Mappa di Sumer

Mappa di Sumer


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Il planisfero sumero – Una mappa stellare dimenticata che rimane inspiegabile

Il planisfero sumero © Britishmuseum.org

Nel 2008 è stata tradotta per la prima volta una tavoletta di argilla cuneiforme che ha lasciato perplessi gli studiosi per oltre 150 anni. La tavoletta è ora nota per essere un'osservazione sumera contemporanea dell'impatto di un asteroide a Köfels, in Austria. Ma non c'è un cratere nel territorio di Köfels, quindi agli occhi moderni non sembra come dovrebbe apparire un sito di impatto, e l'evento di Köfels rimane ipotetico fino ad oggi. Tuttavia, la chiara evidenza nella tavoletta di argilla cuneiforme ― che ha lasciato perplessi i primi ricercatori rimane inspiegabile!

Il planisfero sumero © Britishmuseum.org

Il planisfero sumero: una mappa stellare dimenticata

Il Planisfero Sumero | La tavoletta cuneiforme nella collezione del British Museum n. K8538

Alla fine del XIX secolo, una tavoletta circolare in pietra dall'aspetto strano fu recuperata dalla biblioteca sotterranea del 650 aC del re Ashurbanipal a Ninive, in Iraq, da Henry Layard. A lungo ritenuta una tavoletta assira, l'analisi computerizzata l'ha confrontata con il cielo sopra la Mesopotamia nel 3300 aC e dimostra che è di origine sumera molto più antica.

Per oltre 150 anni gli scienziati hanno cercato di risolvere il mistero di questa controversa tavoletta di argilla cuneiforme che indica che il cosiddetto evento di impatto di Köfel è stato osservato in tempi antichi. È stato un incidente fenomenale in cui un asteroide lungo un chilometro si è schiantato sulle Alpi, vicino a Köfels, in Austria, oltre 5.600 anni fa.

La tavoletta è un "Astrolabio", il primo strumento astronomico conosciuto. Consiste in una mappa stellare segmentata a forma di disco con unità di misura dell'angolo contrassegnate incise sul bordo. Purtroppo su questa tavoletta mancano parti considerevoli (circa il 40%) del planisfero, danno che risale al saccheggio di Ninive. Il retro della tavoletta non è inscritto.

L'antica civiltà sumera potrebbe essere stata sottosviluppata nel senso di una scrittura, ad esempio, ma sicuramente comprendeva l'astronomia e il cielo notturno in una certa misura. E questo è evidente da questa mappa stellare sumera di 5600 anni fa.

Ancora in fase di studio da parte di studiosi moderni, la tavoletta cuneiforme nella collezione del British Museum n. K8538 conosciuta come “il Planisfero” ― fornisce una prova straordinaria dell'esistenza della sofisticata astronomia sumera.

10 fatti interessanti sul planisfero sumero

Il Planisfero Sumero

Sebbene sia stato scoperto più di 150 anni fa, il planisfero sumero è stato tradotto solo dieci anni fa, rivelando la più antica osservazione documentata di un oggetto extraterrestre venuto dallo spazio e atterrato sulla superficie terrestre: una cometa. Ecco, in questo articolo, alcuni dei fatti più importanti su questa antica mappa stellare sumera.

1 | La data esatta dell'impatto della cometa

Le iscrizioni sulla tavoletta danno una data e un'ora precise in cui il presunto meteorite ha colpito la Terra ― era il 29 giugno del 3123 a.C.

2 | Le rovine della biblioteca reale del re Assurbanipal contenevano altre 20.000 tavolette

Gli archeologi trascorrono molti anni a scavare nell'antico sito della città di Ninive e hanno scoperto più di 20.000 antiche tavolette. Quello di cui discutiamo oggi, chiamato “Planisfero”, è considerato da molti il ​​più difficile da tradurre. Fortunatamente, 150 anni dopo, le restanti iscrizioni furono tradotte e rivelarono dati incredibili.

3 | Il planisfero è una copia esatta dell'originale

Gli studiosi suggeriscono che il Planisfero sia una copia esatta di una tavoletta originale più antica realizzata dall'astronomo contemporaneo e osservatore dell'evento reale.

4 | Una sequenza di otto immagini descrivono l'evento dall'emergere della cometa all'impatto finale

La stessa tavoletta Sumerian Star Map è di piccole dimensioni, misura solo 14 centimetri di diametro, ma è stata magistralmente suddivisa in otto sezioni o immagini che descrivono l'evento in sequenza. Quasi la metà delle iscrizioni è andata perduta nel corso dei secoli, ma i frammenti rimanenti erano più che sufficienti per la traduzione della tecnologia moderna. Il creatore del tablet è riuscito a presentare una spiegazione straordinariamente dettagliata dell'osservazione e dell'impatto finale su una superficie così piccola.

