima battaglia di Züumlrich (4 giugno 1799) e l'assalto di Mannheim lo stesso anno.
Nel marzo 1800 fu promosso Maggiore nel Reggimento Fanteria "De Ligne" N°30. In quest'anno, ha combattuto a Engen, Möumlsskirch e Hohenlinden.
Alla fine del 1805 il principe ricevette la promozione a colonnello nel reggimento di fanteria "Hiller" N°2. Fu molto distinto ad Aspern il 21 maggio 1809 nel IV Corpo (5° Colonna) a Groß-Enzersdorf. All'alba del 22 maggio respinse cinque assalti di cavalleria francese. Il 24 maggio è stato promosso a Maggiore Generale. Il 5 luglio a Wagram vide che il III Corpo austriaco era in difficoltà. Senza ordini lanciò il Reggimento di Fanteria N°2 nel fianco della formazione nemica che li ributtò oltre il Russbach. Nella battaglia del 6 luglio fu ferito da un cannone.
Nel 1810 fu insignito della Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa. Nel 1812 il principe Filippo andò in Russia con il corpo di spedizione, comandando la 2a brigata, 2a divisione e si distinse nella battaglia di Podubnie. Il 28 settembre i russi assaltarono gli austriaci a Turisk. Hessen-Homburg comandava la retroguardia e la tratteneva fino al buio prima di ritirarsi a Luboml. Fu ricompensato dall'essere nominato proprietario del Reggimento di Fanteria N°19.
Nel 1813 combatté a Dresda e fu ferito a Kulm. il 21 settembre il principe fu promosso a Feldmarschalleutnant e comandante di divisione nel III Corpo dell'Armata di Boemia, comandando le brigate di Czollich e Grimmer. Si è distinto a Lipsia. Nello stesso anno, si offrì volontario per combattere a Hochheim, a est di Magonza. Fu quindi nominato Governatore di Francoforte sul Meno.
Il 24 gennaio 1814 combatté a Bar-sur-Aube, nel III Corpo di Ignaz Gyulai. Nel febbraio 1814 il principe Filippo fu nominato comandante del VI Corpo dell'Armata del Sud. Ha combattuto a St Georges, Limonest e Lione, nonché a La Fégravere Champenoise il 25 marzo. Nel 1815 comandò una divisione nel III Corpo di Wüumlrttemberg e combatté a Strasburgo. Il 28-30 luglio 1815 combatté con successo contro GdD il conte Jean Rapp a Strasburgo.
Nel 1818 il principe fu inviato in Russia in missione diplomatica per l'Austria, dove ricevette l'ordine russo di Sant'Andrea. Nel 1820 fu inviato in Gran Bretagna per un compito simile. Passò poi a Napoli come Governatore di quella città, per cui fu insignito dell'Ordine Militare di San Giorgio (GC). Nel 1825 fu nominato comandante dell'Austria interna e del Tirolo e, nel luglio 1826, partecipò all'incoronazione dello zar Nikolaus I. a Mosca. Nel 1827 fu nominato Comandante Generale in Galizia. L'anno successivo ha servito nella guerra tra Russia e Turchia. Hessen-Homburg fu inviato a San Pietroburgo come ambasciatore austriaco e ricevette l'Ordine dell'Aquila Bianca e una spada d'onore dallo Zar. Dal 1829 al 1839 fu di nuovo comandante generale nell'Austria interna e nel Tirolo. Il 6 giugno 1832 il principe Filippo ricevette la sua promozione a Feldzeugmeister. Dopo la morte del fratello fu costretto a tornare ad Hessen-Homburg per governare quel langraviato. Inoltre fu nominato Governatore della fortezza di Magonza, carica che ricoprì fino al 1844. Poche settimane prima della sua morte (15 dicembre 1846) l'imperatore Ferdinando I. lo promosse a Feldmaresciallo il 28 novembre 1846.

Fonti stampate
ADB 26, p.2f. | Hirtenfeld 2, p.1020ff. | Hoen, 1809/IV, p.802, nota 1 | MilSchem | ÖBL 2, p.305 | ÖMKL 3, p.173ff. | Wrede 1, p.250 | Wurzbach 8, p.439ff. | WZ, 09.09.1812, 01.10.1812, 18.09.1813, 19.02.1814, 13.08.1815 | Zivkovic, Generalität, pp.14 u. 41 | Zivkovic, Heerführer, pp.55, 64, 71

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant15.html)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hesse.html)
Vederman

H43 Assia-Rheinfels-Rothenburg , Karl Emanuel Landgraf zu

Date della vita
Nato: (Langen-)Schwalbach / Hessen, 05.06.1746
Morto: Francoforte sul Meno / Francoforte (granducato), 23.03.1812

Stato familiare
Sposato: 1771 Maria Leopoldine Adelgunde Prinzessin von und zu Liechtenstein (1754-1823)

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 1771
Generalmajor: 26.11.1777 (w.r.f. 18.07.1777)
Feldmarschalleutnant: 15.12.1789 (w.r.f. 27.03.1789)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine del Toson d'Oro: 1782

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
(Palatinato-)Baviera:
Ordine di Sant'Uberto: prima del 1796

Fonti stampate
Amon, IR20, p.204 | MD 3, p.43 | MilSchem | (Wurzbach 8, p.443)

Fonti Internet
Boettger
Marek (http://genealogy.euweb.cz/brabant/brabant11.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H44 Hiebel, Johann
Hiebel, Johann von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: (Peterwardein [Petrovaradin, Pétervarád] / Slavonia ?), 14.01.1799

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 15.(18.)07.1789 (w.r.f. 07.07.1789)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante della fortezza di Peterwardein: prima del 1794 &ndash 14.01.1799

Elevazione dello status sociale
nobiltà semplice: 25.11.1795

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Frank 2, p.202 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H45 Hildprandt von und zu Ottenhausen, Johann Joseph
Hildprandt von und zu Ottenhausen, Johann Joseph Freiherr

Date della vita
Nato: Kamnitz (Kamenice) / Boemia, 18.11.1743
Morto: Praga (Praha) / Boemia, 09.10.1821 1

Varianti di nome
anche: Hildprand / Hilleprand(t) / Hildeprand(t)

promozioni
Maggiore: 11.03.1782
Oberstleutnant: 28.05.1786
Oberst: 1790
Maggiore Generale: 01.09.1796 (w.r.f. 14.08.1794)
Ritiro: 16.11.1806

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 23.08.1756

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Doerr, p.240 | Frank 2, p.203 | Leitner 2, p.66f. | MilSchem | Pizzighelli, DR3, pp.33, 34, 36 | Svoboda 1, col.26f.

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Svoboda, Schmidt-Brentano: 19.10.1821 (?)

H46 Hiller, Johann Karl von
Hiller, Johann Karl Freiherr von

Date della vita
Nato: Modena, 1748 1
Morto: Lemberg (Lwöacutew, L&rsquoviv) / Galizia, 05.06.1819

Stato familiare
Sposato (1): 1780 Walpurga Freiin Ertel von Seeau (?-1801?), sorella di (2)
Sposato (2): Theresia Freiin Ertel von Seeau, sorella di (1)

promozioni
Maggiore: 14.11.1783
Oberstleutnant: 08.1788
Oberst: 13.07.1789
Maggiore Generale: 24.02.1794 (w.r.f. 14.02.1794)
Feldmarschalleutnant: 06.03.1800 (w.r.f. 02.09.1799)
Feldzeugmeister: 03.08.1809 2

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare in Tirolo e Vorarlberg (Innsbruck): 12.1801 &ndash 09.1805
Comandante militare in Alta Austria (Linz): 02.1806 e 02.1807
Comandante generale al confine militare Karlstadt-Warasdin: 02.1807 &ndash 11.1809
Comandante generale nel confine militare di Warasdin: 11.1809 &ndash 10.1810
Comandante Generale in Slavonia e Syrmia: 11.1810 &ndash 07.1813
Comandante Generale in Transilvania: 10.06.1814 e 07.1814
Comandante Generale in Galizia: 07.1814 &ndash 05.06.1819

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante del Corpo autonomo nel Vorarlberg / in Tirolo: 09.1800 &ndash 03.1801
Comandante del Corpo autonomo in Alto Adige: 09.-11.1805
Comandante del 6° Corpo d'Armata: 02.-07.1809 / 07.-11.1809
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Abensberg: 20.04.1809 (&ndash)
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Landshut: 21.04.1809 (&ndash)
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Neumarkt an der Rott: 24.04.1809 (+)
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Ebelsberg: 03.05.1809 (&ndash)
Comandante dell'esercito dell'Austria interna / (dall'11.1813) Esercito d'Italia: 02.08.1813 &ndash 03.11.(16.12.)1813

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 26.02.1789

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 15.11.1788 / CC: 05.05.1809
Croce d'onore militare 1813/14 (Croce dell'esercito 1813/14):

1814
2° colonnello proprietario del reggimento di fanteria N°2: 20.04.1801 &ndash 31.12.1806
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°2: 31.12.1806 &ndash 1814
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°53: 1814 &ndash 05.06.1819
I.R. Consigliere Privato: 07.1807
I.R. Ciambellano?

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Saggio biografico (di Digby Smith)
Johann Karl von Hiller nacque a Modena nel 1748. Figlio di un nobile, entrò nel servizio militare austriaco nel 1770 nel reggimento di fanteria "Sachsen-Hildburghausen" N°8, come cadetto. Nello stesso anno si trasferì al Reggimento Dragoon N°38 "Karl Eugen von Württemberg", come tenente. Nel 1771, Hiller tornò in fanteria e nel 1774 si acquistò un capitano nel reggimento di fanteria di Grenz N°5 "Warasdiner-Kreuzer", in "circostanze discutibili". Ha combattuto nelle guerre contro i Turchi nel 1788/89 ed è stato insignito dell'Ordine Militare Maria Teresa (KC) il 15 novembre di quell'anno, come Oberstleutnant, per la sua difesa attiva del confine croato. L'anno successivo, è stato creato a Freiherr (barone) ed è stato promosso a Oberst per la sua partecipazione alla cattura di Berbir nel 1789. Fino alla sua morte nel 1790, Hiller godette del patrocinio di FM Graf Loudon. Il 24 febbraio 1794 Hiller fu promosso a Generalmaggiore e nominato Generale-Kriegskommissär dell'esercito in Italia, responsabile della fornitura di rifornimenti per l'esercito. La sua spietata ricerca della sua carriera gli ha portato molti nemici nell'esercito.
Nel 1796, si scontrò con il suo nuovo comandante, FZM Graf Oliver Wallis, e fu inviato a servire sotto FZM Baillet de Latour nell'Armata dell'Alto Reno come GM di fanteria. Qui trovò il favore di Erzherzog Carl, ma un nuovo avversario nella persona di Carl's Adlatus, FML Graf von Bellegarde, che avrebbe giocato un ruolo cruciale nella caduta di Hiller nel 1813. Hiller combatté nella battaglia di Würzburg come comandante di brigata. A seguito di questa campagna, ha dovuto ritirarsi per motivi di salute. Tornò in servizio nel 1798 e nel 1799 comandò una divisione nel Corpo del Vorarlberg, sempre sotto Erzherzog Carl. Hiller ha combattuto nella prima battaglia di Zürich il 4 giugno ed è stato gravemente ferito al ginocchio nell'assalto alle ridotte del monte Zürich.
Il 6 marzo 1800 fu promosso a Feldmarschalleutnant e servì nella difesa del Tirolo. Nel 1801 fu nominato (brevemente) comandante ad Agram (Zagabria) e 2° colonnello proprietario del reggimento di fanteria N°2 "Erzherzog Ferdinand Karl". Nello stesso anno fu inviato a Innsbruck come comandante militare del Tirolo e del Vorarlberg.
Nel 1805 Hiller fu incaricato della difesa dell'Alto Adige. Nel 1807 tornò a comandare il Carsoädter-Warasdiner zona di confine. Qui, ha litigato duramente con il suo vecchio mecenate, Erzherzog Carl, per la politica adottata in queste aree.
Nel 1809 era ancora FML e comandante generale del VI Corpo nella Germania meridionale, l'unico comandante di corpo non di alta nobiltà. Fu sonoramente sconfitto a Landshut il 21 aprile da Napoleone. Hiller sconfisse il maresciallo Bessières e il generale bavarese von Wrede a Neumarkt an der Rott il 24 aprile, cosa che gli valse la croce di comandante dell'MMTO. Nella battaglia di Aspern, il suo corpo era all'estrema destra dell'esercito. Nonostante il maresciallo Massena abbia fatto di tutto per tenere a freno il piccolo villaggio di Aspern Hiller, alla fine lo ha cacciato e ha occupato il villaggio. Immediatamente dopo la battaglia, Hiller era pronto ad attaccare i francesi sull'isola di Lobau, ma questo fu respinto da Erzherzog Carl. C'era ora una notevole amarezza tra Hiller e l'Erzherzog. Il 4 luglio 1809 - un giorno prima della battaglia di Wagram - Hiller chiese di essere sollevato dal suo comando. Il suo desiderio è stato immediatamente esaudito. Per il suo illustre servizio ad Aspern fu promosso FZM il 3 agosto 1809 e tornò a comandare l'area di confine militare.
Nel 1813 comandò l'Armata dell'Austria Interna e andò in Italia, per rientrare in possesso dell'Illiria e di Venezia. Il 19 novembre 1813 si scontrò con la retroguardia del principe Eugenio (divisione del conte Paul Grenier) a San Michele e la sconfisse con successo. La sua incapacità di sconfiggere il principe Eugenio abbastanza sonoramente, lo fece rimuovere dal suo comando.
Nel 1814 Hiller fu nominato Comandante Generale di Siebenbürgen (Transilvania) e anche Colonnello Proprietario del Reggimento di Fanteria N°53. Morì nel 1819, come comandante generale in Galizia, a Lemberg il 5 giugno.

