USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow

USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow

USS Stockton (DD-73) era un cacciatorpediniere classe Caldwell che servì nella prima guerra mondiale con la Marina degli Stati Uniti e nella seconda guerra mondiale come HMS Ludlow, dopo aver preso parte all'accordo Destroyers for Bases.

Il Stockton prende il nome da Robert Field Stockton, un ufficiale della marina statunitense durante la guerra del 1812, la guerra contro i pirati barbareschi e la guerra messicana.

Il Stockton è stata impostata il 16 ottobre 1916 da Cramp of Philadelphia, varata il 17 luglio 1917 e commissionata il 26 novembre 1917.

Sebbene la maggior parte delle navi della classe Caldwell fosse armata con quattro cannoni da 4 pollici/50, il Stockton era insolito in quanto portava un doppio cannone da 4 pollici/50 in posizione avanzata, dandole un totale di cinque cannoni.

Il Stockton fu basata a Queenstown, in Irlanda, per la maggior parte del 1918. Durante quel periodo ebbe un vero incontro con un U-Boot. Il 30 marzo il Stockton e USS Ericsson (DD-56) stavano scortando il trasporto truppe San Paolo tra Queenstown e Liverpool. Il Ericsson ha aperto il fuoco su un sottomarino, che poi ha sparato un siluro al Stockton. Evitò il siluro e i due cacciatorpediniere effettuarono quindi un attacco di profondità al sottomarino, ma senza alcun successo. La giornata è stata piuttosto rovinata quando il Stockton si scontrò con la nave mercantile SS Slieve Bloom vicino alla South Sark Light. Il Stockton ha subito danni alla parte anteriore della sua prua, ma è riuscita a raggiungere il Liverpool senza problemi. Il Slieve Bloom fu meno fortunato e affondò.

Chiunque abbia prestato servizio su di lei tra il 7 febbraio 1918 e l'11 novembre 1918 si è qualificato per la medaglia della vittoria della prima guerra mondiale.

Dopo la fine della guerra il Stockton tornò negli Stati Uniti, dove trascorse tre anni operando con la flotta. Il 7 maggio 1919 la cintura di vapore sul turbogeneratore n. 2 esplose e i frammenti volanti uccisero il capo macchinista Mate Harry James Welch.

Il 26 giugno 1922 il Stockton fu dismessa a Filadelfia, dove rimase per quasi vent'anni. Fu quindi scelta per prendere parte all'accordo sui cacciatorpediniere per basi con la Gran Bretagna e il 16 agosto 1940 fu rimessa in servizio.

Il Stockton fu trasferita alla Royal Navy ad Halifax il 2 ottobre 1940, dove divenne HMS Ludlow (
Gagliardetto numero G-57). Ha subito un refit a Devonport e poi si è unita alla Rosyth Escort Force, usata per scortare i convogli tra il Tamigi e il Firth of Forth. Ha svolto questo compito per il resto dell'anno, con pause occasionali per riparazioni e rimontaggi. Ha anche preso parte all'invasione del D-Day, forse come parte delle scorte per le sezioni del porto di Mulberry mentre venivano trasportate attraverso la Manica.

Nel luglio 1944 era armata con un cannone da 12 libbre a prua (in sostituzione del gemello originale da 4 pollici/50), un cannone americano da 3 pollici/50 a poppa, cannoni da 2 libbre nelle posizioni del raggio e cannoni antiaerei Oerlikon nei palchi. Le era stato dato un radar di ricerca aerea Tipo 291, una radio nave-aria Tipo 86M e una lanterna Tipo 291. Le era stato dato anche un ponte superiore allungato, che è stato costruito sopra il ponte standard degli Stati Uniti.

Dopo la fine della guerra il Ludlow è stato scelto per l'uso come bersaglio per aerei lanciarazzi. Fu affondata da razzi al largo dell'isola di Fidra, nel Firth of Forth, il 6 giugno 1945.

Cilindrata (di serie)

1.120 t (disegno)

Cilindrata (caricata)

1.187t

Velocità massima

30 nodi a 18.500 CV
30.20kts a 19.930shp a 1.192 tonnellate in prova (Gwin)

Motore

Turbine a 2 alberi
4 caldaie

Gamma

2.500 nm a 20 nodi

Lunghezza

315 piedi 7 pollici

Larghezza

30 piedi 6 pollici

armamenti

Cinque pistole da 4 pollici/50
Due cannoni antiaerei da 1 libbra
Dodici tubi lanciasiluri da 21 pollici in quattro supporti tripli
Una pistola a Y (da DD-70 a DD-71)

Complemento equipaggio

100

Lanciato

17 luglio 1917

commissionato

26 novembre 1917

Alla Royal Navy

ottobre 1940

Affondato dai razzi

6 giugno 1945


USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow - Storia

STORIE DI SERVIZIO delle NAVI DA GUERRA DELLA MARINA REALE nella GUERRA MONDIALE 2
dal tenente Cdr Geoffrey B Mason RN (Rtd) (c) 2005

HMS LUDLOW (G 57) - ex cacciatorpediniere statunitense
compresi i movimenti di scorta del convoglio

HMS Churchill, nave gemella di tipo A (foto della Marina, fare clic per ingrandire)

Ex USS STOCKTON (Tipo D - Classe LEWES) costruito da Cramp. La nave è stata varata il 17 luglio 1917 e la costruzione è stata completata il 26 novembre 1917. È stata trasferita in base all'accordo di leasing britannico/americano. Il 2 ottobre 1940, quando questa nave è entrata in servizio in RN, è stata ribattezzata LUDLOW che è cannone in una città nello Shropshire e in una nel Vermont, USA. Fu la terza nave della Marina Militare a portare questo nome che fu introdotta nel 1698 per un 5th Rate e precedentemente utilizzata per un dragamine della prima guerra mondiale perso nel 1916. A differenza della maggior parte dei cacciatorpediniere trasferiti dalla Marina degli Stati Uniti nel 1940, questa nave e la HMS LUDLOW avevano solo 3 imbuti e un sistema di propulsione principale obsoleto nel 1916. Dopo una campagna di risparmio nazionale della WARSHIP WEEK nel marzo 1942, fu adottata dalla comunità civile di Hartlepool, allora nella contea di Durham, ma ora parte di Cleveland.

B a t t l e H o n o ur s

ATLANTICO 1941-42 - MARE DEL NORD 1942-45.

Medaglia: su un campo blu, un porcospino d'oro caricato con

una ferita su di essa una triglia bianca.

D e t a i l s di W a r S e r v i c e

(per ulteriori informazioni sulla nave, vai alla Homepage di storia navale e digita il nome in Ricerca sito)

Settembre Preparato per il trasferimento in RN

2° Commissionato come HMS LUDLOW ad Halifax.