5 | La mappa stellare sumera include anche disegni di costellazioni e i loro nomi

Come tutti sappiamo, gli antichi avevano una visione molto migliore del cielo notturno e conoscevano chiaramente le costellazioni. Il Planisfero include una serie di disegni di costellazioni, compresi i loro nomi in relazione alla traiettoria di volo della cometa. Ad esempio, la terza immagine mostra che la cometa ha raggiunto Orione intorno al 9° giorno di osservanza.

6 | L'antico astronomo usava misurazioni trigonometriche incredibilmente accurate

L'antico astronomo aveva un'impressionante conoscenza della trigonometria ed era in grado di documentare la traiettoria di volo, il tempo e la distanza della cometa non appena appariva nel cielo.

7 | Le prime cinque immagini descrivono i 20 giorni di osservazione astronomica

Come accennato in precedenza, il tablet è diviso in otto sezioni o immagini che formano una sequenza. I dati presentati in sequenza dal primo al quinto comprendono l'osservanza dal primo avvistamento astronomico fino alla fine del 20° giorno prima dell'impatto del 21°. Pertanto, queste cinque immagini raffigurano la cometa mentre era nel cielo.

8 | La sesta e la settima immagine spiegano l'impatto e le sue conseguenze

Come descritto sulla tavoletta, l'osservatore non ha assistito all'impatto da vicino poiché avrebbe significato la fine della sua vita, forse, ma ha descritto l'illuminazione del lampo nel cielo e il grande aumento dei pennacchi di cenere come risultato del impatto. In sintesi, la settima immagine documenta tutti gli eventi nel
notte dopo lo schianto del meteorite. Oltre l'orizzonte, cenere e polvere incandescente rossa
le colonne di pennacchi si elevano visibilmente nella notte.

9 | L'ultima ottava immagine include i calcoli del percorso di volo della cometa

L'antico astronomo non terminò le sue osservazioni prima di fare calcoli esatti sulla traiettoria di volo della cometa prima dell'impatto. L'ottava immagine è stata realizzata dopo l'impatto del 21° giorno di osservazione. L'immagine presenta quattro misurazioni del volo della cometa durante la luce del giorno dell'impatto. Nel complesso, l'intera sequenza di dati inscritta sulla tavoletta è più che impressionante, dato che le osservazioni sono state fatte più di 5.200 anni fa.

10 | La cometa descritta sulla mappa stellare sumera potrebbe aver posto fine a diverse civiltà antiche

Le meteore hanno interrotto la vita sulla Terra in più di un'occasione nel corso della storia e gli studiosi teorizzano la possibilità che questa cometa possa aver avuto un impatto importante sulla vita nel mondo antico. Più specificamente, l'antica città di Akkad, che non è stata ancora trovata dagli archeologi, potrebbe essere stata semplicemente distrutta dalla cometa. La posizione esatta di questa antica città è sconosciuta. Ma forse era così vicino all'area dell'impatto che era stato distrutto.

Il tablet K8535 potrebbe essere la risposta a una gigantesca e misteriosa frana a Köfels?

La gigantesca frana centrata a Köfels in Austria ha uno spessore di 500 metri e un diametro di cinque chilometri ed è stata a lungo un mistero da quando i geologi l'hanno osservata per la prima volta alla fine del XIX secolo. La conclusione tratta dalla ricerca a metà del XX secolo fu che doveva essere dovuto a un impatto meteorico molto grande a causa dell'evidenza di pressioni schiaccianti ed esplosioni.

Ma questa visione ha perso il favore in quanto una comprensione molto migliore dei siti di impatto sviluppata alla fine del XX secolo. Tuttavia, le distinte prove incise sulla tavoletta del planisfero sumero K8535 riportano in gioco la teoria dell'impatto. Non è vero?

Conclusione

La tavoletta K8535 è una copia tardo babilonese di una prima tavoletta astronomica sumera. Il documento originale, considerato di massima importanza, è stato copiato in più di 2.500 anni.

La cometa osservata oltrepassò le Pleiadi, Aldebaran, si spostò ulteriormente verso Orione e infine si schiantò contro la civiltà agricola altamente avanzata e basata sull'irrigazione di Akkad e Sumer, nel 3123 aC, distruggendo l'intero impero accadico e la sua capitale Agade.