Fonti stampate
ADB 12, p.423f. | Bodart, pp.398, 400, 401 | BU 19, p.438f. | Frank 2, p.204 | Hirtenfeld 2, p.854ff. | Hollins, p.17f. | MD 2, p.192 | MilSchem | ÖBL 2, p.317 | ÖMKL 3, p.185ff. (sbagliato: b. in Brody / Mjr 12.1783) | Rauchensteiner, Manfried: Das sechste österr. Armeekorps im Krieg 1809. Nach den Aufzeichnungen des FZM Johann Freiherr v. Hiller (1749-1819). In: Mitteilungen des Österreichischen Staatsarchivs, vol.17/18, Vienna 1965 | Rauchensteiner, Manfried: Feldzeugmeister Johann Freiherr von Hiller, Ph.D. tesi Vienna 1965 | Rauchensteiner, Manfried: Die Armee von Innerösterreich und ihr Kommandant im Jahre 1813. In: Carinthia I. Geschichtliche und volkskundliche Beiträge zur Heimatkunde Kärntens, anno 157 (1967), p.327ff. | Ritter, p.78 | Wrede 1, pp.126, 485 | Wrede (6), p.32 | Wurzbach 9, p.20ff. (sbagliato: b. a Brody) | WZ, 29.08.1807, 25.11.1809, 15.06.1814 | Zivkovic, Generalität, p.38 | Zivkovic, Heerführer, pp.58, 63, 65, 68, 72, 129, 130

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hiller.html)

Appunti
1 ) Wurzbach / Schmidt-Brentano (articolo: 1748): 10.06.1754 (?)
2 ) Zivkovic, Generalität: FZM il 31.07.1809 (?)

H47 Hillinger, Karl von

Date della vita
Nato: Ödenburg (Sopron) / Ungheria, 1743
Morto: 03.12.1817

promozioni
Maggiore: 07.1793
Oberstleutnant: 04.1797
Oberst: 22.07.1799
Maggiore Generale: 01.09.1805 (w.r.f. 16.01.1804)
In pensione: 1805

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Pojano: 02.11.1805 (&ndash)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Bodart, p.367 | Kreipner, IR34, p.251, 313f., 348f. | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H48 Hirsch, Anton Stephan von

Date della vita
Nato: Brünn (Brno) / Moravia, 1761
Morto: Gyöngyös (n.l.) / Ungheria, 02.03.1827

promozioni
Maggiore: 20.03.1805
Oberstleutnant: 24.12.1807
Oberst: 27.05.1809
Maggiore Generale: 08.10.1813
Ritiro: 07.10.1815

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Blažekovič, IR31, I, p.290 / II, p.382 | MilSchem | WZ, 04.06.1814

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Gyöngyös (n.l.) / Ungheria, 11.10.1840

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 02.12.1808
Oberst: 31.05.1809
Maggiore Generale: 26.12.1813 (w.r.f. 07.10.1815)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Decorazione della Fondazione Militare Elisabeth Theresian: 1821

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Amon, DR9, pp.235, 244, 390 | Auer, N°124 | MilSchem | Tomaschek, DR8, p.292, 693, 718

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H50 Hochenegg , (Sigmund) Friedrich Karl Wilhelm Freiherr von
Hochenegg, (Sigmund) Friedrich Karl Wilhelm Graf von

Date della vita
Nato: "Homber" o "Hambe(r)" (n.l.) 1 / Franconia, 28.07.1770
Morto: Hütteldorf vicino a Vienna, 14.06.1848

Varianti di nome
anche: Hoheneckh, Hoheneck, Hohenegg, Hocheneck, Hocheneckh

promozioni
Maggiore: 18.10.1804 2
Oberstleutnant: 01.11.1807
Oberst: 15.01.1813
Maggiore Generale: 27.02.1814 3
Feldmarschalleutnant: 11.01.1830
Ritiro: 16.05.1831

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare nella Bukowina (Czernowitz): 11.1817 &ndash 01.1830

Elevazione dello status sociale
Graf: 27.04.1831

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°20: 02.09.1826 &ndash 14.06.1848
I.R. Ciambellano: 1815

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Amon, IR20, pp.449, 503ff. | Leitner 2, p.159 | MD 2, p.195 | MilSchem | ÖMKL 3, p.199 (sbagliato: Mjr in 12.1804) | Pickl, p.288 | Svoboda 1, col.166f. | Wrede 1, p.257 | WZ, 18.11.1807, 02.03.1813, 29.06.1814 | Zivkovic, Heerführer, p.77

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Tutte le fonti con grafie diverse di questo villaggio non identificabile (ÖMKL: "Hamrich" ?), una proprietà dei suoi genitori situata nel Circolo francone del Sacro Romano Impero
2 ) Svoboda 1, col.166: 18.12.1804 (?)
3 ) Amon, IR20, p.507: 01.03.1814 (?) / Svoboda 1, col.166: 07.03.1814 (?)

H51 Hoditz und Wolfranitz, Franz Vincenz Ferrer Graf von

Date della vita
Nato: 04.06.1744
Morto: Vienna, 18.05.1798

promozioni
Maggiore: 1772 (1776?)
Oberstleutnant: 1777
Oberst: 1784
Maggiore Generale: 16.01.1790 (w.r.f. 29.11.1789)
Feldmarschalleutnant: 04.03.1796 (w.r.f.22.06.1795)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem | Pizzighelli, DR3, pp.34, 36 | Wrede, DR6, pp.640 (Mjr nel 1772 ?), 929 (Mjr nel 1776 ?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H52 Högel , Franz
Högel von Hochheim, Franz

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Vienna, 13.05.1822

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Generalmajor (titolo a.h.): 07.1803 (w.r.f. 16.07.1803)
In pensione: 1805

Elevazione dello status sociale
nobiltà semplice: 09.08.1801 (con predicato: "von Hochheim")

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: Brünn (Brno) / Moravia, 27.08.1753
Morto: Fünfkirchen (Pécs) / Ungheria, 26.12.1819

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 01.09.1812
Ritiro: 01.09.1812

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Leitner 2, p.100 | MilSchem | Svoboda, col.84 | WZ, 01.10.1812

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H54 Hoffmeister, Joseph
Hoffmeister von Hoffenegg, Joseph

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Lemberg (Lwów, L&rsquoviv) / Galizia, 22.05.1820

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 12.02.1809
Feldmarschalleutnant: 02.08.1813
Ritiro: 04.10.1815

Elevazione dello status sociale
nobiltà semplice: 12.11.1816 (con predicato: "von Hoffenegg")

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Saggio biografico (di Digby Smith)
Il 12 febbraio 1809 Joseph Hoffmeister fu promosso a maggiore generale e comandò una brigata di fanteria il 2 maggio a Ebelsberg, nel VI Corpo di Hiller. Dal 1 al 4 giugno 1809 la sua brigata si trovava a Pressburg, respingendo i ripetuti assalti a quella testa di ponte del generale conte Antione-Charles-Louis Lasalle, ucciso il 6 luglio a Wagram. Hoffmeister non era ad Aspern, ma combatté a Wagram, nella divisione di Hohenfeld, VI Corpo. A Znaim comandò una brigata di fanteria nel V Corpo. Hoffmeister è stato promosso a Feldmarschalleutnant il 2 agosto 1813 e si ritirò due anni dopo. Morì il 22 maggio 1820.

Fonti stampate
Frank-Döfering, 1959 | MilSchem | WZ, 16.10.1813

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Date della vita
Nato: intorno al 1738
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 16.04.1801

Varianti di nome
anche: Hoffmann

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 03.10.1789 (w.r.f. 09.09.1798)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H56 Hohenfeld, Otto Adolph Karl Johann Graf von

Date della vita
Nato: Linz / Alta Austria, 29.09.1764
Morto: Linz / Alta Austria, 14.05.1824

promozioni
Maggiore: 01.10.1793 1
Oberstleutnant: 15.03.1797
Oberst: 02.12.1799 2
Maggiore Generale: 01.09.1805 3 (w.r.f. 16.02.1804)
Feldmarschalleutnant: 27.05.1809
In pensione: 1809

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Saggio biografico (di Digby Smith)
Otto Adolf Karl Johann Graf von Hohenfeld nacque il 29 settembre 1764 a Linz. Il 1° settembre 1805 fu promosso Maggiore Generale. Per la campagna del 1805 comandò una brigata di granatieri nella divisione di Hohenzollern della Riserva di Werneck. Nel 1809, comandò una brigata nelle forze di Hiller a Ebelsberg il 2 maggio. Il 27 maggio di quell'anno fu promosso a Feldmarschalleutnant. Combatté ad Aspern ea Wagram, dove comandò una divisione nel VI Corpo. Si ritirò nello stesso anno e morì il 14 maggio 1824.

Fonti stampate
Amon, IR4, p.353 | Buschek, IR23, I, pp.639, 676, 711, 818f. (sbagliato: b. 1765), 925 | Kreipner, IR34, pp.251, 311f. | MilSchem | (Wurzbach 9, p. 191) | WZ, 25.11.1809

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Kreipner, IR34, p.251: 09.1793 (?)
2 ) Amon, IR4, p.353: 21.11.1799 (?)
3 ) Buschek, IR23, I, pp.711, 819, 925: 27.08.1805 (?)

H57 Hohenfeld, Otto Philipp Dominik Joseph Graf von

Date della vita
Nato: 18.02.1733
Morto: Linz / Alta Austria, 17.04.1799 1

Stato familiare
Sposato: 1765 Maria Therese Gräfin Kinsky (1730-1797)

promozioni
Maggiore: 12.1760
Oberstleutnant: 01.04.1765
Oberst: 01.11.1765
Maggiore Generale: 01.05.1773 (w.r.f. 03.02.1770)
Feldmarschalleutnant: 10.04.1783 (w.r.f. 28.04.1783)
Feldzeugmeister: (10.02.?)1790 (w.r.f. 10.12.1790)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
2° colonnello proprietario del reggimento di fanteria N°23: 15.12.1779 &ndash 17.04.1799

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Buschek, IR23, I, pp.518, 523, 553, 650 (sbagliato: d. 17.03.1799), 802 | MD 2, p.198 | MD 7, p.107 | MilSchem | Wrede 2, p.233 | (Wurzbach 9, p.192) | Zivkovic, Generalität, p.36

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/bohemia/kinski3.html)
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) MD 7, p.107 / Schmidt-Brentano (voce 17.04.1799): 19.04.1799 (?)

H58 Hohenlohe-Bartenstein , Ludwig Alois Joachim Prinz zu

Date della vita
Nato: Bartenstein / Hohenlohe, 18.08.1765
Morto: Lunéacuteville / Lorraine o Parigi / Francia, 31.05.1829

Stato familiare
Sposato (1): 1786 Franziska Wilhelmina Gräfin von Manderscheid-Blankenheim (1770-1789)
Sposato (2): 1790 Maria Crescentia Altgräfin zu Salm-Reifferscheidt (1768-1826)

promozioni
Francia:
[classifica]: ?
Olanda:
[classifica]: ?
Al servizio austriaco: 1795
Oberstleutnant: ?
Oberst: 12.07.1797
Maggiore Generale: 24.09.1799 (w.r.f. 17.09.1799)
Feldmarschalleutnant: 20.02.1806 1
Servizio attivo sinistro: E.1809
Riattivazione: 05.06.1811
Feldzeugmeister: 29.04.1814
Ritiro: 29.04.1814
Uscita: 17.07.1816
Al servizio francese:
Tenente Generale: 09.06.1816
Maresciallo di Francia: 08.08.1827

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare in Carinzia (Klagenfurt): 08.1801 &ndash 1805

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°26: 1803-1814
2° colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°26: 1814-1815
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°41: 10.1815 &ndash 1817

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baviera:
Ordine di Sant'Uberto
Francia:
Coppia di Francia
Ordine dello Spirito Santo: 09.06.1816
Ordine militare di St. Louis &ndash KC: 1795
Ordine di San Michele &ndash CC: 09.06.1816
Assia-Kassel:
Ordine del Leone d'Oro - ?C
Hohenlohe:
Ordine della Fenice: ? cl. / Gran Maestro: ?
Russia:
Ordine di Sant'Anna I cl.

Saggio biografico (di Digby Smith)
Nato il 18 agosto 1765 a Bartenstein, nel sud-ovest della Germania, il principe entrò in servizio militare nel Corpo degli emigrati francesi, Legione Mirabeau, sul Reno superiore nel 1792. Divenne rapidamente colonnello di cavalleria. Passò quindi al servizio olandese, dove si distinse nella difesa dell'isola di Bommel alla fine del 1794. Il principe Ludwig Alois entrò quindi al servizio dell'Austria quando l'Olanda cadde sotto l'influenza francese. Il 12 luglio 1797 fu nominato 2° colonnello nel reggimento di fanteria Kerpen N°49 e combatté sotto Erzherzog Carl fino al 1799, quando si ritirò.
Tornò al servizio austriaco il 24 settembre 1799 come maggiore generale e ricevette il comando di una brigata nell'esercito difensivo. Nel 1803 fu nominato titolare del reggimento di fanteria N°26, carica che mantenne fino al 1814.
Combatté nella campagna del 1805, comandando una brigata di granatieri in Italia, compresa la battaglia di Caldiero, 29-31 ottobre, dove si distinse.
Il 22 febbraio 1806 fu promosso a Feldmarschalleutnant e nel 1807 fu nominato governatore della Galizia e rifiutò l'ordine di Napoleone di entrare nelle forze armate della Confederazione del Reno a cui apparteneva il suo principato.
Nel 1809 fu comandante di una divisione del IV Corpo di Orsini e combatté ad Aspern e Wagram e si ritirò alla fine della campagna. Nel 1813 rientrò al servizio austriaco e si distinse nella difesa di Seiffertshain, Lipsia, il 18 ottobre di quell'anno. Passò quindi al blocco di Dresda.
Nel 1814 ha combattuto nella vittoria alleata a La Ferté-sur-Aube il 28 febbraio. Successivamente il principe occupò Troyes e divenne governatore della città. Fu anche impegnato ad Arcis-sur-Aube il 20-21 marzo, dove gli austriaci sconfissero Napoleone. Il 29 aprile 1814 fu promosso a Feldzeugmeister.
Si ritirò il 17 luglio 1816 e prese servizio in Francia sotto i Borboni come luogotenente generale nella legione tedesca che portava il suo nome. Nel 1823 fu comandante dell'esercito francese inviato contro la Spagna. Nel 1827 il principe Ludwig Alois fu promosso maresciallo di Francia, nominato pari di Francia e ispettore generale di cavalleria. Quando morì (il 31 maggio 1829) non lasciò abbastanza per coprire le spese del suo funerale.