Preparato per il passaggio a Plymouth via St Johns, Terranova.

17° Preso in mano da HM Devonport per refit e modifiche per adattarsi al servizio RN.

(Nota Ciò includeva la rimozione dei due supporti da 3 pollici montati su entrambe le travi.)

Assegnato per il servizio in Rosyth Escort Force.

a (Nota: il lavoro necessario per affrontare i problemi relativi alla progettazione e al funzionamento

Febbraio del macchinario di propulsione ha esteso il periodo di refit.

1° Effettuate prove in mare post refit al termine dei lavori in cantiere

(Nota: distribuzione del work-up da confermare)

Una fonte cita il coinvolgimento nella collisione con RFA PETROBUS.

Aprile Schierato per la difesa del convoglio con sede a Rosyth

Agosto Sospeso dal servizio per riparazione e rimontaggio caldaia

(Nota: lavori di riparazione eseguiti a Liverpool.

Settembre Pagato a Liverpool per una riparazione estesa

Novembre Rimesso in servizio e ripreso il servizio a Roysth dopo le prove post-riparazione.

Dicembre Schierato per la difesa del convoglio con base a Rosyth.

Continuazione dei compiti di difesa del convoglio di gennaio.

Agosto Difesa del convoglio costiero limitata al traffico del Mare del Nord tra Methil e Southend.

a (Nota: questo cambiamento suggerisce che la nave si era dimostrata inadatta alla scorta di convogli da Forth

dicembre a Clyde attraverso gli approcci nord-ovest.)

Il radar di allerta di superficie Tipo 271 fu installato in questo periodo.

Per i dettagli sullo sviluppo e l'uso del radar da parte di RN vedere RADAR AT SEA di D. Howse).

Continua la difesa dei convogli della costa orientale.

(Nota: è stato installato un radar di tipo 291 per fornire un avviso di avvicinamento dell'aeromobile).

Una fonte registra il coinvolgimento in una collisione con un peschereccio a settembre.)

Gennaio schieramento sulla costa orientale in continuazione

Giugno trasferito alla Manica per supportare gli sbarchi alleati in Normandia

(Nota: una fonte registra che la nave è stata utilizzata per il trasferimento delle sezioni del porto di MULBERRY.

Questo è stato confermato e la nave potrebbe essere stata utilizzata come scorta durante il traino

operazioni. Non è stato assegnato alcun premio di Battle Honor NORMANDY.)

Ripresa difesa del convoglio della costa orientale al termine.

Luglio Continua il dispiegamento sulla costa orientale.

15° A terra durante il traino del mercantile WILLIAM BRADIE e ha subito danni subacquei

Novembre Schierato per la difesa del convoglio della costa orientale al termine.

Gennaio schieramento sulla costa orientale in continuazione

26° A terra e di nuovo subito danni al Sonar Dome.

Febbraio Ripreso lo schieramento sulla costa orientale

a (Nota: sono state installate apparecchiature radiotelefoniche per il contatto con altre scorte e velivoli

Maggio Ritirato per il servizio dopo il VE Day

Pagato e de-equipaggiato a Rosyth

Selezionato per l'uso come bersaglio per l'addestramento dell'equipaggio aereo negli attacchi missilistici sulle navi.

6° rimorchiato a Broadsands e spiaggiato al largo dell'isola di Fidra al largo di North Berwick

Danni gravi sostenuti durante questo utilizzo in posizione 56.03N 0.45W

5° dichiarato come perdita totale.

Hulk venduto per la demolizione in loco.

(Nota: sembra che questo lavoro non sia mai stato seriamente tentato poiché i resti sono ancora

MOVIMENTI CONVOY ESCORT di HMS LUDLOW

Questi elenchi di convogli non sono stati verificati con il testo sopra


USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow - Storia

USS Stockton, un cacciatorpediniere classe Caldwell da 1125 tonnellate, fu costruito a Filadelfia, in Pennsylvania. Commissionata alla fine di novembre 1917, attraversò presto l'Atlantico per unirsi alle forze antisommergibili della Marina degli Stati Uniti con sede a Queenstown, in Irlanda. Per il resto della prima guerra mondiale Stockton scortò i convogli e svolse compiti di pattuglia nelle vicinanze delle isole britanniche. Alla fine di marzo 1918 partecipò a uno scontro con un U-Boat tedesco, ma l'azione si concluse senza danni significativi ad entrambe le parti.

Stockton tornò negli Stati Uniti dopo l'armistizio del novembre 1918. Nel maggio 1919, durante il volo transatlantico dell'aereo NC-4, fu di stanza in servizio di guardia aerea a ovest delle Azzorre. Il servizio attivo del cacciatorpediniere continuò fino al giugno 1922, quando fu dismesso e messo in riserva presso il Philadelphia Navy Yard. Dopo diciotto anni in "fila di piombo", Stockton fu riportata allo stato di servizio a metà agosto 1940. Tuttavia, la sua carriera nella Marina degli Stati Uniti durò solo il tempo necessario per un transito ad Halifax, Nuova Scozia, dove fu messa fuori servizio e trasferita a Gran Bretagna più tardi ad agosto. Ribattezzata Ludlow, prestò servizio nella Royal Navy fino al 1943 circa, quando fu arenata per essere utilizzata come bersaglio aereo.

La USS Stockton è stata nominata in onore del capitano Robert F. Stockton (1795-1866), una figura importante nella marina del XIX secolo e nella politica contemporanea.

Questa pagina presenta e fornisce collegamenti a tutte le opinioni che abbiamo sulla USS Stockton (Destroyer # 73, poi DD-73).

Se desideri riproduzioni a risoluzione più elevata rispetto alle immagini digitali presentate qui, vedi: "Come ottenere riproduzioni fotografiche".

Fare clic sulla piccola fotografia per richiedere una visualizzazione più ampia della stessa immagine.

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Nel porto di Queenstown, in Irlanda, intorno al 1918.
Nota il suo motivo mimetico.

Donazione del Capitano H.A. Baldridge, USN (in pensione), che è stato il primo comandante della nave.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 78 KB 740 x 605 pixel

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Ormeggiata accanto a un altro cacciatorpediniere in un porto britannico, intorno al 1918.
Nota il suo motivo mimetico.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 52 KB 740 x 535 pixel

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Nelle acque britanniche, intorno al 1918, mentre era dipinto con un motivo mimetico.

Per gentile concessione di Jack Howland, 1985.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 64 KB 740 x 510 pixel

Nota: questa foto non è molto nitida.