Manca circa il 40% del tablet. Fortunatamente, l'intera traiettoria di volo della cometa è preservata. Le sezioni interrotte riguardano principalmente osservazioni riguardanti l'impatto stesso e le conseguenze immediate dell'impatto, registrando ciò che si poteva vedere dalla torre di osservazione, guardando verso il luogo dell'incidente. Le informazioni sono adeguate per ricostruire l'avanzamento dettagliato della cometa e la sequenza del processo di impatto.

Il resoconto del testimone K8538 deve essere considerato come parte di un gran numero di "lamenti di città mesopotamiche" conservati, che segnalano la fine di Akkad e Sumer da un'enorme tempesta atmosferica.

Questi lamenti sono stati provati sul palco in pubblico per millenni, accompagnati da un sottofondo di batteristi. Il loro stile poetico di lamento indusse vari assiriologi contemporanei a ritenere che quei documenti non fossero altro che una narrativa poetica e mistica divertente, e che non c'era mai stata una tempesta distruttiva a Sumer, ignorando le osservazioni di centinaia di testimoni storici.

La tavoletta di osservazione K8538 è stata realizzata da uno sconosciuto astronomo sumero vigile, che ha intuito il significato storico dell'evento sulla sua torre di avvistamento astronomico e ha deciso di documentarlo. Gli autori Bond e Hempsell gli hanno dato il nome "Lugalansheigibar - il grande uomo che osservava il cielo".

Le sue osservazioni trigonometriche testimoniano l'avvicinamento della cometa e il suo impatto terrestre. Per questo K8538 è stato custodito, restaurato e copiato nel corso dei millenni. La tavoletta dimostra l'alto livello di scienza e astronomia raggiunto quattromila anni fa.

Oggi, il vero valore di K8538 non è solo confinato alla storia. È di immenso valore per oggi e per il futuro, perché contiene un'osservazione precedente unica e accurata di un disastroso asteroide cosmico che colpisce la Terra.


Iraq 3500 aC

La prima civiltà cittadina della storia, quella sumera, sta comparendo in Mesopotamia.

Iscriviti per altri fantastici contenuti e rimuovi gli annunci

Hai perso la tua strada? Guarda un elenco di tutte le mappe

Iscriviti per altri fantastici contenuti e rimuovi gli annunci

Cosa sta succedendo in Iraq nel 3500 a.C.

Uno degli sviluppi più importanti della storia mondiale sta avvenendo in Mesopotamia. Qui, nelle pianure alluvionali dei fiumi Tigri ed Eufrate, il suolo fertile portato dalle montagne dai grandi fiumi ha dato origine a popolazioni molto più dense che in qualsiasi altra parte del mondo. Il clima arido, oltre alle pericolose inondazioni primaverili, ha richiesto la creazione di sistemi di irrigazione su larga scala, per incanalare e immagazzinare l'acqua per le colture e per proteggere le comunità dalle acque impetuose.

Nel corso dei secoli sono cresciute grandi comunità con popolazioni densamente concentrate di molte migliaia di persone. Queste sono le prime vere città della storia umana.

Per aiutarli a gestire efficacemente la vita economica di queste città, i sacerdoti che le controllano stanno gradualmente perfezionando la prima scrittura e il sistema numerico conosciuti, sviluppi chiave nel progresso umano. La civiltà dell'antica Mesopotamia è stata costruita da un popolo conosciuto come i Sumeri. Stanno costruendo la prima cultura urbana e letterata nella storia del mondo.


3. L'età del ferro

Durante questi secoli travagliati, tuttavia, si verificarono diversi progressi di grande importanza per la storia del mondo. L'uso del ferro iniziò a diffondersi dall'Asia Minore e durante la prima metà del primo millennio a.C. avrebbe raggiunto l'Europa fino alla Gran Bretagna a ovest e attraverso l'Asia fino alla Cina a est. Si diffuse anche a sud nell'Africa subsahariana, dove permise a un piccolo gruppo di agricoltori bantu di espandersi rapidamente in quasi tutta la regione.

L'abbondanza di ferro lo rendeva un materiale molto più economico del bronzo e consentiva sempre più ai contadini ordinari di utilizzare strumenti di metallo duro nella coltivazione della loro terra. Ciò ha reso l'agricoltura molto più efficiente e ha posto le basi per nuovi sviluppi nella civiltà.

Il ferro poteva essere usato in guerra, rendendo le armature metalliche e le armi molto più ampiamente disponibili.

L'alfabeto

Un terzo sviluppo in questi secoli fu la diffusione della scrittura alfabetica, che rese l'alfabetizzazione accessibile a una parte più ampia della società. Questo aveva avuto origine in Medio Oriente nella tarda età del bronzo, ed era ora portato dai Fenici ai popoli fino ad allora non alfabetizzati della regione mediterranea: i Greci, i Lidi e i popoli italiani come gli Etruschi.