Fonti stampate
Courcelles 6, p.448f. | MilSchem | Necrologo 1829/2, N°204 (p.465ff.) | ÖMKL 3, p.249f. (sbagliato: GM 05.05.1800) | Wrede 1, pp.300, 409 | Wurzbach 9, p.193f. | WZ, 14.07.1816 | Zivkovic, Generalität, p.40 | Zivkovic, Heerführer, p.75

Fonti Internet
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hohenlohe3.html)
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe7.html) (sbagliato: d. 31.05.1827)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hohenlohe.html)

H59 Hohenlohe-Ingelfingen , Friedrich Karl Wilhelm Fürst zu

Date della vita
Nato: Ingelfingen / Hohenlohe, 16.02.1752
Morto: Kaschau (Ko&scaronice, Kassa) / Com. Abaúj-Torna / Ungheria, 16.06.1815

promozioni
Maggiore: 09.11.1781
Oberstleutnant: 01.05.1784
Oberst: 11.02.1790
Maggiore Generale: 11.10.1794 (w.r.f. 01.05.1794)
Feldmarschalleutnant: 06.03.1800 (w.r.f. 09.09.1799)
Ritiro: 26.12.1809

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Adlatus del Comandante Generale in Galizia: 02.-11.1809

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 21.11.1799
Colonnello-proprietario del reggimento dragoni N°7 / (dal 1802:) N°2: 01.05.1801 &ndash 1814
2° colonnello proprietario del reggimento dragoni N°2: 1814 &ndash 16.06.1815

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
(Palatinato-)Baviera:
Ordine di Sant'Uberto: prima del 1796

Saggio biografico (di Digby Smith)
Friedrich Karl Wilhelm Fürst zu Hohenlohe-Ingelfingen (nato a Ingelfingen, nel sud-ovest della Germania, il 16 febbraio 1752) entrò nel servizio militare austriaco nei corazzieri nel 1772. Nel 1781 fu maggiore nel reggimento dragoni N°39 "Waldeck", unità da lui comandata come colonnello nelle guerre contro i turchi nel 1788/89.
Nel 1793 prestò servizio nell'esercito dell'Alto Reno, sotto GdK Graf Wurmser. Nel 1794 combatté sul Reno, sotto FZM Hohenlohe-Kirchberg e si distinse nelle azioni di Kaiserslautern (20 settembre) e Oggersheim (9 ottobre). L'11 ottobre di quell'anno il principe Federico fu promosso a maggiore generale. Nel 1795 il principe prese parte al riuscito assalto a Magonza (29 ottobre) e vinse l'azione a Bacharach (17 dicembre). Nel 1796 prestò servizio in Germania sotto Erzherzog Carl e partecipò alla battaglia di Wüumlrzburg come comandante di brigata di cavalleria.
Nel 1799, il principe combatté sul Reno come comandante di brigata nella divisione di cavalleria della FML Graf von Riesch e si distinse nella battaglia di Stockach, il 25-26 marzo, quando i suoi corazzieri rovesciarono la divisione di cavalleria di GdD Jean-Joseph-Ange Hautpoule. Il 3 novembre, di sua iniziativa, attaccò i francesi di Ney a Löumlchgau-Erligheim sul fiume Enz e inflisse loro una bella sconfitta. Questa vittoria indusse i francesi sotto Lecourbe a togliere l'assedio alla fortezza di Philippsburg. Per questa azione vinse la Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa il 21 novembre 1799. Il 2-3 dicembre 1799 comandò la 3a Colonna d'Assalto sotto FML Graf von Sztaray, nella vittoria a Wiesloch sulle truppe di Lecourbe. Il 6 marzo 1800 fu promosso a Feldmarschalleutnant e comandò una divisione di cavalleria nel Centro alla sconfitta nella battaglia di Hohenlinden il 3 dicembre. Nel 1801 fu nominato proprietario del reggimento dragoni N°7. Nel dicembre 1805 il principe Friedrich Karl comandò la cavalleria austriaca nella quinta colonna del Prinz Johann von Liechtenstein ad Austerlitz. Si ritirò nel dicembre 1809 e morì il 16 giugno 1815 a Kaschau, in Ungheria (oggi: Slovacchia).

Fonti stampate
Hirtenfeld 1, p.558f. | MilSchem | ÖBL 2, p.392 | ÖMKL 3, p.250f. | Wenzlik-Ebert, p.12f. | Wrede 3, p.305 | Wurzbach 9, p.194ff. | WZ, 26.05.1815 | Zivkovic, Heerführer, p.63

Fonti Internet
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hohenlohe.html)
Jewison/Steiner
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe5.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H60 Hohenlohe-Kirchberg , Friedrich Wilhelm Fürst zu

Date della vita
Nato: Kirchberg / Hohenlohe, 03.12.1732
Morto: Praga (Praha) / Boemia, 10.08.1796

Stato familiare
Sposato: 1770 Friederike Gräfin Reuss zu Greiz (1748-1816)

promozioni
Maggiore: Mi. 1758
Oberstleutnant: 25.08.1761 1
Oberst: 1764
Maggiore Generale: 08.01.1770 (w.r.f. 23.12.1769)
Feldmarschalleutnant: 10.04.1783 (w.r.f. 24.04.1783)
Feldzeugmeister: 15.10.1789

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante Generale in Transilvania: 01.1789 &ndash 01.1790
Comandante generale in Boemia: 18.12.1791 &ndash 05.1792
Capo di Stato Maggiore Generale del Quartiermastro: 05.1793 &ndash 02.1794

Servizio sul campo (1789-1815)
Comandante del Corpo autonomo in Transilvania: 02.1789 &ndash 01.1790
Comandante del Corpo autonomo in Boemia: 02.-08.1790
Capo di stato maggiore (quartiere) generale dell'esercito dei Paesi Bassi: 05.1793 e 02.1794
Comandante del Corpo autonomo Hohenlohe: 07.1792 &ndash 05.1793

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 22.12.1761 / CC: 09.10.1789 / GC: 31.12.1792
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°17: 21.12.1780 &ndash 10.08.1796

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Saggio biografico (di Digby Smith)
Friedrich Fürst zu Hohenlohe-Kirchberg nacque il 3 dicembre 1732 a Kirchberg. La sua carriera militare austriaca iniziò quando si unì al reggimento di fanteria N°29 "Braunschweig-Wolfenbüttel". Ha combattuto nella guerra dei sette anni come capitano di granatieri ed è stato ferito nella battaglia di Leuthen (5 dicembre 1757) e di nuovo a Landshut il 23 giugno 1760, dove ha preso d'assalto tre ridotte prussiane. Per questo vinse la Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa il 22 dicembre 1761. Il principe sposò la contessa Friederike di Reuss-Greitz nel 1770, lo stesso anno in cui ricevette la promozione a Maggior Generale. Il principe Federico Guglielmo partecipò alla guerra di successione bavarese (1778-79). Nel 1780 divenne colonnello proprietario del reggimento di fanteria N°17. Tre anni dopo, è stato promosso a Feldmarschalleutnant. Come comandante di divisione il principe combatté nelle guerre con i turchi dal 1787 al 1792. Il 7-8 ottobre 1789 sconfisse i turchi nella battaglia di Persenji, in Valacchia. Per questo ha ricevuto la Croce di Comandante del MMTO. Il 15 ottobre 1789 fu promosso a Feldzeugmeister e nominato Comandante Generale in Transilvania (Siebenbürgen).
Nel 1792 gli fu dato il comando di tutte le truppe austriache disponibili (50.000 uomini) sull'alto Reno. Il 2 agosto 1792, di concerto con l'avanzata del grosso austriaco sotto l'Herzog von Braunschweig, attraversò il Reno a Mannheim e avanzò verso la fortezza di Thionville sul fiume Mosella. A seguito di un fallito bombardamento del luogo dal 3 al 5 settembre, il corpo di Hohenlohe-Kirchberg (insieme agli assiani e al corpo francese di émigre) fu inviato a Clermont sulla strada di Verdun&ndashChalons, per coprire il fianco meridionale dell'avanzata prussiana su Valmy. In seguito al fiasco lì, si ritirò verso est e adottò una posizione difensiva dietro la Mosella. Dal 4 al 7 dicembre riuscì a difendere Treviri su quel fiume dagli attacchi dell'Armée de la Moselle di GdD Pierre de Riel Beurnonville. Beurnonville è stato licenziato per il suo fallimento. Il 31 dicembre 1792, Hohenlohe-Kirchberg ricevette la Gran Croce dell'MMTO. Alla fine di quell'anno, il corpo di Hohenlohe-Kirchberg era in Lussemburgo e il 23 maggio 1793 ebbe un ruolo decisivo nella vittoria alleata a Famars. Negli ultimi mesi del 1793, e fino al maggio 1794, ha agito come quartier generale generale (capo di stato maggiore) per il principale esercito alleato nelle Fiandre sotto FM Prinz von Sachsen-Coburg-Saalfeld. Hohenlohe-Kirchberg fu responsabile della sconfitta francese di Avesnes-le-Sec il 12 settembre 1793. Nel 1794 comandò un corpo sull'alto Reno e fu responsabile della riconquista di Spira il 17 settembre. La sua salute cagionevole lo costrinse poi al ritiro. Morì il 10 agosto 1796 di febbre alta a Praga.

Fonti stampate
ADB 12, p.684f. | Hirtenfeld 1, p.354ff. | Hödl, IR29, pp.110, 137, 152, 609 (sbagliato: Obstlt nel 1759) | Megerle, p.290 | MilSchem, in particolare l'anno 1797, p.245ff. | ÖMKL 3, p.248f. (sbagliato: GM nel 1773) | Regele, p.28 | Strobl, IR17, I, pp.102-104, 115, tabella V/II, p.1 | Wrede 1, p.234 | Wrede (6), p.41 | Wurzbach, 9, p.196f. | Zeissberg, Heinrich von: Erzherzog Carl und Prinz Hohenlohe-Kirchberg. Ein Beitrag zur Geschichte des Feldzuges in die Champagne (1792), Vienna 1888 (= numero speciale dall'Archiv für österreichische Geschichte 73, prima metà) | Zivkovic, Generalität, p.36 | Zivkovic, Heerführer, pp.51, 57, 108, 127

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hohenlohe2.html) (sbagliato: b. 02.12.1732)
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe3.html)
Schmidt-Brentano, Generale

H61 Hohenlohe-Langenburg , Karl Gustav Heinrich Wilhelm Prinz zu

Date della vita
Nato: Leeuwarden / Paesi Bassi, 29.08.1777 1
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 26.06.1866

Stato familiare
Sposato: 1816 Friederike Landgräfin zu Fürstenberg (1781-1858)

promozioni
Maggiore: 1805
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 30.04.1815
Feldmarschalleutnant: 21.12.1830
Feldzeugmeister: 23.12.1845
Ritiro: 16.05.1848

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Primo vicepresidente del Consiglio di guerra aulico: 1835

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine di Santo Stefano &ndash CC:

05.1814
Ordine di Leopoldo &ndash GC
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°17: 02.11.1826 &ndash 26.06.1866
I.R. Consigliere Privato

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Napoli-Sicilia:
Ordine di San Gennaro: 1821
Russia:
Ordine di San Vladimiro 3° cl. ? / w. spade

Fonti stampate
MilSchem | Strobl, IR17, I, pp.157f., 221, tabella VII/II, p.1 | Wrede 1, p.234 | WZ, 28.06.1814, 08.05.1815

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe4.html)
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Strobl, IR17, I, p.157: Wolwega / Paesi Bassi, 28.11.1777 (?)

H62 Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst , Karl Albrecht Christian Prinz zu
Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst, Karl Albrecht II. Christian Fürst zu

Date della vita
Nato: Schillingsfürst / Hohenlohe, 21.02.1742
Morto: Kupferzell / Hohenlohe, 14.06.1796

Stato familiare
Padre di H63
Sposato (1): 1761 Leopoldine Prinzessin zu Löwenstein-Wertheim-Rochefort (1739-1765)
Sposato (2): 1773 Judith Freiin Reviczky von Revisnye (1753-1836)

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 25.04.1775 (w.r.f. 04.01.1771)

Elevazione dello status sociale
Hohenlohe:
Registratore Fürst (principe sovrano): 25.01.1793

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe8.html)
Schmidt-Brentano, Generale
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hohenlohe.html)

H63 Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst , Karl Albrecht Philipp Joseph Prinz zu
Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst, Karl Albrecht III. Philipp Joseph Fürst zu

Date della vita
Nato: Vienna, 29.02.1776 1
Morto: Mergentheim / Württemberg, 15.06.1843

Stato familiare
Sohn von H62
Sposato (1): 1797 Auguste Prinzessin zu Isenburg und Büdingen a Birstein (1779-1803)
Sposato (2): 1813 Leopoldine Prinzessin zu Fürstenberg (1791-1844)

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Generalmajor: 07.08.1800 (w.r.f. 03.08.1800)

Elevazione dello status sociale
Hohenlohe-Waldenburg:
Registratore Fürst (principe sovrano): 14.06.1796 e 1806

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem (ultimo ingresso: anno 1822)

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hlohe/hlohe8.html)
Schmidt-Brentano
Theroff (http://pages.prodigy.net/ptheroff/gotha/hohenlohe.html)

Appunti
1 ) Schmidt-Brentano: 28.02.1776 (?)