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 79 KB 740 x 535 pixel

Serigrafia a colori di un dipinto ad olio di Burnell Poole. Raffigura la USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73) che evita di poco una collisione con una grande nave da truppa che stava scortando in condizioni meteorologiche avverse durante il 1918.

Per gentile concessione della US Navy Art Collection, Washington, D.C.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 101 KB 740 x 525 pixel

NOTA: Al momento della stesura di questo documento (ottobre 2004) il dipinto originale era in cattive condizioni e in attesa di restauro.

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 71 KB 740 x 600 pixel

USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73)

Danni da collisione alla prua della nave, 1918.
L'immagine originale è stampata su cartoncino.

Donazione del dottor Mark Kulikowski, 2006.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 70 KB 740 x 470 pixel

Volo transatlantico dell'aereo "NC", maggio 1919

Diagramma della terza tratta del volo degli aerei NC-1, NC-3 e NC-4, tra Trepassy Bay, Terranova e le Azzorre, dal 16 maggio al 20 maggio 1919. Mostra anche le posizioni dei 21 Stati Uniti Cacciatorpediniere della Marina di stanza lungo la strada.
Stampato dalla Matthews-Northrup Works, Buffalo, New York.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 109 KB 900 x 605 pixel

La seguente fotografia mostra un cacciatorpediniere che POTREBBE essere USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73):

Dipinto in quello che sembra essere il camuffamento Mackay a "bassa visibilità", durante la prima guerra mondiale.
Questa è probabilmente la USS Conner (Destroyer # 72), che indossava un camuffamento simile, ma potrebbe essere la sua nave gemella, USS Stockton (Destroyer # 73).

Per gentile concessione di Ted Stone, 1985.

Fotografia del comando della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti.

Immagine in linea: 54 KB 740 x 425 pixel

USS Stockton (Destroyer # 73) è visibile sullo sfondo nella seguente fotografia di un'altra nave:

Ormeggiata a Queenstown, in Irlanda, nel 1918.
È dipinta in mimetica tipo "Dazzle".
USS Stockton (cacciatorpediniere n. 73) - con tre alte ciminiere - è ormeggiata accanto a Downes, con altri due cacciatorpediniere nel nido più a dritta.


USS Stockton (DD-73)

USS Stockton (DD-73) – amerykański niszczyciel typu Caldwell będący w służbie Marina degli Stati Uniti w czasie I wojny światowej. W czasie II wojny światowej służył w Royal Navy pod nazwą HMS Ludlow. Nazwa okrętu pochodziła od komandora Roberta Stocktona (1795–1866).

Stępkę okrętu położono 16 października 1916 w stoczni William Cramp & Sons w Filadelfii. Zwodowano go 17 lipca 1917, matką chrzestną diła Ellen Emelie De Martelly. Jednostka weszła do służby 26 listopada 1917, pierwszym dowódcą został Comdr. H.A. Baldridge.

„Stockton” spędził ostatni rok I wojny światowej pełniąc służbę eskorty konwojów i okrętu ZOP operując z bazy w Queenstown w Irlandii. W tym czasie walczył przynajmniej jeden raz z wrogim U-Bootem. 30 marca 1918, okręt wraz z „Ericsson” (Distruttore n. 56) eskortował transportowiec wojska „St. Paul” sulla strada Queenstown-Liverpool. W czasie rejsu „Ericsson” otworzył ogień do niemieckiego okrętu podwodnego. Zanurzony wróg wystrzelił torpedę w kierunku „Stocktona” prawie natychmiast potem. Niszczyciel jednak wymanewrował zbliżające się zagrożenie. Dwa niszczyciele zrzuciły bomby głębinowe, ale podwodniakowi udało się uniknąć ataku i uciekł. Później tej samej nocy niszczyciel zderzył się ze statkiem SS „Slieve Bloom” w pobliżu South Sark Light. Niszczyciel dotarł do portu w Liverpool, statek natomiast zatonął.

"Stockton" wrócił do Stanów Zjednoczonych w 1919 i przez trzy lata pełnił dalszą służbę we flocie. 26 czerwca 1922 został wycofany ze służby i zakotwiczony w Filadelfii. "Stockton" został ponownie włączony do służby 16 sierpnia 1940 e przeprowadzony do Halifaksu. Tam został wycofany ze służby amerykańskiej 23 grudnia i przekazany Wielkiej Brytanii zgodnie z porozumieniem "niszczyciele za bazy".

Okręt służył w Royal Navy jako HMS "Ludlow" do czasu wycofania ze służby w czerwcu 1945. Po wycofaniu stary niszczyciel został 15 lipca 1945 wyrzucony na plażę w pobliżu Fidrath . Według źródeł pierwsza salwa trafiła go poniżej linii wodnej i zatopiła. Wrak spoczywa w pobliżu plaży Yellowcraigs na głębokości 6 metrów (Ord Survey NT 522 861) i pomimo tego że znajduje się już w złym stanie, jego szczątki nadal są podocwizne tuzu.

Nazwa jednostki została skreślona z amerykańskiej listy okrętów floty 8 stycznia 1941.

Ten artykuł zawiera treści udostępnione w ramach domeny publicznej przez Dizionario delle navi da combattimento navali americane.


Costiero

Questo fine settimana (10/11 marzo) ci sono alcune delle maree più basse dell'anno. Ci sono alcuni relitti e altre cose interessanti che vedrai sulla costa del Lothian orientale mentre la marea è al minimo.

Se ti trovi a Yellowcraig per le 10 del mattino, vedrai rivelati i resti del relitto del cacciatorpediniere HMS Ludlow di classe.

Il relitto si trova a 6 metri d'acqua a est di Longskelly Point al largo di Broad Sands a Yellowcraigs a ovest di North Berwick. Resta poco di ciò che è visibile oggi.

Non è stato un caso che la nave si sia fermata qui al largo della costa orientale del Lothian.
Costruita negli Stati Uniti a Filadelfia, in Pennsylvania, nel 1917, era originariamente chiamata USS Stockton.

Un cacciatorpediniere da 1125 tonnellate che si unì alle forze antisommergibili della Marina degli Stati Uniti con sede a Queenstown, in Irlanda.
Per il resto della prima guerra mondiale, la USS Stockton scortò i convogli e pattugliò le isole britanniche.

Alla fine di marzo 1918 partecipò a un impegno con un U-Boat tedesco.