Negli stessi secoli la scrittura alfabetica si diffuse anche verso est. Sotto la successione degli imperi mediorientali, l'alfabeto (e la lingua) aramaico si diffuse attraverso la Mesopotamia, e poi in Iran e nell'India settentrionale.

Civiltà dell'età del ferro I

Il Medio Oriente si riprende

Il periodo dei disordini terminò intorno al 900 a.C. in Medio Oriente e le antiche civiltà della regione presto ripresero il loro rialzo. I secoli successivi videro l'ascesa dell'impero assiro. Questo fu seguito dall'impero babilonese di breve durata (c. dal 612 al 539 a.C.), e poi dall'impero persiano (dal 539 al 331 a.C.).

Questi imperi aprirono la strada a tecniche imperiali che sarebbero state seguite nel corso della storia: grandi eserciti composti da formazioni di massa di fanteria e amministrazione provinciale di cavalleria basate su governatori nominati dal centro e un sistema di strade che attraversava l'impero, lungo il quale i corrieri del governo potevano muoversi facilmente

Civiltà mediterranea

Non furono però le antiche civiltà mediorientali a risentire maggiormente della diffusione dell'uso del ferro nell'agricoltura, nell'industria e in guerra, e della nuova scrittura alfabetica. Fu nelle regioni confinanti con il Medio Oriente che furono rivoluzionate da questi nuovi sviluppi: il bacino del Mediterraneo e le parti settentrionali del subcontinente indiano. In precedenza ai margini del grande mondo dell'età del bronzo del Medio Oriente, questi ora hanno sviluppato brillanti civiltà proprie.

Nel Mediterraneo, i greci svilupparono una vivace cultura urbana basata su una moltitudine di minuscole città-stato. Confinate come valli, la loro fame di terra spinse molti di loro a inviare colonie in tutto il Mediterraneo e nel Mar Nero. Ciò ha permesso ai loro mercanti e marinai di venire a dominare le rotte commerciali marittime della regione.

Internamente, queste città-stato greche subirono una rivoluzione politica, sbarazzandosi dei loro re e diventando le prime repubbliche nella storia del mondo. Alcuni, in particolare Atene, diventarono democrazie vere e proprie.

Civiltà indiana

Nel subcontinente indiano, intanto, le città sono riapparse dopo mille anni di assenza. Questi non erano ora nella valle dell'Indo, ma nella pianura del Gange a est. Questa divenne la nuova civiltà indiana del cuore. Queste città erano i centri di stati organizzati ed erano legate insieme in un sistema commerciale in crescita, questo basato sul trasporto fluviale consentito dal Gange e dai suoi affluenti. La maggior parte di questi erano regni, ma c'erano anche stati che non lo erano, e gli studiosi moderni spesso li chiamano repubbliche. Questi ultimi sembrano essere stati governati da consigli di capi clan.

Dinastia Zhou Cina

A migliaia di chilometri di distanza, nell'Asia orientale, i cinesi della valle del Fiume Giallo non sono stati toccati dalle rivoluzioni che hanno sconvolto l'Occidente. L'uso del ferro raggiunse la regione intorno al IX secolo a.C. Come altrove ha portato a un aumento della produttività e della crescita della popolazione. Tuttavia, all'inizio non ci fu lo stesso impatto rivoluzionario. Lo stato è rimasto più o meno lo stesso di prima, una monarchia, e la scrittura pittografica cinese non è mai stata sostituita da una alfabetica.

Il cambiamento, però, è arrivato. L'unità dello stato cinese andò in frantumi all'inizio dell'VIII secolo e si frammentò in una serie di stati più piccoli. Questi si impegnarono presto in una feroce lotta per il dominio, e per sopravvivere dovettero schierare grandi eserciti e, per sostenerli, forti burocrazie centralizzate.


Questa antica mappa stellare sumera di 5.100 anni descrive un enorme impatto cosmico

Curiosità.

Intorno al 3000 aC, un antico astronomo sumero osservava il cielo come faceva di solito. Mentre faceva osservazioni, annotava la posizione del pianeta e altri dati astronomici su una tavoletta di argilla, una mappa stellare.

Ma questa volta il cielo era diverso.

Notò che c'era qualcosa nel cielo che prima non c'era. Era luminoso e si muoveva.