H64 Hohenzollern-Hechingen , Friedrich Anton Graf zu
Hohenzollern-Hechingen , Friedrich Anton Fürst zu

Date della vita
Nato: Friburgo in Brisgovia / Austria anteriore, 24.02.1726
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 26.02.1812

Stato familiare
Fratello di H66
Zio di H65
Sposato: 1774 Ernestine Josephine Gräfin von Sobeck (circa 1753-1825)

promozioni
Maggiore: 26.02.1757
Oberstleutnant: 11.03.1758
Oberst: 24.04.1763
Maggiore Generale: 07.09.1771 1 (w.r.f. 14.07.1765)
Feldmarschalleutnant: 10.04.1783 (w.r.f. 04.04.1783)
Generale della Cavalleria: 10.11.1788 (w.r.f. 01.11.1788)
Ritiro: 09.11.1788

Elevazione dello status sociale
Hohenzollern:
Primo: 01.08.1806

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
2° colonnello proprietario del reggimento corazzieri N°4: 03.08.1775 &ndash 1780
Colonnello-proprietario del reggimento corazzieri N°4 / (dal 1798:) N°8: 1780 &ndash 26.02.1812
I.R. Ciambellano: 1775

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera: prima del 1796
Ordine dell'Aquila Rossa (1° cl.?): prima del 1796
Württemberg:
Ordine dell'Aquila reale: prima del 1796

Fonti stampate
Dedekind, DR11, pp.189, 664, 721 | MD 2, p.199 | MilSchem | ÖMKL 3, p.251f. | Pickl, p.285 | Tomaschek, DR8, pp.244, 247, 683 | Wrede 3, p.175 | Wurzbach 9, p.210f. | WZ, 21.03.1812

Fonti Internet
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hohz/hohenz9.html)
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Dedekind, DR11, p.721: 31.08.1771 (?)

H65 Hohenzollern-Hechingen , Friedrich Franz Xaver Graf zu
Hohenzollern-Hechingen , Friedrich Franz Xaver Prinz zu

Date della vita
Nato: Castello Gheule vicino a Maastricht / Paesi Bassi austriaci, 31.05.1757
Morto: Vienna, 06.04.1844

Stato familiare
Nipote di H64, H66
Sposato: 1783 Maria Theresia Gräfin von Wildenstein (1763-1835)

promozioni
Maggiore: 29.01.1788
Oberstleutnant: 17.02.1790
Oberst: 01.01.1793
Maggiore Generale: 04.03.1796 1 (w.r.f. 12.03.1796)
Feldmarschalleutnant: 02.10.1799 (w.r.f. 29.09.1799)
Generale della Cavalleria: 03.08.1809
Feldmaresciallo: 18.09.1830

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante militare in Galizia occidentale (Krakau): 06.1805 &ndash 11.1809 (01.1810)
Comandante generale nell'Austria interna / (dal 1816:) Illiria, Austria interna e Tirolo: 11.1809 &ndash 10.1825
Presidente del Consiglio della Guerra Aulica: 16.10.1825 &ndash 18.09.1830
Capitano del Primo Arcièren Bagnino: 10.01.1826 &ndash 06.04.1844

Comando sul campo (1792-1815)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Modena: 12.06.1799 (&ndash)
Comandante delle forze austriache al combattimento di La Bocchetta: 09.04.1800 (+)
Comandante delle forze austriache al combattimento al Monte Creto: 13.05.1800 (+)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Herbrechtingen: 16.10.1805 (&ndash)
Comandante del 3° Corpo d'Armata: 02.-05.1809
Comandante del 2° Corpo d'Armata: 05.-11.1809
Comandante del Corpo di Riserva in Galizia: 05.1812 &ndash 05.1813
Comandante del 2° Corpo di Riserva: 09.1813 e 01.1814
Comandante del 2° Corpo d'Armata dell'Armata dell'Alto Reno: 04-10.1815

Elevazione dello status sociale
Hohenzollern:
Primo: 1806

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine del Toson d'Oro: 09.10.1826
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 29.04.1797 / CC: 06.05.1809
Ordine di Leopoldo GC: 18.09.1826
Croce d'Onore Civile d'Oro 1813/14: 26.05.1815
2° colonnello proprietario del reggimento dragoni N°3 / (dal 1798:) N°2: 1798-1801
Colonnello-proprietario del reggimento dragoni N°4 / (dal 1802:) Reggimento Chevauxleger N°2: 1801 &ndash 06.04.1844
I.R. Consigliere Privato: 2nd H. 1804
I.R. Ciambellano: 1776

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
Baden:
Ordine di fedeltà
Ordine del Leone di Zähringen &ndash GC: 1815
Hohenzollern:
Casa regnante Ordine di Hohenzollern 1° cl.: 1842
Parma:
Ordine Costantiniano di San Giorgio &ndash CG: 1830
Prussia:
Ordine dell'Aquila Nera: 1810
Ordine dell'Aquila Rossa 1° cl.: 1810

Saggio biografico (di Digby Smith)
Friedrich Franz Fürst zu Hohenzollern-Hechingen nacque il 31 maggio 1757 nel castello di Gheule, vicino a Maastricht. Entrò nel servizio militare olandese nel 1775, ma passò al servizio austriaco nel 4° Corazzieri "Friedrich Anton Fürst von Hohenzollern-Hechingen", reggimento di suo zio, nel 1776. Combatté nella guerra di successione bavarese e nelle guerre contro i turchi . Nell'autunno del 1789 si distinse nell'assedio di Belgrado. L'anno successivo il principe fu promosso a Oberstleutnant e nel 1793, a Oberst. Quell'anno ha combattuto in molti impegni nelle Fiandre, tra cui Neerwinden (18 marzo), Leuven (23 marzo) e Wattignies (15-16 ottobre). Nel 1794 fu anche spesso in azione, in particolare agli assedi di Landrecies e Charleroi. Nel 1795 il suo reggimento fu inizialmente a Magonza, poi con l'Armata dell'Alto Reno. Il 4 marzo 1796 il principe Friedrich Franz fu promosso maggiore generale e prestò servizio in Italia come generale di comando dell'Avanguardia di Allvinczy nel suo Corpo del Friuli. Fu coinvolto nel tentativo di soccorso di Mantova e combatté a Castiglione il 5 agosto, dove il tentativo di soccorso fallì. Combatté anche nella successiva sconfitta austriaca a S. Giorgio il 15 settembre e fu poi costretto a rifugiarsi a Mantova. Ha poi combattuto nella sortita della guarnigione da La Favorita il 16 gennaio. Il 29 aprile 1797 il principe ricevette la Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa.
Nelle guerre della Seconda Coalizione (1799-1801) il principe Friedrich Franz combatté nuovamente in Italia e si distinse più volte, come nella battaglia di Magnano (5 aprile 1799), del fiume Trebbia (17-20 giugno 1799), di Novi (15 agosto 1799). Fu battuto anche dal maresciallo Macdonald a Modena il 12 giugno dello stesso anno. Dopo questa campagna, è stato promosso a Feldmarschalleutnant. Nel 1800 combatté nell'assedio di Genova (La Boccetta, 9 aprile, Sassello, 10 aprile, Monte Creto, 13 maggio) poi comandò Genova dal 4 al 14 giugno. Nell'inverno del 1800 combatté al fiume Mincio il 25-26 dicembre e si distinse nuovamente.
Nel 1805 comandò una divisione nel corpo di Werneck in Svevia. Il 13 ottobre lasciò Ulm con la sua divisione, fuggì dalla capitolazione di Trochtelfingen e salvò il suo comando. Il 19 ottobre si unì al gruppo di Erzherzog Ferdinand a Gunzenhausen e raggiunse la Boemia. A fine anno si scontrò con i bavaresi a Wonau (2 dicembre) e Stecken (5 dicembre), ottenendo più vittorie, anche se minori.
Nel 1809 assunse il comando del III Corpo, con il quale combatté ad Hausen e Thann il 19 aprile e a Eggmühl il 22 aprile. Ad Aspern e Wagram, comandò il II Corpo, con distinzione. Il 3 agosto 1809 fu promosso generale di cavalleria. Dal 14 ottobre (novembre ?), è stato nominato Comandante Generale nell'Austria interna, con il suo quartier generale a Graz. Nel 1812 ricevette il comando del Corpo di riserva austriaco in Galizia.
Nella primavera del 1813, il principe Friedrich Franz fu rimandato a Graz per organizzare la mobilitazione di nuove truppe, per difendersi dall'invasione nemica dall'Italia. Nel 1815 gli fu affidato il comando del II Corpo austriaco sotto Schwarzenberg, poi tornò a Graz dopo la campagna.
Nel 1825 fu nominato presidente del Consiglio di guerra aulico (Hofkriegsrat) e cinque anni dopo (18 settembre 1830) il principe ricevette la promozione a Feldmaresciallo. Quindi si ritirò e morì il 6 aprile 1844 a Vienna.

Fonti stampate
Amon, Hauptleute, p.62ff. | ADB 12, p.701 | Bodart, pp.336, 350, 352, 354, 364 | Hirtenfeld 1, p.846ff. | HKR-Präs, N°29 (p.49ff.) | Hollins, p.8ff. | MD 2, p.199 | MilSchem | ÖBL 2, p.397f. | ÖMKL 3, p.252ff. | ÖMZ anno 1846, vol.1, p.115ff.: Smola, Karl v.: Biographische Skizze des k.k. Feldmarschalls Prinz Friedrich Franz Xavier zu Hohenzollern-Hechingen | Pickl, p.285 | Pizzighelli, DR5, pp.52, 254 | Smola, Karl v.: Das Leben des Feldmarschalls Prinzen Friedrich Franz Xavier zu Hohenzollern-Hechingen, Vienna 1845 | Wrede 3, pp.346, 682 | Wrede (6), p.20 | Wurzbach 9, p.211ff. | WZ, 25.11.1809 (errato: "Feldzeugmeister"), 28.05.1815 | Zivkovic, Generalität, pp.14, 39 (sbagliato: GdK on 31.07.1809) | Zivkovic, Heerführer, pp.4, 44, 54, 78, 130-133

Fonti Internet
Boettger
Jewison/Steiner
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hohenzollern.html) (sbagliato: GdK il 31.07.1809)
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hohz/hohenz9.html)
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Amon, Hauptleute, p.64: 03.03.1796

H66 Hohenzollern-Hechingen, Joseph Friedrich Wilhelm Fürst zu

Date della vita
Nato: Bayreuth / Brandeburgo-Bayreuth, 12.11.1711
Morto: Hechingen / Hohenzollern, 09.04.1798

Stato familiare
Fratello di H64
Zio di H65
Sposato (1): 1750 Maria Theresia Folch de Cardona y Silva (1732-1750)
Sposato (2): 1751 Therese Gräfin von Waldburg-Zeil-Wurzach (1732-1802)

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 25.06.1750
Feldmarschalleutnant: 27.01.1757
Generale della Cavalleria: 01.03.1758
sacro Romano Impero:
Reichs-Generalfeldmarschalleutnant: 26.05.1756 / 09.06.1758 1
Reichs-General der Kavallerie: 17.01.1772 2
Reichs-Generalfeldmarschall: 13.07.1787 3

Cambio di stato sociale
Registratore Fürst (principe sovrano): 1750 (?)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
MilSchem | Neuhaus, pp.339, 340 | Zivkovic, Generalität, p.31 (sbagliato: GdK il 22.01.1758)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale
Marek (http://genealogy.euweb.cz/hohz/hohenz9.html) (sbagliato: b. 1717)

Appunti
1 ) Data del Reichsgutachten / Data del decreto imperiale di ratifica (Ratifikationsdekret)
2 ) Data del Reichsgutachten
3 ) Data del Reichsgutachten

H67 Holmer, Andreas von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: 06.01.1796

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 18.10.1791 (w.r.f. 15.03.1789)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Comandante della fortezza di Eger: prima del 1793 &ndash 06.01.1796

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Decorazione della Fondazione Militare Elisabetta Teresa: 1788

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Auer, N°127 | MilSchem

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H68 Holtmann, Philipp von

Date della vita
Nato: 17??
Morto: Olmütz (Olomouc) / Moravia, 03.08.1803

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Generalmajor (titolo a.h.): 08.08.1797 (w.r.f. 26.02.1794)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H69 Horváth-Petrichevich de Széplak, Kasimir Freiherr von

Date della vita
Nato: Széplak / Transilvania, 1735
Morto: 18.02.1794

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst: 1783
Maggiore Generale: 09.10.1789 (w.r.f. 30.09.1789)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 19.12.1790

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Hirtenfeld 1, p.299f. | Leitner 2, p.50ff. (sbagliato: "Horwath de Palocz") | MD 3, p.8 | MilSchem | Wurzbach 9, p.326ff.