Riparata e tornata in mare, la USS Stockton tornò negli Stati Uniti dopo l'armistizio del novembre 1918. Dismessa nel giugno 1922 fu messa in riserva presso il Philadelphia Navy Yard. Dopo diciotto anni in "fila rossa", la USS Stockton è stata riportata allo stato commissionato a metà agosto 1940.
Inviata ad Halifax, in Nuova Scozia, è stata messa fuori servizio e trasferita in Gran Bretagna più tardi in agosto, parte di un regalo di 50 barche alla Gran Bretagna in cambio di basi atlantiche.
Ribattezzato HMS Ludlow.

Ha servito nella Royal Navy fino al 1943 circa, quando a causa di problemi di affidabilità con i motori è stata spogliata dell'artiglieria e delle attrezzature e rimorchiata al Firth of Forth per essere ormeggiata al largo vicino all'isola di Fidra.

Poligono di tiro.
A est di Dirleton Village dalla strada d'ingresso a Ferrygate Farm c'è una strada sterrata che scende verso la costa.
Alla sua fine durante la seconda guerra mondiale c'era un poligono di tiro, la base in cemento rimane ancora dall'area di pratica del fucile.


La gamma è stata utilizzata anche per il fuoco vivo aria-terra da aerei della RAF East Fortune, 132 Operational Training Unit (OTU).

Hanno usato la gamma per addestrare i nuovi piloti alle abilità necessarie per sparare a un bersaglio fisso da aerei veloci
Il Bristol Beaufighter.

E poi con i De Havilland Mosquito nell'aprile 1944.

L'OTU divenne il Comando Costiero n.17 il 24 novembre 1942.
La formazione era in diversi siti tra cui Broadsands a Yellowcraig.

Aerei si sono avvicinati da sud sorvolando la fattoria di Ferrygate e sparando a bersagli sulle dune dietro il nono green del famoso campo da golf North Berwick West Links. Le dune hanno assorbito gli impatti e i proiettili vaganti si sarebbero riversati nel mare dietro, ricorda che la costa era tutta sigillata al pubblico qui durante la seconda guerra mondiale mentre veniva minata. Alcuni dei pali di filo e di recinzione per impedire l'accesso sono ancora visibili 70 anni dopo.

Gli aerei in arrivo aprirebbero le armi intorno a 550-650 Yards, come faccio a saperlo?, facile che la nona buca è lunga 560 Yards, e le prove sono tutte intorno a terra se guardi abbastanza a lungo.
I boschi attuali che puoi vedere sono stati piantati dopo la seconda guerra mondiale, ma puoi vedere le dune a destra dietro il 9° Green in lontananza.

Anche questo è vero. a causa della paura che gli aerei venissero colpiti dalle palline da golf (erano così basse) furono issate bandiere rosse a Invereil Wood e alla foce dell'Eil Burn avvertimento di pratica - ora pensavo che i golfisti sarebbero stati più preoccupati di mitragliare con cannoni da 20 mm rispetto al altro modo!.
E se vuoi una prova di dove hanno sparato gli aerei sono sceso prima del tramonto per queste foto e facendo una passeggiata nei campi seminati di recente l'ho trovato. potete vederlo?

Una cartuccia esaurita Hispano da 20 mm, datata 1942.

Una volta che hai messo l'occhio a cercarli, ne ho trovati parecchi. Due erano sul sentiero John Muir Way dietro il 9th ​​Tee ea pochi metri da una grande casa. Deve essere stato pieno di cartucce di aerei non proprio in linea in arrivo.

Inoltre nel campo ho trovato un ferro di cavallo con una suola in cuoio attaccata.

Tutto questo in un attimo, immagina con un metal detector.

Ecco un breve filmato dei round Hispano in produzione.


E un film delle pistole che distruggono il potere,
Le 4 pistole per aereo devono aver fatto un po' di rumore, questo ti metterebbe fuori gioco.

Ecco un film di cronaca dei Beaufighter del comando costiero della RAF armati di cannone Hispano da 20 mm che attaccano le navi tedesche.

Le cartucce che ho trovato sono marce e rotte dopo oltre 60 anni di aratura e applicazione di fertilizzante che le corroderebbe. Troverai ancora cartucce complete conservate nella sabbia incolta o sulla costa.
I bersagli a forma di occhio di bue in legno originali del poligono di tiro sono stati successivamente sostituiti con tendaggi di tela che rappresentano una nave. L'idea di essere un equipaggio potrebbe esercitarsi a sparare sulla linea di marea dove la maggior parte dei danni sarebbe stata causata.
Nel 1943 il proiettile a razzo da 3" fu introdotto al Comando Costiero e l'addestramento con questi sarebbe iniziato verso la fine della guerra per il 132 Squadron.
Fu deciso di localizzare una vera nave per dare il miglior addestramento possibile per sparare questi razzi e la HMS Ludlow era stata recentemente dismessa a Rosyth ed era ancorata al largo.
Ma il primo razzo sparato contro la nave nel giugno 1945 la affondò subito!.
Quindi poteva essere sparato solo con la bassa marea per circa un mese quando il fuoco si è fermato ed è stata spogliata per rottame.

Gli equipaggi Mosquito con i razzi hanno continuato a utilizzare una pistola da 6 libbre per causare attacchi devastanti alle navi e ai sottomarini dell'Asse, ecco un filmato della seconda guerra mondiale di quei giovani che combattono contro il nemico.

Alcuni Mosquito erano equipaggiati con un enorme cannone da 6 libbre che pesava quasi una tonnellata e aveva risultati devastanti sulla nave attaccata.

Un altro film della "meraviglia di legno" all'attacco.

Forse alcuni di quei giovani piloti di questi film si sono formati qui nell'East Lothian.

Aggiornamento settembre 2011
Sono tornato al campo una sera dopo il raccolto e ho trovato molti altri Hispano da 20 mm e alcune cartucce .303.

Aggiornamento marzo 2012
Stanotte dopo il lavoro ho passato poco più di un'ora con il metal detector Garrett Ace 250 guardando attraverso i boschi a nord del campo.

E come pensavo che ci sarebbe stato ho trovato un sacco di cartucce Hispano in perfette condizioni, protette nella sabbia che sono da 4 a 6 pollici sotto dopo 70 anni e non danneggiate dall'aratura o dal fertilizzante.

La borsa si stava riempiendo velocemente.

In un'ora ho trovato tutti questi in una piccola striscia. Puoi vedere come sono caduti mentre il Beaufighter sorvolava sparando ai bersagli. Devono essercene molti di più in questo legno.

Tramonto e via a casa con i miei tesori -:) .

Questi si lucideranno bene.

Affacciato sulla spiaggia orientale di North Berwick è un memoriale ai giovani piloti del comando costiero che onora il loro coraggio.
Là lo sforzo bellico è in gran parte sconosciuto e raramente menzionato.
East Fortune è sulla mappa.