Una tavoletta d'argilla di 5.100 anni scoperta nel XIX secolo nella biblioteca sotterranea di Re Assurbanipal a Ninive c'è un tesoro astronomico. L'antico “document” scavato nell'odierno Iraq da Sir Henry Layard offre una visione senza precedenti delle osservazioni astronomiche avvenute più di 5.100 anni fa nell'antica Mesopotamia.

L'oggetto è conservato al British Museum e catalogato come manufatto n. K8538, ed è un'antica mappa stellare. Il manufatto è stato tradotto oltre dieci anni fa con un software per computer che ha aiutato gli scienziati a simulare traiettorie e ricostruire il cielo notturno migliaia di anni fa. Ciò ha permesso agli esperti di comprenderne il significato e rivelare un messaggio scritto da antichi osservatori del cielo.

La tavoletta di argilla è una copia di una serie di note scritte da un antico astronomo sumero che ha assistito all'avvicinarsi di un enorme asteroide. L'astronomo sumero si riferiva al corpo cosmico come “una ciotola di pietra bianca che si avvicina dal cielo…”

La tavoletta di argilla tradotta racconta come un antico astronomo sumero osservò il 29 giugno 3123 aC un enorme asteroide che si avvicinava alla Terra. Ha sfondato l'atmosfera del nostro pianeta ed è arrivato in superficie.

Ma la tavoletta di argilla è molto più di una semplice mappa con un disegno di costellazioni e i loro nomi. Offre dati incredibili che non sono mai stati visti prima dagli esperti. Un lato della tavoletta d'argilla descrive la posizione di diversi corpi cosmici nel cielo notturno e le condizioni meteorologiche del tempo. L'altra metà della tavoletta di argilla si riferisce alla “ciotola di pietra bianca che si avvicina dal cielo…”

L'astronomo sumero non solo ha descritto l'oggetto ma è riuscito a prendere nota della traiettoria dell'oggetto rispetto alle stelle, e lo ha fatto con una precisione sorprendente. Gli esperti affermano che la traiettoria dell'asteroide è stata registrata con un errore inferiore a un grado .

Ciò ha permesso agli studiosi moderni di stimolare la traiettoria della roccia spaziale e concludere che molto probabilmente ha avuto un impatto sull'Europa. Gli esperti ritengono infatti che l'asteroide descritto dall'astronomo sumero possa aver colpito a Kofels, in Austria. Sulla base dei dati incisi sulla tavoletta di argilla, gli esperti ritengono che la roccia spaziale testimoniata dall'astronomo sumero fosse molto probabilmente di circa un chilometro di diametro.

Dati scritti sul mappa stellare offre indizi sul motivo per cui non ci sono crateri da impatto dell'oggetto L'angolo di incidenza dell'asteroide era molto basso, fino a sei gradi.

Questo ci dice che la roccia spaziale potrebbe aver effettivamente tagliato una montatura nel suo percorso in avanti - questa era probabilmente la vetta del Gamskogel - che ha causato la disintegrazione dell'asteroide prima di raggiungere la superficie. Questo impatto ha prodotto una pressione estremamente elevata, che ha sostanzialmente polverizzato la roccia spaziale.


Mappa Mesopotamia Sumer

Mappa mesopotamia sumer. L'area che formava sumer iniziava dal Golfo Persico e raggiungeva a nord il collo della Mesopotamia dove i due fiumi Tigri ed Eufrate si snodano molto più vicini l'uno all'altro. A est incombevano i monti Zagros dove sparse città-stato prosperavano grazie al commercio e all'apprendimento dei sumer ea ovest c'era la vasta distesa del deserto arabo. Il patriarca abramo fu chiamato dalla città di ur situata nella mesopotamia meridionale.

La mappa dell'antica Mesopotamia è costellata di città lungo le parti meridionali. Fu qui che i Sumeri stabilirono la loro civiltà sofisticata e avanzata intorno al 3000 aC. L'antica mesopotamia si trova all'interno della mezzaluna fertile, ma la mezzaluna copre più geografia dell'antica mesopotamia.

Oggi la mezzaluna include paesi come siria libano cipro giordania palestina iraq kuwait così come la penisola del sinai e la mesopotamia settentrionale. Antica mappa della mesopotamia dei dintorni della mesopotamia 2000 1600 aC di peter kessler 6 gennaio 2008. Aggiornata il 24 settembre 2008.

Una mappa generale della Mesopotamia e dei suoi territori limitrofi, che copre approssimativamente il periodo dal 2000 al 1600 aC, rivela la concentrazione delle città stato in estate nel sud. Una mappa generale della Mesopotamia e dei suoi territori limitrofi, che copre approssimativamente il periodo dal 2000 al 1600 aC, rivela la concentrazione delle città stato in estate nel sud. È qui che sorsero le prime vere città-stato, sebbene le città della Mesopotamia settentrionale e della Siria fossero più o meno contemporanee.