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

H70 Hotze, (Johann Conrad) Friedrich (von)
Hotze, (Johann Conrad) Friedrich Ritter von

Date della vita
Nato a: Richterswil (Richtersweil) / Svizzera, 20.04.1739
Morto: KIA Schänis an der Linth / Svizzera, 25.09.1799

Varianti di nome
attuale: Johann Conrad Hotz

promozioni
Al servizio russo: 15.05.1768
Seconda maggiore: E. 1771
Premier-Major: 1774
Servizio russo sinistro: 18.09.1776
Al servizio austriaco: 13.01.1778
Maggiore: 13.01.1778
Oberstleutnant: 07.11.1784
Oberst: 15.02.1786 1
Maggiore Generale: 27.02.1793
Feldmarschalleutnant: 04.03.1796 (w.r.f. 03.11.1795) 2
Servizio austriaco sinistro: 15.02.1798
Di nuovo al servizio austriaco: 29.01.1799

Servizio sul campo (1792-1815)
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Wörth: 22.12.1793 (&ndash)
Comandante dell'esercito dell'Austria interna: 01.1798 &ndash 07.1798
Comandante del Corpo autonomo nel Vorarlberg / nel Tirolo: 01.-05.1799 / 08.1799 &ndash 25.09.1799
Comandante delle forze austriache al combattimento di Feldkirch: 07.03.1799 (&ndash)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Maienfeld (St. Luciensteig): 01.05.1799 (&ndash)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Maienfeld (St. Luciensteig): 14.05.1799 (+)
Comandante delle forze austriache nella battaglia di Andelfingen (Frauenfeld): 25.05.1799 (&ndash)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Winterthur: 27.05.1799 (+)
Comandante delle forze austriache al combattimento di Schänis (al Linth): 25.(/26.)09.1799 (&ndash)

Elevazione dello status sociale
Ritter: 1793

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 25.10.1793 / CC: 29.04.1797

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Saggio biografico (di Digby Smith)
Johann Conrad Hotz, detto Friedrich Hotze, figlio di un medico e chirurgo al servizio dell'Assia, nacque il 20 aprile 1739 a Richterswil, nel cantone svizzero di Zürich. Nel 1761 fu promosso capitano. I problemi che il duca di Wüumlrttemberg ebbe con i suoi nobili portarono a una costante carenza di fondi per l'esercito, che lasciò molti ufficiali, tra cui Hotze, senza paga. Si rivolse alla Prussia, ma la fine della Guerra dei Sette Anni fece sì che i suoi servizi non fossero richiesti. Tornò a casa, quindi prese il servizio russo nel maggio 1768, sotto la zarina Katherina II, come tenente nei Dragoni di Ingermannland. Vide molta azione, principalmente nella divisione del principe Rumjancev, che stava combattendo i turchi in Valacchia. Lì fu ferito in un fallito assalto a Giurgiu, in Romania. Hotze ha poi servito sotto Suvorov ed è diventato un maggiore. Questa guerra russo-turca terminò con la pace di Kütschük Kainardschi nel 1776. Hotze tornò in Svizzera. Lungo la strada, ebbe un'udienza con l'imperatore Giuseppe II, che gli promise un posto di maggiore nell'esercito austriaco. Nel 1777, l'imperatore viaggiò attraverso Hüningen, sull'alto Reno e Hotze si avvicinò di nuovo a lui. Due anni dopo, Hotze fu nominato Maggiore nel Reggimento Cuirassier N°26 "Berlichingen". Fu mobilitato per la guerra di successione bavarese, ma non vide alcuna azione. Poco dopo, Hotze si trasferì al Reggimento Corazzieri "Voghera" N°27. Nel 1784, Hotze fu promosso a Oberstleutnant e diede il comando del 1° Corpo degli Ulani della Galizia, che in seguito divenne il Reggimento degli Ulani N°1 nell'esercito austriaco. Fu Hotze che introdusse la lancia al servizio austriaco. L'imperatore fu così soddisfatto della prestazione di Hotze, che lo nominò comandante del nuovo reggimento, con il grado di Oberst (1786). Nel 1787 fu assegnato al Reggimento Corazzieri N°4. Fu quindi inviato dall'imperatore Giuseppe II in Russia, per aiutare a organizzare i reggimenti di corazzieri russi per Katherina II. Il suo reggimento non ha combattuto nelle guerre con i turchi.
Nel 1792, il suo reggimento era in Breisgau nel corpo di Esterhàacutezy. Nella primavera del 1793 furono assegnati all'esercito di GdK Graf Wurmser sul Reno superiore. Hotze è stato promosso a Generalmaggiore. Nella presa delle linee Weissenburg il 13 ottobre, Hotze comandò la 3a colonna, che contribuì alla vittoria. Per questo ricevette il 25 ottobre dello stesso anno la Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare Maria Teresa. Il 22 dicembre 1793, il suo comando fu disperso da un pesante assalto francese al Liebfrauenberg e dovette ripiegare sul Reno.
Nel 1794 combatté nel corpo di Hohenlohe-Kirchberg sull'alto Reno. Combatté a Heiligenstein, Schweigenheim, Westheim, Landau, sul fiume Queich, a Schifferstadt, Neuhof e Oberholzheim, contro il corpo dell'Armée de la Moselle di GdD Louis-Charles-Antoine Desaix. L'anno successivo combatté di nuovo sotto Wurmser, a Edighofen e Kaiserslautern. Per la sua condotta attenta nelle ultime campagne, è stato promosso a Feldmarschalleutnant nel marzo 1796.
Nel 1796, Hotze fu coinvolto in tutte le principali azioni nella Germania meridionale sotto Erzherzog Carl. Ha comandato l'avanguardia nella battaglia di Malsch (9 luglio), ha tenuto i francesi per diverse ore nella battaglia di Cannstadt (21-22 luglio), ha comandato il centro nella battaglia di Neresheim (11 agosto) e ha tenuto il campo . Si distinse anche nelle azioni di Neumarkt e Lauf e nella battaglia di Würzburg. Il 29 aprile 1797 fu insignito della Croce di Comandante del MMTO.
Ora è stato chiamato a casa in Svizzera per prendere il comando delle truppe lì, cercando di respingere le depredazioni degli eserciti rivoluzionari francesi. Sfortunatamente, arrivò solo al momento della loro sconfitta ad Aarwangen. Il nuovo governo svizzero lo privò della cittadinanza, per essersi unito al governo svizzero in esilio. Furono gli sforzi di Hotze a indurre il Cantone dei Grigioni a chiedere aiuto all'Austria contro i francesi. Hotze fu inviato in quella provincia allo scoppio delle ostilità nel 1799. Difese Feldkirch contro le truppe di Massena il 7 e il 22-23 marzo, riconquistò la fortezza di St Luziensteig il 6 maggio, quindi, insieme a Erzherzog Carl, sconfisse Massena a Winterthur il 27 maggio. Nella 1a battaglia di Züumlrich (4 giugno) comandò l'ala sinistra sebbene ferito al braccio sinistro, costrinse i francesi alla ritirata. Hotze fu nuovamente nominato comandante del Corpo del Vorarlberg nell'agosto 1799 e fu ucciso durante una ricognizione il 25 settembre nella seconda battaglia di Züumlrich. La confusione nel comando austriaco dopo la sua morte, fu in gran parte responsabile per aver permesso alla divisione di Soult di attraversare senza opposizione il fiume Linth e di arrotolare il corpo austriaco quel giorno.

Fonti stampate
ADB 13, p.201ff. | Allmayer-Beck, p.75 | Amon, DR9, pp.159, 391 (sbagliato: "Hoczé") | Bodart, pp.285, 327, 332, 333, 335, 343 | BU 20, p.36f. | Hirtenfeld 1, p.516ff. | Hollins, p.18f. | Landolt, Pio: Der unbekannte generale Friedrich von Hotze. Ein Schweizer General in österreichischen Diensten, Zürich 1998 | MD 3, p.9 | MD 7, p.112 | (Meyer-Ott, Wilhelm): Johann Konrad Hotz, später Friedrich Wilhelm von Hotze, k.k. Feldmarschalleutnant, Zürich 1853 | MilSchem | ÖMKL 3, p.270ff. | Ritter, p.629ff. | Soldatenfreund, anno 1853, N°1 (dal 01.01.1853), p.3f. tu. N°2 (dal 05.01.1853), p.12f. | Tomaschek, DR8, pp.248 (sbagliato: Oberst nel 1787), 255 (sbagliato: GM il 06.03.1793), 686, 709 | Wrede (6), p.30 | Wurzbach 9, p.341ff. | Zivkovic, Heerführer, p.128

Fonti Internet
Ebert (http://www.napoleon-online.de/AU_Generale/html/hotze.html)
Hürlimann, Katja: Hotz Johann Konrad. In: Historisches Lexikon der Schweiz (http://www.hls-dhs-dss.ch)
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

Appunti
1 ) Soldatenfreund: 16.03.1786 (?)
2 ) Landolt: 13.01.1796 (?)

H71 Huff, Karl
Huff von Kantersdorff, Karl Freiherr

Date della vita
Nato: Namslau (Namysłów) / Slesia, 1734
Morto: Brünn (Brno) / Moravia, 23.09.1798

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant: 24.12.1768
Oberst: 01.05.1773
Maggiore Generale: 10.04.1783 1 (w.r.f. 30.03.1783)
Feldmarschalleutnant: 16.01.1790 (w.r.f. 19.01.1790)
Ritiro: 12.1794

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Adlatus del Comandante Generale in Moravia e Slesia:

1790 e fino al 12.1794
Governatore della fortezza di Mainz: 23.10.1794 (retroattivo dal 01.08.) &ndash 11.1794

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 27.11.1773 (con predicato: "von Kantersdorff")

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 11.11.1763
Colonnello-proprietario del reggimento di fanteria N°8: 02.1790 &ndash 23.09.1798

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Frank 2, p.242 | Hirtenfeld 1, p.186f. | Lautzas, Peter: Die Festung Mainz im Zeitalter des Ancien Regime, der Französischen Revolution und des Empire (1736-1814). Ein Beitrag zur Militärstruktur des Mittelrhein-Gebietes, Wiesbaden 1973, p.104 | MD 3, p.13 | MilSchem | ÖMKL 3, p.285 | Wurzbach 9, p.410f. | Wrede 1, p.165

Fonti Internet
Jewison/Steiner
Schmidt-Brentano, Generale

H72 Humbourg, (Peter) Valentin Gregor
Humbourg, (Peter) Valentin Gregor von
Humbourg, (Peter) Valentin Gregor Ritter von

Date della vita
Nato: 17.11.1738
Morto: Vienna, 02.02.1809

Varianti di nome
anche: Humburg, Homburg

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 04.03.1796 (w.r.f. 12.08.1794)
Ritiro: 04.03.1796

Elevazione dello status sociale
nobiltà semplice (per elevazione di un membro della famiglia): 04.02.1767
Ritter: 23.05.1772

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash (?)

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash (?)

Fonti stampate
Frank 2, p.243 | MilSchem | WZ, 11.02.1809

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H73 Humbracht, Gottfried Eitel Ludwig
Humbracht, Gottfried Eitel Ludwig Freiherr von

Date della vita
Nato: 29.11.1730
Morto: Vienna, 04.12.1822

Stato familiare
Sposato: [N.] Freiin von Drechsel

promozioni
Maggiore:
Oberstleutnant:
Oberst:
Maggiore Generale: 10.01.1794 (w.r.f. 07.07.1791)
Feldmarschalleutnant: 03.1803 (w.r.f. 27.02.1803)

Poste e Uffici (Esercito, Politica, Tribunale)
Vice-Ispettore delle disposizioni militari: 1800-1803 (?)

Elevazione dello status sociale
Freiherr: 1765

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
&ndash

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
MilSchem | (Wurzbach 9, p.418) | Zedlitz-Neukirch 2, p.465

Fonti Internet
Schmidt-Brentano, Generale

H74 Hutten zum Stoltzenberg , Philipp Wilhelm Franz Ferdinand Freiherr von

Date della vita
Nato: Würzburg / Würzburg (principe vescovile), 19.09.1737
Morto: Lussemburgo / Paesi Bassi austriaci, 24.05.1794

promozioni
Maggiore: 09.1768
Oberstleutnant: 02.1774
Oberst: 01.09.1778
Maggiore Generale: 09.10.1787 (w.r.f. 08.10.1787)
Feldmarschalleutnant: 29.12.1793 (w.r.f. 05.12.1793)

Ordini, premi, nomine d'onore (Austria)
Ordine Militare Maria Teresa &ndash KC: 19.05.1779
I.R. Ciambellano

Ordini, Premi, Nomine Onorarie (Paesi Esteri)
&ndash

Fonti stampate
Amon, IR20, pp.202, 204, 206, 214 | Hirtenfeld 1, p.227f. | DM 3, p.15f. | MilSchem | ÖMKL 3, p.298f. | Wurzbach 9, p.453f.


Feldzeugmeister Johann Freiherr von Hiller.

Titolo: Feldzeugmeister Johann Freiherr von Hiller.

Editore: Notring, Vienna,

Data di pubblicazione: 1972

Widerrufsrecht für Verbraucher

Sie können Ihre Vertragserklärung innerhalb von einem Monat ohne Angabe von Gründen in Textform (z. B. Brief, E-Mail) oder - wenn Ihnen die Sache vor Fristablauf überlassen wird - durch Ründen più ampio Die Frist beginnt nach Erhalt dieser Belehrung in Textform, jedoch nicht vor Eingang der Ware beim Empfänger (bei der wiederkehrenden Lieferung gleichartiger Waren nicht vor dem Eingang der ersten Teillieferung) und auch nicht vor.

Die Versandkostenpauschalen basieren auf Sendungen mit einem durchschnittlichen Gewicht. Falls das von Ihnen bestellte Buch besonders schwer oder sperrig sein sollte, werden wir Sie informieren, falls zus tzliche Versandkosten anfallen.

Modalità di pagamento
accettato dal venditore

Fattura PayPal Bonifico bancario/bonifico

Libreria: Antiquariat Uwe Berg
Indirizzo: Toppenstedt, Germania
Libreria AbeBooks dal: 19 aprile 2010


File:Johann von Hiller.jpg

Questo lavoro è in dominio pubblico nel suo paese di origine e in altri paesi e aree in cui il termine di copyright è dell'autore vita più 70 anni o meno.

Devi includere anche un tag di dominio pubblico degli Stati Uniti per indicare il motivo per cui quest'opera è di dominio pubblico negli Stati Uniti. Nota che alcuni paesi hanno termini di copyright più lunghi di 70 anni: il Messico ha 100 anni, la Giamaica ha 95 anni, La Colombia ha 80 anni e Guatemala e Samoa hanno 75 anni. Questa immagine potrebbe non essere di dominio pubblico in questi paesi, che inoltre non non applicare la regola del più breve termine. La Costa d'Avorio ha una durata generale del copyright di 99 anni e l'Honduras ha 75 anni, ma loro fare applicare la regola del più breve termine. Il diritto d'autore può estendersi alle opere create da francesi morti per la Francia nella seconda guerra mondiale (ulteriori informazioni), russi che hanno prestato servizio sul fronte orientale della seconda guerra mondiale (nota come la Grande guerra patriottica in Russia) e vittime postume riabilitate delle repressioni sovietiche ( maggiori informazioni).


