Ricordi e lettere del generale Robert E. Lee

 Ricordi e lettere del generale Robert E. Lee


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il dottor Buckler, che mio padre aveva consultato in luglio, era in quel periodo in visita a Baltimora, avendo vissuto all'estero con la sua famiglia dal 1866. Quando stava per tornare a Parigi scrisse e chiese a mio padre di accompagnarlo.

Questo invito fu costretto a declinare.

"Lexington, Virginia, 5 agosto 1870.

"Mio caro dottore: ho appena ricevuto la sua lettera del 4 che mi invitava ad accompagnarla attraverso l'Atlantico, e le restituisco il mio cordiale ringraziamento per la sua gentile sollecitazione per la mia salute e il mio conforto. Non c'è nessuno che preferirei avere come compagno durante il viaggio, ne sono certo, non c'è nessuno che si prenda più cura di me. Ma non posso impormi su di te. Ti ho già dato abbastanza guai e devi curarmi da questa parte dell'Atlantico. Se sei il uomo per cui ti prendo, lo farai. Devi presentare i miei più calorosi ringraziamenti a tua moglie per il suo ricordo di me e per la sua gentile offerta di ospitalità della sua casa. Se mai potessi visitare l'Europa, li accetterò certamente, ma spero lei tornerà presto in questo paese e che tu la porterai su per le montagne da noi.Siamo tutti in pace qui ora e lei scoprirà che non siamo così cattivi come ci è stato riferito, e tutti le porranno un caloroso benvenuto , mentre l'Europa è ora convulsa per la orrori della guerra o l'agonia della sua attesa, e temo che una stagione sia destinata a provare la più grande calamità che possa capitare a un popolo. Sto seguendo le tue indicazioni e spero di trarne beneficio. Ho preso accordi per visitare le Hot Springs, Virginia, lunedì prossimo, come mi hai consigliato, e confido di poter trovare sollievo da loro. I miei dolori reumatici continuano, ma sono diminuiti, e quello nella mia spalla, credo, sia diminuito sotto l'applicazione della vescica. Cercherò di stare bene entro l'autunno. La lettera che mi hai allegato era della signora Smith sull'Hudson, e non del sig. Henry White, come supponevi. Addio, mio ​​caro dottore; che tu possa fare un viaggio prospero e trovare la tua famiglia tutta bene al tuo arrivo, e possa la tua salute essere completamente ripristinata. La mia famiglia si unisce a me in ogni gentile augurio, e sono sinceramente,

"Tuo amico,

"R.E. Lee.

"Dottor Thomas H. Buckler."


Guarda il video: Surrender at Appomattox - Abridged Version