Tieni d'occhio il relitto della HMS Ludlow se questo fine settimana a Broad Sands con la bassa marea.


USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow - Storia

USS Stockton ormeggiata nella baia di Monkstown, nel porto di Cork.

Nel dicembre 1917, la USS Stockton arrivò a Queenstown (ora Cobh) in Irlanda. Queenstown era il centro per le forze antisommergibili, sugli approcci occidentali, sotto il comando dell'ammiraglio Lewis Bayley, comandante in capo, costa d'Irlanda.

Inizialmente c'era incertezza sull'uso più efficace dei cacciatorpediniere. All'inizio venivano loro assegnate aree di pattuglia che avrebbero esplorato, singolarmente o in coppia. Qualsiasi mercantile vagante in arrivo visto, doveva essere scortato vicino alle loro destinazioni. Questo era un uso molto inefficace della forza, poiché le possibilità di imbattersi e distruggere un sottomarino solitario nella vastità degli Approcci occidentali erano praticamente nulle.

Nell'estate del 1917, sotto la spinta di comandanti come l'ammiraglio Sims, comandante delle forze navali statunitensi in Europa, fu avviato il sistema di convogli. Gruppi di mercantili furono scortati attraverso la zona di guerra fiancheggiando schermi di cacciatorpediniere. Ciò ebbe il duplice effetto di ridurre la quantità di bersagli per gli U-Boot tedeschi e di consentire a cacciatorpediniere e sloop di attaccare i molesti sottomarini. Le priorità dei cacciatorpediniere erano:

Proteggi e scorta i mercanti.

Salva gli equipaggi ei passeggeri delle navi silurate.

I pattugliamenti antisommergibili continuarono anche per tutta la durata della guerra, specialmente nel Mare d'Irlanda e vicino alla costa della Francia, dove gli U-Boot avrebbero cercato di affondare i mercantili mentre i convogli si disperdevano. Nel 1918, qualsiasi cacciatorpediniere nel Mare d'Irlanda, che non era attivamente in convoglio, passò agli ordini della Flottiglia di caccia del mare irlandese, al comando del capitano Gordon Campbell VC con sede a Holyhead, nel Galles. I cacciatorpediniere statunitensi furono usati anche per pattugliare la costa occidentale dell'Irlanda per dare la caccia a navi sospette di trafficanti di armi, per i repubblicani irlandesi.

I cacciatorpediniere, inizialmente, erano mal equipaggiati per combattere i sottomarini sommersi. Quando arrivarono in Europa erano armati di pistole e siluri. Le uniche armi sottomarine fornite erano bombe di profondità da 50 libbre lanciate a mano, particolarmente inefficaci. Fu il successivo montaggio di due rack di carica di profondità sulle poppe delle navi, lanciatori di carica di profondità Thornycroft e lanciacarichi a forma di Y che li trasformarono in una forza pericolosa.

Questi erano in grado di far cadere e sparare una raffica continua di 200 libbre, cariche intorno alla posizione sospetta di un sottomarino. La maggior parte del retrofit di questi armamenti è stata effettuata a Cammel Laird a Birkenhead, in Inghilterra.

Il 30 marzo 1918, la USS Stevens e la Ericsson stavano scortando la nave da trasporto St. Paul sul circuito Queenstown-Liverpool, quando Ericsson aprì il fuoco su un sottomarino tedesco. Il nemico sommerso lanciò un siluro a Stockton quasi subito dopo, e il cacciatorpediniere evitò di poco il "pesce". I due cacciatorpediniere lanciarono serie di cariche di profondità, ma l'U-Boot riuscì a sfuggire al loro attacco e fuggì. Più tardi quella notte, Stockton si scontrò con SS Slieve Bloom, 6 miglia a ovest di South Stack Light. Il cacciatorpediniere dovette entrare a Liverpool per le riparazioni e il mercantile affondò.

Il 27 giugno 1918, la nave ospedale Landovery Castle fu silurata e affondata a 116 miglia a 247 gradi da Fastnet Rock. La HMS Lysander raccolse una barca contenente 24 sopravvissuti. L'ultima volta che il sottomarino è stato visto stava apparentemente bombardando le barche mentre cercavano di allontanarsi dalla nave che stava affondando. HMS Snowdrop, HMS Safeguard e USS Cassin cercarono i sopravvissuti. La USS Kimberley, la USS Stockton e la USS Sterrett si sono unite a Snowdrop alle 7 del mattino del 30 giugno.

Il 23 luglio 1918, in posizione 50.41N, 08.36W, 15.40. La HMS Marmora è stata silurata. USS Stockton USS Downes, rimorchiatori Warrior e Cynic sono andati in suo aiuto. Marmora alla fine affondò alle 17:35. I sopravvissuti sono stati portati a Milford Haven dall'HMS P67. La USS Sterett ha cercato una zattera che avrebbe dovuto contenere un uomo. Più tardi quel giorno, in posizione 50.59N, 08.34W, la USS Stockton avvistò il sottomarino che si immerse immediatamente. Posizione del sottomarino poco chiara, quindi non sono state utilizzate bombe di profondità.

Il 25 luglio 1918, la USS Stockton, Balch, Duncan, Trippe e Sampson scortarono la HMS Aquitania da Liverpool alle 8.00 W (a causa del maltempo).

Il 3 agosto 1918, la USS Stockton, Downes, Sampson, Cassin, Ammen, scortò la HMS Mauretania dalle 15.00 W, a Liverpool.

Il 27 agosto 1918, la USS Stockton, Rowan scortò la SS Defender da Queenstown a Barry Roads

Il 31 agosto 1918, in posizione 48.54N, 07.45W USS Stockton avvistò il sottomarino nemico.

Il 7 settembre 1918, la USS Stockton, Shaw, Conyngham, Rowan scortò la corazzata statunitense Utah dalle 17.00 W a Berehaven.

Il 15 settembre 1918, la USS Stockton scortò la SS Glamorgan da Westward a Queenstown

L'8 ottobre 1918, USS Stockton, Rowan, Wilkes, Ammen, HMS Sir Bevis, Camellia e Heather, scortarono il convoglio HH71 sano e salvo a Brest, in Francia.

Il 26 dicembre 1918. L'ultimo dei cacciatorpediniere degli Stati Uniti partì da Queenstown (Cobh), in rotta verso gli Stati Uniti, attraverso le Azzorre. La flottiglia comprendeva USS Beale, Stockton, Wilkes, Duncan, Rowan, Kimberley, Allen, Davis, Sampson e Duncan. Erano accompagnati dal rimorchiatore statunitense Genesee. La stampa ha riferito che il porto era pieno dei fischi di altre navi mentre i cacciatorpediniere, battenti i loro gagliardetti, venivano sorvolati dalle barche volanti statunitensi mentre scomparivano nella nebbia mattutina.