Death of a Republic (Una cronologia monarchica degli Stati Uniti)

Quindi i neri liberi, così come le persone delle nazioni mediterranee, sarebbero finite da qualche parte intorno all'OTL Minnesota? Potrebbe essere interessante se i detenuti in queste "regioni penali" adottassero una mentalità "siamo tutti in questa mentalità" riguardo alla loro situazione. Posso anche vederli guardare i cinesi e grattarsi la testa riguardo a quale regione climatica si sono adattati dal momento che la Cina non è uno di quei paesi che possono essere ordinatamente ordinati in una qualsiasi categoria climatica.

Il West americano sarà molto più strano di OTL etnicamente parlando.

Alcune persone pensano che una cronologia della cronologia alternativa debba avere sempre un senso, altrimenti dovrebbe ricevere un grande vecchio timbro ASB. Gli esseri umani, in quanto creature emotive, non prendono decisioni razionali al 100%. Sono assolutamente certo che nella maggior parte delle linee temporali su questo sito la nostra linea temporale sarebbe probabilmente denigrata come ASB per tutte le cose stupide che sono successe. L'ascesa di Adolf Hitler, ad esempio, sarebbe considerata assolutamente folle nella maggior parte delle linee temporali alternative. Le persone sono così desiderose di mantenere ogni dettaglio curato e ordinato che non riescono a includere il tipo di bocconcini degni di "Ripley's Believe or Not" che possono essere trovati ovunque in OTL.

Sto aspettando con il fiato sospeso per il prossimo capitolo di questa linea temporale meravigliosamente folle.

OnestoAbe1809

Schnozzberry

Sono tornato! Scusa per non aver risposto all'ultimo pezzo di speculazione (e alle tue belle parole @HonestAbe1809), ero impegnato con le lezioni. Comunque, ho di nuovo un aggiornamento sull'Austria e le fiamme della Rivoluzione si avvicinano sempre di più, ma il prossimo aggiornamento sarà sicuramente sull'America. È passato da quando ho parlato dell'America, e questa linea temporale è apparentemente una linea temporale incentrata sull'America.

"Soldato! Zu den Waffen! Ihr Land schreit vor Angst!"
--Johann Freiherr von Hiller

Quando von Hiller e i suoi cinquemila presero il palazzo di Schönbrunn, qualcosa non andava. Von Hiller è stato ritardato dal vedere l'Imperatore per ore dal personale del palazzo. Dopo averne abbastanza, von Hiller, affiancato da uomini fedeli, iniziò a farsi strada verso la stanza dell'Imperatore, deciso a ottenere risposte. Per tutto il tragitto, il personale ha tentato di fermarlo, supplicando von Hiller di fermarsi. Raggiunto infine la stanza dell'imperatore, von Hiller lo trovò immobile, assistito da medici e personale, mentre gli venivano letti i suoi ultimi riti.

Giuseppe II, per grazia di Dio eletto imperatore del Sacro Romano Impero, per sempre agosto, era caduto in coma due giorni prima. Giuseppe era stato a lungo malato, essendo stato costretto a letto dal 1788. Tuttavia, la sua salute era stata in significativo declino per tutto il 1790, e quando l'imperatore Giuseppe seppe della marcia di von Hiller su Vienna, l'imperatore sembrò aver rinunciato alla vita. Avendo da tempo visto il suo regno come un fallimento, l'imperatore Giuseppe si è scoraggiato dopo aver appreso dell'ammutinamento e si è rifiutato di mangiare, portandolo direttamente all'incoscienza.

Mentre von Hiller osservava l'Imperatore leggere i suoi ultimi riti, sapeva che il suo momento di agire era adesso. Quel giorno, von Hiller si proclamò presidente dell'Hofkriegsrat e i suoi cinquemila, insieme a quali elementi della guarnigione viennese giurarono fedeltà a von Hiller, si assicurarono la loro presa su Vienna, arrestando molti funzionari del governo nel processo. L'unico importante funzionario del governo austriaco che evitò gli arresti fu il cancelliere di Stato Anton, che era fuggito giorni prima.

L'imperatore Giuseppe non si riprese mai dal coma, e meno di cinque ore dopo che il colpo di stato di von Hiller prese Schönbrunn, il corpo dell'imperatore emise un ultimo respiro. La sua morte avrebbe spronato von Hiller a dichiararsi reggente per il successore di Giuseppe, suo fratello Leopoldo. Leopoldo, all'epoca Granduca di Toscana, si rifiutò di riconoscere von Hiller come Reggente. Sfortunatamente per Leopoldo, l'esercito austriaco lo fece, anche se diversi ufficiali superiori si sarebbero dimessi per protesta nelle settimane successive. Con il sostegno dell'esercito austriaco, il regime di von Hiller era sicuro di operare contro i desideri di Leopold - almeno per il breve termine.

Essendo prima di tutto un capo militare, le prime azioni di von Hiller ruotarono attorno alla situazione militare in cui si trovava l'Austria. La corruzione e la cattiva gestione che avevano portato l'esercito in Prussia alla fame furono rapidamente ripuliti con l'istituzione della Kriegsversorgungskommission o Commissione per l'approvvigionamento di guerra. Lo scopo principale della Commissione era quello di operare come esattori delle tasse personali dell'esercito, sequestrando denaro, generi alimentari e altre forniture necessarie per lo sforzo bellico dai contadini. Inoltre, la Commissione doveva reprimere i funzionari corrotti e garantire la competenza nella distribuzione delle forniture. In definitiva, la Commissione era estremamente impopolare con il popolo austriaco e avrebbe portato al crollo del regime di von Hiller, ma a breve termine ha migliorato significativamente la situazione dell'offerta.

Per quanto riguarda la condotta della guerra, von Hiller cambiò gli obiettivi dell'Austria a est. La Prussia era ancora il nemico principale, quindi von Hiller continuò a dedicare la maggior parte dello sforzo bellico austriaco alla sconfitta della Prussia. Tuttavia, le forze russe e polacche rappresentavano ancora una minaccia significativa, specialmente se dovessero cooperare con la Prussia, così von Hiller decise di fare aperture di pace con i nemici orientali dell'Austria. Sia la zarina Caterina che il re Stanislao furono felicissimi della notizia della capitolazione dell'Austria poiché significava che la guerra rapida e relativamente incruenta in Galizia sarebbe rimasta una guerra rapida e relativamente incruenta che poteva essere molto più facilmente sfruttata politicamente. Né la Zarina né il re volevano in particolare che la guerra con l'Austria diventasse una lunga guerra macinante simile alla Grande Guerra Olandese poiché una tale guerra sarebbe quasi certamente molto impopolare, specialmente per la Russia a causa delle sconfitte che la Russia aveva già subito per mano dell'Impero Ottomano Turchi e Svezia.

C'era un ostacolo tra la pace che tutte le parti volevano e la pace: i diversi obiettivi tra Russia e Polonia. La zarina Caterina aveva sperato di umiliare l'Austria come una spinta al prestigio russo, ma la zarina non voleva effettivamente rompere l'Austria o infliggere abbastanza danni che gli austriaci potessero schierarsi con i turchi ottomani contro la Russia, piuttosto che il contrario. Re Stanisław, d'altra parte, voleva rivendicare la Galizia e, se possibile, lasciare un'Austria arrabbiata con la Russia che potrebbe essere un possibile futuro alleato quando la Polonia avesse riaffermato la sua indipendenza. Ciò ha lasciato una situazione leggermente imbarazzante ai negoziati di pace poiché von Hiller era perfettamente disposto a rinunciare alla Galizia e la Polonia era perfettamente disposta ad accettarlo, ma l'apparente alleato della Polonia, la Russia, ha respinto qualsiasi proposta per la Polonia di riconquistare la Galizia. Mentre i negoziati si trascinavano, la "pace" emersa durante il processo ha permesso al regime di von Hiller di concentrare tutta la sua attenzione militare sulla guerra in Occidente senza temere che l'invasione russo-polacca si spingesse oltre.

Sfortunatamente per l'Ungheria, questo permise anche a von Hiller di ignorare la guerra anche in Ungheria. Il reggente Kazinczy sarebbe stato riconosciuto da von Hiller e gli aiuti simbolici furono inviati alle forze del Regno, ma il governo di Kazinczy fu in gran parte abbandonato da Vienna. Ciò ha portato Kazinczy a contattare Leopold per l'assistenza che Leopold era felice di fornire. Dopo aver appreso di ciò, von Hiller fu indignato e in privato iniziò a considerare di usare il suo controllo per dividere le corone austriache e ungheresi. Il 16 agosto Leopoldo partì dalla Toscana per l'Ungheria, con l'intento di essere incoronato re in preludio a forzare la sua strada verso Vienna. Tuttavia, Leopoldo non avrebbe raggiunto l'Ungheria poiché il suo viaggio era via mare, il che ha permesso alla marina veneziana di catturare l'imperatore senza corona il 29 agosto.

La cattura di Leopold portò von Hiller a temere un tradimento dell'Austria da parte dell'imperatore senza corona, che Leopoldo si sarebbe arreso a Venezia, Prussia e Gran Bretagna in cambio di sostegno contro il governo di von Hiller. Pertanto, il 16 settembre, von Hiller dichiarò sospesa la monarchia asburgica e che da quel momento in poi l'Austria, compresi i suoi possedimenti nel Sacro Romano Impero, in Galizia e in Boemia, sarebbe stata divisa dall'Ungheria per formare il Commonwealth d'Austria. Von Hiller sarebbe rimasto come reggente, tuttavia per ordine di von Hiller, la casa reale degli Asburgo-Lorena fu per sempre rimossa dall'essere eleggibile al trono.

La mossa ha provocato onde d'urto sia nei domini asburgici che in Europa. In Ungheria, Kazinczy dichiarò von Hiller un traditore e iniziò a fare piani per muoversi contro von Hiller dopo che i repubblicani erano stati affrontati.I repubblicani ungheresi credevano erroneamente che von Hiller fosse un cripto-repubblicano e fecero mosse per allearsi con Vienna che furono prontamente respinte. I giornali britannici derisero von Hiller come il Cromwell dell'Austria mentre i russi si chiedevano se fosse nata una seconda Polonia-Lituania. I lealisti in tutti i Paesi Bassi austriaci scambiarono l'evento come un segno che Vienna li aveva abbandonati. E il 28 settembre, i cittadini di Praga hanno reagito gettando dalla finestra i rappresentanti del Commonwealth di von Hiller. La Terza Defenestrazione di Praga segnò l'inizio della breve Prima Rivolta di Praga contro il regime di von Hiller che, nonostante fosse stata soppressa il 19 ottobre, dimostrò il crescente risentimento che il popolo aveva nei confronti del governo di von Hiller.

Sperando di aumentare la popolarità del suo regime all'indomani della prima rivolta di Praga, von Hiller propose l'istituzione di una dieta austriaca. Il 26 ottobre von Hiller convocò che i rappresentanti della prima dieta si decidessero a riunirsi il 5 luglio, un anno esatto dopo essersi autoproclamato reggente. La dieta pianificata da von Hiller doveva consistere di quattrocento delegati, 100 del clero, 100 della nobiltà, 100 dell'esercito e 100 di tutti gli altri, a rozza imitazione degli Stati generali francesi. La dieta proposta placò un po' la popolazione austriaca e, con il miglioramento della situazione per l'esercito, il controllo di von Hiller sull'esercito rimase assoluto fino alla fine del 1790.

Nelle parti occidentali del Sacro Romano Impero, tuttavia, si crearono problemi. Già instabili a causa della Grande Guerra Olandese, le regioni della Renania e della Svevia videro un diffuso fallimento del raccolto nell'autunno del 1790. Il fallimento del raccolto fece aumentare costantemente i prezzi dei generi alimentari, provocando disordini diffusi in tutta la regione. L'Austria aveva già inviato truppe nella regione per mantenere l'ordine, ma mentre i disordini continuavano a crescere, il governo di von Hiller si trovò costretto a deviare la forza lavoro destinata a rafforzare gli eserciti della Slesia e dell'Istria per presidiare invece l'ovest. Con la malattia che dilagava nell'esercito, nonostante il miglioramento della situazione dei rifornimenti, l'esercito austriaco in Slesia e in Istria si sarebbe ridotto durante l'inverno nonostante non avesse combattuto una sola battaglia. Così, quando le nevi si sciolsero e iniziò la stagione della campagna del 1791, l'esercito austriaco si trovò troppo indebolito per riprendere l'offensiva. Von Hiller ha osservato che "il Reno è un'ulcera sanguinante e se non è guarita presto, saremo sicuramente dissanguati".

La primavera del 1791 vide anche il crollo degli Orangists di Stattholder William. Dalla caduta di Amsterdam, William e il suo governo hanno resistito il più a lungo possibile alle pressioni britanniche e secessioniste, tuttavia L'Aia e Utrecht sarebbero cadute entrambe a marzo, e con loro gli ultimi bastioni del controllo di William. Lo Stattholder sarebbe fuggito in Austria, cercando rifugio presso il governo di von Hiller. Con il crollo degli orangisti, i nuovi governi promossi da Gran Bretagna e Prussia potrebbero realizzarsi pienamente. Nel nord, la Repubblica di Frisia sarebbe stata completamente stabilita e un nuovo Principato di Drenthe-Ommelanden sarebbe stato organizzato e annesso alla Prussia. Nel sud, la Repubblica Brabantina sarebbe stata ricavata sia dal Brabante olandese che da quello austriaco dai ribelli sostenuti dai britannici. Il resto dei Paesi Bassi austriaci e il rovesciato Principe-Vescovado di Liegi erano generalmente sotto il controllo degli Stati Uniti del Belgio, tuttavia i lealisti austriaci e di Liegi mantenevano ancora frammenti di controllo, in particolare nelle regioni intorno a Lussemburgo e Loon. La perdita nei Paesi Bassi inasprì il morale in Austria, ma von Hiller rifiutò di accettare la sconfitta, non con la Slesia sotto la salda presa dell'Austria e (per quanto ne sapeva von Hiller) anche la Spagna era intenzionata a portare a termine la guerra.