Tuttavia quest'ultimo è rimasto. L'estate sumer è la prima civiltà conosciuta nella regione storica della mesopotamia meridionale, l'odierno Iraq meridionale durante il calcolitico e la prima età del bronzo e una delle prime civiltà al mondo insieme all'antico Egitto e alla valle dell'Indo che vivevano lungo le valli del tigri e eufrate i contadini sumeri erano in grado di coltivare un'abbondanza di grano e. Antica mesopotamia mappa generale di sumer di peter kessler 6 gennaio 2008.

Aggiornato al 3 aprile 2008. L'area che ha formato l'estate iniziava dal Golfo Persico e raggiungeva a nord il collo della Mesopotamia dove i due fiumi Tigri ed Eufrate si snodano molto più vicini l'uno all'altro. Una delle mappe più antiche, tuttavia, copre l'intera regione della Mesopotamia settentrionale in un'abile rappresentazione realizzata intorno al 3800 aC.

Una mappa che elenca dieci caratteristiche geografiche per l'antica Mesopotamia. Mappa del mondo da colorare mappa senza etichetta della mesopotamia con contorni con mappa del mondo da colorare La Mesopotamia è una regione storica dell'Asia occidentale situata all'interno del sistema fluviale del tigriseufrate nella parte settentrionale della mezzaluna fertile nei giorni moderni corrispondente all'incirca alla maggior parte dell'Iraq kuwait, alle parti orientali della Turchia sud-orientale e alle regioni lungo i confini turco-siriano e iraniraq.

I sumeri e gli accadi inclusi assiri e babilonesi. L'antica sumer era il fondamento dell'antica Mesopotamia. Oggi i resti della cultura sumera risuonano attraverso la scrittura agricola e le pratiche religiose.

Come la civiltà più antica fino a quando non ci sono ulteriori registrazioni di culture pre sumeriche, sumer è la candidata per la fondazione della società moderna.


Mappa di Sumer - Storia

Genesi 24:10 - "Il servo prese dieci cammelli dei cammelli del suo padrone e partì, portando con sé una varietà di beni del suo padrone. Si alzò e andò a Mesopotamia, alla città di Nahor."

Mappa dell'antica Mesopotamia (3° millennio a.C.)

Mesopotamia. La parola Mesopotamia significa la terra "tra i fiumi" che erano il Tigri e l'Eufrate. Sebbene i percorsi siano cambiati drasticamente dai tempi antichi, sappiamo che l'area era lunga quasi 700 - 1000 miglia e larga quasi 300 miglia. I fiumi erano così grandi che la terra era considerata un'"isola" che si trovava tra loro. Ma il cuore dell'antica Mesopotamia era nel nord-ovest, dove l'Eufrate faceva un'enorme curva nella parte settentrionale del Tigri, come mostrato nella mappa sopra. La Bibbia registra la Mesopotamia come la città di Nahor, fratello di Abramo (Genesi 24:10).

Genesi 11:31 - "Partirono da Ur dei Caldei per andare nel paese di Canaan. "


[Le mappe sono gratuite per uso personale, in classe o in chiesa]


Regioni

Le tribù native americane negli Stati Uniti sono generalmente divise in 8 regioni distinte, all'interno delle quali le tribù avevano alcune somiglianze tra cultura, lingua, religione, costumi e politica.

Costa nord-occidentale - I nativi americani qui non avevano bisogno di coltivare poiché piante e animali commestibili erano abbondanti nella terra e nel mare. Sono noti per i loro totem, le canoe che possono contenere fino a 50 persone e le case fatte di assi di cedro.

California – Oltre 100 tribù di nativi americani un tempo vivevano lì. Pescavano, cacciavano piccola selvaggina e raccoglievano ghiande, che venivano pestate in un pasto pastoso.

L'Altopiano - L'Altopiano I nativi americani vivevano nell'area tra le Cascade Mountains e le Montagne Rocciose. Per proteggersi dal freddo, molti costruirono case che erano in parte sotterranee.

The Great Basin - Estendendosi attraverso Nevada, Utah e Colorado, i nativi americani del Great Basin hanno dovuto sopportare un clima caldo e secco e hanno dovuto scavare per molto del loro cibo. Sono stati uno degli ultimi gruppi ad avere contatti con gli europei.