USS Stockton (DD-73)

USS Stockton (DD-73) – amerykański niszczyciel typu Caldwell będący w służbie Marina degli Stati Uniti w czasie I wojny światowej. W czasie II wojny światowej służył w Royal Navy pod nazwą HMS Ludlow. Nazwa okrętu pochodziła od komandora Roberta Stocktona (1795–1866).

Stępkę okrętu położono 16 października 1916 w stoczni William Cramp & Sons w Filadelfii. Zwodowano go 17 lipca 1917, matką chrzestną diła Ellen Emelie De Martelly. Jednostka weszła do służby 26 listopada 1917, pierwszym dowódcą został Comdr. H.A. Baldridge.

„Stockton” spędził ostatni rok I wojny światowej pełniąc służbę eskorty konwojów i okrętu ZOP operując z bazy w Queenstown w Irlandii. W tym czasie walczył przynajmniej jeden raz z wrogim U-Bootem. 30 marca 1918, okręt wraz z „Ericsson” (Distruttore n. 56) eskortował transportowiec wojska „St. Paul” sulla strada Queenstown-Liverpool. W czasie rejsu „Ericsson” otworzył ogień do niemieckiego okrętu podwodnego. Zanurzony wróg wystrzelił torpedę w kierunku „Stocktona” prawie natychmiast potem. Niszczyciel jednak wymanewrował zbliżające się zagrożenie. Dwa niszczyciele zrzuciły bomby głębinowe, ale podwodniakowi udało się uniknąć ataku i uciekł. Później tej samej nocy niszczyciel zderzył się ze statkiem SS „Slieve Bloom” w pobliżu South Sark Light. Niszczyciel dotarł do portu w Liverpool, statek natomiast zatonął.

"Stockton" wrócił do Stanów Zjednoczonych w 1919 i przez trzy lata pełnił dalszą służbę we flocie. 26 czerwca 1922 został wycofany ze służby i zakotwiczony w Filadelfii. "Stockton" został ponownie włączony do służby 16 sierpnia 1940 e przeprowadzony do Halifaksu. Tam został wycofany ze służby amerykańskiej 23 grudnia i przekazany Wielkiej Brytanii zgodnie z porozumieniem "niszczyciele za bazy".

Okręt służył w Royal Navy jako HMS "Ludlow" do czasu wycofania ze służby w czerwcu 1945. Po wycofaniu stary niszczyciel został 15 lipca 1945 wyrzucony na plażę w pobliżu Fidrath . Według źródeł pierwsza salwa trafiła go poniżej linii wodnej i zatopiła. Wrak spoczywa w pobliżu plaży Yellowcraigs na głębokości 6 metrów (Ord Survey NT 522 861) i pomimo tego że znajduje się już w złym stanie, jego szczątki nadal są podocwizne tuzu.

Nazwa jednostki została skreślona z amerykańskiej listy okrętów floty 8 stycznia 1941.

Ten artykuł zawiera treści udostępnione w ramach domeny publicznej przez Dizionario delle navi da combattimento navali americane.


Costiero

Le maree primaverili di marzo, aprile e maggio sono tra le maree più basse dell'anno.
Ci sono alcuni relitti e altre cose interessanti che vedrai sulla costa del Lothian orientale mentre la marea è al minimo.

Se ti trovi a Yellowcraig potresti vedere i resti del relitto del cacciatorpediniere HMS Ludlow di classe.

Il relitto si trova a 6 metri d'acqua a est di Longskelly Point al largo di Broad Sands a Yellowcraigs a ovest di North Berwick. Resta poco di ciò che è visibile oggi.

Non è stato un caso che la nave si sia fermata qui al largo della costa orientale del Lothian.
Costruita negli Stati Uniti a Filadelfia, in Pennsylvania, nel 1917, era originariamente chiamata USS Stockton.

Un cacciatorpediniere da 1125 tonnellate che si unì alle forze antisommergibili della Marina degli Stati Uniti con sede a Queenstown, in Irlanda.
Per il resto della prima guerra mondiale, la USS Stockton scortò i convogli e pattugliò le isole britanniche.

Alla fine di marzo 1918 partecipò a un impegno con un U-Boat tedesco.

Riparata e tornata in mare, la USS Stockton tornò negli Stati Uniti dopo l'armistizio del novembre 1918. Dismessa nel giugno 1922 fu messa in riserva presso il Philadelphia Navy Yard. Dopo diciotto anni in "fila rossa", la USS Stockton è stata riportata allo stato commissionato a metà agosto 1940.
Inviata ad Halifax, in Nuova Scozia, è stata messa fuori servizio e trasferita in Gran Bretagna più tardi ad agosto, parte di un regalo di 50 barche alla Gran Bretagna in cambio di basi atlantiche.
Ribattezzato HMS Ludlow.

Ha servito nella Royal Navy fino al 1943 circa, quando a causa di problemi di affidabilità con i motori è stata spogliata dell'artiglieria e delle attrezzature e rimorchiata al Firth of Forth per essere ormeggiata al largo vicino all'isola di Fidra.

Poligono di tiro.
A est di Dirleton Village dalla strada d'ingresso a Ferrygate Farm c'è una strada sterrata che scende verso la costa.
Alla sua fine durante la seconda guerra mondiale c'era un poligono di tiro.
La gamma è stata utilizzata per il fuoco vivo aria-terra da aerei della RAF East Fortune, 132 Operational Training Unit (OTU).

Hanno usato la gamma per addestrare i nuovi piloti australiani e neozelandesi alle abilità necessarie per sparare a un bersaglio fermo da aerei veloci
Il Bristol Beaufighter.

E poi con i De Havilland Mosquito nell'aprile 1944.

L'OTU divenne il Comando Costiero n.17 il 24 novembre 1942.
La formazione era in diversi siti tra cui Broadsands a Yellowcraig.

Aerei si sono avvicinati da sud sorvolando la fattoria di Ferrygate e sparando ai bersagli sulle dune dietro il nono green del famoso campo da golf North Berwick West Links. Le dune hanno assorbito gli impatti e i proiettili vaganti si sarebbero riversati nel mare dietro, ricorda che la costa era tutta sigillata al pubblico qui durante la seconda guerra mondiale mentre veniva minata. Alcuni dei pali di filo e di recinzione per impedire l'accesso sono ancora visibili 70 anni dopo.