Ma il futuro dell'Austria non sarebbe stato determinato attraverso una battaglia nei campi della Prussia o dei Paesi Bassi. Per la primavera ha visto anche il primo incontro dei futuri delegati alla Dieta nella Schottenkirche, segnando la nascita della Schotte Society.


Death of a Republic (Una cronologia monarchica degli Stati Uniti)

È questo l'aspetto dell'esercito monarchico americano? Inoltre qual è il nome ufficiale dell'esercito americano?

Schnozzberry

Quel punto del Manifesto del Regolatore è (per mancanza di un termine migliore) obsoleto rispetto alla riqualificazione dell'ideologia di Hopswood durante i suoi viaggi in Europa. Si cambia da "Tutte le istituzioni sono sottomesse allo Stato, che sarà sottomesso al popolo" a "Tutte le istituzioni sono sottomesse al popolo", quando Hopswood "perfeziona" la sua ideologia. So che è un po' contorto, quando Hopswoodisn tornerà all'importanza spiegherò di più sullo sviluppo e sui cambiamenti dell'ideologia, anche se l'ideologia stessa sarà un po' anticonformista come riflesso del fatto che Hopswood non è il più istruito o addirittura molto ben letto. È un bravo scrittore e un idealista, ma non molto di più.

L'esercito monarchico userebbe un'uniforme simile a quella, ma l'IIRC è un'uniforme successiva degli Stati Uniti. Un'uniforme più vicina sarebbe quella in questo dipinto che è un dipinto di OTL Legion degli Stati Uniti:

Particolarmente importante è il cappello. La tesa del cappello ha un panno colorato che indica da quale sotto-legione proviene il soldato.

E l'esercito è ufficialmente la Legione degli Stati Uniti, la stessa della prima riorganizzazione dell'esercito continentale da parte dell'OTL.

LostInNewDelhi

C'è solo un tipo di nazionalismo che "Napoleone" potrebbe inventare.

RIMUOVERE REPUBLIK-SCHNITZEL DA N O V A R O M A

A meno che, ovviamente, un'isola rocciosa non sia sufficiente per soddisfarlo TTL.

Schnozzberry

Buon Natale a tutti! Sono stato un po' impegnato, quindi l'aggiornamento corretto è in ritardo, ma invece ho un breve speciale di Natale per così dire.


Estratto da Il diario di Francois-Xavier Joliclerc

. Durante tutto il mio tempo in ospedale, ogni stanza è stata inondata dal dolce profumo della morte. Gli uomini, feriti dai vandeani, gemevano e gridavano nella loro angoscia. La mia ferita si è ammalata e il mio corpo è diventato fragile e la mia mente ha avuto la febbre. I giorni passavano, grovigli annebbiati di sogni febbrili e veglia angosciosa. Il giorno di Natale io, ancora sofferente, fluttuavo appena sopra la soglia del sonno quando una figura entrò nella stanza. Sembrava di un'altezza imponente, ma spaventosamente snello e con la figura un miasma aderiva così spesso da tagliare sopra il fetore dei morti. Sembrava scivoloso e il vapore si levava dal suo corpo. Ma la caratteristica più orribile della figura era la sua faccia. Occhi rosso sangue vagavano sopra una bocca distorta, spalancata e piena di denti macchiati.

La figura si chinò vicino al letto accanto a me, afferrò la pentola del salasso e ne bevve. Ho provato a urlare, ma la mia voce non è riuscita e tutto ciò che è emerso sono stati respiri presi dal panico. Poi si voltò verso di me, il sangue che gocciolava dalla sua ampia bocca, e io tentai di alzarmi e fuggire, ma la cosa allungò la mano lunga e mi spinse indietro. La figura ruppe il silenzio:

"Non c'è bisogno di svegliare nessuno" disse prima di sgattaiolare via e uscire dalla stanza.

Dopo alcuni istanti, ho cominciato a piangere e piangere, invocando Dio prima di cadere in un sonno agitato. Quando la febbre mi è venuta meno e le nuvole si sono allontanate dalla mia mente, ho appreso che ciò che avevo visto non era un demone della mia mente febbrile, ma un altro malato, Tarrare. Tarrare era perennemente guidato da una fame inesorabile e sebbene il suo aspetto fosse spaventoso, non intendeva fare del male con le sue azioni.

Gerbbro

Schnozzberry

Schnozzberry

Ciao a tutti! Non ho ancora finito con il prossimo aggiornamento, ma visto che non ho pubblicato nulla dall'anno scorso, ho deciso di dare un'anteprima del prossimo aggiornamento con una bandiera e un piccolo infobox di Wikipedia. Bene, dico Infobox di Wikipedia, ma visto che ho già menzionato l'equivalente Wikipedia di TTL, Peopedia, ho provato a simulare come immagino che sarebbero invece le loro infobox. Non è molto diverso, solo un cambio di colore in realtà, ma se a tutti va bene, qualsiasi infobox futura sarà realizzata nello stesso stile. Ho incluso anche uno spoiler futuro che rovina le cose sul repubblicano preferito da tutti che è un po' più grande per mostrare più della colorazione alternativa, ma rovina qualche dettaglio in più sul futuro dell'America.

Anywho, facciamo il ruolo con la roba, vero?

Magyarország még nem veszett el!

OnestoAbe1809

Ciao a tutti! Non ho ancora finito con il prossimo aggiornamento, ma visto che non ho pubblicato nulla dall'anno scorso, ho deciso di dare un'anteprima del prossimo aggiornamento con una bandiera e un piccolo infobox di Wikipedia. Bene, dico Infobox di Wikipedia, ma visto che ho già menzionato l'equivalente Wikipedia di TTL, Peopedia, ho provato a simulare come immagino che sarebbero invece le loro infobox. Non è molto diverso, solo un cambio di colore in realtà, ma se a tutti va bene, qualsiasi infobox futura sarà realizzata nello stesso stile. Ho incluso anche uno spoiler futuro che rovina le cose sul repubblicano preferito da tutti che è un po' più grande per mostrare più della colorazione alternativa, ma rovina qualche dettaglio in più sul futuro dell'America.

Anywho, facciamo il ruolo con la roba, vero?

Magyarország még nem veszett el!

  1. Perché l'onesto Abe ha due ruoli di capo di stato apparentemente separati allo stesso tempo?
  2. La Repubblica della Libertà è stata abolita dopo il suo mandato o solo la posizione del presidente?
  3. La Confederazione delle Repubbliche americane è un altro stato separatista o è una delle incarnazioni che l'America attraverserà nei prossimi due secoli?
  4. È stato riassorbito dall'America se fosse uno stato separatista?
  5. Dov'è il corpo di Lincoln? È stato rubato ed è per questo che non sanno dove riposa?
  6. Qualcuno dei suoi figli ha qualche importanza? Più dei suoi figli sopravvissuti rendono più probabile che si formi una dinastia politica di Lincoln come i Kennedy.
  7. Hai sbagliato a scrivere "Thomas Lincoln".

Schnozzberry

Non per dire tutto, ma il Consiglio Presidenziale è un Consiglio dei Presidenti delle repubbliche componenti la CAR, di cui la Repubblica della Libertà è una.

È abolito, proprio come lo era il CSA di OTL.

È un governo rivale che afferma di essere il governo legittimo degli Stati Uniti.

Tutte le mie informazioni su Lincoln provengono dal documentario Abraham Lincoln: Vampire Slayer. ITTL, invece di essere vittorioso sui vampiri, Lincoln viene trasformato in un vampiro ed esplode in polvere quando l'imperatore zombi Gilbert lo trascina alla luce del sole

Siede su un trono d'oro, comandando i repubblicani dal Warp

Dopo essere morto per tre giorni, il corpo di Lincoln esce dalla sua tomba prima di essere trascinato all'inferno come tutti gli altri repubblicani ITTL.

Lincoln è in realtà Guarda in Occidente Jean de Lisieux e scompare proprio come ha fatto in LTTW.

Nessuno sa. Semplicemente non è dove l'abbiamo lasciato.

Avranno risalto tra i circoli repubblicani, ma Lincoln non è ben ricordato.

COME FACCIO QUESTE COSE.

HO COPIATO E INCOLLATO!

OnestoAbe1809

Non per dire tutto, ma il Consiglio Presidenziale è un Consiglio dei Presidenti delle repubbliche componenti la CAR, di cui la Repubblica della Libertà è una.

È abolito, proprio come lo era il CSA di OTL.

È un governo rivale che afferma di essere il governo legittimo degli Stati Uniti.

Non vedo l'ora di leggere sulla CAR. Mi piace particolarmente come la storia americana di TTL continuerà evidentemente ad essere il glorioso casino che è.

Tutte le mie informazioni su Lincoln provengono dal documentario Abraham Lincoln: Vampire Slayer. ITTL, invece di essere vittorioso sui vampiri, Lincoln viene trasformato in un vampiro ed esplode in polvere quando l'imperatore zombi Gilbert lo trascina alla luce del sole

Siede su un trono d'oro, comandando i repubblicani dal Warp

Dopo essere morto per tre giorni, il corpo di Lincoln esce dalla sua tomba prima di essere trascinato all'inferno come tutti gli altri repubblicani ITTL.

Lincoln è in realtà Guarda in Occidente Jean de Lixieux e scompare proprio come ha fatto in LTTW.

Nessuno sa. Semplicemente non è dove l'abbiamo lasciato.

Sarebbe uno di quei grandi misteri americani ITTL. Nessuno si preoccupa davvero di immaginare misteri o cospirazioni per la loro linea temporale alternativa. Aggiungono sapore alla storia.

Ha avuto una vita più lunga in cambio di essere altrimenti dimenticabile.

COME FACCIO QUESTE COSE.

HO COPIATO E INCOLLATO!

Schnozzberry

Il server è andato giù per qualcun altro o ero solo io?

Lavoro con un ragazzo che crede in ogni cospirazione conosciuta dall'umanità. Terra piatta? Sì. Massoni/Illuminati controllano tutto? Certo. Gli ebrei hanno fatto l'Olocausto? Ovviamente. È da lì che ho preso la mia idea per la Croce Rossa credendo nera schiavi stanno lavorando i piantatori per rovinare l'America. Il solo parlare con lui mi dà tutti i tipi di idee per cospirazioni alternative, specialmente quando mi chiede come vanno queste cose nella mia cronologia. Quindi ci sarà sicuramente la strana teoria della cospirazione che salta fuori, specialmente considerando che gli americani amano le teorie della cospirazione. E.G.: Il Regolatore che ha sparato a Washington era in realtà un agente del Papa, con lo scopo di preparare il terreno per un monarca cattolico che salisse al potere negli Stati Uniti in modo da distruggere la Civiltà Cristiana. E, naturalmente, i veri padroni del paese sono la Nuova Legione che, dopo essersi ritirata nel territorio del Nord Ovest, ha insediato agenti segreti per controllare le elezioni e il

Mezza cooperativa

OnestoAbe1809

Il server è andato giù per qualcun altro o ero solo io?

Lavoro con un ragazzo che crede in ogni cospirazione conosciuta dall'umanità. Terra piatta? Sì. Massoni/Illuminati controllano tutto? Certo. Gli ebrei hanno fatto l'Olocausto? Ovviamente. È da lì che ho preso la mia idea per la Croce Rossa credendo nera schiavi stanno lavorando i piantatori per rovinare l'America. Il solo parlare con lui mi dà tutti i tipi di idee per cospirazioni alternative, specialmente quando mi chiede come vanno queste cose nella mia cronologia. Quindi ci sarà sicuramente la strana teoria della cospirazione che salta fuori, specialmente considerando che gli americani amano le teorie della cospirazione. E.G.: Il Regolatore che ha sparato a Washington era in realtà un agente del Papa, con lo scopo di preparare il terreno per un monarca cattolico che salisse al potere negli Stati Uniti in modo da distruggere la Civiltà Cristiana. E, naturalmente, i veri padroni del paese sono la Nuova Legione che, dopo essersi ritirata nel territorio del Nord Ovest, ha insediato agenti segreti per controllare le elezioni e il

Non tanto dimenticabile quanto simile a ciò che è Hopswood. Il cattivo repubblicano che perseguita l'Impero e minaccia di seminare il caos.

Le persone stupide o pazze che credono a cose pazze sono una costante multiversale. La legge delle cospirazioni è che più le persone lo negano, più un certo tipo di persone ci crede.

Vilipeso negli Stati Uniti e idolatrato nelle varie repubbliche che punteggiano il continente?

LostInNewDelhi

Alleightbits

OnestoAbe1809

Schnozzberry

Villainizzato negli Stati Uniti sicuramente, ma la sua eredità nelle repubbliche separatiste sarà mista. Anche se non voglio parlare troppo degli stati separatisti, molti non riceveranno nemmeno Lincoln a causa di alcuni gruppi che cooptano la sua eredità.

L'ibrido UAE/CSA è davvero un'ottima analogia per l'AUTOMOBILE. Non dirò molto di più, ma la RCA ha un governo federale molto limitato, in gran parte dovuto allo sviluppo ideologico del repubblicanesimo americano.

La tua richiesta di ulteriori informazioni su questo argomento è stata segnalata alla Nuova Legione. Si prega di presentarsi immediatamente all'ufficio della Legione più vicino per l'elaborazione.

Ultimo ammiraglio

Abbasso Repubblica! Su con la corona!

Il mio consiglio, authour, quando gioco come Federal Kingdom of American in Hoi4, ho sempre confuso l'albero tecnologico con questa combinazione monarchica, meritocrazia e campo giovanile. Una versione ideale della monarchia statunitense.