Il sud-ovest - I nativi del sud-ovest hanno creato case a più livelli fatte di mattoni di adobe. Molte tribù avevano abili agricoltori, coltivavano colture e creavano canali di irrigazione. Le tribù famose qui includono la Navajo Nation, gli Apache e gli indiani Pueblo.

Le pianure - Gli indiani delle Grandi Pianure erano noti per la caccia a bisonti, bufali e antilopi, che fornivano cibo in abbondanza. Erano persone nomadi che vivevano nei tepee e si spostavano costantemente seguendo le mandrie.

Nordest - I nativi americani del nordest vivevano in un'area ricca di fiumi e foreste. Alcuni gruppi erano costantemente in movimento mentre altri costruivano case permanenti.

Il sud-est - La maggior parte delle tribù di nativi americani qui erano abili agricoltori e tendevano a rimanere in un posto. La più grande tribù di nativi americani, i Cherokee, viveva nel sud-est.

Mappa delle culture indigene dei nativi americani di Paul Mirocha .


Elenco delle civiltà

Di seguito è riportato un elenco completo delle culture situate in Mesopotamia.

Impero accadico

L'impero accadico era un impero misterioso che si sviluppava dalla città-stato di Akkad. È conosciuto come il primo impero di tutta la storia documentata ed è svanito con la stessa rapidità con cui è sorto. Ciò che lo rende così misterioso è che nessuno è stato in grado di individuare la città di Akkad su cui era circondato l'impero.

Quello che si sa è che all'epoca c'era un diffuso sviluppo del bilinguismo che mescolava la lingua dei sumeri con quella degli accadi e fa pensare che fossero tutti sotto un'unica regola. L'impero accadico, noto per essersi esteso dal Mar Mediterraneo fino all'odierna Arabia Saudita, fu davvero un'impresa notevole all'epoca.

Scopri di più sul misterioso impero accadico qui e sulla loro città perduta di Akkad.

Ammoniaca

Assiria

L'Assiria era una grande civiltà che alla fine divenne il più grande impero di tutta l'antica Mesopotamia. Governare un territorio che includeva Babilonia e molte altre culture a un certo punto la Mesopotamia veniva semplicemente chiamata Assiria da Erodoto.

Con un lignaggio dinastico che risale a migliaia di anni fa, gli antichi assiri provenivano dai resti dell'impero accadico quando crollò. Sempre in contrasto con Babilonia a sud, la storia di queste due civiltà è spesso molto intrecciata.

Mappa dell'Impero assiro (750-625 a.C.) - Atlante storico (1923)

Infatti, quando Babilonia si ribellò una volta sotto il dominio assiro, il re fece semplicemente radere al suolo la città e gettare mattoni nel deserto. In seguito fu assassinato da suo figlio e Babilonia ricostruita ma a prescindere.

Babilonia

L'antica civiltà di Babilonia fu costruita intorno alla città di Babilonia nella Mesopotamia meridionale. In seguito allo spopolamento della regione da parte del Popolo di Sumer a causa della povertà del suolo, gli Amorrei migratori stabilirono insediamenti che avrebbero costituito la base per una grande civiltà a venire.

Sotto la guida di Hammurabi Babilonia si espanse per la prima volta e poi fu conquistata dagli Assiri prima di riaffermare il controllo sotto Nabucodonosor II. Babilonia è accreditata con la costruzione di molte meraviglie del mondo antico e la città di Babilonia è venerata in quasi tutti i testi antichi come una città con un grande significato culturale e religioso.

È estremamente importante comprendere la storia di Babilonia in relazione alla regione più ampia nel suo insieme. Fu intorno ai fiumi Tigri ed Eufrate che iniziò la maggior parte della civiltà e le interazioni che queste prime città-stato ebbero tra loro fornirono una grande diffusione culturale.

Alla fine Babilonia, come il resto della Mesopotamia, crollò e sarebbe rimasta abbandonata fino all'ascesa dell'Islam nel 600 d.C. Vuoi saperne di più sull'antico impero di Babilonia? Clicca qui.

Caldea

Caldea era un'antica civiltà che si formò durante un periodo di declino per Babilonia. La civiltà produsse due grandi re che in seguito avrebbero conquistato tutta Babilonia e l'avrebbero ribattezzata Caldea, anche se per breve tempo. Una civiltà interessante che fu breve quanto interessante, i due re Nabopolassar e Nabuchadnezzar II lanciarono Babilonia in un'età dell'oro che vide una frenesia edilizia in ciò che avrebbe davvero posto Babilonia sulla mappa del mondo antico.