Gli aerei in arrivo aprirebbero laggiù con cannoni intorno a 550-650 Yards, come faccio a saperlo?, facile che la nona buca è lunga 560 Yards, e le prove sono tutte intorno a terra se guardi abbastanza a lungo.
I boschi odierni che puoi vedere sono stati piantati dopo la seconda guerra mondiale, ma puoi vedere le dune a destra dietro il 9° Green in lontananza.

Anche questo è vero. a causa della paura che gli aerei venissero colpiti dalle palline da golf (erano così basse) furono issate bandiere rosse a Invereil Wood e alla foce dell'Eil Burn avvertimento della pratica - ora pensavo che i golfisti sarebbero stati più preoccupati di mitragliare con cannoni da 20 mm che con altro modo!.
E se vuoi una prova di dove hanno sparato gli aerei sono sceso prima del tramonto per queste foto e facendo una passeggiata nei campi seminati di recente l'ho trovato. potete vederlo?

Una cartuccia esaurita Hispano da 20 mm, datata 1942.


Una volta che hai messo l'occhio a cercarli, ne ho trovati parecchi. Due erano sul sentiero John Muir Way dietro il 9th ​​Tee ea pochi metri da una grande casa. Deve essere stato pieno di cartucce di aerei non proprio in linea in arrivo.

Inoltre nel campo ho trovato un ferro di cavallo con una suola in cuoio attaccata.

Tutto questo in un attimo, immagina con un metal detector.


Le cartucce che ho trovato sono marce e rotte dopo oltre 60 anni di aratura e applicazione di fertilizzante che le corroderebbe. You will still find complete cartridges preserved in Uncultivated sand or on the coast.
The Firing Range original wooden bulls eye targets were later replaced with canvas hangings representing a ship. idea being aircrew could practise firing at the tide line where most damage would be caused.
In 1943 the 3" rocket projectile was introduced to Coastal Command and training with these would start nearer the end of the war for 132 Squadron.
It was decided to locate a real ship to give the best training possible of firing these rockets and HMS Ludlow had recently been decommissioned at Rosyth and was anchored offshore.
But the first Rocket fired at the ship in June 1945 sunk her straight away!.
So she could only be fired upon at low tide for around a month when firing stopped and she was stripped for scrap.

Update March 2012
After work i spent just over an hour with the newly bought Garrett Ace 250 metal detector looking through the woods north of the field.

And as i thought there would be i found loads of Hispano cartridges in perfect condition, protected in the sand they are 4 to 6 inches under after 70 years and not damaged by ploughing or fertiliser.

Bag was filling up quickly.

In an hour i found all these in a small strip. You can see how they fell as the Beaufighter flew over firing at the targets. There must be loads more in this wood.

Sunset and away home with my treasures -:) .

These will polish up nicely.


Update March 2013
Returning in 2013 i found more and made this film.


Overlooking the east beach at North Berwick is a memorial to the young pilots of coastal command that honours there bravery. More pilots died in Coastal Command than Bomber Command in WW2,
There war effort is largely unknown and rarely mentioned.


Hms Ludlow: Broad Sands, Dirleton, Firth Of Forth

Ordnance Survey licence number 100057073. All rights reserved.
Canmore Disclaimer. © Copyright and database right 2021.

Collezioni

Administrative Areas

  • Consiglio East Lothian
  • Parish Maritime - East Lothian
  • Former Region Lothian
  • Former District Maritime
  • Former County Not Applicable

Archaeology Notes

NLO: Broad Sands [name centred NT 525 857]

Circumstances of Loss Details

The HMS LUDLOW, ex USN STOCKTON, was scrapped on 5 July 1945.

22 April 1965. The wreck consists of twisted scrap remains (200-300 tons). The vessel was used as a rocket target by the local RAF station which has now closed down. The wreckage lies about 3 metres and constitutes no danger to navigation.

Sources: Queen's Harbour Master, Rosyth and Edinburgh Underwater Club, 3 March 1965

15 July 1965. The wreck was sold for 5 pounds to W Brunton of Edinburgh Underwater Development Club.

Source: Director General of Contracts (Naval), Bath 9 July 1965.

(Classified as Destroyer: former name cited as USS Stockton, and date of loss as 5 June 1942). HMS Ludlow: this vessel was sunk as a bombing target near Bubbly Buss.

Registration: London. 1020 tons displacement. Length: 95m. Beam: 9m.

(Location of loss cited as N56 3.92 W2 45.97).

Neither plans nor photographs of this vessel are held in the National Maritime Museum, Greenwich.

Information from Ms G Fabri (NMM), 7 November 2003.

The location of the Bubbly Buss cannot be established from the available map evidence. The name may apply to the projecting feature that is noted (GIS AIB) as Rock [NAT] at NT 52243 86171.

Information from RCAHMS (RJCM), 16 July 2007.

Displacement: 1020 tons (standard) 1445 tons ('deep': full load)

Dimensions: 308ft [93.9m] wl/315.5ft [96.2m] oa x 30.75ft [9.4m] beam x 7.5ft [2/3m] nominal draught (Latter two figures also cited as 31ft 2ins [9.6m] and 11ft [3.4m] respectively.

Machinery and performance: 4 boilers 3-shaft geared turbines 18,500shp 390 kts (nominal) [Also cited as direct drive]

Armament: 2 single 4 [also cited as 3 inch/50 cal] guns 2 single 2-pdr AA guns [also cited as 1 3 inch /23 cal] 4 single 20mm AA guns [4 x triple 21 inch still torpedo tubes fitted, 1940]

HMS Ludlow (pennant nos DD 73 in USN service, and G57 in RN service) was one of the two ships that formed the second group (out of five) of the fifty 'four-stacker' destroyers that were supplied by the United States to Britain at the inception of the 'lend-lease agreement' during the Second World War. Together with HMS Leeds (the other unit in the group), she had only three funnels and an unusual stern form. The three shafts had direct drive turbines, with an additional cruising turbine on the centreline shaft.

The ship was built (as USNS Stockton) by Cramp, being laid down on 16 October 1916, launched on 17 July 1917, and commissioned 26 November 1917. She transferred to RN service at Halifax, Nova Scotia, on 23 October 1940, and subsequently had a protracted refit (17 November 1940 to 1 March 1941) at Devonport, as did the other Towns. She then joined Rosyth Command, and spent the remainder of the war escorting East Coast convoys. She paid off in May 1945, and was stripped before being beached as a target for rocket-firing aircraft on 6 June 1945. The sunken wreck was then passed to BISCo for disposal, but little or no work appears to have been done. Her remains survive at N56 3.95 W2 45.85. The statement by Lenton and Colledge that she was scrapped on 5 July 1945 is incorrect.