D'altra parte, lo stato malese otterrà l'indipendenza, o in qualche modo il successo degli Stati Uniti li ha "ispirati"? Questo è un modo per far incazzare gli inglesi e avere un "alleato" su un'importante rotta commerciale marittima.

Schnozzberry

Abbasso Repubblica! Su con la corona!

Il mio consiglio, authour, quando gioco come Federal Kingdom of American in Hoi4, ho sempre confuso l'albero tecnologico con questa combinazione monarchica, meritocrazia e campo giovanile. Una versione ideale della monarchia statunitense.

D'altra parte, lo stato malese otterrà l'indipendenza, o in qualche modo il successo degli Stati Uniti li ha "ispirati"? Questo è un modo per far incazzare gli inglesi e avere un "alleato" su un'importante rotta commerciale marittima.

Anche se mi piace l'idea di un USA monarchico, meritocratico e ideale, questo non è il destino degli USA ITTL. Per curiosità, quale mod HOI4 ha un monarchico USA? Sto ancora armeggiando con l'idea di una mod Death of a Republic, quindi sarebbe bello dare un'occhiata a un'altra mod monarchica USA.

Un'organizzazione giovanile però. potrebbe essere

Gli stati malesi sono dominati dagli olandesi (o potenze autoctone, l'imperialismo non ha ancora imperializzato molto) ancora ATM, ma una futura America volere avere un interesse per la regione.


Comunque tutti, scusate ancora per la lunga attesa. La vita continua a prendersi gioco dei miei piani per scrivere, quindi invece di fare una promessa e lasciare che non mantenga, non prometterò nulla tranne che questo continuerà quando lo farà.

Inoltre, mentre probabilmente dovrei riprendere la storia della Florida, o il focus principale, gli Stati Uniti, ecco invece l'ultimo pezzo prima della rivoluzione austriaca.

Schnozzberry

"Ich diene meinen Soldaten"
--Johann Freiherr von Hiller


Alla fine del 1789 la situazione austriaca nella Grande Guerra d'Olanda migliora leggermente. Mentre l'Austria e la Repubblica olandese hanno sperimentato battute d'arresto nei Paesi Bassi, l'Austria era riuscita a respingere i prussiani dalla Boemia e passare all'offensiva in Slesia. Tuttavia, il 14 dicembre 1789, la Polonia-Lituania dichiarò guerra all'Austria. Questo, di per sé, non era una minaccia immediata per l'Austria poiché il Commonwealth polacco-lituano era praticamente paralizzato dal punto di vista governativo e avrebbe richiesto tempo per muoversi contro l'Austria. Ma la dichiarazione di guerra del Commonwealth era solo un'ombra del pestaggio che stava per abbattersi sull'Austria come quando il forte esercito polacco di 16.000 uomini marciò oltre il confine in Galizia e Lodomeria il 16 marzo 1790, accompagnato da 71.000 soldati russi.

Mentre l'esercito austriaco contava circa 280.000 nel marzo 1790, quasi l'intero esercito fu imbottigliato nel combattere i prussiani in Slesia, i veneziani in Istria o reprimere le ribellioni nel Sacro Romano Impero occidentale. Le difese in Galizia contavano solo 8.000, lasciando gli austriaci in inferiorità numerica di dieci a uno. La città di Bels cadde il 21, e da qui le forze polacche e russe si divisero. L'esercito polacco si diresse a est verso Lwow, incontrando poca resistenza tranne che per le forze austriache nella città stessa. Il 17 aprile cadde Lwow e con essa furono eliminati seimila degli ottomila austriaci in Galizia. I russi invece procedettero a sud verso l'Ungheria. Premissel cadde ai russi il 21 aprile e Sanok il 12 maggio. Nel giro di due mesi, la Galizia cadde sotto l'assalto russo-polacco. Tutto ciò che teneva tra le forze russo-polacche e le difficili pianure danubiane dell'Ungheria erano i Carpazi.Con i passi di montagna difesi dai soldati ungheresi locali e dalle guarnigioni austriache, i Carpazi erano facilmente difesi. Ciò ha portato a una sensazione di autocompiacimento a Vienna. Dopotutto, i passi potevano essere mantenuti per anni con le forze già sul posto, quindi l'attenzione dell'Austria poteva essere concentrata sui nemici più vicini, in particolare la Prussia, il cui lungo confine con la Polonia significava che eliminare immediatamente i prussiani era l'unico modo per impedire alla Russia di invadere Anche l'Austria attraverso la Slesia. Ma, se i Carpazi fossero stati violati, l'esercito russo potrebbe scendere come un pugnale, dritto nel centro dell'Ungheria e cadere sul sentito del Regno: Buda.

L'apparente inerzia dell'Austria fece ribollire le tensioni in tutto il Regno d'Ungheria mentre la paura dell'invasione russa si mescolava al risentimento per le riforme dell'imperatore-re Giuseppe. Le voci si sono diffuse rapidamente. Sussurri dicevano che i russi avevano trovato un passaggio segreto attraverso le montagne. Un viaggiatore della città ha affermato che l'esercito austriaco intendeva trattenere i Carpazi solo il tempo necessario per portare via il raccolto dell'anno per far morire di fame l'esercito russo. Gli uomini parlavano di come la guarnigione era diventata traditrice e i russi erano in tre - no due giorni da Buda! Le loro mogli spettegolavano su Giuseppe che si era convertito all'ortodossia e aveva venduto l'Ungheria alla Russia! La paura del popolo ungherese era palpabile nell'aria mentre il tempo sembrava rallentare ogni giorno che nessuna azione veniva intrapresa dal loro re, il loro protettore, Giuseppe.

I disordini nelle strade di Buda il 25 maggio sono stati sedati da fedeli soldati ungheresi. Tuttavia, due giorni dopo a Pressburg, i soldati ungheresi persero il coraggio quando gli fu ordinato di sedare i disordini in quella città. A Pest, i soldati si sono uniti alla folla. Il 29 maggio, un tentativo delle autorità di Buda di riportare l'ordine a Pest ha portato al disastro. Ignác Martinovics comandò un assortimento disordinato di miliziani rivoltosi, insieme a molti dei soldati disertori, per sconfiggere le forze budiane. Inoltre, le navi da trasporto utilizzate dalle forze di Budian furono sequestrate dalle forze di Pest dei Martinovic e nella tarda serata del 29, le forze di Pest attraversarono il Danubio e attaccarono la guarnigione di Buda impoverita. Buda cadrebbe nella folla che si stava lentamente organizzando, disperdendo ancora di più l'amministrazione ungherese in tutto il Regno.

A Székesfehérvár, Ferenc Kazinczy, ex ispettore dell'istruzione per gran parte del nord del Regno d'Ungheria, insieme a diverse dozzine di ex membri dell'amministrazione ungherese provenienti da tutto il regno, assemblarono una nuova dieta ungherese. Mentre la dieta era stata bandita dall'imperatore Giuseppe, la nuova dieta giustificava la sua formazione come governo di emergenza. Kazinczy ha prestato giuramento come Presidente della Dieta il 10 giugno e ha agito rapidamente per stabilizzare la situazione, chiamando milizie, soldati e "qualsiasi uomo fedele alla Corona di Santo Stefano" per aiutare a ristabilire l'ordine in Ungheria. Mentre i termini potevano essere interpretati dalla Dieta semplicemente come un piccolo svolazzo poetico, per molti ungheresi il riferimento alla corona era molto più importante. L'imperatore-re Giuseppe II aveva rifiutato di essere incoronato con la corona reale ungherese, la corona di Santo Stefano, uno dei tanti insulti che Giuseppe aveva commesso nei confronti dell'Ungheria. La scelta delle parole di Kazinczy parlò agli ungheresi che erano irritati dalle riforme di Giuseppe, presentando la nuova Dieta come un governo di ungheresi e non uno che avrebbe risposto ai capricci di Vienna senza essere apertamente sleale nei confronti dell'imperatore-re Giuseppe.

Kazinczy e la Dieta si sarebbero trovati sfidati per l'Ungheria il 12 come Ignác Martinovics e un'assemblea di rivoltosi di Budian e Pest che si autodefiniva "Assemblea nazionale del popolo ungherese" emetteva la Dichiarazione di indipendenza ungherese con Martinovics come direttore della Repubblica. Modellata sulla Dichiarazione d'Indipendenza americana, la Dichiarazione proclamò una Repubblica Ungherese sovrana. Era una dichiarazione coraggiosa di un governo che, all'epoca, era poco più di una folla in rivolta che controllava due città. Tuttavia, la promessa di un'Ungheria libera dalle “riforme” di Giuseppe era allettante per molti. La folla che aveva preso il controllo di Pressburg giurò fedeltà alla Repubblica il 16 e nelle settimane a venire l'Ungheria fu divisa tra il governo di Kazinczy che trovava il controllo nell'ovest e nel sud, e quelli che sostenevano la fedeltà al governo di Martinovics che prendeva il potere nel nord e centro dell'Ungheria.

Vienna ha reagito rapidamente. L'8 giugno, il presidente dell'Hofkriegsrat (Ministero della Guerra austriaco), il conte Andreas Hadik von Futak, ordinò che l'esercito in Slesia, che contava 175.000 unità, fosse diviso a metà, metà trasferito in Ungheria e il resto per prendere posizioni difensive in Slesia.

Questi ordini furono l'ultima goccia per molti dei soldati comuni. Prima della campagna in Slesia, quando si svolse la guerra in territorio asburgico, il saccheggio era generalmente vietato e l'esercito austriaco aveva subito carenze di viveri e rifornimenti. Inoltre, dalla metà del 1788, erano emerse carenze di cibo in tutta l'Austria settentrionale e in Boemia, aumentando ulteriormente la difficoltà nel rifornire l'esercito. La mancanza di cibo e altri rifornimenti aveva portato la malattia a dilagare nei campi austriaci, uccidendo migliaia di persone e lasciando decine di migliaia di sofferenze. Fu per questo motivo che il termine Kartoffelkrieg era stato usato per descrivere la guerra contro la Prussia il più grande nemico per i soldati austriaci non era l'esercito prussiano, era una mancanza di generi alimentari. Ma la campagna in Slesia aveva permesso all'esercito asburgico di depredare le derrate alimentari della popolazione locale, rendendo la situazione gestibile per l'esercito austriaco. Esistevano anche altri problemi. I pagamenti sono stati ritardati o incompleti, le uniformi di molti soldati erano indossate e sbrindellate poiché apparentemente non arrivavano mai le sostituzioni. Molti soldati indossavano articoli saccheggiati dalle uniformi prussiane e alcuni erano stati fucilati dai loro stessi compagni, scambiati per nemici.

Dopo aver ricevuto gli ordini, il tenente colonnello Johann Freiherr von Hiller e una cabala di altri ufficiali si rivoltarono contro i loro comandanti. Incolpando il maltrattamento dei soldati dell'"incompetenza" degli ufficiali superiori e del governo di Vienna, e rifiutandosi di cooperare con un ordine che "condannerebbe questi soldati alla fame", von Hiller e i suoi sostenitori hanno lanciato il loro ammutinamento il 13 giugno, imprigionare con successo i loro comandanti. Il più importante tra i prigionieri era il Feldmarschalleutnant Johann Peter Beaulieu che era stato ironicamente assegnato all'esercito da von Futak per risolvere la cattiva gestione e la corruzione che avevano portato al pessimo stato dell'esercito in primo luogo.

Dopo aver assunto il comando dell'esercito, von Hiller e un contingente di cinquemila soldati marciarono a sud verso Vienna, con l'intento di ottenere le rimostranze dell'esercito indirizzate dallo stesso imperatore. Von Hiller rese le sue intenzioni abbastanza chiare, inviando un avviso a Vienna prima della partenza, e mentre i cinquemila marciavano lentamente verso sud, von Hiller ricevette richieste da quasi tutti i membri del governo asburgico per fermare la sua avanzata, da von Futak al Cancelliere di Stato e principe di Kaunitz-Rietberg, Wenzel Anton, e persino l'erede al trono d'Austria, il Granduca di Toscana. Tuttavia, mentre i cinquemila si avvicinavano a Vienna, una voce si fece notare in modo inquietante in sua assenza. L'imperatore Giuseppe non aveva protestato contro le azioni di von Hiller, che von Hiller considerava un supporto implicito.

Il 4 luglio l'esercito arrivò a Vienna. Alcuni viennesi acclamarono i soldati. Altri si sono nascosti nelle loro case. Mentre l'esercito si avvicinava al palazzo di Schönbrunn, sede della monarchia asburgica, i cinquemila arrivarono a una barricata armati da poche decine di soldati. Incarnando la fiducia e l'audacia che non ci si sarebbe aspettato da un uomo del suo rango e posizione nella società, von Futak in alta uniforme e in cima a un cavallo bianco ha sicuramente tenuto la sua posizione di fronte alla barricata. Ancora una volta chiese a von Hiller di arrendersi, chiedendo a von Hiller se avesse dimenticato di essere un ufficiale al servizio dell'imperatore.

La storia non ha mai registrato la risposta completa di von Hiller. Solo quattro parole furono ricordate dai soldati presenti, quattro parole che, nel 1826, sarebbero state incise sulla tomba vuota di von Hiller, e sarebbero state le ultime quattro parole pronunciate da von Hiller prima dell'inizio della rivoluzione austriaca.

Von Futak non ha mai avuto la possibilità di rispondere prima di essere abbattuto insieme ai soldati che si barricavano.


Guarda il video: Paul Blumenthal 1843-1930 - Sonate B-Dur


Commenti:

  1. Mimis

    Trovo che non hai ragione. Sono sicuro. Noi discuteremo. Scrivi in ​​PM.

  2. Narmer

    Pensiero utile

  3. Helmer

    It is remarkable, it is very valuable answer

  4. Gulrajas

    Penso di sbagliare. Scrivimi in PM, parlane.

  5. Burghere

    È d'accordo, questa straordinaria idea è necessaria solo tra l'altro

  6. Garvan

    D'accordo, questo messaggio straordinario



Scrivi un messaggio