La Babilonia creata da Nabopolassar e Nabucodonosor sarebbe poi diventata l'iconica Babilonia che Alessandro Magno conquistò durante la sua massiccia campagna in Asia. Sarebbe anche diventato il luogo famoso in cui sarebbe poi morto dopo il suo viaggio di ritorno. Scopri di più sulla storia della Caldea e su come è esplosa rumorosamente sulla scena mondiale prima di essere assimilata e in gran parte dimenticata nei tempi antichi. Clicca qui per visualizzare la storia completa della Caldea.

Ittiti

Gli Ittiti erano un potente impero nel mondo antico e apparentemente i primi a scoprire il ferro. Questa civiltà prosperò durante la prima era antica contemporanea a civiltà come la Grecia micenea, l'Assiria, la Babilonia, l'Egitto e altre.

La civiltà ittita sarebbe poi crollata durante il crollo dell'età del bronzo durante un enorme periodo di caos e guerra che ha portato 400 anni di ere oscure per la maggior parte del mondo conosciuto. Gli Ittiti non si ripresero mai e dopo alcune scaramucce con la vicina Assiria furono sconfitti.

Regno ittita sotto Suppiluliuma I (1350–1322 a.C.) e Mursili II (1321–1295 a.C.)

Il re Nirari iniziò un enorme sforzo di trasferimento e insediamento con gli Ittiti appena conquistati, il che significa che furono semplicemente assorbiti e assimilati all'interno del nascente impero assiro. Gli assiri avrebbero poi conquistato anche Babilonia e viceversa, il che porta a un mescolamento di culture e alla creazione di nuove culture ibride come la cultura babilonese-assira.

Regno di Giuda

Regno d'Israele

Regno nabateo

Nabetea era una civiltà molto misteriosa esistita all'indomani del crollo dell'impero di Alessandro Magno. Basate sulla loro capitale Petra, queste persone furono in grado di dominare l'acqua del deserto nell'area attualmente conosciuta come Yemen e svilupparono una rotta commerciale avanzata per carovane che le rese molto prospere.

Non appena la rete commerciale delle carovane scomparve, scomparve anche il regno nabateo. Tuttavia, la loro capitale Petra esiste ancora ed è una popolare attrazione turistica nei tempi moderni. Vuoi saperne di più sul regno nabateo? Clicca qui.

Sumer

Sumer è stata una delle prime vere civiltà a svilupparsi nella regione della Mesopotamia. Conosciuta per il loro sviluppo della scrittura chiamata cuneiforme e la loro architettura, la civiltà sumera fu conquistata abbastanza rapidamente dall'impero accadico, tuttavia non scomparvero. Their influence was left behind in many regards such as language, art and belief systems.

They were also noted for the creation of massive earthen ziggurats that were very similar to other pyramidal structures created by early humans around the planet. Sumer was known for its massive cities of Ur and Uruk that became major influences long after the collapse of Sumer.

Learn more about the development of the first form of writing along with the unique history of Sumer here.


Sumerian ancient astronomy

A clay disc with an ancient Sumerian star map.

Sumerian records provide a glimpse of ancient astronomy capabilities. Today most records of their knowledge are lost, leaving a few tantalizing fragments of understanding of the universe.

When compared to later Babylonian astronomy standards, they appear quite basic. Babylonian clay tablets that have survived since the dawn of Mesopotamian civilization record the earliest total solar eclipse seen in Ugarit on May 3, 1375 BC.

Most understanding of their contribution to ancient astronomy is by indirect transmission to the Babylonian culture. Early Babylonian records use Sumerian names for stars, suggesting that a body of knowledge was passed down.

A Sumerian seal showing the sun at the center of 11 celestial bodies.

The Sumerians seemed to be aware that the solar system was Heliocentric. On some tablets, 11 celestial bodies or planets can be found. The above picture taken from a Sumerian cylinder seal. It suggests that they knew the number of bodies in the solar system as well as the relative size of each.

The planets may represent nine planets and two moons. However, it’s unclear if they knew precisely the bodies rotating the sun.

There is a twelfth body shown away from the solar system.

Today scientists are in the process of detecting a body that may be in a wider orbit than the solar systems outer planets.


Guarda il video: Դավիդ Գրեգ և ՌաֆֆՔարտեզբառերDavid Greg ft. Raff-Qartzlyrics


Commenti:

  1. Briggebam

    Ho rimosso questo pensiero :)

  2. Fera

    Cos'hai in mente?

  3. Ranen

    Ad essere sincero, all'inizio non ho capito appieno, ma la seconda volta che l'ho ottenuto - grazie!

  4. Codrin

    Mi congratulo, un'idea geniale

  5. Kassa

    Questa è solo una grande frase.



Scrivi un messaggio