The published general arrangement drawing (Hague 1990, endpapers) records a lengthy flush-decked fleet destroyer of a type typical of the First World War, and intended for surface ship attack. Boilers (forward), engines (aft) and fuel tanks take up a high proportion of the space, and separate the accommodation into blocks forward and aft. As was the norm, torpedo tubes were carried aft of the funnels. The hull form was optimised for speed rather than manoeuvrability, reducing the value of the type as convoy escorts. Although the published drawing indicates the fitting of asdic [sonar], there is no record of any anti-submarine weaponry being carried, this being consistent with her being used for escort duties on the East Coast, where the major threat was from aircraft and fast attack craft.

Information from RCAHMS (RJCM), 31 July 2007.

H T Lenton and J J Colledge 1968 A Hague 1988 A Hague 1990.

(No location cited). This wreck proved difficult to locate within Broad Bay. The wreck appears to lie in two distinct pieces (35-40m apart), and is mostly buried in the sand. Some very large and substantial structures still stand 3 or 4m off the seabed, and are exposed at Low Water Springs seabed depths are around 6.5 - 7m at HW and 3-4m at LW.

The vessel appears to lie E-W, with the bow to the W. She is apparently broken in two or three pieces, and is lying on her port side at the bow but remains more upright at the stern. The measurements taken indicate that there are probably still some large sections to be found. Although not a lot protrudes above the seabed, the vessel appears to be largely intact under the sand. A few creel markers about 250m to seaward may indicate more wreckage in deeper water, within this sandy bay.

Nothing can be seen of the engines, but a large piece of propeller shaft projects from what appears to be an interesting. This large shaft ends at a large flange in the vicinity of what would have been the Engine Room, and 1m clear of the seabed.

At the bow area there is a large steam winch, with various capstans. This appears to have been an anchor/multipurpose winch, situated below Deck level. A large pair of mooring bollards protrudes from the sand these appear to be still fixed to deck plating.

Towards what we think is the stern area there is a large tiled bulkhead area which looks to have been a floor or wall, most probably a bathroom area. This remains vertical, with the tiles still intact.

There are still some interesting pieces for wreck enthusiasts to look at. She has been (amateurishly) salvaged at some time in the past with cut sections of pipe and cable protruding from the sand. As she lies on an otherwise barren sandy seabed, she has now become a well established artificial reef covered in kelp, with lots of lobsters, crabs and large wrasse, along with various tunicates and hydroids not normally found in such an environment.

Dived by Stevie Adams (South Queensferry SAC) and Shane Wasik (Heriot Watt University SAC), 21 October 2007.


USS Stockton (DD-73)/ HMS Ludlow - History

STORIE DI SERVIZIO delle NAVI DA GUERRA DELLA MARINA REALE nella GUERRA MONDIALE 2
dal tenente Cdr Geoffrey B Mason RN (Rtd) (c) 2005

HMS LUDLOW - ex-US Destroyer

H . M . S . L U D L O W ( G5 7 )

Ex USS STOCKTON (Type D - LEWES Class) built by Cramp. The ship was launched on 17th July 1917 and build was completed on was completed on 26th November 1917. She was transferred under the UK/US Lend Lease Agreement on 3rdr 1940. On 2nd October when this ship commissioned into RN service she was renamed LUDLOW which is cannon to a town in Shropshire and to one in Vermont, USA. She was the third RN ship to carry this name which was introduced in 1698 for a 5th Rate and previously used for a WW1 minesweeper lost in 1916. Unlike the majority of the destroyers transferred from the US Navy in 1940, this ship and HMS LUDLOW had only 3 funnels and a main propulsion system outdated on build in 1916. After a successful 'WARSHIP WEEK' National Savings campaign in March 1942 she was 'adopted' by the civil community of Hartlepool, then in County Durham, but now part of Cleveland.

B a t t l e H o n o ur s

ATLANTIC 1941-42 - NORTH SEA 1942-45.

Badge : On a Field Blue, a porcupine Gold charged with

a hurt thereon a mullet White.

D e t a i l s o f W a r S e r v i c e

Settembre Preparato per il trasferimento in RN

2nd Commissioned as HMS LUDLOW at Halifax.

Prepared for passage to Plymouth via St Johns , Newfoundland.

17th Taken in hand by HM Devonport for refit and modifications to suit RN service.

(Note This included removal of the two 3 mountings mounted on either beam.)

Allocated for service in Rosyth Escort Force.

to (Note : The work required to deal with problems related to the design and operation

February of the propulsion machinery extended the period of refit.

1st Carried out post refit sea trials on completion of dockyard work

(Note : Work-up deployment to be confirmed)

One source quotes involvement in collision with RFA PETROBUS.

April Deployed for convoy defence based at Rosyth

August Withdrawn from service for repair and boiler re-tubing

(Note : Repair work carried out at Liverpool .

September Paid-off in Liverpool for extensive repair

November Re-commissioned and resumed service at Roysth after post repair trials.

December Deployed for convoy defence based at Rosyth.

January Convoy defence duties in continuation.

August Coastal convoy defence restricted to North Sea traffic between Methil and Southend.

to (Note : This change suggests ship had proved unsuitable for escort of convoys from Forth

December to Clyde through NW Approaches.)

Surface warning radar Type 271 was fitted by this period.

For details of development and use of radar by RN see RADAR AT SEA by D. Howse).

East coast convoy defence in continuation.

(Note : Radar Type 291 to provide some warning of aircraft approach was fitted).

One source records involvement in collision with trawler in September.)

January East coast deployment in continuation

June Transferred to English Channel for support of allied landings in Normandy

(Note : One source records ship was used for transfer of MULBERRY harbour sections.

This is be confirmed and ship may have been used as an escort during towing

operazioni. No award of Battle Honour NORMANDY was made.)

Resumed East coast convoy defence on completion.

July East coast deployment in continuation.

15th Grounded during tow of mercantile WILLIAM BRADIE and sustained damage to underwater

November Deployed for East coast convoy defence on completion.

January East coast deployment in continuation

26th Grounded and again sustained damage to Sonar Dome.

February Resumed East coast deployment

to (Note : Radio Telephone equipment for contact with other escorts and aircraft had been fitted

May Withdrawn for service after VE Day

Paid-off and de-equipped at Rosyth

Selected for use as a target for training aircrew in rocket attacks on shipping.

6th Towed to Broadsands and beached off Fidra Island off North Berwick

Sustained severe damage during this use in position 56.03N 0.45W

5th Declared as Total Loss.

Hulk sold for demolition on site.

(Note : This work seems never to have been seriously attempted as the remains are still

sono necessarie ulteriori modifiche e formattazioni, ma i dati vengono resi disponibili con un ritardo minimo


Guarda il video: HMS Ludlow campaign